InfoAut
Immagine di copertina per il post

Mantenere il sangue freddo, rimanere strategici, definire gli obiettivi a breve, medio e lungo termine, acquisire forza, puntare al 2027.

Abbiamo tradotto questo contributo di Houria Bouteldja apparso su QG Décolonial per continuare ad approfondire quanto sta accadendo in Francia in merito alla costituzione di un nuovo Fronte Popolare per le prossime elezioni. Questo testo è particolarmente interessante in quanto rappresenta il punto di vista di una dimensione politica che in questi ultimi anni ha accumulato forza e allargato il suo radicamento nei quartieri popolari, ossia il movimento, poi diventato anche partito, Des Indigènes de la République di cui Houria Bouteldja fa parte.

I temi che vengono portati avanti riguardano la lotta contro lo Stato coloniale razzista, attraverso l’idea che soltanto ampliando le sue contraddizioni e costruendo un terreno di alleanze per una politica decoloniale, contro l’estrema destra, capace di preservare l’autonomia dei soggetti razzializzati, capace di contrapporsi al blocco liberale borghese bianco, sia possibile un cambiamento.

Nella congiuntura che si è aperta con la crisi di governo e le nuove elezioni presidenziali in Francia, i movimenti antirazzisti e decoloniali chiamano al sostegno al Fronte Popolare, questo ci sembra espressione del rapporto di forza che si è sostanziato negli anni di lotte contro le violenze della polizia e contro il razzismo sistemico nei quartieri popolari.

In questo testo Houria Bouteldja pone con lucidità e precisione alcune questioni rispetto alla strategia e agli obiettivi della fase a venire, uno sguardo di prospettiva che non può che non interessarci alla luce di alcuni dati che oggi dovremmo essere in grado di cogliere. Lungi da noi fare parallelismi affrettati, viste le profonde differenze sia sul piano istituzionale che sul piano soggettivo dei movimenti in Italia rispetto alla Francia. Crediamo però sia importante porsi domande adeguate al nostro contesto rispetto all’emersione di un soggetto, quello che potremmo definire appartenente a un “proletariato giovanile” non bianco, al protagonismo nelle lotte attuali di una soggettività che non proviene dalla tradizione dei movimenti della sinistra laica, bianca e progressista, del nostro ruolo in quanto potenzialmente alleati, delle trasformazioni sociali sulla linea del colore che avverranno, e che stanno già avvenendo, nel nostro Paese.

Buona lettura!

Hollande è stato appena nominato dal Nuovo Fronte Popolare, la parola “terrorista” è stata usata per descrivere l’atto del 7 ottobre. Ed è il panico.

Ma dovremo tutti imparare a controllare le nostre emozioni e a mantenere il sangue freddo.

Il Nuovo Fronte Popolare è un’alleanza di circostanza. Non durerà, date le profonde contraddizioni tra un’anima appartenente alla destra atlantista, liberale, europeista e islamofoba e un’anima di sinistra, filopalestinese, contro la guerra, antirazzista ed ecologista. Chi si sorprende dei giochi sporchi del PS è destinato a cascare dal pero per l’eternità, perché dal PS non dobbiamo aspettarci nulla. Ciononostante, il ritorno in pompa magna di Hollande è tutt’altro che insignificante, anzi è molto preoccupante. Ma dobbiamo essere pragmatici. È normale che il PS, che era moribondo nel 2022, sfrutti al massimo la situazione, il che fa di Faure un grande stratega, molto meno sciocco di quanto si creda, perché, a partire dalla NUPES, è stato la mente della resurrezione del partito del compianto Mitterrand.

Nonostante il rapporto di forza che il PS (grazie prima al NUPES, poi a Glucksman, testa di ponte del PS, coadiuvato dai Verdi e dal PC) è riuscito a sviluppare, FI (grazie alla sua combattività e a un programma antiliberale e antirazzista e che sostiene le rivendicazioni popolari) è riuscito, nel quadro dell’alleanza, a salvare l’onore sui punti principali che costituiscono il suo tentativo di rottura.

