InfoAut
Immagine di copertina per il post

Kalkan: la lotta del popolo palestinese per la libertà e la democrazia è sacra

Intervista con il membro del Consiglio esecutivo del PKK Durkan Kalkan sulle relazioni dei governi sudamericani con la Turchia, le lezioni dei processi di pace passati, il ruolo dell’autodifesa, la politica di alleanza in generale e in Rojava in particolare, l’intesa.

Tradotto da ANF

Il membro del Consiglio esecutivo del PKK Durkan Kalkan ha parlato del nuovo contesto geopolitico, analizzando il ruolo della Cina e l’attuale guerra israeliana alla Palestina.

La prima parte di questa intervista può essere letta qui

Durante il processo di Kobane è stata stretta un’alleanza tattica con gli Stati Uniti. Nei primi anni, il movimento ha fornito spiegazioni diverse sul perché di questa alleanza e su quale fosse la questione tattica e strategica. Ora sono passati quasi 10 anni e sarebbe opportuno fare una valutazione attuale. Qual è lo stato di questa alleanza? Perché viene ancora mantenuta? Come si dovrebbe valutare la strategia della terza via in questo contesto? Quali sono le vostre strategie nei confronti degli Stati Uniti e della Russia per la soluzione del problema siriano e, allo stesso tempo, la vostra prospettiva antimperialista? Qual è la sua concezione dell’antimperialismo su questa base? Come vanno intese le politiche antimperialiste del movimento nelle quattro parti del Kurdistan?

Come abbiamo brevemente affermato in precedenza, non consideriamo nessuno Stato come un alleato strategico. I nostri alleati strategici e i nostri amici ideologici sono forze non statali e non di potenza. Pertanto, tutti gli Stati sono per noi relazioni tattiche e forze di alleanza. In una relazione tattica, non è possibile stare dalla parte di uno dei due Stati o forze di potere ed essere associati solo ad esso. In altre parole, non è possibile schierarsi con uno dei blocchi di potenze e Stati contrari agli interessi. Tali situazioni si verificano tra alleati strategici. Poiché nessuno Stato è nostro alleato strategico, non ci schieriamo a favore di uno e contro l’altro. Ci basiamo su relazioni tattiche con tutti loro. Ciò significa che esistiamo sempre come terza politica contro i due blocchi di potere. Pertanto, non esiste una terza linea strategica. Questo concetto non ci appartiene. Noi lo chiamiamo principalmente “terzo potere politico”. Alcuni lo chiamano anche “terza linea politica”. Ma tutto questo non significa “terza linea strategica”. Perché se la strategia è coinvolta, anche l’ideologia viene alla ribalta. Emerge quindi il concetto di “terza linea”. Tuttavia, noi, come movimento, non abbiamo mai definito queste tre linee o una terza linea e non lo facciamo ora. Come specie umana, definiamo la vita mondiale di oggi in termini di due forze opposte: “modernità capitalista e modernità democratica”. Esprimiamo la storia sotto forma di due linee storiche: “la storia della civiltà democratica e la storia della civiltà statalista o centralizzata”. Non esiste una “terza forza”, una “terza linea strategica” o una “terza linea”. Le definizioni teoriche avanzate dal leader Abdullah Öcalan nella Difesa sono molto chiare a questo proposito.

Non c’è nessun’altra forza che abbia definito e analizzato il sistema della modernità capitalista in modo così accurato e olistico come il leader Abdullah Öcalan e il PKK. Inoltre, nessuno ha definito il sistema della modernità democratica che può essere realizzato come alternativa al sistema della modernità capitalista. Il PKK non è solo contro lo sfruttamento capitalista, ma anche contro l’industrialismo e lo statalismo nazionale, cioè contro la sua modernità. Pertanto, oggi non esiste una forza anticapitalista così olistica e coerente come il leader Apo e il PKK. Come movimento, siamo una forza anticapitalista e questo determina la nostra posizione contro l’imperialismo sotto un aspetto. D’altra parte, siamo un movimento per l’esistenza e la libertà che ha guidato gli ultimi cinquant’anni di un popolo che da cento anni lotta contro il colonialismo e il genocidio. Pertanto, avendo sperimentato l’imperialismo e il colonialismo a livello di genocidio, pensiamo di conoscerli e riconoscerli molto bene. La nostra posizione antimperialista è determinata anche da questa grande lotta di cinquant’anni, al di là delle parole. Pertanto, non ha senso chiedersi se il PKK e la KCK abbiano un carattere antimperialista.

