InfoAut
Immagine di copertina per il post

Messico: Le comunità dell’Istmo lanciano una campagna permanente contro i megaprogetti

||||

Città del Messico / L’Assemblea dei Popoli dell’Istmo in Difesa della Terra e del Territorio (APIIDTT) ha lanciato la campagna permanente “Non è sviluppo – è saccheggio!”, che includerà tra i suoi assi i megaprogetti e la difesa del territorio, la militarizzazione, la criminalizzazione e la “Quarta Trasformazione”.

L’Assemblea ha ricordato che si oppone ai megaprogetti che oggi il governo di Andrés Manuel López Obrador vuole imporre perché “sono i medesimi progetti dei governi precedenti, legati agli interessi economici”, tra i quali si trovano il Corridoio Transistmico, lo sfruttamento minerario, i parchi eolici e le imprese idroelettriche.

“Ora i capitalisti neoliberali e i loro governi stanno cercando di spogliarci nel nome dello ‘Sviluppo’”, hanno criticato le comunità dell’Istmo, che affermano che la campagna continuerà a resistere per difendere i propri territori e la propria cultura.

Tra gli assi della campagna si trovano anche le donne e il territorio, la solidarietà con le lotte a livello nazionale e internazionale e i diritti dei popoli indigeni.

Di seguito il comunicato completo:

COMINCIA LA CAMPAGNA “NON È SVILUPPO – È SACCHEGGIO!”

Dall’anno 2019 noi comunità e organizzazioni ci siamo unite nell’Assemblea Oaxaqueña in Difesa della Terra e del Territorio, oggi, 20 novembre 2021, nel 111° anniversario della Rivoluzione Messicana, dichiariamo quanto segue:

Grazie alle lunghe lotte dei nostri antenati contro i conquistatori, colonizzatori e invasori che per secoli hanno voluto spogliarci di tutto quello che ci dà vita e cibo, noi Popoli Originari dell’Oaxaca preserviamo ancora le nostre terre comunali ed ejidales così come i nostri territori e le autonomie come comunità e municipi. Qui continuiamo a stare noi Popoli Afromessicani, Amuzgo, Binizaa, Chatino, Chinanteco, Chocholteco, Chontal, Cuicateco, Ikoots, Ixcateco, Mazateco, Mixe, Mixteco, Náhuatl, Tacuate, Triqui, Zapoteco e Zoque e tutti gli uomini, le donne e i diversx, noi che abbiamo il loro sangue nelle nostre vene e la loro cultura nella nostra quotidianità. Abitiamo e lavoriamo nei nostri territori ancestrali, sviluppando i nostri propri saperi e a sua volta arricchendo il mondo con loro, in modo reciproco e rispettoso. Grazie a questo legame con il territorio, l’Oaxaca e tutto il Messico hanno la grande diversità e ricchezza culturale ed ecologica di cui tanto si vantano quelli che ci fanno più danno.

Per i Popoli del Messico oggi si commemora l’inestimabile lotta del nostro generale Emiliano Zapata, che parlava la lingua Náhuatl e figlio del popolo Morelense, e del nostro immortale paesano Ricardo Flores Magón, Oaxaqueño e figlio del popolo Mazateco, che insieme a migliaia di messicani e messicane dettero la propria vita per la giustizia e una vita degna per i contadini, gli operai, i diseredati, i Popoli Indigeni del Messico.

Il loro motto “Viva Terra e Libertà” acquisisce un nuovo significato di fronte alla minaccia dei megaprogetti capitalisti per i quali oggi i governi e le imprese vogliono spogliarci dei nostri territori, dei beni naturali e della nostra vita comunitaria. In tutti gli angoli del paese e del nostro stato avanzano le grandi opere estrattiviste minerarie, le imprese idroelettriche, l’agricoltura industriale, raffinerie, gasdotti, fracking, imprese forestali, privatizzazione dell’acqua e la creazione di complessi di megaprogetti e politiche di stato che attentano alla nostra libera determinazione e ai nostri territori. Alcuni sono già in opera e già hanno lasciato devastazione ambientale, divisione e morte nelle nostre comunità.

