InfoAut
Immagine di copertina per il post

Palestinesi e sauditi si uniscono contro la normalizzazione con l’apartheid israeliano

Il Comitato Nazionale Palestinese BDS (BNC) si schiera con la maggioranza del popolo fraterno dell’Arabia Saudita nella sua schiacciante condanna degli sforzi di normalizzazione tra la dittatura saudita e l’apartheid israeliano.

da ISM

Questi colloqui diretti e indiretti, mediati dall’amministrazione statunitense e che promettono al regime saudita uno scudo militare statunitense, servono principalmente gli interessi del governo di estrema destra israeliano, fornendogli un’ancora di salvezza in un momento in cui si trova ad affrontare disordini interni senza precedenti, una crescita internazionale pressione e una crisi economica incombente. Servono anche a sostenere il regime saudita nonostante i suoi crimini e le gravi violazioni dei diritti umani. 

La società civile palestinese condanna fermamente il coinvolgimento dell’Autorità Palestinese in questi colloqui di normalizzazione, in quanto fornisce una copertura per un potenziale accordo israelo-saudita che mina i diritti riconosciuti a livello internazionale del popolo palestinese.

Il sondaggio più attendibile sull’opinione pubblica nella regione araba ha dimostrato che il 70% della popolazione nella regione del Golfo Arabo si oppone alle relazioni diplomatiche con Israele, mentre solo l’8% le sostiene. In Arabia Saudita, il rapporto tra coloro che sono contrari a tali relazioni e coloro che le sostengono è quasi di 8:1.

Il regime israeliano di occupazione militare, colonialismo di insediamento e apartheid utilizzerà qualsiasi risultato diplomatico con l’Arabia Saudita per mascherare e distogliere l’attenzione dai suoi crimini di guerra in corso e dai crimini contro l’umanità contro il popolo indigeno della Palestina. Questi includono massacri; pulizia etnica, soprattutto a Gerusalemme, nel Naqab e nella Valle del Giordano; il brutale assedio di Gaza; demolizioni di case; decimazione di uliveti secolari; e la distruzione o l’appropriazione del patrimonio culturale e archeologico.

Come hanno dimostrato gli Accordi di Abraham, i cosiddetti accordi di “pace” tra il regime di apartheid israeliano e i regimi dispotici arabi sono in gran parte alleanze di sicurezza militare che aiutano Israele a mantenere il suo regime di apartheid mentre rafforzano lo spietato dominio dei dittatori arabi, aggravando la repressione interna. Senza eccezioni, tali accordi sono serviti a minare i diritti inalienabili del popolo palestinese, in particolare il diritto all’autodeterminazione e il diritto dei rifugiati al ritorno e al risarcimento.

Questi accordi di normalizzazione cercano anche di nascondere ciò che i palestinesi, la maggior parte degli arabi e i progressisti di tutto il mondo sanno da decenni: le relazioni con Israele danneggiano non solo i palestinesi ma anche milioni di altre persone in tutto il mondo. Israele è diventato un modello per gran parte dell’estrema destra e dei suprematisti bianchi del mondo, collaborando con regimi autoritari e con gruppi fascisti in Occidente, la maggior parte dei quali sono profondamente antisemiti.

Vende le sue tecnologie di sicurezza militare come “testate in battaglia” ed esporta le sue dottrine militari e le tecnologie spyware come armi, come Pegasus di NSO, e altri servizi di guerra informatica, disinformazione e brogli elettorali come strumento diplomatico in tutto il mondo.

Gli Accordi di Abraham rappresentano l’ultima prova di questo modello, poiché hanno portato ad un aumento del 24% nelle vendite di armi israeliane in un solo anno. Un altro esempio è l’uso dello spyware Pegasus da parte del regime dispotico dell’Arabia Saudita per rintracciare il dissidente saudita Jamal Kashoggi, che fu poi brutalmente assassinato nell’ambasciata saudita in Turchia nel 2018. All’epoca il BNC chiese di imporre un embargo militare al regime saudita.

La dittatura saudita sta cercando di nascondere i propri orribili crimini contro i civili yemeniti, perpetrati in collaborazione con il regime degli Emirati Arabi Uniti, e le gravi violazioni dei diritti umani in corso contro i difensori dei diritti umani sauditi, le donne saudite e i lavoratori migranti.

Mentre il regime israeliano di occupazione militare, colonialismo di insediamento e apartheid continua a commettere crimini di guerra e crimini contro l’umanità contro il popolo palestinese, è nostro dovere etico difendere la giustizia e la libertà ovunque e opporci al razzismo e all’oppressione ovunque.

Chiediamo alle persone di coscienza di tutto il mondo di opporsi vigorosamente ai colloqui di normalizzazione e militarizzazione della sicurezza mediati dagli Stati Uniti che coinvolgono i regimi di Israele e Arabia Saudita e di intensificare le campagne di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) per aiutare a smantellare il regime di apartheid israeliano appena come è stato fatto contro l’apartheid sudafricano. Un accordo israelo-saudita-statunitense danneggerebbe gravemente i diritti umani e la lotta per la libertà, la giustizia e l’uguaglianza per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

arabia sauditaBIDENisraelenetanyahupalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: sale la tensione al confine. Israele vuole allargare il fronte

“Siamo pronti ad un’azione molto forte nel nord”, ha detto il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, che questa mattina ha visitato Kiryat Shmona, dove ieri sono divampati gli incendi dopo il lancio di droni di Hezbollah dal Libano.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla colonia, alla fabbrica, ai quartieri popolari: l’antirazzismo politico in Francia. Intervista a Said Bouamama

Abbiamo realizzato questa intervista a Said Bouamama ad aprile 2024 durante il Festival Altri Mondi – Altri Modi tenutosi al centro sociale Askatasuna a Torino, quando il movimento per la Palestina, perlomeno a Torino, era in una fase diversa, potremmo dire agli albori, da quella che sta attraversando in questi mesi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

DA CHE PARTE STAI? Per la fine immediata delle 23 misure cautelari contro compagne e compagni di Bologna

Dal 4 giugno 23 persone, attive nei movimenti sociali di Bologna, sono sottoposte a misure cautelari, 13 di loro hanno ricevuto un divieto di dimora, ossia il divieto di poter entrare in città.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stanco dopo otto mesi dall’inizio della guerra di Gaza, l’esercito israeliano è sull’orlo del “collasso”

Mentre l’esercito israeliano si trova ad affrontare gravi carenze di uomini, stanchezza e diserzione e la dirigenza politica si concentra sulla sua sopravvivenza, un alto generale israeliano prevede che la fine di Israele sia vicina.