InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il punto reale sulla vertenza Gkn

Riprendiamo dal Collettivo di Fabbrica GKN un articolato aggiornamento sulla vicenda che coivolge la fabbrica di Campi Bisenzio…

Un testo lungo, ma necessario. Il punto reale sulla vertenza Gkn.

1. Gkn Firenze è una fabbrica sull’orlo del baratro. Uno stabilimento fermo che brucia liquidità. Non siamo arrivati qua per caso. La delocalizzazione, il mancato intervento dello Stato, l’affossamento di una legge antidelocalizzazione, dieci mesi di immobilismo e chiacchiere dell’attuale proprietà: questi sono i responsabili. Si affaccia lo spettro del fallimento. Legittimo chiedersi a questo punto se non lo si stia pilotando. In ogni caso nessuno faccia finta di non sapere. L’immobilismo, ora più che mai, è complice.

2. La nostra prima linea di difesa, da sempre, è questo territorio. E noi lo chiamiamo di nuovo a raccolta, a insorgere, ad abbracciarsi. Non per noi, ma per tutte e tutti. Perché qua non hanno sfondato allora e non devono sfondare adesso. Chiunque abbia speso un solo minuto del suo tempo a difesa della Gkn, oggi si deve sentire derubato del proprio impegno, indignato e raggirato.

Chiamiamo a una grande assemblea popolare di Campi e della piana fiorentina il 9 novembre, quando saranno 16 mesi di assemblea permanente, presso il Circolo Rinascita a Campi Bisenzio, alle h 20.30. Per raccontarvi della nostra vertenza, ma non solo. Per discutere di “noi”: chiedervi come state, parlare di carovita, nocività e privatizzazioni dei nostri beni comuni.

3. Borgomeo era l’advisor di Gkn. Poi è diventato il compratore di Gkn. L’ha fatto con una serie di accordi riservati, sopra le nostre teste. Accordi che hanno probabilmente disallineato la proprietà giuridica dal possesso sostanziale. Se così fosse, la reindustrializzazione è stata minata sin dall’inizio e questi dieci mesi solo una farsa con cui logorarci. E’ lecito ormai ipotizzare che l’intera operazione sia avvenuta in intesa con Melrose e che l’attuale proprietà non sia e non sia stata altro che una “testa di legno” impegnata a concludere “dolcemente” il lavoro sporco del fondo finanziario.

4. Incredibile mettere in fila la quantità di incontri, dichiarazioni, incongruenze di dieci mesi. Il piano industriale non c’è mai stato, ma solo e soltanto un generico abbozzo di progetto di prodotto. Il consorzio era ed è sempre stato solo un diversivo: un consorzio di ricerca non può essere soggetto della reindustrializzazione. Ora, in compenso, Qf è uscita – o è stata esclusa? – pure dal consorzio. Borgomeo ha affermato che l’accordo di sviluppo e i fondi pubblici erano un presupposto della reindustrializzazione. Non ha presentato al Mise i documenti per accedere all’accordo di sviluppo. Ergo, egli stesso mina i presupposti della reindustrializzazione. Se non c’è dolo, c’è incapacità.

5. Dopo le prime settimane di cassa integrazione ordinaria, Qf doveva accedere alla cassa di transizione. Per accedere alla cassa di transizione, ci deve essere una “transizione”. La transizione è dimostrabile solo con un piano industriale, contratti commerciali ecc. Tutto questo non c’è e forse non c’è mai stato. Invece di fare chiarezza, Qf ha prorogato unilateralmente la cassa integrazione ordinaria fino ad ottobre. Ora chiede una cassa integrazione straordinaria in deroga retroattiva. Il Ministero del Lavoro, con evidente pressione di Confindustria, si è reso disponibile a tale meccanismo. Una cassa retroattiva di questo genere sarebbe uno scandalo, sociale e formale. L’attuale proprietà ha perso tempo e oggi usa il tempo perso per ricattarci ed avere la cassa. Chiunque copra tale meccanismo è responsabile di ulteriore tempo perso. Tempo sprecato con soldi pubblici.

6. Siamo quindi ostaggio di questo perverso livello di ambiguità. Noi presidiamo fisicamente la fabbrica da sedici mesi. Ma è l’attuale proprietà a tenerla in ostaggio. Metta a disposizione chiarezza, struttura societaria, a chiunque voglia realmente rilanciare lo stabilimento. Da parte nostra, ci stiamo dotando dello strumento giuridico della Società Operaia Mutuo Soccorso Insorgiamo, oltre che di un comitato tecnico scientifico. Il nostro piano industriale e tutti i legami con le competenze solidali creati dal Collettivo di Fabbrica sono oggi vanificati e umiliati da una proprietà che fa da tappo, invece di mettersi a disposizione.

7. Senza intervento pubblico, il destino di Gkn è segnato. Lo Stato dice di non potere. Ma non può perché non vuole. E non vuole perché non può. La nostra legge antidelocalizzazione giace in Parlamento. Se il Mise, Invitalia, Regione, Cassa Depositi e Prestiti, non trovano le forme per entrare nel capitale di Gkn, il destino è segnato. Contemporaneamente il collettivo di fabbrica non permetterà che un solo euro pubblico sia sprecato per scaricare le colpe del privato sul pubblico. Chiediamo fondi pubblici, controllo pubblico, pubblica utilità. L’assemblea permanente, il collettivo di fabbrica, le competenze operaie e la Soms Insorgiamo sono strumenti a disposizione della fabbrica pubblica.

