InfoAut
Immagine di copertina per il post

Mondo Convergenza! Appello alla mobilitazione

In sostegno allo sciopero #MondoConvenienza. UNISCITI ALLA LOTTA!

da SI Cobas Prato e Firenze

Chiediamo a tutti e tutte coloro che ci hanno fatto sentire la loro vicinanza, il loro sostegno, a chi ancora non l’ha fatto, a chi si riconosce nei nostri occhi di tenderci la mano. In una stretta che è un saluto, un sostegno, una promessa. Che si andrà avanti insieme… Facciamo sentire la nostra voce a tutte le porte dei negozi di Mondo Convenienza. Facciamoci vedere fuori dai magazzini. Facciamoci un unico assedio contro questo colosso. Scriveteci subito via mail a mondoconvergenza@gmail.com.

Quasi due mesi fa 30 lavoratori di Campi Bisenzio sono usciti fuori dal cancello di Mondo Convenienza e da allora non sono ancora rientrati. 30 montatori e autisti che hanno subito per anni le angherie di capi e caporali hanno trovato il coraggio incrociare le braccia, guardare in faccia chi li aveva sfruttati e mettere in chiaro che fino a che le cose non sarebbero cambiate i mobili di Mondo Convenienza non li avrebbe montati nessuno.

Era il 30 di Maggio, nessuno di noi poteva sapere quanto sarebbe durata la lotta né a quanto sarebbe andata lontano. Sapevamo però fin dall’inizio che sarebbe stata dura. Che avremmo avuto bisogno di tanta forza. Perchè il nemico con cui ci stiamo scontrando è un colosso, una multinazionale, una macchina vorace che da una parte ha succhiato vita e soldi ai lavoratori e alle lavoratrici, dall’altra ha mangiato pezzo pezzo il mercato del mobile con i suoi prezzi stracciati arrivando ad essere la prima azienda in Italia del settore, con fatturati milionari.Sapevamo che prima di noi altri hanno tentato, ma non ce l’hanno fatta. Che l’avidità dell’azienda li ha schiacciati in qualsiasi modo pur di tornare a lavorare con il suo sistema scientifico di sfruttamento.Una scienza che vuol dire regolamenti aziendali per tenere il cappio al collo ai lavoratori, per costringerli con le regole che lei stessa si è scritta a lavorare dal lunedì al sabato dieci, dodici, quattordici ore al giorno. A portare sulle spalle frigoriferi, divani, lavatrici, letti, cucine. In qualsiasi condizione e a qualsiasi costo (per i lavoratori ovviamente).Ma ci sono persone che questo costo non sono più disposte a pagarlo. E insieme a loro, insieme a noi, oggi, non ci sono solo 30 persone. Si sono uniti altri lavoratori allo sciopero. Ma c’è anche un territorio di migliaia di persone. C’è una comunità che si è riconosciuta negli occhi di chi ha la determinazione di andare avanti per fermare il sistema di Mondo Convenienza. E il nostro presidio permanente si è ingrossato, ha visto facce diverse, nuove e vecchie, giovani ed anziane, bianche e scure. Facce che hanno già lottato, che lottano, che lotteranno, che non hanno mai lottato ma vogliono iniziare a farlo.

L’azienda prova dall’inizio a convincerci che la strada migliore sia arrendersi. Magari a convincerci che il sistema di può ridipingere un po’, infiocchettare. Qualcuno le ha creduto. Ma noi no.

Sappiamo bene che fino a che i meccanismi scientifici di sfruttamento non saranno scardinati, il sistema Mondo Convenienza continuerà a macinare vite e stipendi. Oggi ci troviamo alle porte di Agosto. Non sono bastate le aggressioni di Polizia e scagnozzi dell’azienda a fermarci, non lo farà il caldo e l’afa. Soprattutto perchè se davanti ai cancelli a Giugno eravamo decine di persone, oggi siamo migliaia. E non solo a Firenze.
Allora chiediamo a tutte e tutti coloro che ci hanno fatto sentire la loro vicinanza, il loro sostegno, a chi ancora non l’ha fatto, a chi si riconosce nei nostri occhi di tenderci la mano. In una stretta che è un saluto, un sostegno e una promessa. Che si andrà avanti insieme. Nonostante tutto.Mondo Convenienza è un colosso, e per questo motivo è presente in tutta Italia. Questo vuol dire che possiamo fargli sentire la nostra presenza in tutte le regioni d’Italia, perchè siamo in tutta Italia.

Per questo facciamo appello a lavoratrici e lavoratori, delegate e delegati, pensionate e pensionati, attiviste e attivisti, transfemministe, studenti e studentesse, genitori e genitrici, amiche e amici, parenti, clienti incazzati, vacanzieri. Facciamo sentire la nostra voce a tutte le porte dei negozi di Mondo Convenienza. Facciamoci vedere fuori da magazzini. Facciamoci un unico assedio contro questo colosso che pensa di poterci schiacciare. Facciamogli sentire il fiato sul collo e lanciamo un messaggio chiaro. Mondo Convenienza non è più libera di sfruttare! I lavoratori di Mondo Convenienza non sono soli!Organizziamoci per andare ai negozi e ai magazzini a piccoli e grandi gruppi, con amiche e parenti, con le colleghe,compagne e compagni, con i nonni, in vacanza o se siete rimasti a casa.

