InfoAut
Immagine di copertina per il post

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi. La ministra si è allontanata dal palco parlando di “censura” nei suoi confronti. La giornata è proseguita con un’assemblea nazionale dal titolo “Un altro genere di educazione”.

Di seguito riportiamo il comunicato del collettivo Spine nel Fianco di Catania.

Questa mattina a Roma – in occasione dei due giorni di convegni degli Stati Generali della Natalità a cui sono stati invitati ministri come Valditara, Roccella, Salvini e Tajani – in centinaia abbiamo organizzato una contestazione all’interno dell’Auditorium della Conciliazione.

Quando la Ministra per la Famiglia, per la Natalità e per le Pari Opportunità Roccella ha iniziato a parlare abbiamo alzato dei fogli con scritto “Sul mio corpo decido io”. Una studentessa è stata fatta salire sul palco per spiegare i motivi di questa manifestazione, nonostante sia stata interrotta più volte: «Il ministro Valditara convoca il convegno degli Stati Generali della natalità invitando alla partecipazione tutt3 l3 student3 della regione:
“I figli sono un dono, ma rappresentano anche sa capitale amano, sociale e lavorativo. Essi sono il bene più importante che ogni generazione produce e che lascia in eredità al mondo che verrà.” Questo slogan, a partire dal quale verrà inaugurata la conferenza, indica chiaramente la linea politica che il governo intende perpetuare. Se le parole d’ordine dei cortei quest’anno sono state educazione sessuoffettiva e al consenso a carattere transfemminista, I’unico responso ricevuto sembra essere: “per voi, su di voi, scegliamo noi”. Questo stesso convegno è convocato, dopo mesi di silenzio, come unica risposta ad un intero anno di lotte, di richieste portate nei nostri istitati e di fronte al Ministero con l’obiettivo di ottenere un nuovo genere di scuola e di educazione, eppure mostra una linea politica chiara: indebolire le nostre possibilità di decidere sui nostri corpi.
Il mondo economico, sociale e lavorativo in cui viviamo è bipartito tra una funzione produttiva maschile, ed una ri-produttiva, propria del genere femminile.

Se la prima funzione è di comando e detiene un ‘importante considerazione (poiché genera profitto), la seconda, è legata al mondo dell’educazione, della cura, del mantenimento, e non è riconosciuta come altrettanto rilevante, in quanto impegno sociale non capitalizzabile. In una società che vede nel corpo femminile una macchina da regolare rigidamente e su cui speculare, la maternità diviene l’unico obiettivo di vita da auspicare, una maternità che però è svuotata del suo valore affettivo, in quanto è strumento di produzione di un nuovo capitale umano per l’alimentazione del sistema capitalistico.
Contemporaneamente, è assente un effettivo supporto nel fornire i mezzi necessari per la costruzione del gruppo-famiglia, ma non solo: è proprio questo il contesto che vede una messa in discussione della possibilità di scelta in merito a tale costruzione.

Il diritto all’aborto è oggi in Italia sempre più a rischio, minato da continue proposte legislative restrittive, quali l’estensione dei tempi di attesa obbligatori, o l’introduzione di clausole di coscienza degli oneratori sanitari. Intanto sono minacciati anche consultori e luoghi di prevenzione, attraverso continue chiusure e l’inserimento di personale proveniente da realtà antiabortiste. Inoltre, l’unico modello di famiglia considerato accettabile è esclusivamente quello della famiglia tradizionale eteronormata e cispatriarcale E di fronte a questa politica di violenza che dobbiamo rispondere, decostruendo un modello rigido di famiglia tradizionale eteronormata e cispatriarcale e costruendo insieme un percorso di pedagogia transfemminista all’interno delle scuole e degli istituti di formazione Questo tipo di educazione non viene infatti garantito dal sistema scolastico, guidato da un Ministero che promuove un sapere patriarcale, e che presenta proposte sul tema che non sono in alcun modo indirizzate a prevenire le violenze ma a riprodurre questi schemi di potere. Ad oggi non è sufficiente offrire supporto contro le violenze, ma è necessario prendere in considerazione ogni discriminazione e sradicare dalle fondamenta una società violenta e dominata da rapporti di forza, decostruendone gli spazi, a partire da quelli scolastici, per permetteme un attraversamento libero e sicuro a tutta le soggettività.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Salone del Libro viene bloccato per la sua complicità al sionismo: la vittoria della mobilitazione per la Palestina!

Sabato pomeriggio, con il coordinamento Torino per Gaza ci siamo dati appuntamento a ridosso della metro Lingotto per raggiungere il Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Siamo di fronte al movimento studentesco globale della nostra epoca?

Le mobilitazioni in sostegno alla Palestina che attraversano le università in tutto il globo stanno indicando alcune questioni fondamentali.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La voce per la Palestina non si arresta!

Torino, presidio al commissariato San Paolo oggi pomeriggio alle ore 18 per Sara.

Di seguito pubblichiamo il comunicato del coordinamento cittadino Torino per Gaza.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno è antifascista!

Giovedì 2 Maggio il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini è venuto a Livorno per presentare un suo libro, vergognosamente ospitato all’interno del cinema teatro “4 Mori”..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Lettera delle università palestinesi agli studenti e ai docenti degli accampamenti di solidarietà a Gaza nelle istituzioni accademiche statunitensi

In un momento in cui le voci degli oppressi vengono intenzionalmente messe a tacere, la vostra solidarietà funge da faro di speranza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.