InfoAut
Immagine di copertina per il post

Fahrenheit 451 il futuro del libro

Una due giorni di incontri, esposizioni, dibattiti e musica per ragionare attorno al futuro del libro organizzata da Dans la Rue presso il Laboratorio Crash! – via della Cooperazione 10 – Bologna.

Sabato 07 Maggio

 Programma

17:30 – Che cos’è.
Workshop: come si fa un ebook in formato ePub?
Cosa ne pensano i programmatori, i redattori, i grafici impaginatori?
con:
Francesca Belloni (Jaca Book)
Nicolas Campagnari (Odoya edizioni)
Mauro Cremonini (direttore di produzione Odoya edizioni)
Luca Delponte (Expertsystem)
Alessandra di Dio (Aliberti Castelvecchi)
Ivan Venturi (Koalagames, autore del libro Facciamo un videogioco)
Max Di Fraia (Koalagames)

Nessun palco, nessuna cattedra, il workshop e la discussione saranno aperti a tutte e tutti
e verranno sviluppati orizzontalmente. Si potranno saccheggiare liberamente le informazioni dei relatori.

19:30 – Reading-presentazione (in anteprima) di “Rumble Bee” in uscita a Maggio per Agenzia X

con: Marco Philopat e Duka – Autori

Ovvero come si parte dalla fiera del libro più patinata d’Italia per
ritrovarsi (a proprio agio) negli scontri tra studenti dell’Onda e Forze di Polizia.

20:30 – “L’arte sottile dell’avvelenamento”
Momento di intrattenimento gastronomico: menù a bouffet ispirato alla letteratura noir e criminale. Ovviamente passibile di istigazione al delitto gastronomico…
Prenotazione obbligatoria scrivere a baz@ecn.org

21:00 – Gli autori e gli ebook.
La smaterializzazione della produzione letteraria, prospettive e trabocchetti.
Strategie ottimali per la circolazione di cultura.
con:
Valerio Evangelisti (Carmilla On Line, Mondadori)
Kai Zen J (ensemble Kai Zen, Mondadori, Verdenero)
Kai Zen B (ensemble Kai Zen, Mondadori, Verdenero)
Marco Philopat (Einaudi e Agenzia X)
Franco Vite (autore di Mela Marcia con NGN, blogger, promotore del
software libero)
Marco Ficarra (autore e collaboratore Beccogiallo, collaboratore RAM Bologna)
Anedo Torbidoni (web manager RAM)
Alberto Sebastiani (saggista, giornalista, docente, blogger)

A seguire un po’ di musica con dj Revolution Rock

Domenica 08 Maggio

Programma

15:30 – E’ possibile far incontrare reale e virtuale?
Incontro tra alcuni rappresentanti di piccole realtà distributive italiane.
Un punto di distribuzione fisico che mette in contatto editori e lettori è
un’utopia nell’era degli iTune store?
con:
Libreria del Magazzino 47 (BS)
Senza Pazienza (TO)
Infoshop Dans La Rue
e Libreria Trame (BO)
Centro di documentazione Primo Moroni (Ponticelli, Malalbergo Bo)

17:30 – Gli editori raccontano la propria proposta ebook.
Oggetti digitali, prospettive della pubblicazione.
Come salvare la bibliodiversità.
Investimenti in cultura.
con:
Mario Guaraldi di Guaraldi Editore
Marco De Simoni direttore editoriale Odoya
Marco Philopat per Agenzia X edizioni; Milano
Maria Cecilia Averame per Quintadicopertina; Genova
Simone Bedetti per Area51
coordinano:
Paola (Dans La Rue Infoshop) e Francesco Locane (Radio Città del capo)

Cena popolare di chiusura dei lavori.

A seguire:

La Compagnia Fantasma in:
Fahrenheit 451 di R.Bradbury
con:
Andrea Giovannucci e Daniele Bergonzi
musiche a cura di:
Stefano D’Arcangelo e Alessandro Giovannucci
organizzazione:
Cristina Buono
“Perché imparare altre cose che non siano premere bottoni, girare manopole, abbassar leve, applicare dadi e viti? Basterà vuotare i teatri, Montag, di tutto ma non dei pagliacci, e fornire ogni stanza di televisori, con bei disegni che si muovono come coriandoli”

Ingresso gratuito.