Scriveteci subito via mail a mondoconvergenza@gmail.com o in direct. Nome cognome e città. Noi vi metteremo in contatto con chi si sta organizzando nella vostra città. Possiamo farcela, possiamo vincere, come GKN ci insegna. Non per noi, ma per tutte e tutti.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

CAMPI BISENZIOCONVERGENZAmondoconvenienzasi cobas

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’attività sindacale equiparata ad “associazione a delinquere”: la Procura di Piacenza ci riprova

Dunque, sebbene il carattere tutto politico di questo teorema sia stato ampiamente smascherato, ciò non ha frenato la procura di Piacenza dal perseguire il proprio scopo di criminalizzare il SI Cobas

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Esselunga di Firenze: qualcosa si muove

A due settimane dal crollo nel cantiere per la costruzione di un nuovo negozio Esselunga nel quartiere di Rifredi, che ha provocato la morte di cinque operai, la popolazione locale continua a mobilitarsi

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Crollo di Firenze: la destra diventa europeista quando si tratta di deregolamentare il lavoro

Cinque operai morti e tre feriti, questo è il tragico bilancio del crollo avvenuto venerdì 16 febbraio nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti, a Firenze, morti che si aggiungono alla lunga lista di una strage silenziosa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Addio Pasquale, compagno generoso ed instancabile

Apprendiamo con amarezza che per un malore improvviso è venuto a mancare Pasquale Lojacono.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: crollo in un cantiere Esselunga. Cinque operai morti, lunedi sciopero sindacati di base

L’azienda committente e la ditta appaltatrice del crollo nel cantiere Esselunga a Firenze sono gli stessi degli incidenti avvenuti nel cantiere di un altro supermercato del gruppo lombardo della Gdo a Genova, nella zona di San Benigno

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sciopero degli addetti al settore cargo di Malpensa

Sciopero all’aeroporto di Milano Malpensa degli addetti al settore cargo.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Cremona: la polizia sgombera la Prosus, occupata da 4 mesi dai lavoratori

I lavoratori dell’azienda di macellazione Prosus di Vescovato, alle porte di Cremona, che dal 16 ottobre 2023 occupavano lo stabilimento sono stati sgomberati questa notte.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

SI Cobas: pistola puntata verso gli operai di Verona e aggressione con metodo mafioso a Prato

Gravissima vicenda fuori dai cancelli della Maxidi di Belfiore, in provincia di Verona: una guardia giurata ha puntato la pistola in faccia ai lavoratori in sciopero da mesi per chiedere l’applicazione del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, oltre che a salari e condizioni di lavoro migliori.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

2023: un anno di scioperi USA

Questo articolo di “Labor Notes” ripreso da “In These Times” traccia un bilancio degli scioperi che si sono succeduti negli Stati Uniti nel 2023. Per questo va letto e rilanciato.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La convergenza impossibile. Pandemia, classe operaia e movimenti ecologisti

A questa tavola sta per verificarsi, per causa mia, un’accesa discussione.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Mondo Convenienza: la lotta paga. Applicato il CCNL della logistica a tutti gli appalti

È ufficiale. Dal 1 marzo in tutti gli appalti Mondo Convenienza verrà applicato il CCNL della Logistica. All’inizio dicevano che era “impossibile”. Ora sarà realtà.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

GKN: bloccati i licenziamenti dei 185 operai e operaie. Confermato il fine anno di lotta a Campi Bisenzio

Lotte operaie. Nessun licenziamento scatterà il primo gennaio 2024 per i 185 lavoratori e lavoratrici Ex GKN di Campi Bisenzio annunciati da Qf Spa in liquidazione.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sciopero e proteste continuano a Leroy Merlin.

Sono molte le iniziative di solidarietà nei confronti dei lavoratori in sciopero a Leroy Merlin di Piacenza, grande centro logistico del colosso che rischia la chiusura. A Bologna, Milano, Torino i lavoratori dei negozi della catena francese hanno messo in atto azioni di protesta nei negozi sparsi nelle varie città, riempiendo carrelli e gettando la merce a terra con l’obiettivo di boicottare il normale svolgimento dell’attività e provocando un danno economico e di immagine all’azienda.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’anomalia giudiziaria modenese

Alla luce delle centinaia di imputazioni che nel giro di pochi anni hanno coinvolto militanti, lavoratori e lavoratrici nel modenese, pubblichiamo la segnalazione ricevuta di una iniziativa pubblica che si terrà sabato 25 novembre a Modena per richiamare l’attenzione sul livello repressivo a cui si è giunti in città.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Mondo Convenienza: rinviati a giudizio per ‘caporalato’ la presidente del CDA e i rappresentanti di 4 società in appalto

Rinviati a giudizio con l’accusa di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, il cosiddetto ‘caporalato’ i rappresentanti di 4 società che operano nei magazzini di Mondo Convenienza e la presidente del Consiglio d’amministrazione della holding Mondo Convenienza, Mara Cozzolino, difesa – tra gli altri – dall’avvocata e senatrice della Lega, Giulia Bongiorno.