InfoAut
Immagine di copertina per il post

Siamo di fronte al movimento studentesco globale della nostra epoca?

Le mobilitazioni in sostegno alla Palestina che attraversano le università in tutto il globo stanno indicando alcune questioni fondamentali.

Foto di NnoMan

La necessità dei giovani e delle giovani di attivarsi concretamente in una fase generale di crisi dell’Occidente e di nuove possibilità. La resistenza palestinese sta aprendo una frattura importante nel cuore dell’Impero, sta disegnando una via per la liberazione dalle oppressioni in maniera trasversale e globale. Questa indicazione è profondamente abbracciata da chi si sta mobilitando.

L’urgenza di schierarsi e prendere posizione in questa fase di accelerazione da parte del governo di Netanyahu attraverso l’attacco a Rafah, indifferente alla luce delle fredde reazioni internazionali in primis degli USA, che potrebbe causare una perdita di consenso e una frattura interna, dunque un rischio per la sua tenuta. Il che implica l’esigenza di porsi all’altezza di questo bisogno nel saper proporre uno spazio reale di attivazione capace di praticare degli obiettivi chiari.

Una reazione della controparte scomposta e incapace di schiacciare le spinte che provengono dagli strati giovanili della società nonostante i tentativi di soffocamento, silenziamento e repressione del dissenso che vanno in una direzione di irrigidimento. Il che indica una crisi profonda e articolata su diversi livelli che va approfondita nelle sue contraddizioni.

Vogliamo accompagnare queste riflessioni da una carrellata di immagini, testimonianze, racconti di quanto sta accadendo nelle università di tutto il mondo perché pensiamo sia prezioso mantenere traccia e custodire nel presente pezzi di quella che sarà la storia futura.

Questo articolo si propone come una forma in costante aggiornamento con l’invito a una collaborazione per l’invio di contributi audio, foto, video delle mobilitazioni di queste settimane in modo da farne un archivio condiviso e interattivo, patrimonio delle lotte attuali.

Iniziamo segnalando qui una mappa di tutti gli accampamenti universitari grazie al sito PalestineIsEverywhere.

Université de la Sorbonne, Paris.

Università di Amsterdam.

Qui è possibile ascoltare un approfondimento di Radio Blackout sulle occupazioni di Amsterdam e Bologna.

da No Justice No Peace

Sgombero dell’Università di Amsterdam.

Fonte: Cosimo Caridi.

Un centinaio di studenti hanno allestito un accampamento all’interno dell’Università Libera di Berlino. Nel video si vede lo sgombero della polizia che è intervenuta poche ore dopo l’avvio dell’occupazione.

da Aljazeera

Studenti all’Università di Vienna.

da SJP at CSU Sacramento

California State University Sacramento.

da BTNews

Depaul University, Chicago.

UCL University, London.

Harvard University, Cambridge.

Occupation ouverte de l’EHESS – Campus Paris Condorcet.

Università di Amsterdam: polizia irrompe nell’occupazione studentesca.

Articolo in aggiornamento..

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

#Alleyesonrafahformazionegazamovimentopalestina liberauniversità occupata

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Salone del Libro viene bloccato per la sua complicità al sionismo: la vittoria della mobilitazione per la Palestina!

Sabato pomeriggio, con il coordinamento Torino per Gaza ci siamo dati appuntamento a ridosso della metro Lingotto per raggiungere il Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Amsterdam: rivolta studentesca per la Palestina

Anche nei Paesi Bassi il genocidio commesso dallo Stato israeliano sta infiammando i giovani.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Fronte Popolare avverte: qualsiasi presenza non palestinese al valico di Rafah è una forza di occupazione e un obiettivo legittimo per la resistenza.

Riproduciamo il comunicato del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina datato 7 maggio 2024 in merito all’attacco di Israele a Rafah.