1/ I termini del programma:

Non si tratta di un programma di rottura, tutt’altro, ma va in quella direzione. FI è riuscita a spostare l’alleanza più a sinistra nello specifico di alcune questioni:

– libertà politiche e democratiche (abrogazione del 49/3); costituzione di una sesta repubblica;

– temi sociali urgenti (blocco dei prezzi, aumento del salario minimo, piano di salvataggio degli ospedali pubblici);

– istruzione: abolizione del percorso di inserimento nella scuola superiore (ndt Parcoursup, molto criticato dai movimenti)

– ordine pubblico: scioglimento della Brav-M (Brigata di Repressione di Atti Violenti in Moto), messa al bando della LBD (ndt arma, considerata “poco letale” dal governo francese, frequentemente usata dalla polizia per sparare proiettili di gomma);

– diritti delle donne;

– diritti dei migranti e degli immigrati irregolari;

– ecologia;

– Europa: rifiuto dei vincoli di austerità del patto di bilancio, patto europeo per l’emergenza climatica e sociale, riforma della PAC, fine dei trattati di libero scambio, protezionismo ecologico e sociale, tassazione dei superprofitti a livello europeo.

In termini di antirazzismo, mantiene le sue posizioni, poiché la lotta contro l’islamofobia viene difesa allo stesso livello della lotta contro l’antisemitismo.

Sul fronte internazionale, il programma prevede di abbandonare la riforma di Macron per la Kanaky “nello spirito degli accordi di Matignon e Nouméa, alla ricerca di un vero processo di emancipazione e decolonizzazione”.

Infine, sulla Palestina, nonostante le apparenze, l’essenziale è stato preservato. È vero che le operazioni del 7 ottobre sono descritte come “massacri terroristici”, ma non Hamas, il che è un punto di partenza molto importante per il futuro perché impedisce di lasciare spazio alla teoria della guerra di civiltà tanto cara a Huntington…

Il resto dell’accordo, pur non essendo soddisfacente dal punto di vista decoloniale, è corretto, pur tenendo conto di profondi divari: “Agire per il rilascio dei prigionieri palestinesi e degli ostaggi di Hamas; sostenere la Corte penale internazionale nel perseguire Netanyahu e i leader di Hamas; riconoscimento immediato dello Stato di Palestina; embargo sulle forniture di armi a Israele; chiedere la sospensione dell’accordo di associazione UE-Israele”.

Per me, la concessione maggiore che viene fatta all’ala di destra non è tanto su come si vogliano qualificare le azioni di Hamas, per le ragioni sopra esposte, ma sull’invio di armi all’Ucraina; questa posizione guerrafondaia (quella di Glucskman), peraltro dà a Putin tutte le ragioni per continuare la sua guerra invece di trovare una soluzione diplomatica attraverso negoziati di pace.

2/ Sui metodi

FI ha escluso alcuni parlamentari uscenti. Mi rifiuto di parlare di epurazione. Preferisco la formula “strategia post-legislativa”. Dico questo poiché si tratta di deputati dell’ala destra e ultra-laica della sinistra classica (ndt, inserita nella tradizione secolare che fa proprio un discorso incline all’islamofobia) di FI, quella pronta a prendere accordi con i nemici (Hollande compreso?) e a dissociarsi dalla corrente mélenchonista. A questi propositi, Melanchon, non può che concepire la rottura con queste anime creando l’alleanza dei “bifolchi e dei barbari1“, questo significa essere pronti a non sacrificare l’antirazzismo, la lotta all’islamofobia e il sostegno alla Palestina; mentre è chiaro che i “dissidenti” siano pronti a svendere questi punti cardine non appena eletti. Bisogna essere ingenui per pensare che le altre forze politiche dell’alleanza non la pensino in questi termini. Dobbiamo capire le ragioni di questa scelta nel medio e lungo termine; ma tra tre settimane i media avranno di che divertirsi strumentalizzando la dissidenza per minare l’unione nel Fronte Popolare. Quindi, in quest’ottica, licenziare Garrido e Corbière, che sono vicini a Cyril Hanouna, a sua volta vicino a Bolloré, che guarda all’estrema destra, mi sembra del tutto giustificato. D’altra parte, FI può aver commesso alcuni errori di valutazione. Avrebbero dovuto licenziare prima Quatennens e tenere Simonet (nonostante il suo laicismo), che è un’esclusione di troppo, soprattutto perché ha un forte radicamento nel XX arrondissement ed è ben voluta dalla gente del posto. Sarebbe un peccato non tornare indietro su questa decisione.