Nell’Istmo di Tehuantepec si vuole consolidare l’anelato Megaprogetto dell’Istmo, ora chiamato Corridoio Interoceanico che consiste nella modernizzazione e ampliamento delle vie ferroviarie, strade, porti e nell’installazione di 10 parchi industriali da 500ha ciascuno che attraversano 90 municipi appartenenti agli stati dell’Oaxaca, Veracruz, Chiapas e Tabasco, nei quali abitiamo noi 18 popoli indigeni e originari che abbiamo difeso e protetto i beni naturali e i territori, oggi ci vediamo minacciati da questo megaprogetto che storicamente ambisce trasformare la regione in un corridoio industriale, commerciale, energetico e militare, per servire da muro di contenzione dei fratelli migranti, trasformandosi nella frontiera e dogana più importante del mondo, controllata dai grandi capitali, questo megaprogetto vuol essere il nodo che articola i “progetti stella” della 4T come il mal chiamato Treno Maya, la Raffineria di Dos Bocas, il Progetto Integrale Morelos, e tutte le infrastrutture energetiche per connettere questi e altri megaprogetti in tutto il paese per rifornire il consumo energetico delle grandi industrie e i mercati nazionali e internazionali riorganizzando il sudest del paese per il saccheggio, la produzione e il trasporto delle loro mercanzie a spese della distruzione e morte dei nostri beni naturali e delle nostre vite.

Nelle Valles Centrales, il 2 settembre la compagnia mineraria Cuzcatlán ha sollecitato un nuovo permesso ambientale (MIA-R “attualizzazione di opere e attività”) con il quale vuole giustificare 75 opere irregolari e operare per 10 anni, dal 2021 fino al 2031. La compagnia mineraria, filiale della canadese Fortuna Silver Mines, non conta più su un permesso ambientale valido per lo sfruttamento della sua miniera di argento e oro nell’Oaxaca. A partire dal rifiuto delle comunità organizzate, si è creato un clima di molta tensione nelle Valles Centrales, per cui sono a rischio le comunità zapoteche che si oppongono al progetto minerario San José e alle concessioni minerarie date dal governo federale nelle Valles Centrales dell’Oaxaca. I “gruppi antiminerari” di cui fa menzione l’impresa, sono autorità locali (municipali e agrarie), che si sono organizzati mediante il Fronte No all’attività Mineraria, con lo scopo di difendere i nostri diritti come Popoli Indigeni: il territorio, un ambiente sano, la partecipazione cittadina e la libera determinazione.

Nella Sierra Sur dell’Oaxaca, assemblee e autorità comunitarie si stanno organizzando contro le concessioni minerarie di 120 mila ettari che i governi hanno consegnato alle imprese senza informare né consultare i nostri popoli.

Nel caso del megaprogetto idroelettrico di Paso de la Reyna nella regione Costa esprimiamo la nostra solidarietà e richiesta di giustizia per i cinque difensori assassinati nel 2021 e denunciamo che per il momento non c’è nessun progresso nelle indagini né in materia di sicurezza.

Tutti questi megaprogetti hanno incominciato ad essere imposti mediante concessioni senza consultazione, consultazioni fraudolente, corruzione di autorità, connivenza con il crimine organizzato, militarizzazione e assassinio di difensori della terra e del territorio. Per riuscirci, dividono le nostre comunità, vengono violati tutti i diritti umani e ambientali e si calpestano manifestamente i diritti collettivi dei Popoli Indigeni consacrati nei trattati internazionali.

Quando noi Popoli ci organizziamo per resistere e difendere i nostri territori e con loro la nostra stessa esistenza, ci criminalizzano, ci diffamano, si minimizza, si minaccia, si perseguita e si assassina. I media di massa dell’informazione censurano sistematicamente qualsiasi informazione sugli impatti negativi dei megaprogetti e sulle nostre resistenze. “Come è possibile che ci opponiamo ai megaprogetti di un governo ‘progressista’ che ci vuole togliere dalla ‘povertà’ e portarci lo ‘sviluppo’?” Ci opponiamo perché sono i medesimi progetti dei precedenti governi legati ad interessi economici e perché abbiamo una lunga e dolorosa esperienza che ci dà chiarezza politica:

– I conquistatori hanno cercato di depredarci nel nome di “Dio”.

