InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il racconto di Israele sul massacro dell’ospedale si sgretola rapidamente

Funzionari militari e sostenitori israeliani hanno rilasciato dichiarazioni false e contraddittorie nel tentativo di negare la responsabilità di un attacco aereo che martedì ha ucciso centinaia di palestinesi all’ospedale al-Ahli Arab di Gaza City.

di Ali Abunimah, tradotto da Electronic Intifada

Ma i tentativi di smentita sono andati rapidamente in frantumi.

https://twitter.com/Aldanmarki/status/1714381390660202642?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1714381390660202642%7Ctwgr%5E0f8bb7aafca8240bbb017a4b240f19d105169552%7Ctwcon%5Es1_c10&ref_url=https%3A%2F%2Felectronicintifada.net%2Fblogs%2Fali-abunimah%2Fisraels-spin-about-hospital-massacre-quickly-comes-apart

Un account ufficiale del governo israeliano su Twitter, ora chiamato X, ha pubblicato e poi rapidamente cancellato un video che sosteneva l’affermazione dell’esercito israeliano secondo cui l’ospedale era stato effettivamente colpito da un razzo palestinese lanciato male.

Nella sua versione attuale, modificata, il tweet del governo israeliano cerca ancora di dare la colpa a un missile lanciato male dalla Jihad islamica, un gruppo di resistenza palestinese nella Striscia di Gaza. Ma il video è stato rimosso.

Lo stesso account ha poi pubblicato un altro video, ripreso da Al Jazeera, sostenendo che mostra “il momento in cui la Jihad islamica ha lanciato un razzo che ha fatto cilecca e ha colpito un ospedale di Gaza, uccidendo centinaia di persone”.

Ma gli osservatori hanno subito contestato anche questa narrazione, sottolineando che il lancio di un razzo è ben lontano da una massiccia esplosione che si verifica a terra – un’esplosione molto più grande di quella tipica delle armi palestinesi.

Anche altri account non necessariamente ufficiali pro-Israele hanno condiviso vecchi video e informazioni nel tentativo di assolvere Israele.

Forte esplosione

Un video confermato dell’attacco all’ospedale mostra anche un’enorme esplosione, molto più grande di quella che potrebbe essere stata causata da un razzo palestinese errante.

“Il video, girato all’esterno dell’ospedale e verificato dal Washington Post, cattura i primi rumori di un’esplosione: un vortice nell’aria e poi un’esplosione. La telecamera si sposta per mostrare il fuoco e i pennacchi di fumo arancione”, riporta il quotidiano.

Le riprese fotografiche della scena del massacro mostrano i corpi senza vita di bambini piccoli e decine e decine di cadaveri coperti.

Wael Dahdouh, corrispondente di Al Jazeera nella Striscia di Gaza da al-Ahli, ha descritto il ritrovamento di arti per lo più sparsi. “È raro trovare un corpo intero con tutte le sue parti”, ha detto. “Più ci addentravamo nell’ospedale, più vedevamo scene scioccanti”.

L’ospedale è stato già attaccato due volte

Il massacro di martedì non è stato il primo attacco all’ospedale al-Ahli.

Gli American Friends of the Episcopal Diocese of Jerusalem, che raccolgono fondi per l’ospedale, hanno dichiarato che il 14 ottobre il centro diagnostico per il trattamento del cancro dell’ospedale è stato colpito dal fuoco dei razzi israeliani, ferendo quattro membri del personale.

Yousef Abu al-Rish, un alto funzionario sanitario di Gaza, ha dichiarato ad Al Jazeera che un giorno dopo l’attacco all’ospedale al-Ahli, sabato, l’esercito israeliano ha chiamato il direttore dell’ospedale e gli ha detto “vi abbiamo avvertito ieri con due granate” e ha ordinato l’evacuazione della struttura.

Prima dell’attacco all’ospedale di al-Ahli, l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva documentato quasi 60 attacchi all’assistenza sanitaria, con la morte di 16 operatori sanitari e danni a 26 strutture sanitarie. Quattro strutture sanitarie nel nord di Gaza sono state evacuate e “non sono più operative”, secondo le Nazioni Unite.

Cercando di confondere le acque

In momenti come questo, Israele ha l’abitudine di diffondere propaganda per confondere le acque, al fine di spostare la colpa e creare una narrazione mediatica di incertezza e controversia, proprio come ha fatto dopo che i suoi soldati hanno ucciso la corrispondente di Al Jazeera Shireen Abu Akleh lo scorso anno.

https://twitter.com/TamaraINassar/status/1714447162187112474?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1714447162187112474%7Ctwgr%5Ef1eef7468ebf038d11d33cf34adf5c7505d7a043%7Ctwcon%5Es1_c10&ref_url=https%3A%2F%2Felectronicintifada.net%2Fblogs%2Fali-abunimah%2Fisraels-spin-about-hospital-massacre-quickly-comes-apart

Questa strategia ha già avuto un parziale successo. Il sito web del New York Times, ad esempio, ha pubblicato questo titolo nella sua prima edizione: “Israeliani e palestinesi si incolpano a vicenda per l’esplosione dell’ospedale di Gaza che ha ucciso centinaia di persone”.

Rivendicazione

Ma mentre una parte del governo israeliano cercava di negare la responsabilità dell’attacco all’ospedale, almeno un rappresentante israeliano ne gongolava.

Hananya Naftali, un funzionario responsabile della “guerra digitale” online di Israele, ha dichiarato in un tweet ora cancellato che l’aviazione israeliana “ha colpito una base terroristica di Hamas all’interno di un ospedale a Gaza”.

