InfoAut
Immagine di copertina per il post

La Striscia è già occupata: le due parti di Gaza che Israele non può spezzare

MEMO. Di Ramzy Baroud. Le continue discussioni riguardanti gli obiettivi militari di Israele a Gaza sono in gran parte incentrate sul fatto che lo Stato coloniale stia pianificando una nuova occupazione militare della Striscia a lungo o a breve termine. Gli stessi israeliani stanno alimentando questo dibattito: il 41% di loro vuole lasciare Gaza dopo la guerra e il 44% vuole che la Striscia rimanga sotto il controllo israeliano.

da InfoPal

Queste percentuali sono state rivelate da un sondaggio condotto dall’Istituto Lazar e pubblicato da Maariv venerdì scorso. Riflettono però la reale confusione sullo status giuridico della Striscia di Gaza, anche nella mente degli stessi israeliani.

In verità, Israele era – e rimane – la potenza occupante a Gaza e nel resto della Palestina, nonostante il “disimpegno” dalla piccola e impoverita enclave avvenuto nel settembre 2005. Allora gli israeliani si convinsero di non essere più gli occupanti della Striscia e, quindi, di non esserne più responsabili. Le responsabilità di uno Stato occupante nei confronti della terra e della popolazione occupata sono chiare nel diritto internazionale, in particolare nella Quarta Convenzione di Ginevra.

Ma gli israeliani avevano e hanno torto, anche se il 21 settembre 2005, ultimo giorno del dispiegamento, Tel Aviv aveva dichiarato Gaza come “territorio straniero”. Quasi esattamente due anni dopo, questo presunto “territorio straniero” è stato dichiarato “territorio ostile”, e quindi soggetto alle ire dell’esercito israeliano qualora non rispettasse la sovranità israeliana e rappresentasse una minaccia per il confine meridionale di Israele.

Il diritto internazionale, tuttavia, non è legato alle definizioni che vengono utilizzate da Israele. Le Nazioni Unite hanno ripetutamente rilasciato dichiarazioni che insistono sul fatto che Gaza rimane un territorio occupato. Inoltre, le recinzioni e i muri che separano Gaza da Israele non sono confini definiti a livello internazionale, come stabilito dall’accordo di armistizio del 1949 tra Israele, Egitto e altri Paesi arabi dopo la pulizia etnica della Palestina nel 1948.

Quindi, le accese discussioni israeliane sull’occupazione o meno di Gaza dopo la guerra sono prive di senso; Gaza non è mai stata liberata dall’occupazione e quindi non può essere “nuovamente occupata”.

Che Israele accetti o meno questa chiara logica, poco importa, poiché sono le istituzioni giuridiche internazionali, ossia le Nazioni Unite, la Corte Internazionale di Giustizia ed altri, ad avere l’autorità e la responsabilità di raggiungere e applicare tali conclusioni. Tuttavia, è necessario ricordare a Israele alcune questioni urgenti.

Per cominciare, la ripresa dell’assedio a Gaza non risolverà, come al solito, i problemi di Israele. Dopotutto, è stato l’assedio ermetico – con il quale i palestinesi sono stati “messi a dieta”, senza però permetter loro di morire di fame, secondo quanto affermato nel 2006 dall’alto consigliere del governo israeliano Dov Weisglass – a fornire la principale motivazione alla base della necessità di Gaza di resistere all’occupazione. Inoltre, è stata proprio questa resistenza a costringere Israele a ritirarsi dalle aree popolate di Gaza, portando all’assedio draconiano che dura da quasi 17 anni.

Questi fatti vengono solitamente trascurati dai media mainstream perché creano un inutile inconveniente alla narrazione israeliana della guerra. Nei media occidentali, ad esempio, è consuetudine sottolineare il settembre 2005 – anche se in questo caso il “ridispiegamento” viene percepito come “ritiro” – e il 7 ottobre 2023, l’attacco di Hamas nel sud di Israele, come le date e gli eventi più significativi che meritano attenzione quando si parla della situazione attuale a Gaza. Mentre la prima viene usata per scagionare Israele, la seconda viene usata per accusare i palestinesi.

