InfoAut
Immagine di copertina per il post

Perù: Sciopero regionale e se ne prepara un altro degli agricoltori

||||

Questo lunedì la città di Cusco si è svegliata con varie vie bloccate. La regione sudandina di Cusco oggi ha iniziato uno sciopero di 24 ore affinché il governo dia ascolto a diverse richieste, mentre le centrali contadine e le organizzazioni dei produttori del campo preparano un misura uguale per giovedì prossimo.

Lo sciopero cuschegno ha bloccato la via ferroviaria d’accesso alle rovine di Machu Picchu, la maggiore attrattiva turistica del paese, e le strade di entrata a Cusco, la capitale, secondo quanto ha informato il presidente della locale Associazione dei Trasportatori, Estanislao Alegre.

Ha affermato che la paralisi è contundente e conta sulla partecipazione di 20 organizzazioni, che chiedono, tra le altre richieste, misure contro l’aumento dei prezzi.

Il ministro del Commercio Estero e del Turismo, Roberto Sánchez, è giunto a Cusco e ha offerto, secondo Alegre, la presenza, questa settimana, del presidente Pedro Castillo e del Consiglio dei Ministri, una riunione con il primo ministro, Aníbal Torres, così come l’installazione di un tavolo di dialogo sulle richieste.

Il dirigente cuschegno ha aggiunto che quanto offerto sia ufficializzato per considerare la possibilità di togliere il blocco.

Nel frattempo, le confederazioni Nazionale Agraria (CNA) e Contadina del Perù (CCP), le federazioni dei produttori di Caffè Riso e Mais, così come la Centrale Unica Nazionale delle Ronde Contadine (gruppi di sicurezza comunale), tra le altre organizzazioni, preparano uno sciopero di 24 ore per giovedì prossimo.

La protesta, che conta sull’appoggio della Confederazione Generale dei Lavoratori, chiede la dissoluzione dei monopoli e oligopoli di settori come alimenti, medicine, bancario e della stampa, e l’approvazione delle leggi di riforma proposte dal Governo al Congresso della Repubblica.

Chiede anche un referendum sulla convocazione di un’Assemblea Costituente, la dotazione di fondi per la seconda riforma agraria -di sostegno tecnico e finanziario- e la dissoluzione del parlamento unicamerale.

“Il Congresso golpista si è trasformato in una trincea dei poteri di fatto speculatori, che concentrano il mercato nelle mani di monopoli e oligopoli, responsabili diretti dell’esagerato aumento dei prezzi dei prodotti di prima necessità, dei combustibili e dei prodotti per l’agricoltura”, segnala il documento di convocazione dello sciopero nazionale agrario.

Foto: Qosqo Times

Fonte: Prensa Latina

18 aprile 2022

Resumen Latinoamericano

Da Comitato Carlos Fonseca

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

america latinaperùsciopero

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Autonomie nel Wall Mapu: territori in resistenza

Un mare di pini verdi tappezza la vasta superficie ondulata, dalle profonde valli fino alle altissime cime. Quando la distanza si tramuta in vicinanza, quando ci addentriamo nelle eterogenee piantagioni, il silenzio e la monotonia trasformano quel mare in un deserto disabitato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Black Friday: un buon giorno per “far pagare Amazon”

La “stagione di punta” dello shopping è il momento giusto per azioni coordinate. Dall’Italia agli Usa, la lotta sindacale nel gigante antisindacale

Immagine di copertina per il post
Culture

Sognavo di essere una camionista

La storia de Las Reinas de la 57, otto camioniste protagoniste di un progetto di documentazione del fotografo Miguel Pérez, che ha deciso di raccontare la loro quotidianità sulla strada, con i loro sogni e le loro lotte.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’impronta mennonita: i popoli indigeni denunciano lo sfratto, il traffico di terra e la distruzione delle loro foreste in America Latina

Abbiamo tradotto da Desinformemonos questo interessante articolo sulla deforestazione in America Latina. Il reportage si concentra sulla penetrazione delle comunità mennonite (una delle più importanti tendenze derivate dal credo anabattista) all’interno delle foreste del continente latino-americano.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il vero crimine è stare con le mani in mano !! Indulto per tutti e tutte.

Riceviamo e pubblichiamo volentieri una nuova lettera da parte dei detenuti del blocco B del carcere di Torino. Una lettera importante che annuncia l’avvio dello sciopero del carrello in solidarietà con le “ragazze di Torino“, della loro protesta abbiamo avuto notizia qualche giorno fa e, proprio oggi, si terrà un presidio a sostegno della loro […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

27 luglio: Gran Bretagna bloccata dallo sciopero dei ferrovieri

Ieri 27 luglio, il principale sindacato dei trasporti britannico l’RMT (Union of Rail, Maritime and Transport Workers) e il TSSA (Transport Salaries Staff Association) hanno messo in atto il quarto sciopero in meno di due mesi. La data di oggi non è casuale, infatti domani si terranno a Birmingham, in linea con la tradizione sciovinista […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

LAVORO: SCIOPERO NELLA LOGISTICA E PRESIDI CONTRO L’AZIONE REPRESSIVA CONTRO IL SINDACALISMO DI BASE

Sciopero generale della logistica promosso da USB e SI.Cobas contro l’infamante e gravissima operazione repressiva messa in campo dalla procura di Piacenza martedì 19 luglio nei confronti dei sindacati di questi sindacati conflittuali e di base. Sei compagni sono stati messi agli arresti domiciliari: 4 del Si Cobas e 2 dell’Unione Sindacale di Base, più […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Roma: Cariche della polizia sullo sciopero dei pescatori

Pescatori a Roma, dal Governo nessuna apertura. Cariche della polizia in piazza Esedra Ieri, mercoledì primo giugno, un gruppo di pescatori ha protestato a Roma. Volevano dirigersi verso il ministero dell’Economia; è partita la carica della polizia, come mostra il video. Le cariche della polizia sono avvenute quando, al termine dell’incontro tra i vertici della […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

PARMA: INTERVENTO DELLA POLIZIA CONTRO I LAVORATORI ADL COBAS IN LOTTA PER LA STABILIZZAZIONE LAVORATIVA

Celerini e carabinieri del reparto mobile sono intervenuti questa mattina davanti ai cancelli del magazzino Kamila a Parma per rimuovere il picchetto dei lavoratori in sciopero per la stabilizzazione dei lavoratori a tempo determinato ed il rispetto del contratto collettivo. In questo grande centro che gestisce la distribuzione delle merci dei supermercati COOP ALLEANZA 3.0 […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Prato: lo sciopero delle grucce ha vinto!

Condividiamo il comunicato di SI Cobas Prato e Firenze sulla vittoria del cosidetto “sciopero delle grucce”…   Anche Ruentex e Grucce Creation firmano l’accordo con i lavoratori in sciopero! Le aziende del comparto delle grucce hanno ceduto una dopo l’altra e ora i lavoratori lavoreranno 40 ore a settimana pagati secondo il contratto nazionale! Davanti […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Prato, il punto sullo “sciopero delle grucce”

Una nuova ondata di mobilitazioni scuote il distretto tessile di Prato, si tratta di quello che è stato definito come “Sciopero delle grucce”. Dei motivi dello sciopero, dell’adesione e delle richieste ha parlato Arturo, sindacalista dei Si Cobas. Ascolta la diretta {mp3remote}https://cdn.radioblackout.org/wp-content/uploads/2022/05/prato.mp3{/mp3remote} Da Radio Blackout