3/ Giudicare in funzione degli obiettivi e ragionare per ordine di priorità

Il primo e più importante obiettivo è impedire una vittoria dell’estrema destra e/o ridurre il più possibile la sua influenza, che sarà già troppo importante all’interno dell’Assemblea nazionale. L’avvento del fascismo è un pericolo imminente e la sua cacciata un compito prioritario. Sottovalutarlo è di per sé un fallimento morale. Perciò questo obiettivo, anche se è da considerarsi come il “voto utile”, deve rimanere fermo. Tanto più che, come ho detto prima, l’alternativa, per quanto imperfetta, è in via di costruzione.

Il secondo obiettivo è quello di sventare il progetto di Macron di creare l’ennesima convergenza di interessi tra l’ala liberale/autoritaria e l’estrema destra. L’alleanza delle “sinistre” (sì, con Hollande l’imperialista) azzoppa il cinico piano di Macron. Non c’è dubbio che Macron e Hollande facciano parte dello stesso campo, così come non c’è dubbio che possano avere interessi diversi a breve termine. Dobbiamo approfondire questa breccia e vedere come organizzarci dopo le elezioni. Il fallimento del piano di Macron, che puntava a una divisione della sinistra, anche se lo abbiamo ottenuto con i nostri nemici, è una vittoria. Avranno tutta la vita per divorziare, sapendo che l’unione ha pochissime possibilità di sopravvivere e che, sicuramente, dobbiamo sperare in una separazione il più rapida possibile.

Ma c’è un terzo obiettivo: permettere a FI di mantenere la sua posizione nel sistema parlamentare francese, dove, noi ne abbiamo avuto prova, ha fatto il suo dovere. Certo, sono state fatte delle concessioni sul programma. Ma abbiamo testato FI in Assemblea per diversi mesi, e ha superato molti test a pieni voti. È arrivata dov’è grazie al NUPES (quindi già grazie all’alleanza con il PS), mantenendo la sua linea senza mai venire meno anche quando ha occupato la poltrona. Nessuno sa in anticipo se questo atteggiamento verrà rispettato di nuovo; ma poiché il tradimento non è ancora avvenuto, dobbiamo rischiare di fidarci e ribadirlo finché il patto sarà rispettato. FI sa meglio di chiunque altro, oggi, quanto gli costerebbe in particolare un tradimento dei quartieri. L’investitura di Amal Bentounsi, un simbolo potente, è un impegno che deve essere pienamente apprezzato.

4/ Avremo la FI che ci meritiamo

Lo ripeto: FI è il riflesso del movimento sociale, che certamente è piuttosto vivace in Francia (ed è ciò che ci invidiano i nostri vicini europei), ma rimane frammentato e, soprattutto, non è impegnato in una rottura radicale con il governo, in particolare sulla questione della Frexit e della guerra.