– I colonizzatori e gli invasori hanno cercato di depredarci nel nome della “Civilizzazione”.

– Le classi benestanti del Messico hanno cercato di depredarci nel nome della “Modernità”.

– E ora i capitalisti neoliberali e i loro governi stanno cercando di depredarci nel nome dello “Sviluppo”.

Ma noi siamo sul piede di guerra in tutti i nostri territori con una grande diversità di azioni organizzative, culturali, educative, politiche, di ribellione e di resistenza che danno speranza. Non permetteremo che continui la distruzione del nostro tessuto comunitario e dei nostri beni naturali, lo sfollamento di interi popoli, le fosse clandestine e l’eterno aumento della povertà.

Abbiamo il diritto ad una vita degna e ad avere tranquillità nei nostri paesi affinché le nuove generazioni abbiano l’opportunità di godere di questa cosa così meravigliosa di cui facciamo parte. Noi come Popoli Indigeni e Originari abbiamo le nostre proprie forme di organizzarci, di relazionarci, di vivere, di convivere, di apprendere, di alimentarci, di curarci e di comunicare tra noi che vanno al di là delle politiche pubbliche capitaliste legate ad un presunto “sviluppo” estraneo alla nostra quotidianità. Ci pronunciamo a favore della difesa e della definizione della gestione dei nostri beni naturali (legname, minerali, acqua, erbe, produzione alimentare, ecc.) mettendo al centro della vita i nostri saperi comunitari che ancestralmente sono stati legali al territorio per trasformarci secondo le nostre proprie modalità e con i nostri tempi, come molte generazioni hanno fatto. Abbiamo l’inalienabile diritto all’autodeterminazione dei nostri Popoli, basata sulle decisioni delle nostre assemblee.

Per i nostri Popoli, le donne sono parte integrale e fondamentale, il pilastro che sostiene la comunità nelle sue molteplici forme, nello sviluppo di quello che ci è proprio, dalle loro diverse cosmovisioni nelle quali riproducono la lingua, la cultura, la medicina, l’educazione, l’alimentazione. Sono presenti e alla testa nelle nostre lotte, in difesa dei nostri territori. Non permetteremo che si continui a violentarle ugualmente come la nostra madre terra. Chiediamo uno stop all’allarmante aumento dei femminicidi e alla violenza contro le donne nel nostro stato e nel nostro paese che avvengono nel medesimo contesto di violenza generalizzata del sistema capitalista patriarcale che vuole sottometterci con i suoi progetti di morte.

Questi tempi di pandemia sono stati difficili, principalmente per la dipartita di esseri amati e i danni alla nostra economia locale, ma a sua volta ci hanno fornito momenti di dialogo su quello che rappresenta avere salute e come la medicalizzazione della società ci ha portati a circostanze dove si perde anche l’autonomia sulla vita e la morte. La morte tecnica si è installata come pratica comune, le politiche pubbliche di salute nell’Oaxaca sono un disastro giacché sono focalizzate sui processi burocratici e sugli interessi creati, più che sulla cura della vita medesima. Come popoli continueremo a decidere che valori vogliamo per costruire collettivamente una buona vita, nella quale ci proteggiamo contro le pandemie, sapendo che la salute non è solo l’assenza di malattia, ma qualcosa di molto più profondo che ci lega come popoli alla terra, all’acqua, alle piante e ai nostri antenati.

Per tutto quanto detto facciamo un appello urgente ai Popoli e alle organizzazioni a rafforzare le nostre lotte e resistenze, e trasformare la nostra diversità in una fonte di unità per consolidare un movimento sociale sempre più forte e fermo.

Alla fine estendiamo questo appello di emergenza e solidarietà ai movimenti sociali a livello globale di fronte a queste reali minacce che viviamo noi Popoli dell’Oaxaca e di tutto il sud del Messico e che condividiamo con tutti i Popoli Originari del Messico, dalla Selva Lacandona fina alla Sierra Tarahumara, così come con i Popoli Originari di tutta la Terra. Vi comunichiamo che come voi, i Popoli dell’Oaxaca e tutta la grande diversità naturale e culturale per cui ci conoscono e ammirano, siamo in grave pericolo.

