InfoAut
Immagine di copertina per il post

Kurdistan: i guerriglieri rispondono agli attacchi turchi

Mentre l’esercito turco continuava i suoi attacchi contro le aree di guerriglia, i guerriglieri esercitarono il loro diritto all’autodifesa cinque volte, distruggendo un lanciagranate turco.

Tradotto da ANF

Nella sua panoramica quotidiana della guerra in Kurdistan, il centro stampa delle Forze di difesa popolare (HPG) ha riferito di continui attacchi da parte delle forze di occupazione turche e scontri dopo le azioni di autodifesa dei guerriglieri nelle zone di difesa di Medya nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Quattro contatti con il nemico si sono verificati il 19 e il 20 aprile nella zona di resistenza di Girê Cûdî nella regione di Zap, quando i guerriglieri hanno risposto agli attacchi effettuati dall’esercito turco con armi pesanti e obici.

Nell’area di resistenza di Girê FM, le guerrigliere di YJA Star (Free Women’s Troops) hanno esercitato il loro diritto all’autodifesa quando sono stati attaccati due volte con armi pesanti a mezz’ora l’uno dall’altro giovedì mattina. Durante i combattimenti che sono seguiti, le guerrigliere YJA Star hanno distrutto un lanciagranate usato dalle truppe turche.

HPG ha anche riferito di tre attacchi di aerei da combattimento turchi sulle aree di Girê Çarçêl e Golka a Metîna e nell’area di resistenza di Girê Amêdî il 20 aprile. Secondo la dichiarazione dell’HPG, l’esercito turco ha usato un’arma proibita contro una posizione di guerriglia a Sîda. Inoltre, 68 attacchi con obici, carri armati e armi pesanti sono stati diretti contro Girê FM, Girê Cûdî, Çemço e Sîda negli ultimi due giorni.

Gli attacchi della Turchia continuano nonostante il cessate il fuoco annunciato dall’Unione delle comunità del Kurdistan (KCK). La decisione è stata presa dopo il devastante terremoto nella zona di confine turco-siriana del 6 febbraio. I guerriglieri curdi, che includono l’HPG e la YJA Star (Free Women’s Troops), stanno attuando l’appello per la cessazione di tutte le ostilità e sono in una posizione difensiva.

In una dichiarazione del 9 febbraio, l’Unione delle comunità del Kurdistan (KCK), un’organizzazione ombrello del movimento di liberazione curdo di cui è membro anche il PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan), ha chiesto la cessazione delle azioni militari in Turchia, nelle metropoli e nelle città. “È necessario evitare che le persone sperimentino ancora più sofferenza in questa afflizione”, ha detto Cemil Bayık, co-presidente del consiglio esecutivo della KCK.

Il quartier generale centrale delle Forze di difesa popolare (HSM) ha espresso sostegno all’appello del KCK e ha dichiarato l’11 febbraio che i guerriglieri erano pronti a fare la loro parte per alleviare le sofferenze della gente.

Il 27 marzo, il co-presidente del Consiglio esecutivo della KCK Besê Hozat ha annunciato che il cessate il fuoco unilaterale sarebbe rimasto in vigore fino a dopo le elezioni che si terranno in Turchia il 14 maggio.

Secondo il bilancio annuale della guerra nelle zone di difesa di Medya, pubblicato dal quartier generale centrale delle forze di difesa popolare il 14 aprile, l’esercito turco ha effettuato 3.730 attacchi con bombe chimiche e altre bombe non convenzionali su aree di guerriglia, 4.233 attacchi da aerei da combattimento e 5.628 attacchi da elicotteri da combattimento.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

cessate il fuocoguerrigliakurdistanterremototurchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: filmato di 70 minuti sull’operazione di guerriglia rivoluzionaria a Zap

Il 12 gennaio Gerîla TV ha diffuso un filmato di 70 minuti dell’operazione di guerriglia rivoluzionaria nella regione di Zap, nel Kurdistan meridionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Corteo per la Palestina: Torino 2 dicembre.

Il corteo di sabato 2 dicembre a Torino ha visto la partecipazione di più di tremila persone, moltissimi giovani e giovanissimi, provenienti da quartieri e contesti molto diversi tra loro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kalkan: la lotta del popolo palestinese per la libertà e la democrazia è sacra

Il membro del Consiglio esecutivo del PKK Durkan Kalkan ha parlato del nuovo contesto geopolitico, analizzando il ruolo della Cina e l’attuale guerra israeliana alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: l’ipocrisia di Erdogan e il ruolo di Ankara in Medio Oriente. Intervista a Murat Cinar

“La Turchia risulterà l’unico membro della famiglia Nato ad avere un dialogo con Hamas?”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kalkan: Difendiamo la giusta causa del popolo palestinese fino alla fine

Duran Kalkan, membro del Consiglio esecutivo della KCK, ha parlato della guerra in corso contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano: occupata la sede di rappresentanza dell’Unione Europea per chiedere il cessate il fuoco

Una cinquantina di attivisti e attiviste di Milano, solidali con il popolo palestinese, sono entrati nell’ufficio della Commissione europea di Corso Magenta.