I movimenti continuano a riprodurre una società civile e politica organicamente legata allo Stato razziale borghese e si limitano a difendere le loro conquiste sociali. Solo una minoranza è chiara riguardo alla rottura. Ad esempio, il dato più significativo di questa fase è stata l’assenza di un movimento contro la guerra (a parte la Palestina, ma questo è congiunturale, poiché è in corso un genocidio e la mobilitazione è più emotiva che chiaramente politica). Molti capi di Stato europei stanno preparando i loro governi per una terza guerra mondiale, i cui centri nevralgici sono l’Ucraina, il Mar della Cina e la Palestina, senza che l’opinione pubblica europea se ne renda conto. Eppure la guerra, insieme al fascismo, sono i pericoli più imminenti del nostro tempo. Non potremo quindi rimproverare a FI di cedere su questo fronte in assenza totale di una mobilitazione popolare. I sindacati, le associazioni e le forze politiche devono assumere nel prossimo futuro la responsabilità di una mobilitazione per la pace come compito essenziale e assolutamente prioritario. Lo stesso vale per tutte le altre questioni.

Dobbiamo marciare sulle nostre gambe :

– puntare alla massima rappresentanza parlamentare possibile. FI deve quindi conquistare il maggior numero di seggi possibile. È così che potrà ottenere l’indipendenza dal PS;

– costruire e alimentare la mobilitazione di piazza, secondo le modalità di ciascun settore in lotta, a partire dall’antirazzismo. Ma anche l’ecologia, il femminismo, la difesa dei lavoratori e dei migranti senza documenti, e naturalmente l’antimperialismo. La mobilitazione dal basso deve essere pensata strategicamente. Ogni settore deve rafforzare l’altro. Dobbiamo raggiungere l’unità nella separazione.

5/ Essere lungimiranti e mantenere il sangue freddo

Qualsiasi passaggio che determinerà un avanzamento in ottica radicale della dimensione della sinistra e nell’ambito dell’antirazzismo provocherà il panico nello Stato profondo e dei mercati finanziari. La creazione del Nuovo Fronte Popolare (anche se sappiamo che non ha un vero programma di rottura con il passato) ha già avuto un impatto sul mercato azionario. Il polo borghese non esiterà a optare per il fascismo, così come non esiterà a mettere alla berlina tutte le politiche sociali ed economiche, anche quelle di una sinistra morbida, semplicemente usando la leva dell’aumento dei tassi di interesse. Abbiamo quindi di fronte a noi o l’opzione fascista o l’opzione della destabilizzazione, se dovesse costituirsi un asse antiliberale e antirazzista.

Siamo collettivamente coinvolti in una spirale infernale, inquietante e piena di minacce. Ma questo non significa che tutto sia perduto.Per superare le tempeste, dobbiamo mantenere il sangue freddo e restare uniti. Almeno fino alle prossime elezioni presidenziali.

Ecco perché dobbiamo dare un sostegno temporaneo al Nuovo Fronte Popolare.

Houria Bouteldja

1Viene utilizzata questa espressione in riferimento al titolo del libro di Houria Bouteldja “Boefs et Barbares. Le pari du nous”, ossia “Bifolchi e barbari. La scommessa di un noi”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per un sollevamento antifascista.

Abbiamo tradotto il documento redatto dal movimento Soulèvement de la Terre a proposito della fase storica che si sta vivendo in Francia, verso le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis è libera!

Ilaria Salis è libera: la polizia ungherese le ha tolto il braccialetto elettronico e rilasciato la documentazione della scarcerazione- Probabilmente lunedi 17 giugno il rientro in Italia

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Un fronte più salutare che popolare.

Traduciamo un commento da parte del collettivo francese Cerveaux Non Disponible rispetto alle elezioni per dare un quadro il più possibile composito di quali siano gli animi nei movimenti francesi a seguito della decisione di Macron.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Storia di Classe – 5 puntate speciali dedicate alla strage fascista, di Stato e della NATO di Piazza della Loggia a Brescia

In onda su Radio Onda d’Urto lo speciale di Storia di Classe dedicato alla strage fascista, di Stato e della Nato di piazza della Loggia, il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis: i Giuristi Democratici denunciano “nuove minacce dai neonazisti ungheresi”

Nuove minacce, stavolta dirette, dei neonazisti ungheresi contro l’antifascista ai domiciliari a Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis agli arresti domiciliari a Budapest. Accolto il ricorso degli avvocati.