Alla fine del 2014, la relazione e l’alleanza emersa a Kobane contro le bande dell’ISIS è stata molto importante e fruttuosa. Pertanto, richiede una corretta comprensione e definizione. Se ci riferiamo alla storia recente, può essere paragonata all’alleanza tra Unione Sovietica, Stati Uniti e Gran Bretagna contro il fascismo di Hitler. Un’ampia alleanza simile è emersa contro l’ISIS fascista-genocida. Indubbiamente, la dimensione ideologica di questa alleanza è quasi inesistente; esprime solo l’opposizione al gangsterismo dell’ISIS e si basa su interessi reciproci. In altre parole, si tratta di una relazione politica e di un’alleanza. Le condizioni lo richiedevano e si è creata una relazione di interesse contro un pericolo più grande. La relazione e l’alleanza delle forze statunitensi e della Coalizione con le Rojava Freedom Forces è a questo livello. I fattori che hanno portato a questo hanno continuato ad esistere e, per questo motivo, la relazione in questione si è prolungata fino ad oggi. Indubbiamente, ci sono stati errori e carenze nella pratica durante il mantenimento di questa relazione. Sono emersi atteggiamenti che non sono stati in grado di comprendere adeguatamente questa relazione e di attuarla correttamente nella pratica. Valutiamo e discutiamo costantemente questa situazione; individuiamo gli errori e le carenze esistenti e li critichiamo per correggerli.

Inoltre, critichiamo seriamente e lottiamo contro le attuali politiche statunitensi e russe nei confronti della Siria. Ciò si manifesta soprattutto nell’atteggiamento verso gli attacchi di invasione dello Stato turco contro la Siria nord-orientale. Va notato che gli Stati Uniti e la Russia hanno sostenuto in larga misura tutti gli attacchi turchi finora. Allora, chi ha combattuto contro questi attacchi di invasione? È chiaro che tutti i popoli della Siria nord-orientale, soprattutto i curdi, hanno combattuto. Hanno dato migliaia di martiri in questa guerra. Si ricordano le battaglie di Afrin, Gire Spi e Serekaniye. Tutte queste resistenze contro l’occupazione turca erano principalmente una lotta contro le politiche degli Stati Uniti e della Russia. Questo deve essere ben compreso dalle forze popolari socialiste.

Per quanto riguarda il miglioramento dell’attuale situazione siriana e il superamento della frammentazione, vogliamo certamente anche questo. Ma come avverrà? Dobbiamo essere in grado di dare le giuste risposte a questa domanda. Come movimento, siamo favorevoli a che siano le forze interne a risolvere i problemi della Siria e siamo assolutamente contrari all’intervento straniero. Allo stesso tempo, non riteniamo che affiancare e unire i governi a est e a ovest dell’Eufrate sia una soluzione corretta e realizzabile. Vediamo la soluzione nella democratizzazione della Siria e nello sviluppo di una rivoluzione democratica da parte del popolo. Crediamo che debba svilupparsi e realizzarsi un cambiamento democratico in cui tutte le differenze come nazionalità, religione, setta, genere, classe e simili si organizzino liberamente e si governino sulla base di un’autonomia democratica e si uniscano all’interno di un sistema di confederalismo democratico. La Siria nordorientale è un inizio, un modello e una scintilla per questo. Parafrasando la famosa frase di Mao Zedong, una scintilla può sollevare l’intera società.