Tuttavia, né i palestinesi né chiunque sia interessato al vero contesto di questa guerra dovrebbe restare vincolato a questa logica.

Inoltre, dovremmo ricordare che la maggior parte dei palestinesi di Gaza sono discendenti dei rifugiati che furono espulsi nel 1948 dalle loro case e dai loro villaggi da quello che oggi è Israele. Essi, giustamente, continuano a considerarsi rifugiati che hanno il Diritto al Ritorno, come sancito dalla Risoluzione 194 delle Nazioni Unite.

Un’altra data da ricordare è il giugno 1967, quando Israele occupò ciò che restava della Palestina storica: Gerusalemme Est, la Cisgiordania e la Striscia di Gaza. Questa data rimane una pietra miliare importantissima in quanto ha rappresentato un cambiamento storico sconvolgente nel rapporto tra Israele e i palestinesi, che sono diventati sia vittime del colonialismo dei coloni che dell’occupazione militare di Israele.

L’occupazione militare israeliana ha inaugurato una nuova forma di resistenza popolare in Palestina, dove i palestinesi comuni e oppressi si sono confrontati quotidianamente con i soldati israeliani. Gli strumenti di questa resistenza, dal 1967 al 2005, sono stati principalmente la disobbedienza civile, gli scioperi generali, le proteste di massa e il lancio di pietre. Tuttavia, ciò è stato sufficiente per cacciare l’esercito israeliano da Gaza, ponendo fine al controllo quotidiano della Striscia in cambio di una nuova fase di occupazione militare.

L’ultimo giorno del dispiegamento israeliano, decine di migliaia di palestinesi erano scesi in strada nel centro di Gaza poco dopo la mezzanotte per affrontare i soldati israeliani mentre evacuavano l’ultima base militare, a est dell’area di Bureij. Senza alcun coordinamento preventivo, i giovani di Gaza avevano voluto inviare un messaggio all’esercito israeliano: non erano i benvenuti all’interno di Gaza, nemmeno nelle ultime ore del dispiegamento.

Gli israeliani dovrebbero riflettere su questa storia. Dovrebbero anche ricordare che l’urgenza israeliana nel fuggire da Gaza – sotto la guida di un famigerato generale dell’esercito, l’allora primo ministro Ariel Sharon – è avvenuta nonostante i palestinesi non avessero nemmeno un esercito e poche armi. La loro resistenza armata consisteva per lo più in milizie mal organizzate, sostenute dalla furia di centinaia di migliaia di persone stanche, occupate e oppresse.

Se Israele tornerà a Gaza, la sfida da affrontare nel governo della Striscia ribelle sarà molto più difficile. La popolazione di Gaza è aumentata esponenzialmente dal 2005. Inoltre, il più debole dei gruppi combattenti di Gaza comanda migliaia di uomini, pronti a combattere e a morire per tenere lontani gli israeliani.

Ancora più importante è che Israele non è riuscito a governare una sola Gaza, nonostante abbia cercato di farlo per quasi quattro decenni. Se decidesse stupidamente di tornare, dovrebbe fare i conti con due Gaza, una popolazione ribelle e rafforzata sul terreno e decine di migliaia di combattenti nel sottosuolo.

La verità è che Israele non ha alcuna opzione militare a Gaza, e coloro che sostengono che Tel Aviv abbia una qualche strategia militare in mente, si illudono allo stesso modo. L’unica soluzione per Gaza è la stessa anche per il resto della Palestina occupata: una chiara comprensione del fatto che il vero problema non sono il “terrorismo palestinese” o la “militanza”, ma l’occupazione militare, l’apartheid e l’assedio implacabile di Israele.

Se Israele non pone fine alle sue azioni illegali in Palestina, portando alla libertà, all’uguaglianza e alla giustizia per il popolo palestinese, la resistenza legittima in tutte le sue forme continuerà senza sosta.

Traduzione per InfoPal di Aisha T. Bravi

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ASSEDIO DI GAZAgazaisraelepalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.