Oggi, nell’ambito di questa data storica di lotta per la Terra e la Libertà, come Assemblea Oaxaqueña in Difesa della Terra e del Territorio annunciamo l’inizio di una nuova campagna permanente con il nome di

“NON È SVILUPPO – È SACCHEGGIO!”

con diverse azioni di lotta sotto gli assi di:

  1. Megaprogetti e Difesa del Territorio
  2. Diritti dei Popoli Indigeni e Originari
  3. Donne e Territorio
  4. Solidarietà con Lotte a Livello di Stato, Paese, e del Mondo
  5. Militarizzazione, Criminalizzazione e la “Quarta Trasformazione”

Salutiamo tutti i Popoli del Messico in questa memorabile data. Salutiamo i Popoli dell’Oaxaca. Salutiamo i nostri fratelli dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale. Salutiamo tutti gli esseri umani di questa Terra che lottano per la Vita e contro il sistema di Morte. Salutiamo tutti i Popoli del Mondo che difendono i nostri territori e saperi ancestrali, la nostra Madre Terra che è origine e casa di tutti gli esseri vivi.

I SIGNORI DEL POTERE E DEL DENARO NON PASSERANNO!

VIVA LA LOTTA E LA RESISTENZA DEI NOSTRI POPOLI!

VIVA TERRA E LIBERTÀ!

Oaxaca di Flores Magón, 20 Novembre 2021

ASSEMBLEA OAXAQUEÑA IN DIFENSA DELLA TERRA E DEL TERRITORIO

22 novembre 2021

Desinformémonos

Da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

EZLNmessicoTREN MAYA

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Australia, Referendum “The Voice”: riflessione sul corteo di Sydney a sostegno della voce aborigena all’interno della Costituzione australiana. 

Nonostante il caldo di Sydney sono in migliaia a radunarsi domenica 17 settembre ore 14:00 al Redfern Park, per partecipare alla marcia in sostegno del referendum del 14 ottobre 2023 che promette di dare una voce aborigena all’interno della Costituzione Australiana. L’afflusso delle persone al concentramento è accompagnato dagli interventi dal palco, tra cui la […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nagorno-Karabakh: disarmo totale e resa incondizionata della resistenza armena dopo l’offensiva azera. Rimane alta la tensione

La resa incondizionata, con la deposizione delle armi e il cessate il fuoco – messo in discussione dall’agguato, non rivendicato, contro i russi – giunge dopo l’attacco azero di ieri, con 32 vittime, tra cui 7 civili e oltre 200 feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Honduras: attentato alla difensora garifuna Miriam Miranda

La squadra di sicurezza di Miranda ha arrestato quattro uomini armati di fucili d’assalto che hanno fatto irruzione nella casa della difensora del territorio Garifuna a Colón, nell’Honduras atlantico, ha denunciato Ofraneh.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Pisa: la nuova base militare ottiene l’ok del parco di San Rossore. 21 ottobre Mobilitazione Nazionale

La nuova base militare a Pisa, che verrà costruita anche utilizzando un’area del Parco di San Rossore, ha ottenuto ieri l’ok del Comitato del Parco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Polizia israeliana aggredisce fedeli musulmani mentre coloni invadono la moschea di al-Aqsa

Domenica mattina, decine di coloni, scortati dalle forze di polizia, hanno invaso la moschea di al-Aqsa nella Gerusalemme occupata per celebrare il “nuovo anno ebraico”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La popolazione di Rojhilat è in sciopero generale per l’anniversario dell’omicidio di Jina Mahsa Amini

La popolazione di Rojhilat partecipa allo sciopero generale nel primo anniversario dell’uccisione di Jina Mahsa Amini sotto la custodia della cosiddetta polizia morale di Teheran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atlanta: RICO contro 61 attivisti di Stop Cop City

Il 29 agosto l’ufficio del procuratore generale della Georgia ha presentato un’accusa RICO contro 61 persone che si presume facciano parte del movimento Stop Cop City.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Senegal: due morti in una manifestazione di disoccupati

