InfoAut
Immagine di copertina per il post

ORA BASTA! 2022 a Pisa in ricordo di Sciàscià

||||

Segnaliamo l’evento che si svolgerà a Pisa, presso lo Spazio Antagonista Newroz, il 23 e 24 settembre. Il ricavato andrà a sostenere i comitati per la salute in Palestina. 

Dopo due anni di stop, dovuti alla pandemia, ritorna la due giorni di iniziative in ricordo di Andrea Magagnini, Sciascià, nostro compagno e amico, scomparso nell’estate del 2006.

In quello stesso anno nasce l’iniziativa ORA BASTA! evento per ricordare Andrea attraverso la musica che amava e nelle tante lotte, vissute insieme nel passato e portate avanti ancora oggi.

Proprio in questo spirito, sin dalla prima edizione, abbiamo deciso di destinare il ricavato dell’evento a sostegno dei Comitati per la salute palestinesi (HWC-Health Work Committees) e, negli anni, è stato creato un piccolo ospedale, intitolato ad Andrea, ad Al-Mazra’a Al-Sharqiyeh, nei territori occupati, gestito dalla stessa HWC.

L’esistenza e l’agibilità di questa realtà, fondamentale alla sopravvivenza di una popolazione stretta nelle morse di un’occupazione militare e di una politica di aparthaid, viene compromessa, quando non resa impossibile, dalle continue restrizioni imposte dallo stato israeliano.

Fondata nel 1985 da un gruppo di volontari palestinesi che lavorano nel settore sanitario, l’HWC è un’organizzazione non governativa per la salute che si impegna a soddisfare le esigenze di assistenza sanitaria della popolazione palestinese che vive sotto l’occupazione israeliana.

Oggi il loro operato è ancora più a rischio.
Lo scorso 18 agosto le forze armate israeliane hanno fatto irruzione nelle loro sedi, sequestrando documenti e attrezzature e danneggiando i locali.
Lo stesso trattamento è stato destinato ad altre sei organizzazioni palestinesi, che oltre alle azioni militari hanno visto sigillare le porte delle proprie sedi con l’accusa di essere “organizzazioni terroristiche”. Si tratta di Organizzazioni Non Governative che si occupano di supporto legale, di sostegno di ogni tipo allə minori palestinesi rinchiusə nelle carceri sioniste, le realtà organizzate del lavoro agricolo e i comitati delle donne.

Queste incursioni e chiusure rappresentano da un lato, il tentativo di screditare quelle organizzazioni che, attraverso il loro lavoro (teso ad aiutare chi vive la tragedia dell’occupazione nella propria quotidianità), mettono in luce le gravi violazioni dei diritti umani perpetrati da israele; dall’altro, un ulteriore passo delle politiche di cancellazione di un’intera popolazione, attuate attraverso l’ostracismo ad iniziative sociali e culturali, l’impedimento ad una sussistenza alimentare, l’incertezza del diritto ad un sostegno legale e sempre maggiori ostacoli posti nell’accesso alle cure sanitarie.

E tutto questo nel silenzio complice, rotto da poche e rare voci, dei governi mondiali.
Il nostro sostegno ai Comitati per la salute intende proseguire, opponendoci alla loro criminalizzazione, denunciando pubblicamente quanto in atto in palestina, nei territori occupati e a Gaza, e continuando a devolvere il ricavato dell’evento in ricordo di Andrea, come già nei 15 anni trascorsi dalla prima edizione, per l’acquisto di medicinali, apparecchiature, strutture e tutto ciò di cui, in ambito medico, una popolazione ha bisogno, a garanzia del proprio diritto all’esistenza e all’autodeterminazione.

“Nei nostri cori e nelle nostre lotte. Sciascià siempre”

Lə compagnə di Andrea

Programma:

Venerdì 23
ore 18.00 presentazione del libro “10 miti su Israele” di Ilan Pappé Tamu edizioni) con la traduttrice Federica Stagni e aggiornamento sulla situazione in Palestina.
a seguire aperitivo
Sabato 24
ore 19.00 proiezione del documentario “Se ho vinto se ho perso” di Gianluca Rossi con i KINA (https://bit.ly/3TcKTDl)
ore 22.00 concerto con Not Saved e Bloody Riot
Qui l’evento in aggiornamento
Il ricavato della due giorni andrà a sostenere i comitati per la salute palestinesi!
L’evento è organizzato da Antangonis* pisan*, Mau Ovunque e Oi! Block Pisa

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

palestinapisasciascià

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

I fumetti di Mao

Chi è che mette sotto accusa i fumetti occidentali (indipendentemente dalla ideologia specifica che veicolano)? Di solito è l’intellettuale di tradizione umanistica che vi vede un depauperamento di quelle possibilità educative che dovrebbero essere realizzate dai libri, dalla scuola, dal teatro.

Immagine di copertina per il post
Culture

Per tutto il periodo natalizio, fino al 3 gennaio, Torino spiegherà ai suoi cittadini cos’è l’apartheid israeliano

Grandi schermi luminosi posti alle fermate dell’autobus mostreranno un messaggio chiaro e semplice sul sistema di oppressione messo in atto da Israele nei confronti dei palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Martino Taurino – A Guera…

Tutte le guerre sono combattute per denaro.
(Socrate)

Immagine di copertina per il post
Culture

Quarticciolo: Insieme tutto è possibile!