Leggi la piattaforma dell’iniziativa:

La lettura è passione, conoscenza, veicolo culturale, di affermazione di sé, la cultura è un’arma e i libri sono da sempre il veicolo migliore dei contenuti.

Ma si possono amare i libri e volerli superare?

Qualcosa sta cambiando nel panorama della distribuzione di contenuti. Nella decennale crisi italiana del libro si inserisce lo sviluppo delle possibilità di lettura su supporto digitale.
Nascono gli ebook.

I best seller in formato ebook vendono ormai più dei cartacei, negli Stati Uniti. Una folgorante ascesa che adombra un futuro forse ineluttabile, che sta già accadendo. Anche se questa è la versione dei fautori dell’ebook, di chi sta investendo.

In Italia siamo ancora all’anno zero di questa tecnologia, ma vari fatti si stanno susseguendo su questo fronte. L’impatto del marketing di ebook reader e tablet crea nuovi consumatori e fonda i presupposti per la diffusione dei nuovi libri. Gli autori si interrogano e si dividono, i professionisti si scontrano e si preoccupano, nascono nuovi editori e piattaforme…la confusione regna

E i formati?

Il formato epub è attualmente un passo avanti agli altri: trasferibile tramite internet, adattabile a ogni device, perfettamente leggibile, proprio come un libro solo molto, molto leggero e quindi trasportabile. La possibilità di inserire link di approfondimento nel testo è già ampliamente sondata. Con una certa approssimazione si può anche dire che presto potranno essere inseriti anche materiali video. Se i libri cartacei non verranno probabilmente mai sostituiti del tutto, è verosimile che sempre più lettori si indirizzino verso questo tipo di esperienza di fruizione.

Quindi attualmente la distribuzione del libro “fluido” è il nodo cruciale dello sviluppo del mercato editoriale. Una strenua competizione per primeggiare nel mercato della distribuzione, possibilmente surclassando i concorrenti per numero di copie vendute, crea scontri tra gruppi editoriali, tra agenti e case editrici, tra piattaforme di distribuzione.

Mp3 =ebook?

Ci sono delle differenze abissali tra l’esperienza di ascoltare musica e quella di leggere un libro. Funzionalità differenti. Modalità differenti di produzione. Gli autori non sono rockstar.
Per questo il ragionamento presenta degli elementi di novità rispetto alla rivoluzione avvenuta nel mercato discografico.

D’altro canto è molto forte il rischio, come è successo per iTunes, che un solo grande ente di distribuzione monopolizzi l’offerta di contenuti. A quel punto sarebbe davvero la fine di quella che è stata definita la “bibliodiversità”. Una folta, articolata, assidua nicchia di lettori apprezza all’oggi l’editoria indipendente e crea i presupposti per la sua sussistenza. Il lettore che ricerca i titoli da selezionare, leggere e portare a casa quasi fosse un atto politico, un gesto d’amore oppure un momento che crea la propria personalità come si comporterà di fronte a questo tipo di cambiamento? E il passaparola tra i lettori costituirà la fortuna di libri cartacei o di ebook?
E in che modo reperirà i titoli?

La risposta della repubblica dei lettori sarà determinante, come ogni desiderio condiviso muta il corso delle innovazioni tecnologiche.

I centri sociali e le associazioni culturali hanno sempre fatto circolare conoscenze tramite i libri.
Organizzato gruppi di discussione, incontri con gli autori. Hanno riprodotto parte della cultura e sviluppato negli anni la mala pianta della coscienza critica.

Con i libri e attraverso i libri.

Per questo oggi vogliamo proporre un punto di vista totalmente inedito sulla questione, un ragionamento dal basso.

I Montag del terzo millennio non impareranno i libri a memoria per farli sfuggire al rogo della cultura. Li inseriranno invece a migliaia nei propri hard disk per salvarli, riscriverli e farli circolare nelle proprie reti di distribuzione. Come virus contro il pensiero dominante.