Ilaria Salis può uscire dal carcere e andare agli arresti domiciliari a Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ignobile pestaggio di Chef Rubio a Roma

Gabriele Rubini, a tutti noto come Chef Rubio, è stato aggredito mercoledì notte davanti alla sua casa romana da almeno sei persone, che lo hanno pestato e insultato al grido di “Pezzo di merd*, così impari”.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

25 Aprile 2024: appunti di lotta dalla piazza di Milano

Condividiamo di seguito la cronaca della giornata del 25 aprile milanese e le indicazioni di lotta che arrivano da questa piazza, tutta a sostegno della resistenza Palestinese.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno è antifascista!

Giovedì 2 Maggio il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini è venuto a Livorno per presentare un suo libro, vergognosamente ospitato all’interno del cinema teatro “4 Mori”..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Smascherata la politica di Meta sul sionismo: Ciberwell si scatena dopo la rivelazione di legami con Israele

Il 10 luglio è stato annunciato che il gigante dei social media Meta avrebbe ampliato la portata della sua censura e della soppressione dei contenuti relativi al Genocidio di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Virus della Polio rilevato nell’acqua di Gaza

Componenti del poliovirus di tipo 2 sono stati trovati in campioni di acque reflue provenienti da Gaza, ha annunciato giovedì il ministero della Salute israeliano.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: migliaia in corteo a difesa delle risorse idriche. Lancio di lacrimogeni da parte della polizia che vieta le manifestazioni

Movimenti e organizzazioni di base sono impegnati da ieri mattina in Francia in una mobilitazione internazionale lanciata da Soulevementes de la Terre e Bassines Non Merci in difesa della terra e delle risorse idriche, contro la costruzione di mega-bacini idrici nell’area di Poitou, nell’ovest del paese. Migliaia di persone in corteo. La polizia, anche a […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: liberi di lottare contro la guerra e affianco al popolo palestinese

Alle 6 di stamani la polizia è andata a casa di 4 compagn per notificare l’applicazione dell’obbligo di firma e contestare vari reati per la manifestazione in solidarietà al popolo palestinese del 13.02 di quest’anno fuori le sedi della RAI di Napoli. da Laboratorio Politico Iskra Giovedi 18 luglio, Presidio h 10, Sede Rai via […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Sapere, potere e controllo della natura: l’intreccio tra tecnologia militare e accademia

Le diramazioni delle scienze e della tecnica sono sottili e articolate, bisogna seguirle e percorrerle per avere evidente il legame tra luoghi del sapere e luoghi di oppressione e guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Combattenti stranieri per Israele: mercenari o guardiani “dell’unica democrazia” del Medio Oriente?

Israele sta usando i combattenti stranieri nella sua Guerra Genocida contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’INTIFADA NON SI FERMA NEANCHE IN ESTATE

Assemblea nazionale al Festival Alta Felicità venerdì 26/07/2024 ore 18.00 dell’Intifada Studentesca

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

Un suspiro de alivio, nada más

Más que la victoria a medias de la izquierda en Francia, lo que realmente podemos celebrar es la derrota de la Agrupación Nacional de Le Pen. Una derrota clara, una buena noticia a corto plazo pero que, después de haber suspirado de alivio, nos obliga a hacernos unas cuantas preguntas

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Un sospiro di sollievo, nient’altro

Più che la vittoria dimezzata, per quanto in parte sorprendente, della sinistra in Francia ciò che c’è possiamo festeggiare è la sconfitta del Rassemblement National. Una sconfitta chiara, ed una buona notizia nel breve termine, ma che, dopo aver tirato un sospiro di sollievo, ci costringe a porci diverse domande.