Regala un abbonamento sospeso alla Palestra Popolare Quarticciolo

Immagine di copertina per il post
Culture

Geopolitica della qualificazione del Marocco

Dopo aver sconfitto il Portogallo il Marocco è alle semifinali contro la Francia. Un match estremamente simbolico esattamente quanto quelli che l’hanno preceduto. Le ripetute vittorie hanno generato festeggiamenti in ogni angolo del continente africano e anche in molte periferie d’Europa.

Immagine di copertina per il post
Culture

Juventopoli e dinastia Agnelli: lo specchio del capitalismo italiota

E’ una banalità confortante e molto spesso falsa quella che afferma che “il pallone è lo specchio del paese”. E però quanto sta succedendo in casa Juve, al di là della telenovela familiare, è indicativo dell’identità del capitalismo italiano (e probabilmente non solo).

Immagine di copertina per il post
Culture

La resistenza del popolo valsusino

E sono i volti, scolpiti nella pietra delle montagne della Valsusa e allo stesso tempo dolci, di Nicoletta, Marisa e Paolo, mentre parlano nelle assemblee o discutono con gli “occupanti” oppure scrivono slogan con le bombolette spray sulle barriere del cantiere in Clarea, a rivelarci ancora quanta forza e quanta determinazione ci siano dietro a questa lotta.

Immagine di copertina per il post
Culture

Mondiale, Olimpiadi, Tour de France… L’overdose delle competizioni climaticide

Sci nel deserto, stadi monouso… La Coppa del Mondo in Qatar non è l’unico grande evento sportivo a distruggere l’ambiente. Si preparano nuove bombe climatiche.

Immagine di copertina per il post
Culture

Palestina: dovrei credere nella violenza?

Con il 2022 destinato a essere “l’anno più mortale” per i palestinesi in Cisgiordania, Mohammed El-Kurd rifiuta di essere costretto a giustificare il diritto del suo popolo di resistere all’occupazione israeliana, in particolare a coloro che approvano la violenza perpetrata su di esso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: Amnesty International deve essere messa a tacere!

I pannelli luminosi che riportano la denuncia di Amnesty e la condanna dell’Apartheid israeliano devono spegnersi a Torino e mai accendersi a Milano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele: nasce il governo più a destra di sempre. Proteste fuori dalla Knesset

Al via dentro la Knesset, il Parlamento di Tel Aviv, il dibattito che porterà alla nascita del governo israeliano più a destra di sempre, fondato sull’accordo tra il Likud di Netanyahu (di nuovo premier), l’ultradestra religiosa e di quella, ancora più a destra, di Potere Ebraico e Sionismo Religioso, espressione politica dei coloni più oltranzisti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Tana dei Leoni non è un fenomeno transitorio: si profila una rivolta armata

Disincantati dal modello politico fallito dell’Autorità Palestinese e sempre più impressionati dalla resistenza armata a Gaza, una ribellione armata in Cisgiordania è semplicemente una questione di tempo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Pisa. La lotta rinvia lo sfratto di Natale

Venerdì 23 dicembre si è tenuto lo sfratto esecutivo nei confronti del nucleo familiare di Gigliola e suo nipote minorenne. La lotta ha portato alla sospensione dell’esecuzione e al suo rimando al 2024. Questo provvedimento esecutivo è stato richiesto dal proprietario per morosità. Da 66 anni questa inquilina vive in alloggi di proprietà di un marchese […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Corteo per il diritto all’abitare a Pisa: le case vanno assegnate!

Venerdì 16 dicembre a Pisa diverse centinaia di persone hanno manifestato per il diritto all’abitare dignitoso, il blocco degli sfratti e la giustizia abitativa.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Diretta di Radio Blackout dal presidio permanente allo Spazio Popolare Neruda.

L’info del giovedì si è spostata davanti allo Spazio Popolare Neruda per accompagnare il presidio permanente in attesa dell’esito della Cassazione che dovrà esprimersi sull’inasprimento delle misure cautelari voluto dalla Procura di Torino a riguardo di compagni e compagne accusate di associazione a delinquere.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’intifada social: come i giovani palestinesi usano i social media per creare forme istantanee di attivismo

I social media hanno incanalato la rabbia e il risentimento contro l’occupazione, ma sono anche diventati il nuovo canale attraverso il quale i giovani possono identificare e trovare un terreno politico comune.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ragazzina palestinese uccisa da cecchino israeliano a Jenin

Il ministero della Sanità palestinese ha dichiarato che un’adolescente è stata uccisa dal fuoco dei cecchini israeliani ieri sera, domenica, nella città di Jenin, nel nord della Cisgiordania occupata.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India, Israele e il progetto di “greenwashing” che prende forma in Kashmir

Attivisti e studiosi avvertono che l’India sta cercando  di replicare il modello applicato da Israele in Palestina nel Kashmir da lei controllato.