Come si colloca la vostra lotta come PKK all’interno della lotta globale per la costruzione del socialismo democratico?

Dal 1973, come movimento nato e sviluppatosi in Kurdistan, ci siamo inizialmente definiti in due dimensioni: una era quella di essere un movimento socialista e l’altra era quella di essere un movimento di liberazione nazionale. Volevamo condurre la lotta di liberazione nazionale del Kurdistan sotto la guida dell’ideologia socialista e realizzare la soluzione dello Stato nazionale curdo. Su questa base, abbiamo cercato di studiare e comprendere il marxismo-leninismo in molti modi. Abbiamo studiato i movimenti di liberazione nazionale del periodo, dal Vietnam a Cuba e all’Angola, e li abbiamo presi come esempio per noi stessi. Su questa base, abbiamo condotto una lotta ideologica, politica e militare molto intensa. Dopo l’assassinio del compagno Haki Karer, il 18 maggio 1977, abbiamo iniziato a usare la violenza armata come dovere di vendetta rivoluzionaria, sviluppando e diventando un partito. Dopo le atrocità del 12 settembre nelle prigioni di Diyarbakir e la resistenza storica del 1982, ci siamo ritirati sulle montagne e abbiamo iniziato la guerriglia contro lo Stato turco il 15 agosto 1984. Fino alla cospirazione internazionale del 15 febbraio 1999, abbiamo condotto una guerriglia ininterrotta e una guerra di liberazione nazionale per 15 anni sotto la guida del leader Apo. Alla fine di questa guerra, per sviluppare una soluzione nazionale al problema curdo, il leader Apo si recò in Europa e raggiunse Roma. Cosa hanno imposto l’Unione Europea e il sistema capitalistico globale guidato dagli Stati Uniti a questa richiesta? Ovviamente, il sistema Imrali di isolamento, tortura e genocidio! Hanno mostrato al leader Apo, che voleva trovare una soluzione politica al problema curdo, il percorso di tortura e genocidio di Imrali. Questo risultato ci ha imposto di valutare l’intera lotta che abbiamo condotto dal 1973 sotto molti aspetti. Questo è ciò che il Leader Apo ha fatto sotto il sistema di isolamento, tortura e genocidio di Imrali, e su questa base ha realizzato un cambiamento di paradigma.

All’inizio del 1990, dopo il crollo dell’Unione Sovietica, il leader Apo e il nostro partito, come tutti, hanno cercato di analizzare le molteplici cause di questo crollo e di trarre delle conclusioni. Le analisi teoriche sviluppate dal leader Apo su questa base per tutti gli anni ’90 sono state davvero pionieristiche e piene di speranza. Hanno avuto un ruolo molto importante nel superare il pessimismo che si è sviluppato dopo il crollo dell’Unione Sovietica e nel migliorare il morale del fronte rivoluzionario. Ma non è stato solo lo stato dell’Unione Sovietica a crollare. Gradualmente, i movimenti di liberazione nazionale, che si erano sviluppati sulla base dell’esistenza dell’Unione Sovietica, uno dopo l’altro, iniziarono a stabilire relazioni multiformi con il sistema capitalista. Il Vietnam, che era stato fonte di ispirazione all’epoca della nascita del nostro movimento, si è orientato verso relazioni multiformi con gli Stati Uniti, con i quali era maggiormente in conflitto in questo nuovo processo. In altre parole, le lotte di liberazione nazionale e i sistemi di Stati nazionali in questione, anche se vittoriosi, non sono stati risolutivi; non hanno creato un ordine alternativo libero dallo sfruttamento; al contrario, si sono fusi con il sistema imperialista a cui si opponevano. Pertanto, la mancanza di una soluzione non è stata sperimentata solo in Kurdistan e nella pratica del PKK, ma tutti gli esempi del mondo sono rimasti alla fine senza una soluzione. In altre parole, l’ideologia dello Stato-nazione non ha prodotto una vera soluzione. Anche il leader Apo ha valutato tutto questo e ha sviluppato l’ideologia della nazione democratica, staccandosi dall’ideologia dello Stato-nazione che produceva una soluzione insolubile. Con un cambio di paradigma che lo prevedeva, ha cercato di superare la mancanza di una soluzione e di rivelare il potere di una soluzione. Egli valutò che il socialismo non poteva essere realizzato attraverso il governo dello Stato, ma solo attraverso il governo democratico. In questo quadro, superò lo Stato e lo strumento del potere e sviluppò lo strumento della società democratica e del confederalismo democratico. Ha risolto la contraddizione tra il fine e i mezzi nella rivoluzione e nella costruzione socialista e ha armonizzato i mezzi con il fine. Su questa base, ha definito la nostra nuova ideologia come socialismo democratico basato sull’ecologia e sulla libertà delle donne.

