InfoAut
Immagine di copertina per il post

Una guerra dei contratti d’armamenti nella vera guerra si prepara tra industriali europei e statunitensi

||||

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha solo accelerato un movimento iniziato nel 2014 con l’annessione della Crimea. All’interno dell’UE è all’opera una vigorosa politica di riarmo.

di Jean-Michel Bezat
da Osservatorio Repressione

I vertici della NATO e dell’Unione Europea (UE), organizzati a Bruxelles giovedì 24 e venerdì 25 marzo, hanno tolto dubbi sulla volontà degli occidentali – in particolare degli europei – di impegnarsi in un riarmo globale che interessa tutti i settori della sovranità: energia, industrie ad alta tecnologia e difesa. L’invasione russa dell’Ucraina ha solo accelerato un movimento iniziato qualche anno fa dopo l’annessione della Crimea nel 2014, poi rafforzato dalle aspre critiche dell’ex-presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sulla NATO, e il costo del suo finanziamento da parte dei statunitensi.

Passo dopo passo, l’Europa è uscita da una politica in cui voleva toccare i “dividendi della pace”, nati dalla caduta del muro di Berlino nel 1989. L’aumento delle minacce comporterà un forte aumento della spesa militare. Svezia e Finlandia potrebbero aderire alla NATO. La Germania aumenterà il suo sforzo di difesa dall’1,3% al 2% del suo PIL. La Francia sta seguendo la sua legge di programmazione militare 2019-2025, che prevede di aumentare il budget dell’esercito da 40,9 miliardi di euro nel 2022 a 50 miliardi nel 2025 (2,5% del PIL), Emmanuel Macron prevede di “amplificare” lo sforzo.

Il vecchio continente è diventato un “nuovo hot spot” per il riarmo, afferma Siemon Wezeman[1], ricercatore e coautore del rapporto annuale pubblicato il 14 marzo dallo Stockholm International Peace Research Institute[2]. È qui che gli acquisti di armi sono aumentati di più tra il 2017 e il 2021 (+ 19% rispetto ai cinque anni precedenti), mentre sono diminuiti del 4,6% nel mondo. Secondo il relatore, la quota dell’Europa nel commercio di armi, che è passata dal 10% al 13%, aumenterà “in modo sostanziale”. A beneficio di chi?

Volontà di acquisire “sovranità”

Tra industriali europei e americani si prepara una guerra di appalti nella vera guerra. L’UE mostra il desiderio di guadagnare in “sovranità”, anche se molti paesi membri intendono rimanere sotto l’ombrello di Washington e privilegiare il “made in USA”. Con Lockheed Martin, Raytheon Technologies, Boeing, Northrop Grumman e General Dynamics, gli Stati Uniti sono le prime cinque società globali; quasi 180 miliardi di dollari (164 milioni di euro) di fatturato, il 54%delle vendite di armi e il 39% delle esportazioni, quota in costante crescita nel decennio precedente.

Le dimensioni e l’effetto di allenamento giocano. Se i caccia F-35  si vendono tanto bene in Europa rispetto ai Rafale francesi, lo devono meno alla loro tecnologia che al desiderio dei paesi di unirsi alla NATO, il cui ampliamento avverrà principalmente a beneficio dell’industria statunitense. Al di là dell’Alleanza Atlantica, le partnership strategiche alla base di qualsiasi vendita di attrezzature pesanti danno un vantaggio competitivo insostituibile ai colossi statunitensi. France e Naval Group lo hanno imparato a proprie spese: nel settembre 2021 Canberra ha rotto il contratto di dodici sottomarini dopo la firma del patto Aukus che legava Australia, Stati Uniti e Regno Unito per contrastare la Cina nell’Indo-Pacifico.

Di fronte alla potenza senza pari del complesso militare-industriale statunitense, l’Europa pesa molto meno. Le cifre ne fanno la seconda potenza militare con 250 miliardi di euro di budget, 3.000 aziende che danno lavoro a quasi 1 milione di persone e l’apice della tecnologia. Sulla carta. Perché ogni paese europeo costruisce le sue attrezzature e difende i suoi ordini pubblici, privandosi così di economie di scala: fregate, aerei da combattimento, carri armati, mezzi corazzati o sistemi di combattimento, che devono poi essere comunicati nelle operazioni di teatro.

Nessuna programmazione militare dell’UE

La mancanza di un’ampia cooperazione porta a più acquisti attraverso l’Atlantico per colmare i “buchi di capacità” e un costo aggiuntivo annuo di oltre 25 miliardi di euro, ha sottolineato l’ex commissario europeo Michel Barnier, nel 2016, in una relazione alla Commissione europea (vedi qui lo sfacciato lobbying sull’UE:https://www.pressenza.com/it/2022/03/lintensa-lobbying-dellindustria-degli-armamenti-a-bruxelles/). Nulla è davvero cambiato. Salvo rare eccezioni (Airbus, il missile MBDA, ecc.), il consolidamento è in fase di stallo dal fallimento del matrimonio tra Airbus e la società britannica BAE Systems nel 2012, dopo il veto di Berlino. L’UE si è appena dotata di una “bussola strategica”, ma non ha una programmazione militare che fissi la rotta per gli industriali.

