InfoAut
Immagine di copertina per il post

Palestinesi e sauditi si uniscono contro la normalizzazione con l’apartheid israeliano

Il Comitato Nazionale Palestinese BDS (BNC) si schiera con la maggioranza del popolo fraterno dell’Arabia Saudita nella sua schiacciante condanna degli sforzi di normalizzazione tra la dittatura saudita e l’apartheid israeliano.

da ISM

Questi colloqui diretti e indiretti, mediati dall’amministrazione statunitense e che promettono al regime saudita uno scudo militare statunitense, servono principalmente gli interessi del governo di estrema destra israeliano, fornendogli un’ancora di salvezza in un momento in cui si trova ad affrontare disordini interni senza precedenti, una crescita internazionale pressione e una crisi economica incombente. Servono anche a sostenere il regime saudita nonostante i suoi crimini e le gravi violazioni dei diritti umani. 

La società civile palestinese condanna fermamente il coinvolgimento dell’Autorità Palestinese in questi colloqui di normalizzazione, in quanto fornisce una copertura per un potenziale accordo israelo-saudita che mina i diritti riconosciuti a livello internazionale del popolo palestinese.

Il sondaggio più attendibile sull’opinione pubblica nella regione araba ha dimostrato che il 70% della popolazione nella regione del Golfo Arabo si oppone alle relazioni diplomatiche con Israele, mentre solo l’8% le sostiene. In Arabia Saudita, il rapporto tra coloro che sono contrari a tali relazioni e coloro che le sostengono è quasi di 8:1.

Il regime israeliano di occupazione militare, colonialismo di insediamento e apartheid utilizzerà qualsiasi risultato diplomatico con l’Arabia Saudita per mascherare e distogliere l’attenzione dai suoi crimini di guerra in corso e dai crimini contro l’umanità contro il popolo indigeno della Palestina. Questi includono massacri; pulizia etnica, soprattutto a Gerusalemme, nel Naqab e nella Valle del Giordano; il brutale assedio di Gaza; demolizioni di case; decimazione di uliveti secolari; e la distruzione o l’appropriazione del patrimonio culturale e archeologico.

Come hanno dimostrato gli Accordi di Abraham, i cosiddetti accordi di “pace” tra il regime di apartheid israeliano e i regimi dispotici arabi sono in gran parte alleanze di sicurezza militare che aiutano Israele a mantenere il suo regime di apartheid mentre rafforzano lo spietato dominio dei dittatori arabi, aggravando la repressione interna. Senza eccezioni, tali accordi sono serviti a minare i diritti inalienabili del popolo palestinese, in particolare il diritto all’autodeterminazione e il diritto dei rifugiati al ritorno e al risarcimento.

Questi accordi di normalizzazione cercano anche di nascondere ciò che i palestinesi, la maggior parte degli arabi e i progressisti di tutto il mondo sanno da decenni: le relazioni con Israele danneggiano non solo i palestinesi ma anche milioni di altre persone in tutto il mondo. Israele è diventato un modello per gran parte dell’estrema destra e dei suprematisti bianchi del mondo, collaborando con regimi autoritari e con gruppi fascisti in Occidente, la maggior parte dei quali sono profondamente antisemiti.

Vende le sue tecnologie di sicurezza militare come “testate in battaglia” ed esporta le sue dottrine militari e le tecnologie spyware come armi, come Pegasus di NSO, e altri servizi di guerra informatica, disinformazione e brogli elettorali come strumento diplomatico in tutto il mondo.

Gli Accordi di Abraham rappresentano l’ultima prova di questo modello, poiché hanno portato ad un aumento del 24% nelle vendite di armi israeliane in un solo anno. Un altro esempio è l’uso dello spyware Pegasus da parte del regime dispotico dell’Arabia Saudita per rintracciare il dissidente saudita Jamal Kashoggi, che fu poi brutalmente assassinato nell’ambasciata saudita in Turchia nel 2018. All’epoca il BNC chiese di imporre un embargo militare al regime saudita.

La dittatura saudita sta cercando di nascondere i propri orribili crimini contro i civili yemeniti, perpetrati in collaborazione con il regime degli Emirati Arabi Uniti, e le gravi violazioni dei diritti umani in corso contro i difensori dei diritti umani sauditi, le donne saudite e i lavoratori migranti.

Mentre il regime israeliano di occupazione militare, colonialismo di insediamento e apartheid continua a commettere crimini di guerra e crimini contro l’umanità contro il popolo palestinese, è nostro dovere etico difendere la giustizia e la libertà ovunque e opporci al razzismo e all’oppressione ovunque.

Chiediamo alle persone di coscienza di tutto il mondo di opporsi vigorosamente ai colloqui di normalizzazione e militarizzazione della sicurezza mediati dagli Stati Uniti che coinvolgono i regimi di Israele e Arabia Saudita e di intensificare le campagne di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) per aiutare a smantellare il regime di apartheid israeliano appena come è stato fatto contro l’apartheid sudafricano. Un accordo israelo-saudita-statunitense danneggerebbe gravemente i diritti umani e la lotta per la libertà, la giustizia e l’uguaglianza per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

arabia sauditaBIDENisraelenetanyahupalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.