Come movimento, ci consideriamo più socialista di chiunque altro, cioè libertario, egualitario e comunitario. Non consideriamo l’uguaglianza come l’adattamento delle donne agli uomini, ma come la libera esistenza e organizzazione delle donne in quanto donne e la loro uguaglianza con gli uomini su questa base. Non consideriamo la rivoluzione e la costruzione socialista come un evento avvenuto dopo la presa del potere politico; al contrario, consideriamo la rivoluzione socialista come un cambiamento e uno sviluppo sulla base dell’ideologia dell’individuo libero e della comunità democratica, e la definiamo principalmente come un cambiamento ideologico. Ancora una volta, non vediamo il socialismo, cioè la vita dell’individuo libero e del comune democratico, come realizzato dopo il potere politico e la statualità; lo vediamo come vissuto e realizzato all’interno di una lotta che non si basa sul potere politico, a partire da un individuo, all’interno del partito e gradualmente nella società, e abbiamo vissuto il socialismo su questa base all’interno del PKK per decenni. Ad esempio, i quadri del PKK non hanno proprietà private, la loro vita è completamente comunitaria. Ognuno partecipa al lavoro ordinario in base alle proprie capacità e ognuno usa ciò di cui ha bisogno. Quindi, la proprietà dello Stato non è una proprietà sociale. La proprietà sociale o comunale è la proprietà delle comunità. Per riassumere tutto questo, consideriamo la teoria apoista come la sintesi più alta del pensiero rivoluzionario-libertario fino ad oggi, e la pratica del PKK come la vita più comunitaria del socialismo. Consideriamo questo un nuovo livello di sviluppo della teoria e della pratica socialista e crediamo che con questo la costruzione socialista a livello globale si svilupperà e si realizzerà su basi più corrette e con successo. In breve, non siamo tra coloro che predicano la vita in comune tenendo per sé la proprietà privata, né tra coloro che predicano il socialismo ma agiscono secondo le basi dell’individualismo capitalista.

Come movimento, come valutate il ruolo della Cina nel contesto geopolitico e la sua importanza per i movimenti antisistemici?

Il Presidente Mao Zedong ha detto: “La Cina non sarà mai una superpotenza”. Attribuiamo importanza a questa affermazione e crediamo che la società cinese ne faccia tesoro. Ma vediamo anche che la Cina è diventata una grande potenza economica e militare. A questo proposito, ovviamente, attribuiamo grande importanza alla Cina dal punto di vista politico e la prendiamo come dato nelle nostre valutazioni. Tuttavia, non riteniamo che un nuovo blocco USA-Cina, come il blocco USA-Sovietico precedente al 1990, sia vantaggioso sia per loro stessi che per i popoli del mondo e le forze esterne al sistema. Un tale blocco lega a sé tutte le contraddizioni e quasi le congela. Nessuna lotta ideologica, politica e militare può essere condotta senza prendere come base una di queste due potenze. Un sistema statalista a più teste, non bipolare, offre maggiori possibilità e opportunità agli oppressi e agli sfruttati di condurre la loro lotta per la libertà e la democrazia. Sebbene si dica che gli Stati Uniti abbiano creato un impero nel mondo, noi non la vediamo così. In realtà, ci sono molte teste nel sistema statalista. Oltre agli USA, ci sono l’UE, il Regno Unito, la Russia e la Cina. Anche alcune potenze come l’India stanno crescendo. C’è anche la monopolizzazione transnazionale del capitale. Questa pluralità di teste offre maggiori possibilità e opportunità di lotta rispetto al bipolarismo precedente al 1990. Perché non è necessario fare affidamento su un solo Stato e stringere con esso un’alleanza strategica.