Le aziende rimangono gelose delle loro tecnologie e ogni paese desidera acquisire più posti di lavoro possibili. Gli stessi grandi programmi sono parte di una lotta continua: Airbus Defence & Space e Dassault (francesi) si oppongono sui controlli di volo degli aerei al centro del sistema di combattimento aereo del futuro previsto per il 2045; il carro armato MGCS dovrebbe essere costruito dalla joint venture franco-tedesca KNDS in sostituzione del francese Leclerc e del tedesco Leopard.

La guerra in Ucraina ha reso credibile lo scenario di un conflitto ad alta intensità in Europa occidentale e la sua industria deve riarmarsi. Tuttavia, alcune produzioni sono sotto pressione, la carenza di metalli strategici minaccia e le capacità di produzione sono limitate. A meno che non si creda alla folle scommessa lanciata da Jacques Attali per gestire le fabbriche di armi “24 ore su 24”, o anche per mobilitare le fabbriche di automobili (Les Echos del 25 marzo), è più ragionevole pensare che questo riarmo richiederà molti anni.

L’Europa rafforzerà la propria industria promuovendo acquisti di gruppo (mirati alle attrezzature europee), che rappresentano ancora solo l’11% della spesa pubblica per la difesa; e a ridurre la sua dipendenza dagli Stati Uniti identificando le sue carenze in una relazione semestrale (classificata). “L’UE ha subito lo shock che ha fatto avanzare la difesa europea: la guerra del Golfo, il Kosovo, il terrorismo, gli attacchi informatici, osserva Louis Gautier, ex segretario generale per la difesa e la sicurezza nazionale, sulla rivista online Le Grand Continent (10 marzo). Ogni volta, lo slancio è stato interrotto”. L’invasione dell’Ucraina non è uno shock, aggiunge, ma “un terremoto”. Tutti si aspettano un inizio, anche se la “Grande Armata” europea non è per domani.

da Le Monde

Traduzione di Turi Palidda

nota del traduttore: traduco questo articolo che conferma che l’Europa non esiste come entità politica capace di aspirare a una effettiva sovranità e resta del tuto subalterna agli Stati Uniti che dispongono di una potenza industriale militare che da decenni fagocita quella dei paesi europei e fra questi in primo luogo quella italiana grazie anche all’atlantismo estremo del PD

[1] Europe new arms hot spot: report: https://www.globaltimes.cn/page/202203/1254799.shtml

[2] https://www.sipri.org/media/press-release/2022/global-arms-trade-falls-slightly-imports-europe-east-asia-and-oceania-rise

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

armieuropaguerraRIARMOrussiaucraina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gaza: Israele bombarda i campi profughi a Rafah. Strage di civili almeno 45 le vittime.

Almeno 45 morti e 250 feriti: questo il bilancio parziale dell’ultima strage compiuta dall’esercito israeliano a Rafah, nella Striscia di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Student* pront* al dialogo: ma il rettore dov’è?

Siamo al sedicesimo giorno di occupazione e blocco nella sede Unito di Palazzo Nuovo, collocandoci attivamente all’interno del movimento internazionale di Intifada Studentesca che, ormai da mesi, si sta mobilitando per il boicottaggio accademico..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La preghiera del venerdì a Palazzo Nuovo : un bel bagno di realtà.

Cosa ci insegna la Palestina. Questo è stato il contenuto politico del discorso di Brahim Baya a Palazzo Nuovo occupato all’interno del momento di preghiera di venerdì scorso tenutosi in Università.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rivolte in Nuova Caledonia tra neocolonialismo e laboratorio repressivo.

Dallo scorso 13 maggio in Nuova Caledonia (Il piccolo arcipelago si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, a 1.300 chilometri dalle coste dell’Australia), è scoppiata una violenta rivolta dei nativi Kanak, da sempre sostenitori dell’indipendenza dell’arcipelago.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ostaggi della vendetta israeliana nella Striscia di Gaza: le testimonianze di 100 detenuti palestinesi rilasciati rivelano Crimini di Tortura e Trattamento Disumano

In un rapporto di oltre 50 pagine intitolato: “Ostaggi Della Vendetta Israeliana Nella Striscia Di Gaza”, l’Osservatorio Euro-Mediterraneo mette in luce la pratica diffusa di arresti collettivi e individuali arbitrari da parte delle forze israeliane contro i civili nella Striscia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

La truffa del G7: i ministri dei Paesi più industrializzati e inquinanti al mondo annunciano false promesse per fronteggiare la questione climatica.

Riflessioni e valutazioni conclusive di una settimana di mobilitazione, scritte a più mani tra chi ha partecipato al percorso di costruzione della contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Contro la vostra “pace” e il vostro “lavoro” la lotta è solo all’inizio

Primo maggio a Torino: con la resistenza palestinese, contro il governo della crisi sociale.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Puntata speciale 25 aprile: resistenze di ieri e di oggi.

In questa puntata del 25 aprile dell’informazione di Blackout abbiamo voluto sottolineare il legame forte e prioritario che ha la resistenza palestinese oggi con le possibilità che si aprono anche alle nostre latitudini.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Tamburini di guerra

Mentre gli stati continuano ad ammassare armamenti il tentativo di condizionamento dell’opinione pubblica sull’inevitabilità della guerra raggiunge nuove vette, tra giornalisti che lodano i benefici per l’economia dell’industria delle armi, propaganda nelle scuole e proposte politiche scellerate.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Le “collaborazioni” delle Università: ma la scienza è neutrale?

Se la scienza possa o non possa essere neutrale rispetto al suo utilizzo per finalità diverse è un tema che merita qualche riflessione non troppo superficiale.