InfoAut
Immagine di copertina per il post

Bologna: Priorità (ri)gettate nel fango

Mentre la pioggia continua a sgorgare senza freni sulla nostra regione, mentre i danni causati da questa crisi continuano a sommarsi disastrosamente, mentre continuiamo a spalare via il fango con cui ci hanno sommerse, le priorità del ministero degli interni si confermano chiare: rigettare per l’ennesima volta l’istanza di ricorso sull’obbligo di firma delle 12 studentesse sotto cautelari da più di 4 mesi.

da CUA Bologna

È evidente che ci troviamo davanti a un governo che si muove su binari non solo indifferenti alla fame e alla distruzione che produce, ma del tutto contrari a qualsiasi possibilità di vita dentro questo letamaio. Un governo che mentre le nostre case sono distrutte continua a spendere miliardi per finanziare la guerra, un governo che invece di impiegare forza pubblica per aiuti concreti alle popolazioni alluvionate promuove esercitazioni militari, un governo che mentre ci si organizza per gettare via il fango con cui ha sommerso le nostre vite, ce lo rigetta addosso con la stessa nonchalance con cui rigetta i nostri ricorsi. 

La questura e i tribunali della città di Bologna oggi rasentano la meschinità più viscida, dato che in più di un mese di alluvione le uniche azioni concrete che hanno promosso sono state: lo sgombero dell’occupazione ecologista di via Agucchi letteralmente sotto fiumi di pioggia, lo sgombero dell’occupazione trasfemminista della Vivaia neanche due settimana dopo che 14 persone avevano perso la vita a pochi passi da noi, l’impuntarsi sulla continuazione di 12 misure cautelari senza riuscire ad articolare alcuna motivazione nell’istanza di rigetto. 

Cautelari emesse per cosa? Per aver sanzionato un supermercato con della vernice, quando da 4 settimane le nostre vite sono costantemente sanzionato da bombe d’acqua e fango. 

Lo abbiamo già detto, we are not fucking angels. Siamo la generazione che da più di cinque anni protesta contro la cementificazione dei territori, per dire che l’emergenza climatica esiste, che va fermata subito e che vanno fermati i suoi responsabili, la generazione che sanziona, che occupa, che trasgredisce. Quella stessa generazione che però conosce bene il valore della solidarietà, e che davanti alle emergenze si rimbocca le maniche per aiutare, per distruggere l’individualismo, per creare percorso politico capace di immaginare mondi nuovi. 

Si sa, c’è chi il fango lo getta via e chi lo rigetta sopra. Ma tranquilli: più ce ne scaricate e più ve ne sarà restituito durante la marcia regionale del 17 giugno.

Ora più che mai, FERMIAMOLI!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

alluvionecua bolognamisure cautelarisgomberi

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia Romagna: a un anno esatto dalla prima devastante alluvione, qual è la situazione dei territori colpiti?

Furono giorni drammatici, convulsi, in cui non mancò tuttavia uno slancio solidale esteso e diffuso, con ben pochi precedenti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Bologna: Studentessa colpita con un calcio al pube. I collettivi accusano polizia

E’ successo durante le proteste che mercoledì hanno risposto agli sgomberi di via Corticella e via Filopanti: è “una violenza sessuale praticata da un uomo, nel corso dello svolgimento di un’attività in divisa”, affermano Cua e Plat, annunciando l’intenzione di “denunciare questo poliziotto, il suo caposquadra, il questore ed il ministro”.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Nuovo “pacchetto sicurezza”: piu’ armi per le forze dell’ordine, piu’ carcere per tutti gli altri

Il Consiglio dei ministri ha approvato l’ennesimo pacchetto sicurezza: un libro degli orrori con le forze dell’ordine che potranno pure avere un’arma privata a casa, un nuovo reato per le proteste nelle carceri; da 2 a 7 anni per chi occupa un immobile a scopo abitativo e procedure lampo per gli sgomberi degli immobili, 6 anni per la proteste dei migranti nei lager detentivi chiamati Cpr, un ulteriore giro di vite sui blocchi stradali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Toscana sott’acqua e quei soldatini di piombo che ignorano la “prevenzione civile”

Le intense piogge di inizio novembre hanno provocato esondazioni e allagamenti nella Regione. La piana che va da Pistoia a Firenze era una naturale vasca di laminazione dei corsi d’acqua che scendono dall’Appennino ma è stata riempita di cemento, fino a soffocarla.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: Glitchousing Project – Nuovo spazio occupato nel cuore della città

L’ex Istuto Zoni, una residenza universitaria privata della fondazone R.U.I. da anni in disuso, è stata occupato questa mattina dal Collettivo Universitario Autonomo di Bologna. “Nasce Glitchousing Project”, scrive il CUA, “una piattaforma ibrida di immaginazione per un abitare nuovo e sociale”. “All’interno del Glitchousing Project”, prosegue il CUA, “si trovano gli Student Hostel: spazi […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

L’Emilia-Romagna cancella la Valutazione ambientale strategica: il cemento governa

All’Emilia-Romagna non sono bastati gli argini dei fiumi spazzati via dall’alluvione. La Giunta Bonaccini ha voluto con le sue mani abbattere altri argini, gli unici rimasti a frapporsi tra le ragioni della natura e del suolo e gli artigli del cemento: quelli cioè della Valutazione ambientale strategica (Vas).

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Non chiamatelo maltempo

Nelle ultime settimane l’Alta Valle di Susa è stata scenario di diversi eventi di dissesto idrogeologico causati dalle abbondanti piogge che in breve tempo sono cadute su terreni secchi e aridi provocando esondazioni e grosse frane.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia-Romagna: il generale Figliuolo commissario governativo per i territori alluvionati

Il governo Meloni ha deciso di nominare un commissario straordinario per il post-alluvione nei territori dell’Emilia Romagna colpiti dalla catastrofe eco-climatica lo scorso mese di maggio.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La folle legge regionale che in Liguria fa edificare nelle aree a pericolosità idraulica

Non sono bastate tre alluvioni e 41 morti per capire che non bisogna aggiungere un metro cubo nelle aree a pericolosità idraulica ma semmai liberare dal cemento e ridare agio ai fiumi. Il caso paradossale del nuovo progetto della Regione dove già il 23,2% dell’urbanizzato è in aree a elevata pericolosità idraulica.