Stringere un’alleanza strategica con uno Stato significa considerare tutto secondo gli interessi di quello Stato, il che crea il dominio della politica sull’ideologia e impedisce l’indipendenza e la libertà intellettuale. Si è costretti a fare tutto ciò che gli interessi dello Stato impongono. In questo senso, è meglio che il sistema statalista sia multipolare piuttosto che bipolare. In questo senso, è necessario non volere una polarizzazione Cina-USA e non condurre la Cina verso di essa.

Non abbiamo nulla contro lo sviluppo e il rafforzamento della Cina, che sta diventando una grande potenza economica, politica e militare di fronte agli Stati Uniti e ad altri Stati. Naturalmente, di recente ha anche svolto un ruolo importante nel contenimento degli Stati Uniti e della NATO. Ha ampiamente vanificato le provocazioni statunitensi nel Pacifico. Svolge inoltre un ruolo importante in molti problemi all’interno delle Nazioni Unite. Anche noi analizziamo attentamente questo aspetto e lo consideriamo importante. Dopo tutto, anche noi siamo un Paese e una società asiatici. Tuttavia, dobbiamo dire chiaramente che non abbiamo un rapporto molto significativo con la Cina. I nostri sforzi in questo senso possono anche essere piccoli. Ma sulla base del colpo di Stato del 12 settembre 1980, lo Stato turco ha attribuito grande importanza alle sue relazioni con la Cina e ha impedito alla Cina di partecipare al problema curdo commercializzando il problema dei turchi uiguri. In altre parole, in cambio del mancato sostegno ai turchi uiguri, lo Stato turco voleva che la Cina non sostenesse il popolo curdo. Anche questa situazione ha giocato un ruolo importante nel disinteresse della Cina per la questione curda. Ne siamo consapevoli e vogliamo superarli. Ma non possiamo agire rapidamente a causa dell’intensa lotta. Speriamo che tutti questi problemi vengano superati in futuro.

La Palestina è vista come un riferimento centrale in tutti i continenti. Anche se i movimenti di sinistra in loco si sono indeboliti, la questione è ancora al centro di tutte le conferenze internazionali. Dall’inizio dell’anno in Palestina sono stati uccisi centinaia di civili. Qual è la sua visione della situazione in Palestina? Non solo storicamente, ma come vede le prospettive di soluzione? Come valuta la lotta per il diritto all’autodeterminazione in Palestina?

Come popolo proveniente dalle profondità della storia, che vive al centro del Medio Oriente e che ha subito un attacco genocida per un secolo, crediamo di avere una comprensione più accurata e profonda sia della tragedia ebraica della storia sia della lotta del popolo palestinese contro l’imperialismo, il sionismo e la reazione. Teniamo sempre presente il ruolo rivoluzionario del Movimento di Liberazione della Palestina, che è una fonte di ispirazione nella nostra regione. Nella nostra regione, il popolo palestinese è stato il popolo più importante che ha fraternizzato con il popolo curdo. Tutte le organizzazioni dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina hanno fornito il più importante sostegno al nostro partito dopo il colpo di stato militare-fascista del 12 settembre 1980. Li ringraziamo sempre per questo. La resistenza guerrigliera curda ha ricevuto il suo primo addestramento di base nei campi palestinesi. Anch’io ho ricevuto il mio primo addestramento di base in Palestina e sono anch’io un guerrigliero palestinese. Ho detto molte volte che sono sempre orgoglioso di questo.