Lunedì mattina sono scoppiati scontri tra i gendarmi e i giovani dei comuni di Khossanto e Mama Khono, che protestavano contro la modifica dell’ordinanza del prefetto del dipartimento di Saraya sull’assunzione di manodopera locale non qualificata da parte di un’azienda mineraria.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rapporto sui diritti umani: Le denunce di tortura in Turchia sono aumentate del 22%, la maggioranza proviene dalle regioni curde

La Fondazione turca per i diritti umani (TİHV) ha rivelato un aumento del 22% delle denunce legate a tortura e maltrattamenti nel corso del 2022. Si sospetta che una maggioranza significativa delle denunce provenga da minacce e percosse motivate politicamente, con il 68,8% delle richieste provenienti da regoni a maggioranza curda.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un ragazzo ucciso e 7 feriti dalle IOF a Gaza durante una manifestazione

Mercoledì sera, le forze di occupazione israeliane (IOF) hanno attaccato giovani gazawi che manifestavano in una zona di confine a est di Gaza: un ragazzo è stato ucciso e altri sette sono rimasti feriti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Disboscamento clandestino: guerra palese a sud di Città del Messico

Negli ultimi tre anni, la popolazione del sud di Città del Messico ha reso nota la grave situazione del disboscamento clandestino, che finora ha devastato quasi 3.000 ettari della foresta di San Miguel Topilejo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il conflitto del mais tra Stati Uniti e Messico: un gioco di specchi

Da quando il Messico ha annunciato che avrebbe vietato l’uso e il commercio di mais geneticamente modificato e glifosato nel 2020, è cresciuta una controversia pubblica istigata dagli Stati Uniti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Chiapas, un disastro

Il rapporto prospetta che la crisi pandemica abbia reso più noto e ha aumentato il razzismo strutturale e la discriminazione, evidenziando l’emarginazione, gli alti indici di povertà, la precarietà e la mancanza d’accesso ai servizi sanitari fondamentali, che hanno dato luogo, inoltre, ad un appello delle Nazioni Unite ad adottare misure relative all’incidenza del covid-19 nei villaggi originari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Chiapas è Messico. STOP alla guerra ai popoli e alle comunità zapatiste

Il Chiapas è Messico e in Chiapas si concentrano oggi molte delle forme di violenza che affliggono tutto il Messico.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Si intensificano gli attacchi contro le comunità zapatiste e AMLO nega

Nonostante le proteste siano risuonate in diversi spazi giornalistici, più di 800 colpi di arma da fuoco hanno continuato a colpire case, scuole e cliniche autonome, oltre all’incendio di appezzamenti di terreno dove lavorano le famiglie delle basi di appoggio dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN).

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La febbre del litio in America Latina

Ad eccezione del Messico e del Perù, le riserve di litio si trovano nelle saline dove la biodiversità è così fragile come unica, e l’eventuale aumento dello sfruttamento del litio preoccupa le comunità, gli scienziati e i conservazionisti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: Gruppo armato assassina sette tsotsil sfollati da Chenalhó

Un gruppo armato identificato come “Los Ratones” (I Ratti) ha attaccato le famiglie tsotsil sfollate da Santa Martha, municipio di Chenalhó in Chiapas, con un saldo di sette persone morte.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dichiarazione nazionale e internazionale sull’attacco alla comunità di Moisés Gandhi

Oggi, in questo momento, il Messico è giunto ad un limite, un limite che sembra sempre lontano finché un proiettile esploso dall’alto non fa detonare la rabbia del Messico dal basso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Chiapas: un’infinita guerra sporca

La notizia più recente, che ci spinge con urgenza a fare appello alla solidarietà delle reti di lotta, è la grave aggressione ai danni del compagno base d’appoggio zapatista Jorge Lopez Santiz, raggiunto al petto da diversi proiettili per mano del gruppo di stampo paramilitare ORCAO

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Salute ribelle e movimenti anticapitalisti

Più di mezzo secolo fa il partito delle Pantere Nere fu, probabilmente, una delle prime organizzazioni a mettere in moto un sistema di salute alternativo al sistema egemonico.