InfoAut
Immagine di copertina per il post

Un festival per il primo anno di lotta NO KEU

||||

Il movimento NO KEU compie un anno e per l’occasione organizza un festival ambientale sui terreni coinvolti nella devastazione, di seguito indizione e programma, in coda il link alla sottoscrizione per sostenere la lotta.

Sabato 21 maggio festeggiamo tutte e tutti insieme un anno di lotta.
L’Assemblea Permanente No Keu promuove una giornata di festa e di mobilitazione, di incontro, scambio e riflessione per ribadire che le nostre vite sono più importanti dei profitti di pochi. Fin dalla nascita dell’assemblea, all’indomani della pubblicazione dell’inchiesta Keu, abbiamo dichiarato che la lotta sarebbe stata lunga, ma che questo non ci avrebbe spaventati. Dopo un anno siamo ancora qua a batterci per ottenere la bonifica dei nostri territori inquinati e per affermare un diverso sistema di gestione dei beni, dei servizi e delle opere pubbliche.

Ad oggi, infatti, non è stato ancora fatto niente per riparare all’inquinamento delle nostre terre. A dispetto delle promesse non è stato realizzato l’allacciamento all’acquedotto pubblico per le famiglie che ne sono sprovviste, né è stato avviato il piano di caratterizzazione che dovrà portare alla bonifica. E allo stesso tempo nessuno tra chi avrebbe dovuto si è assunto uno straccio di responsabilità politica per quanto accaduto.

Nel frattempo, però, quello che siamo riusciti a costruire in questi dodici mesi è un percorso di rivendicazione che vede partecipare residenti e cittadini, realtà sociali e politiche del nostro territorio e non solo. La lotta si è allargata nel tempo, stando dentro anche ad altre mobilitazioni sull’ambiente e sul lavoro e abbracciando sempre più soggetti e sempre più territori.

PROGRAMMA:

11.00 – 13.00
Un anno di difesa del territorio
Con: Assemblea Permanente NO KEU
Renato Scalia – Fondazione Antonino Caponnetto
Donatella Salcioli – Legambiente Valdera
Sergio Benvenuti – Coordinamento dei comitati della salute per la piana Prato e Pistoia

13.00 – 15.00
pausa pranzo

15.00 – 18.00
Plenaria: Vertenze ecologiste e sociali contro il ricatto ambiente-lavoro
Con: NoTav (Valsusa)
Mamme NO PFAS (Veneto)
Raggia Tarantina (Taranto)
Collettivo di fabbrica ex GKN (Piana fiorentina)
Texprint – SiCobas (Prato)
E molte altre realtà ecologiste toscane

18.00 – 22.00
Vino, birrette, dj set e cena

Durante tutta la giornata:
Spazio gioco per bambine e bambini
Banchetti informativi e raccolta fondi NO KEU
Spazio bar aperto

DOVE: uscire a EMPOLI centro, prendere per Castelfiorentino. Terza uscita della terza rotonda. https://goo.gl/maps/DzGmBSa2jjFAmt7x8

 

Aiutaci a finanziare la lotta No Keu

 È passato un anno dallo scoppio dell’inchiesta Keu, che ha portato residenti e militanti del territorio a mobilitarsi per salvaguardare i nostri territori devastati dall’inquinamento e per chiedere un diverso sistema di gestione di beni, opere e servizi pubblici.

Un anno di lotta che vogliamo celebrare con una giornata di confronto e di festa, il 21 maggio proprio di fronte al ”cerotto” sulla SR 429. 

Questa lotta sarà lunga e dura e vogliamo continuare ad affrontarla tutti insieme, con slancio e determinazione.

Per farlo abbiamo bisogno del contributo di tutti coloro che si riconoscono nei nostri obiettivi. Perchè la lotta costa, ma la lotta paga!

Dona qui

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

festivalNO KEU

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: sabato 15 giugno manifestazione popolare contro Grandi Opere Inutili e mafie

Che le grandi opere siano terreno fertile per le mafie non è una sorpresa. L’enorme scritta che ormai da 15 anni compare sul fianco del Musinè “TAV= MAFIA”, ne è una testimonianza concreta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Manifestazione di 2.000 persone contro il magazzino Greendock, tentativo di blocco della logistica e arresti.

Sabato, più di 2.000 persone hanno manifestato da Gennevilliers a L’Île-Saint-Denis per mostrare la loro opposizione a un gigantesco magazzino sulle rive della Senna e all’espansione senza fine dei magazzini logistici

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bill Gates, il miliardario che sta industrializzando l’agricoltura mondiale

Utilizzando milioni di dollari, la Fondazione Bill & Melinda Gates sta aggirando e plasmando le politiche agricole internazionali. I grandi vincitori di questo gioco antidemocratico sono le aziende agro-industriali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

ALTRI MONDI / ALTRI MODI VOL.II “Viaggio al centro della Terra”

Non si tratta di cercare degli altrove impossibili, altri mondi alternativi, comunità utopiche. Il centro della Terra è qui, in un angolo di mondo inesplorato.. in altri modi di agire, di contrapporsi, di emanciparsi, tutti da esplorare.

Immagine di copertina per il post
Culture

Bologna: (FE)STIVALe – il festival a sostegno delle popolazioni alluvionate

Una intera giornata nel parco Villa Angeletti a Bologna, con conferenze scientifiche, dibattiti, laboratori, esposizioni e tanta musica per riconnettere un’intelligenza collettiva che sappia immaginare un nuovo futuro dei territori e per raccogliere fondi per le popolazioni alluvionate per sostenere la ricostruzione sociale.

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi Off – Presentazione di “L’insurrezione immaginaria” e “La guerra capitalista”

Venerdì 21 aprile prima giornata “Off” di Altri Mondi / Altri Modi con una doppia presentazione di libri: “L’insurrezione immaginaria. Valerio Evangelisti autore, militante e teorico della paraletteratura” e “La guerra capitalista. Competizione, centralizzazione, nuovo conflitto imperialista”.

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi: i video degli incontri del secondo weekend di Festival

Il festival Altri Mondi / Altri Modi si è concluso, di seguito condividiamo i video degli incontri del secondo weekend di Festival. Abbiamo parlato di guerra, pandemia, periferie, crisi ecologica, e cementificazione, ma abbiamo anche discusso del ruolo dell’arte, di cosa vuol dire oggi in ogni ambito sognare Altri Mondi e costruire Altri Modi. Qui […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Festival Culturale

Tra guerre, crisi climatica, pandemie e recessione oggi parlare di futuro sembra equivalere all’evocazione di oscuri presagi. Il “futuro” sembra avvolto in una nebbia fitta e dopo oltre un secolo anche in occidente le aspettative delle giovani generazioni sono peggiori di quelle dei propri genitori.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Empoli: in migliaia contro gassificatore e devastazione ambientale

Ieri ad Empoli si è tenuta una manifestazione popolare che ha visto scendere in piazza migliaia di persone contro il progetto del nuovo gassificatore e sulla scia della devastazione ambientale che ha colpito il territorio.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

RADURA || SECONDA PUNTATA: “LAVORI IN PELLE”, UNO SGUARDO SUL COMPRENSORIO DEL CUOIO

In questa seconda puntata parliamo del comprensorio del cuoio. Esiste un angolo di Toscana dove persino le squadre giovanili dei paesi si chiamano come le diverse lavorazioni del cuoio, le testate di informazione locali contengono la parola cuoio nel loro nome e l’intero territorio viene definito principalmente intorno alla trasformazione della pelle. Tra inquinamento, sfruttamento […]