Senza dubbio, la lotta del popolo palestinese per la libertà e la democrazia è sacra e il suo diritto a una vita libera e democratica non potrà mai essere discusso o negoziato. I curdi sanno meglio di chiunque altro quale sia l’impatto psicologico di una simile situazione. Su questa base siamo sempre a favore della lotta del popolo palestinese. Tuttavia, di recente anche lì si sono sviluppate correnti religiose che, a nostro avviso, hanno danneggiato questa giusta lotta. Anche in questo caso, come in tutti i problemi, vediamo l’imposizione di una soluzione statalista e la divisione di quel minuscolo pezzo di terra in due Stati, per esempio, a danno di quei popoli al massimo. A nostro avviso, la soluzione non statale del confederalismo democratico è la più necessaria e sarebbe la salvezza più importante per il popolo palestinese. Mentre si resiste all’oppressione e allo sfruttamento di Israele, non è una buona cosa cadere sotto l’oppressione e lo sfruttamento dei governanti arabi. La politica del divide et impera è una politica di sfruttamento imperialista. Indubbiamente è difficile e si è formata un’inimicizia storica. Tuttavia, la soluzione migliore per tutti i popoli e gli oppressi è il confederalismo democratico sulla base dell’autonomia democratica. Il confederalismo democratico palestinese-israeliano può gradualmente dare vita all’unità confederale democratica dei popoli del Medio Oriente, che è la soluzione migliore per noi. Come movimento, prendiamo la Confederazione democratica del Medio Oriente come base e la difendiamo.

Curdi e arabi giocheranno senza dubbio un ruolo molto importante in questo sviluppo regionale. Consideriamo le relazioni curdo-arabe molto importanti e di valore strategico in questo senso. Per questo, crediamo che l’alleanza e la fratellanza tra i popoli curdo e palestinese, che si è formata all’inizio degli anni ’80, giocherà un ruolo fondamentale. Naturalmente, anche la comunità ebraica avrà un posto in questa unione democratica. Anche gli ebrei sono una parte storica della realtà sociale del Medio Oriente. Sono creativi e avanzati nella produzione intellettuale ed economica. Hanno anche dato un contributo significativo allo sviluppo dell’ideologia socialista. Hanno anche una certa esperienza democratica. L’analisi più ampia e comprensibile degli ebrei è stata fatta dal leader Abdullah Öcalan nelle sue Difese. Se si eliminano le influenze sioniste e si adottano misure democratiche come base, anche la comunità ebraica può avere un posto e un contributo importante nell’unità del Medio Oriente democratico. A nostro avviso, questo è l’approccio corretto e risolutivo. Altrimenti, l’approccio ristretto allo Stato-nazione e la posizione monopolistica porteranno solo allo sviluppo di nuovi processi di conflitto.

Come valuta il ruolo di Israele nella questione curda in generale e le relazioni del regime israeliano con i vari attori curdi della regione?