“Un numero multiplo di terroristi è morto”, ha detto, aggiungendo che “è straziante che Hamas lanci razzi dagli ospedali… e usi i civili come scudi umani”.

Dopo aver rimosso il tweet, Naftali ha ripreso il messaggio e ha iniziato a vomitare le stesse affermazioni del governo israeliano, accusando i palestinesi di aver bombardato il loro stesso ospedale.

Un altro account – che si è spacciato per un giornalista di Al Jazeera – ha affermato che l’attacco è stato compiuto da Hamas.

Altri account pro-Israele hanno condiviso video che sostengono di confermare che un razzo sparato male ha causato la carneficina all’ospedale, ma anche questi sono stati contestati da Evan Hill, un giornalista di visual forensics del Washington Post.

I giornalisti non se la bevono

I primi tentativi di Israele di girare la frittata e di sviare il discorso non sono riusciti a convincere anche altri giornalisti.

Un corrispondente della BBC a Gerusalemme è tra i molti che hanno osservato che l’entità dei danni è di gran lunga superiore a qualsiasi cosa sia mai stata causata da razzi palestinesi. Un corrispondente della MSNBC ha fatto un’osservazione simile.

https://twitter.com/MazMHussain/status/1714373637464023393?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1714373637464023393%7Ctwgr%5Ef1eef7468ebf038d11d33cf34adf5c7505d7a043%7Ctwcon%5Es1_c10&ref_url=https%3A%2F%2Felectronicintifada.net%2Fblogs%2Fali-abunimah%2Fisraels-spin-about-hospital-massacre-quickly-comes-apart

Elior Levy, corrispondente dell’emittente pubblica israeliana, ha espresso frustrazione per la mancanza di documentazione presentata dall’esercito israeliano a sostegno della sua affermazione che il massacro è stato causato da un razzo sparato male.

“Anche un migliaio di rapporti non servirà a nulla senza una documentazione visiva”, ha detto.

Minacce e attacchi alle strutture sanitarie

L’atrocità di martedì, che ha ucciso centinaia di persone secondo le prime valutazioni delle autorità sanitarie di Gaza, è il peggiore attacco della campagna militare che da 11 giorni colpisce i civili nell’enclave costiera.

Arriva dopo che Israele ha già ripetutamente attaccato strutture mediche e paramedici in tutta Gaza.

Negli ultimi giorni Israele ha ordinato a diversi ospedali nel nord di Gaza di evacuare completamente, cosa che hanno detto essere impossibile. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito l’ordine israeliano una “condanna a morte”.

L’OMS ha confermato martedì che l’ospedale arabo al-Ahli “è uno dei 20 nel nord della Striscia di Gaza che ha ricevuto l’ordine di evacuazione dall’esercito israeliano”.

“L’ordine di evacuazione è stato impossibile da eseguire data l’attuale insicurezza, le condizioni critiche di molti pazienti e la mancanza di ambulanze, personale, capacità di posti letto del sistema sanitario e rifugi alternativi per gli sfollati”, ha aggiunto l’OMS.

A Washington, il Pentagono si è affrettato a ripetere le infondate affermazioni israeliane secondo cui Hamas opererebbe dagli ospedali.

Ma questa frase sembra essere una giustificazione americana per l’attacco israeliano all’ospedale, piuttosto che una smentita del fatto che Israele abbia effettuato il bombardamento.

Nonostante il prevedibile sostegno dell’amministrazione Biden, le prime indicazioni sono che gli stentati tentativi di Israele di assolvere se stesso da questa atrocità stanno convincendo pochi che non siano già i suoi più convinti apologeti.

Fonte: Ali Abunimah’s blog

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

bombardamentigazaisraeleospedale al-Ahli Arabpalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un documento trapelato dal New York Times su Gaza dice ai giornalisti di evitare le parole: “Genocidio”, “Pulizia Etnica” e “Territorio Occupato”

Nel mezzo della battaglia interna sulla copertura del New York Times riguardo la guerra di Israele, i principali redattori hanno emanato una serie di direttive.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA per la Palestina: dipendenti Google licenziati e studenti alla Columbia University sgomberati dalla polizia

Negli Stati Uniti proteste in corso a sostegno del popolo palestinese, per il quale diversi settori della società civile si sono mobilitati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione per il clima e a sostegno della Palestina.

Da Nord a Sud Italia questa mattina lo sciopero climatico lanciato da Fridays For Future ha riempito le piazze di giovani e giovanissimi che hanno ribadito le connessioni stringenti tra la devastazione dei territori e le guerre, rappresentando un forte grido in sostegno alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla mobilitazione in sostegno alla popolazione di Gaza ed alla resistenza palestinese

Ci appelliamo a tutt3 coloro che vogliono sostenere la resistenza del popolo palestinese per difendere una prospettiva universale di autodeterminazione, uguaglianza, equità e diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attacco iraniano a Israele: quali conseguenze per il Libano?

Lo Stato ebraico potrebbe intensificare la lotta contro Hezbollah, ma secondo gli esperti una guerra aperta sul territorio libanese è improbabile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Parigi: marcia contro il razzismo e islamofobia vietata dalla prefettura.

Il 21 aprile è prevista una importante marcia contro il razzismo e l’islamofobia, per la tutela dei giovani che nei quartieri popolari sono sistematicamente obiettivo della violenza e del razzismo della polizia e dello Stato.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?