8. La fabbrica deve essere pubblica e socialmente integrata. Il territorio l’ha difesa e il territorio deve reclamarla. Attraverso forme di azionariato popolare, ma anche pretendendo che gli spazi della fabbrica e i cassaintegrati diventino strumento di sostegno sociale al territorio stesso.

9. Intervento pubblico ora. Entrata del capitale pubblico sotto qualsiasi forma dentro la struttura societaria.

Chiarezza su tutti gli accordi riservati tra Melrose e Borgomeo, trasparenza totale sulla struttura societaria

Mettere a disposizione immediatamente l’intero corpo societario, lo stabilimento fisico e le risorse, a qualsiasi idea e progetto di reindustrializzazione

Mettere a disposizione lo stabilimento e la società al territorio, attraverso la Società Operaia di Mutuo Soccorso Insorgiamo

Lanciare insieme la campagna per la fabbrica pubblica e socialmente integrata

Fare di Gkn un perno dei problemi del territori, della lotta contro il carovita, per i diritti, per il mutuo sostegno reciproco, per una comunità che sia collettività

10. Tutte e tutti a Napoli il 5 novembre. Assemblea popolare di Campi e della piana fiorentina il 9 novembre alle h 20.30

#insorgiamo

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

cassaintegrazioneGKNINSORGIAMOoperai

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Stellantis senza freni

Le ore successive allo sciopero del settore automotive a Torino sono state sorprendenti: i media hanno annunciato l’aumento dei compensi che si sono riservati i vari dirigenti del gruppo Stellantis, in primis il Ceo Tavares.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Contro la vostra “pace” e il vostro “lavoro” la lotta è solo all’inizio

Primo maggio a Torino: con la resistenza palestinese, contro il governo della crisi sociale.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lotte operaie: bloccato per ore a Tortona un intero polo della logistica. Alle 20 si replica

Sciopero nazionale della logistica promosso da Si Cobas, Adl Cobas, Cobas Lavoro Privato, Sgb e Cub, esclusi dal tavolo di rinnovo del Ccnl, nonostante la forte rappresentatività tra facchini, driver e operai.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lavoro: maxi-sequestro a GS (Gruppo Carrefour). Quale futuro attende lavoratori e lavoratrici?

Si arricchisce di ulteriori dettagli il maxisequestro della Procura di Milano (65 milioni di euro) a Gs spa, il gruppo di 1.500 supermercati italiani di proprietà del colosso francese Carrefour.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’attività sindacale equiparata ad “associazione a delinquere”: la Procura di Piacenza ci riprova

Dunque, sebbene il carattere tutto politico di questo teorema sia stato ampiamente smascherato, ciò non ha frenato la procura di Piacenza dal perseguire il proprio scopo di criminalizzare il SI Cobas

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Esselunga di Firenze: qualcosa si muove

A due settimane dal crollo nel cantiere per la costruzione di un nuovo negozio Esselunga nel quartiere di Rifredi, che ha provocato la morte di cinque operai, la popolazione locale continua a mobilitarsi

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Crollo di Firenze: la destra diventa europeista quando si tratta di deregolamentare il lavoro

Cinque operai morti e tre feriti, questo è il tragico bilancio del crollo avvenuto venerdì 16 febbraio nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti, a Firenze, morti che si aggiungono alla lunga lista di una strage silenziosa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Addio Pasquale, compagno generoso ed instancabile

Apprendiamo con amarezza che per un malore improvviso è venuto a mancare Pasquale Lojacono.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: crollo in un cantiere Esselunga. Cinque operai morti, lunedi sciopero sindacati di base

L’azienda committente e la ditta appaltatrice del crollo nel cantiere Esselunga a Firenze sono gli stessi degli incidenti avvenuti nel cantiere di un altro supermercato del gruppo lombardo della Gdo a Genova, nella zona di San Benigno

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Cremona: la polizia sgombera la Prosus, occupata da 4 mesi dai lavoratori

I lavoratori dell’azienda di macellazione Prosus di Vescovato, alle porte di Cremona, che dal 16 ottobre 2023 occupavano lo stabilimento sono stati sgomberati questa notte.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prima Classe e sfruttamento di classe

Il commissariamento dell’azienda Alviero Martini Spa di Milano per sfruttamento lavorativo è l’ennesima occasione per riflettere sulle trasformazioni delle filiere del nostro paese e sulle devastanti condizioni di lavoro che stanno dietro il tanto celebrato “Made in Italy”.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Genova: corteo con i lavoratori Ansaldo che rischiano 7 anni di carcere per blocco stradale

Un grande striscione con scritto “siamo tutti Ansaldo” apre il corteo di oltre mille persone in solidarietà dei 16 lavoratori denunciati durante lo sciopero del 13 ottobre 2022 a difesa dello storico stabilimento genovese, culminato con l’occupazione dell’aeroporto e scontri con le forze dell’ordine.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

GKN: bloccati i licenziamenti dei 185 operai e operaie. Confermato il fine anno di lotta a Campi Bisenzio

Lotte operaie. Nessun licenziamento scatterà il primo gennaio 2024 per i 185 lavoratori e lavoratrici Ex GKN di Campi Bisenzio annunciati da Qf Spa in liquidazione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Firenze: migliaia di persone in corteo per opporsi all’ampliamento dell’aeroporto

Sabato 30 settembre. Manifestazione contro l’ampliamento dell’Aeroporto di Firenze: migliaia le persone che hanno manifestato questo pomeriggio dal quartiere delle Piagge a Firenze per il corteo contro il progetto di potenziamento dell’aeroporto di Peretola con la nuova pista.