La creazione dello Stato di Israele non deve essere trattata come un evento singolare. Si tratta di un progetto del sistema capitalista che è stato messo in pratica nel corso del XX secolo. Prima dello Stato di Israele, nel 1923, la Repubblica di Turchia fu istituita dalla Gran Bretagna come proto-Israele. L’alleanza di Gran Bretagna e Francia con il Movimento kemalista e il Trattato di Losanna si basano su questo. Tre anni dopo la Prima guerra mondiale, fu istituita la Repubblica turca e, su questa base, il sistema capitalista-imperialista cercò di dominare il Medio Oriente. Tre anni dopo la Seconda guerra mondiale, fu completata la creazione dello Stato di Israele, sempre sotto la guida della Gran Bretagna, e Israele fu incluso nella guerra di egemonia condotta nella regione dalla Repubblica turca. L’obiettivo di queste due potenze è quello di portare il Medio Oriente sotto l’egemonia capitalista globale. Indubbiamente, questo è destinato a essere fatto sulla base di una comprensione e di una politica razzista-sciovinista-genocida. Questa si basa sui genocidi armeno, assiro-siriaco, greco e curdo. Pertanto, uno degli obiettivi fondanti dello Stato di Israele è quello di impedire al popolo curdo di essere indipendente e libero. Si è cercato di realizzare questo obiettivo sulla base dell’alleanza turco-israeliana. Quando il PKK si sviluppò e si rafforzò, imponendo la libertà dei curdi alla politica mondiale, la cosiddetta amministrazione curda di Hewlêr emerse come terza forza contro questa situazione all’inizio del 1990. Sebbene la guerra contro il nostro partito sia stata pianificata dalla NATO, in pratica è stata condotta dalla Repubblica turca, da Israele e dal KDP. Questa realtà è alla base delle relazioni Israele-RT e Israele-KDP.

Lanciato il 9 ottobre 1998, l’attacco della cospirazione internazionale che mirava alla distruzione del leader Abdullah Öcalan è stato deciso, pianificato e attuato insieme da Stati Uniti, Regno Unito e Israele. Quando il leader Apo si è recato in Russia, lo Stato israeliano si è adoperato innanzitutto per portarlo via da lì. Per 25 anni, lo Stato di Israele è stato uno dei principali attori della continuazione del sistema İmralı di tortura, isolamento e genocidio e dell’imposizione dello sterminio al Leader Apo su questa base. Oggi Israele sta lavorando per acquistare la terra del Kurdistan e vi sta investendo molto denaro. Il fatto che a volte si mostri come se ci fosse una contraddizione e un conflitto tra lo Stato israeliano e quello turco è un gioco fatto per mascherare la realtà e ingannare i popoli.

Di conseguenza, il capitale ebraico ha svolto uno dei ruoli principali nella creazione e nel proseguimento dell’attacco colonialista-genocida chiamato questione curda. Ancora oggi, hanno un ruolo nel bloccare la soluzione. Sono quelli che sostengono maggiormente il fascismo dell’AKP-MHP. Su questa base hanno anche stretti rapporti con il KDP. Ci sono già molte accuse che i Barzani siano massoni. Lo Stato di Israele si oppone alla lotta per la libertà dei curdi da un lato a causa dell’opposizione del capitale globale all’esistenza e alla libertà dei curdi, dall’altro perché il nazionalismo ebraico considera il Kurdistan come un proprio territorio e su questa base conduce una politica attiva e svolge un ruolo attivo. Tuttavia, nonostante tutti gli sforzi, il successo previsto finora non è stato raggiunto. Ciò che accadrà d’ora in poi e se ci sarà un cambiamento in questa mentalità e in questa politica sarà dimostrato dalla prossima lotta. I curdi non hanno nemmeno la minima traccia di un approccio razzista e di antisemitismo. Se anche gli ebrei riconosceranno la realtà curda e il diritto a una vita libera, allora la situazione finora potrebbe cambiare.

Per un Medio Oriente democratico e un mondo democratico dove i popoli vivono insieme in fraternità! Per un confederalismo democratico mondiale!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

cinakurdistanpalestinapkkstati uniti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ostaggi della vendetta israeliana nella Striscia di Gaza: le testimonianze di 100 detenuti palestinesi rilasciati rivelano Crimini di Tortura e Trattamento Disumano

In un rapporto di oltre 50 pagine intitolato: “Ostaggi Della Vendetta Israeliana Nella Striscia Di Gaza”, l’Osservatorio Euro-Mediterraneo mette in luce la pratica diffusa di arresti collettivi e individuali arbitrari da parte delle forze israeliane contro i civili nella Striscia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..