InfoAut
Immagine di copertina per il post

Le madri non scrivono, vengono scritte

Pubblichiamo il contributo della Mala Servenen Jin – Casa delle donne che combattono di Pisa su quanto accaduto a Roma questo fine settimana.

Vogliamo riportare questo esempio di narrazione tossica conseguente a una violenza patriarcale difficile da nominare e riconoscere.

Queste righe sono piene di rabbia ma anche di voglia e necessità di lottare insieme, per affrontare le violenze che viviamo nell’individualità ma che possono essere cambiate solo collettivamente.

I titoli si affollano, colpevolizzanti verso la madre, verso le ostetriche, verso le infermiere… dipende dalle testate.

Potremmo chiamarla violenza ostetrica, è qualcosa che già abbiamo sentito nominare, in Venezuela è così definita dalla legge “l’appropriazione del corpo e dei processi riproduttivi della donna da parte del personale sanitario, che si esprime in un trattamento disumano, nell’abuso di medicalizzazione e nella patologizzazione dei processi naturali, avendo come conseguenza la perdita di autonomia e della capacità di decidere liberamente del proprio corpo e della propria sessualità, impattando negativamente sulla qualità della vita della donna”.

Ma “violenza ostetrica” è estremamente riduttivo. Non si tratta del parto e post-parto e basta, ma del processo violento che subisci dall’inizio della gravidanza, spesso e volentieri in ambito “sanitario” ma non solo, in cui ti inculcano la sottomissione ad un ruolo patriarcale della maternità fatto di sacrificio, sofferenza, solitudine, competizione, vergogna in cui la tua identità non esiste più e non deve esistere, deve essere sepolta nel ricordo, non devi chiedere ne pretendere niente, devi riuscire da sola se no non sei buona, non sei forte abbastanza, non sei abbastanza “autodeterminata”. Ti sottoponi a livelli di stress, di carico di lavoro emotivo, fisico e mentale CONTEMPORANEAMENTE, è impensabile ma il mondo intorno a te è lì a dirti continuamente che non fai niente di speciale, niente di straordinario, tutto ordinario e “naturale”.

In una crisi sociale, economica, ecologica, pandemica e altre amenità di questa epoca, diciamocelo da sole che invece facciamo troppo!

E più facciamo e più ci viene chiesto, anzi preteso!

E se ti viene concesso qualcosa è sempre in cambio di qualche altro sacrificio TUO, ma in quel momento non puoi farne a meno, non hai scelta.

Così funzionano le istituzioni sanitarie, sociali, educative…e purtroppo non solo le istituzioni ma anche tanti rapporti umani, in una società intrisa di patriarcato, classismo, sessismo e razzismo invisibilizzati.

Per concludere riportiamo solo un esempio condiviso con noi e che probabilmente sarà comune a tantә.

Se scegli (?!) un reparto maternità in cui fanno rooming-in (neonato in camera) sei sola, con altre neo-mamme doloranti e neonatə urlanti 24h/24h. L’alternativa è non avere scelta nel rapporto con tuә figlә, che vedrai solo a orari preordinati.

Dicono che è per rafforzare il rapporto mamma-figlə, come se non avessi anni davanti a te per costruirlo. Se devi andare in bagno (con il tempo e il coraggio che ci vuole in quelle condizioni), mangiare o dormire un po’ devi chiedere e non sempre ti è concesso, te lo fanno pesare (salvo eccezioni) quasi fossero capricci, dimostrazione di incapacità, fallimento…

Per com’è organizzato, spesso e volentieri, è più un modo per il sistema sanitario nazionale di risparmiare sul personale, come su tutto ovviamente, ma su queste cose ci vanno giù di colpevolizzazioni sulle donne (e sul personale, con conseguenze diverse).

Ciò che spacciano come sostegno all’autonomia e alla scelta lo è solo a certe condizioni, pesanti condizioni. Sei mamma devi patire. Lo devi capire da subito!

Pensiamo a questa donna, a come si sentirà.

Mediatimo vendetta per tutto questo male che ci fanno da millenni!

“Hermana, si mañana soy yo, si mañana no vuelvo, destruyelo todo”

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

narrazioni tossiche

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]