Con la finalità di informare e riflettere collettivamente ne parleremo in quattro distinti momenti con:

– Autori e lavoratori dell’editoria
– Editori e librai indipendenti e gestori di infoshop

Il 7 e l’8 maggio al Laboratorio Occupato Crash invia della Cooperazione 10 a Bologna.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

internetlibri

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Kamo, Lenin e il “partito dell’insurrezione”

Emilio Quadrelli, L’altro bolscevismo. Lenin, l’uomo di Kamo, DeriveApprodi, Bologna 2024

Immagine di copertina per il post
Culture

Prefazione di Premières Secousses, il libro di Soulèvements de la Terre

Abbiamo tradotto la prefazione del libro dei Soulèvements de la Terre dal titolo Premières Secousses, uscito ad aprile per le edizioni La Fabrique.

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Immagini di classe. Produzione artistica, operaismo, autonomia e femminismo

Jacopo Galimberti, Immagini di classe. Operaismo, Autonomia e produzione artistica, DeriveApprodi, Bologna 2023

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il digital divide, riflesso del sistema egemonico mondiale

Internet nelle mani dei mastodonti
Il sogno di un pianeta connesso al servizio di tutti sembra irrealizzabile

Immagine di copertina per il post
Culture

“Macerie”, il romanzo-denuncia della scrittrice Miriam Marino

E’ uscito, con un nuovo aggiornamento, il bel libro della scrittrice Miryam Marino, artista e attivista della Rete ECO – Ebrei contro l’occupazione: Macerie.

Immagine di copertina per il post
Culture

«Fronte del porto», una recensione critica al libro di Sergio Luzzato sulla colonna genovese della Brigate rosse

L’imponente lavoro realizzato da Sergio Luzzato sull’insediamento delle Brigate rosse a Genova solleva un problema storiografico importante: l’arrivo della Brigate rosse è un parto degli intellettuali radicali della università di Balbi, come sostiene l’autore, oppure prende avvio all’Ansaldo e in porto, come riferiscono alcuni testimoni chiave, protagonisti di quella vicenda?

Immagine di copertina per il post
Culture

Non avrai altro idolo all’infuori di me

E’ un testo difficilmente catalogabile – ricco, vitale, debordante -, questo libro di Gianni Vacchelli. Perché sfugge sapientemente all’incasellamento di genere e di stile.

Immagine di copertina per il post
Culture

Samir Amin: eurocentrismo, malattia congenita del capitalismo

Nel 1988 usciva Eurocentrismo, di Samir Amin. La casa editrice La città del sole ha reso disponibile in italiano la seconda edizione dell’opera – Eurocentrismo. Modernità, religione e democrazia. Critica dell’eurocentrismo, critica dei culturalismi

Immagine di copertina per il post
Culture

Amianto: un libro terribile e bellissimo

Amianto è una storia personale, ma al tempo stesso collettiva, anzi archetipica. Renato è l’eroe working class che compie il viaggio nelle terre pericolose della produzione fordista: pensa di aver, non dico debellato, ma almeno recintato il campo d’azione del drago capitalista.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contro l’etica e la disciplina del lavoro che uccide

Sandro Busso, Lavorare meno. Se otto ore vi sembran poche, Edizioni Gruppo Abele, Torino 2023, pp. 190, 14 euro. di Sandro Moiso, da Carmilla La recensione di questa indagine di Sandro Busso, edita dal Gruppo Abele, arriva per esclusiva colpa del recensore un po’ in ritardo, ma d’altra parte non vi potrebbe essere momento migliore […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Eminenti ecologie. Ambiente e Bellezza in età vittoriana tra idillio e apocalisse

Lo sappiamo, l’età vittoriana con il suo impatto tanto vivido sull’immaginario di oggi, sorta di Paradiso perduto di eroi in mantellina e trine, pince-nez e ombrello (perennemente a spasso nell’odierno orizzonte transmediale, attraverso nuove edizioni di romanzi e racconti, trasposizioni su schermo, pastiche) rappresenta per altri versi e in modo concretissimo, in grazia del suo impero quasi planetario, una sorta di prova generale del nostro mondo globalizzato.

Immagine di copertina per il post
Culture

Un neo-neorealismo è possibile

Parafrasando il titolo di un suggestivo pamphlet di Walter Siti, Il realismo è l’impossibile (titolo che prende spunto da una frase che Picasso pronunciò di fronte al quadro di Gustave Courbet L’origine del mondo), si potrebbe affermare, invece, che un certo neo-neorealismo è possibile.