InfoAut
Immagine di copertina per il post

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

da Rete Kurdistan

Il Comando generale delle Forze democratiche siriane (SDF) ha condannato fermamente l’attuale ondata di attacchi aerei dello Stato turco sulla regione autonoma della Siria settentrionale e orientale.

Fonti nella regione hanno riferito che gli attacchi sono continuati lunedì mattina.

La dichiarazione delle SDF ha respinto ancora una volta l’affermazione della Turchia secondo cui nove dei suoi membri sarebbero stati uccisi dall’esercito turco in un presunto tentativo di infiltrazione nella zona occupata nel nord della Siria.

Lo ha recentemente affermato il Ministero della Difesa turco, utilizzandolo per giustificare “attacchi di ritorsione” contro le regioni autonome.

La dichiarazione afferma: “Come parte delle sue ripetute bugie e della disinformazione diffusa, il Ministero della Difesa dello stato turco ha falsamente affermato la morte di un certo numero di nostri combattenti durante la recente e continua aggressione turca contro le nostre regioni del nord e dell’est della Siria.

Confermiamo categoricamente che queste accuse non sono vere e che si tratta di disinformazione utilizzata dall’occupazione per nascondere i suoi crimini nel prendere di mira le infrastrutture, i servizi civici, la popolazione e le fonti di sostentamento della gente nella regione.

Le prove che documentano questi crimini sono più chiare di tutte le ripetute affermazioni turche e portano direttamente alla condanna dello Stato occupante”.

Le SDF hanno continuato: “Negli ultimi due giorni, l’occupazione turca ha preso di mira, utilizzando aerei da guerra e droni armati, strutture chiave per l’energia e l’elettricità, nonché magazzini e silos di stoccaggio del grano e di squadre antincendio.

Questi attacchi si sono estesi alle case dei civili, alle loro fattorie e alle fonti del loro sostentamento quotidiano, colpendo le strade principali e le periferie delle città e provocando estese distruzioni.

Di conseguenza, questi attacchi hanno interrotto la fornitura di servizi essenziali, tra cui energia, elettricità, acqua e altri beni di prima necessità, colpendo centinaia di migliaia di persone”.

La dichiarazione aggiunge: “Questi attacchi diretti e la barbara aggressione terroristica dimostrano chiaramente ed esplicitamente l’ostilità dello stato di occupazione turco verso tutte le forme di vita nella regione. Costituiscono crimini di guerra palesi e deliberati volti a causare il massimo danno alla vita dei civili, instillare paura e infliggere sofferenza alla loro esistenza quotidiana.

Di fronte alla brutale aggressione dell’occupazione turca, ribadiamo il nostro diritto a una risposta legittima e il nostro costante impegno a salvaguardare il nostro popolo e i nostri territori più di prima. I nostri combattenti, ora più risoluti e resistenti agli assalti delle forze ostili, non permetteranno che l’aggressione dell’occupazione turca rimanga senza risposta. Questa è la nostra rinnovata alleanza con il nostro coraggioso e grande popolo”.

Morti e feriti

Da venerdì sera lo Stato turco ha effettuato un’ondata di attacchi aerei contro la Siria settentrionale e orientale. Si tratta della terza “offensiva aerea” dallo scorso ottobre. Domenica almeno sei civili sono rimasti feriti a causa dei bombardamenti, tra cui due bambini e un giornalista. Sono stati uccisi anche almeno due soldati dell’esercito arabo siriano.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

kurdistanRojavasiriaturchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il genocidio in Palestina non si ferma. Netanyahu criminale di guerra ignora la comunità internazionale.

Nella Striscia di Gaza non esistono “zone sicure”. Ormai è evidente a tutti, seppur dovesse essere chiaro sin dall’inizio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: mobilitazioni di massa per la Palestina.

Lunedì 27 maggio, migliaia di persone sono scese spontaneamente in piazza a Parigi e in altre città per esprimere la loro rabbia contro il genocidio in corso a Gaza, all’indomani di atroci bombardamenti sulle tende dei rifugiati a Rafah

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gaza: Israele bombarda i campi profughi a Rafah. Strage di civili almeno 45 le vittime.

Almeno 45 morti e 250 feriti: questo il bilancio parziale dell’ultima strage compiuta dall’esercito israeliano a Rafah, nella Striscia di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Student* pront* al dialogo: ma il rettore dov’è?

Siamo al sedicesimo giorno di occupazione e blocco nella sede Unito di Palazzo Nuovo, collocandoci attivamente all’interno del movimento internazionale di Intifada Studentesca che, ormai da mesi, si sta mobilitando per il boicottaggio accademico..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La preghiera del venerdì a Palazzo Nuovo : un bel bagno di realtà.

Cosa ci insegna la Palestina. Questo è stato il contenuto politico del discorso di Brahim Baya a Palazzo Nuovo occupato all’interno del momento di preghiera di venerdì scorso tenutosi in Università.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rivolte in Nuova Caledonia tra neocolonialismo e laboratorio repressivo.

Dallo scorso 13 maggio in Nuova Caledonia (Il piccolo arcipelago si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, a 1.300 chilometri dalle coste dell’Australia), è scoppiata una violenta rivolta dei nativi Kanak, da sempre sostenitori dell’indipendenza dell’arcipelago.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ostaggi della vendetta israeliana nella Striscia di Gaza: le testimonianze di 100 detenuti palestinesi rilasciati rivelano Crimini di Tortura e Trattamento Disumano

In un rapporto di oltre 50 pagine intitolato: “Ostaggi Della Vendetta Israeliana Nella Striscia Di Gaza”, l’Osservatorio Euro-Mediterraneo mette in luce la pratica diffusa di arresti collettivi e individuali arbitrari da parte delle forze israeliane contro i civili nella Striscia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).