InfoAut
Immagine di copertina per il post

Revenge porn: ancora giochetti politici sui nostri corpi!

||||

Mentre prende il via la vergognosa kermesse veronese del Congresso Mondiale delle Famiglie, una nuova pessima pagina di strumentalizzazione e gioco politico sui corpi, principalmente delle donne, si è scritta ieri in Parlamento.

Da un lato il MoVimento 5 Stelle ha proseguito in quello che sembra riuscirgli meglio dallo scorso giugno, ovvero sviluppare le peggiori imprese di masochismo politico e comunicativo.

Rifiutando, con l’attenzione mediatica tutta su Verona, di approvare la proposta di legge sul revenge porn promossa da PD e Forza Italia, per l’ennesima volta i 5 stelle sono riusciti a dare di sé stessi l’immagine di partito che tradisce la sua teorica anima progressista, appoggiandosi sulle più becere tattiche e pratiche parlamentari. A poco servirà la marcia indietro annunciata da di Maio qualche ora dopo, l’ennesima figuraccia di comunicazione politica è stata fatta.

Dall’altro lato vediamo come i partiti promotrici della proposta l’abbiano lanciata nonostante sapessero benissimo dell’arrivo in Parlamento di una futura mozione pentastellata sullo stesso tema. Mozione che sarebbe sicuramente passata.

Obiettivo non era quindi quello di fare passare un provvedimento su un tema così delicato, ma semplicemente cercare di affermare la propria identità politica. Una mossa puramente cosmetica. Anche quando ( in particolare la storia di Forza Italia lo dimostra ) sul tema dei diritti delle donne in passato si è fatto il peggio del peggio. A cadere nel tranello è stato il sempre più sveglio Movimento.

Del resto, quando vediamo che di fronte ad ogni discussione sulla possibilità di un reddito di cittadinanza, di esistenza, garantito, manco a dire di autodeterminazione, partiti come Pd e Forza Italia sono sempre sulla barricata opposta, riusciamo a capire la loro reale volontà politica.

Che non è tanto quella di procedere nel percorso di emancipazione sociale della donna, la quale passa certamente anche attraverso la possibilità di non essere ricattata per qualunque suo legittimo comportamento sessuale. Ma piuttosto quella per la quale non è contemplata la possibilità di un’azione politica che vada oltre la tutela, la “protezione”, provando a mettere in campo misure strutturali di sostegno al reddito e contro lo sfruttamento nell’ambito del lavoro produttivo e riproduttivo.

La tutela contro la vendetta e il ricatto a sfondo sessuale è sacrosanta. Ma se vi “proteggiamo”, sembrano dirci, è solo per rendervi produttive ai nostri fini. Che poi viste alcune sentenze pure sulla “giustizia” delle aule di tribunale avremmo qualche dubbio..

Insomma, quella di ieri è un’ennesima pagina ridicola di violenza istituzionale sul corpo delle donne e di tutti quelli che subiscono quotidianamente pratiche di ricatto come quelle che vanno etichettate sotto il nome di revenge porn.

Ci parla di paternalismo, di strumentalizzazione, di controllo. Di tutto quello insomma che da oggi e in particolare domani metteremo sotto attacco a Verona!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

CONGRESSO MONDIALE DELLE FAMIGLIEREVENGE PORN

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

No agli antiabortisti nelle strutture pubbliche!

Giovedì 11 luglio alle ore 12 si terrà una conferenza stampa davanti all’Ospedale Sant’Anna a Torino (ingresso via Ventimiglia) organizzata dal Comitato per il Diritto alla Tutela della Salute e alle Cure – Piemonte.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Le donne africane e la difesa della terra e dei beni comuni

Due articoli tratti dalla WoMin African Alliance, scritti in occasione della Giornata della Terra (22 aprile) e della Giornata internazionale della biodiversità (22 maggio).

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Piemonte. La crociata del centrodestra contro l’aborto

Due milioni e 340 mila euro per finanziare le associazioni antiabortiste in Piemonte. Li ha stanziati il governo di destra della Regione Piemonte dal 2022 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Educazione patriarcale e violenza mediatica: alcune voci

Riprendiamo alcuni dei punti di vista emersi negli ultimi giorni riguardo alla vicenda che ha coinvolto un’educatrice di una scuola per l’infanzia privata del Torinese, messa alla gogna e licenziata dopo che l’ex fidanzato ha diffuso pubblicamente video di natura privata agli amici, attraverso la “chat del calcetto”. Il video è poi arrivato sui gruppi […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Archiviato il Ddl Pillon

Spadafora, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, dichiara archiviato il Ddl Pillon. La notizia viene diffusa appena dopo il Congresso sulla Famiglia di Verona che ha visto 100.000 persone contestare l’evento mentre si apriva l’ennesima crisi di governo tra le forze di maggioranza. Arriva quindi un riconoscimento chiaro alle lotte femministe che hanno riempito le strade […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Più di centomila contro il Congresso Mondiale delle Famiglie

Si sta tenendo a Verona “XIII Congresso mondiale delle famiglie” che raccoglierà dal 29 al 31 Marzo, i movimenti prolife, antiabortisti e antidivorzisti, di tutto il mondo. Sono già decine di migliaia le persone che stanno invadendo la città scaligera contro questa provocazione che saldala violenza neoliberale alla mentalità confessionale dell’ultradestra. I fascisti di Forza […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Verona è un campo di battaglia

Il 29, 30 e 31 marzo si svolgerà il World Congress of Families ma negli stessi giorni Verona sarà attraversata da iniziative, assemblee e sabato 30 da un corteo lanciato da Non Una Di Meno. Di seguito alcune riflessioni in vista di questa importante mobilitazione internazionale. Nel nostro paese si susseguono le proposte di legge […]