InfoAut
Immagine di copertina per il post

Resistenza, repressione e lotta contro il Mountain Valley Pipeline a sei anni di distanza in Appalachia

Da oltre sei anni, gli abitanti degli Appalachi conducono una campagna non-stop di azioni dirette per fermare la costruzione dell’oleodotto Mountain Valley Pipeline (MVP), il cui progetto è in ritardo “di sei anni sulla tabella di marcia e di circa mezzo miliardo di dollari sul budget”.

Tradotto da It’s Going Down

Gli abitanti del luogo e i loro sostenitori si battono contro l’MVP per diversi motivi: minacce alla loro terra, per fermare l’inquinamento dei bacini idrici e degli ecosistemi e per bloccare i “90 milioni di tonnellate di anidride carbonica” che saranno pompati nell’aria nei prossimi decenni di funzionamento dell’oleodotto. I giganti aziendali dietro l’MVP hanno accumulato centinaia di violazioni delle leggi ambientali e costretto i proprietari di terreni a vendere le loro proprietà lungo il percorso dell’oleodotto. Fino a poco tempo fa si pensava che il progetto fosse in panne, finché non è stato resuscitato da Joe Manchin, attraverso il Fiscal Responsibility Act, e con l’aiuto dell’amministrazione Biden è stato accelerato il processo di autorizzazione.

Ma mentre le vie legali per fermare il progetto si sono dissipate, la lotta per fermare l’oleodotto attraverso l’azione diretta è continuata a pieno ritmo nelle colline dell’Appalachia. Dal 2018, It’s Going Down ha parlato con la gente della loro lotta contro l’MVP e all’inizio del 2024 ci siamo rivolti di nuovo a loro per chiedere come la campagna sia riuscita a continuare ad agire, a costruire il sostegno della comunità sul campo e anche ad affrontare una nuova ondata di repressione legale da parte di minacce statali e aziendali: dalle accuse di reato, alle ingiunzioni, alle cause SLAPP (Ndt. SLAPP è un termine nato dall’acronimo di strategic lawsuit against public participation per identificare le azioni legali tese a bloccare la partecipazione alla vita pubblica).

Come riporta Prism:

Le proteste al centro della [recente] ingiunzione si sono svolte nei mesi di luglio, agosto e inizio settembre e hanno coinvolto persone che si sono legate alle attrezzature o hanno bloccato in altro modo i lavori di costruzione, creando interruzioni del lavoro e impedendo ulteriori danni al terreno. La causa sostiene che queste interruzioni dei lavori, la più lunga delle quali è durata sette ore, hanno violato i diritti di proprietà dell’azienda. Inoltre, la causa citava la legge sul diritto al lavoro della Virginia che garantisce un luogo di lavoro senza “interferenze o minacce” e il codice statale che vieta i picchettaggi che impediscono il libero ingresso in “qualsiasi locale”.

La causa ha chiesto al giudice di assegnare danni compensativi e punitivi per oltre 1,3 milioni di dollari, oltre a danni aggiuntivi per 3 milioni di dollari a singoli manifestanti e alle organizzazioni di base Appalachians Against Pipelines e Rising Tide North America, che hanno facilitato le donazioni per la cauzione. Gli attivisti affermano che l’oleodotto è stato completato a metà, anche se la società sostiene che la costruzione è stata completata al 94% e che le proteste stanno impedendo alle ultime sezioni di tubo di entrare nel terreno per completare l’oleodotto entro l’inizio del 2024.

Con i manifestanti che potrebbero essere chiamati a pagare milioni di dollari, la causa è l’escalation più ardente dell’azienda per fermare le azioni dirette contro il progetto. Gli studiosi di diritto temono che cause come queste siano un palese tentativo di “raffreddare” le attività di protesta e il dissenso contro i danni al clima. Come Prism ha riferito in precedenza, le aziende produttrici di combustibili fossili, la polizia e i governi statali collaborano a una legislazione che di fatto mette la museruola a chi non è d’accordo con i progetti estrattivi.

Quella che segue è un’intervista scritta con membri anonimi di Appalachians Against Pipelines, condotta via e-mail, sulla campagna, sui motivi per cui si continua a lottare e sull’imminente appello del gruppo per “giornate di azione” (dal 29 al 31 gennaio) contro il Mountain Valley Pipeline. Per conoscere altre voci che si battono sul campo contro l’MVP, si può ascoltare la nostra recente intervista in podcast con alcuni di loro.

It’s Going Down (IGD): A che punto è la campagna contro l’MVP?

Appalachians Against Pipelines (AAP): nell’estate del 2023, l’MVP ha ottenuto il via libera per terminare tutti i lavori ancora in corso; questi comprendono oltre 1.000 vie d’acqua, la Poor Mountain, che ospitava gli alberi di Yellow Finch, e la Jefferson National Forest, dove è iniziato il movimento di azione diretta contro l’MVP. Ciò significa che da allora la costruzione dell’oleodotto è andata avanti a pieno ritmo: ci sono lavori ovunque. Non si può andare da nessuna parte nella zona senza vedere le prove della distruzione causata dall’oleodotto. Attualmente stanno trivellando sotto l’Appalachian Trail sulla Peters Mountain, dove si sono verificati i primi presidi sugli alberi del 2018, un luogo molto amato dalle persone di questa comunità.

Presidi sugli alberi contro la costruzione del Mountain Valley Pipeline nel 2021.

Fin dall’estate, la gente si è impegnata per fermare questa nuova ondata di costruzioni. Quando Joe Manchin e Biden hanno fatto leva sulla crisi socio-economica globale per ottenere i permessi per l’MVP con il Fiscal Responsibility Act, la nuova legge ha stabilito che tali permessi e l’oleodotto non possono essere contestati in tribunale. Ciò significa che un’intera via per combattere l’MVP attraverso le cause legali è stata cancellata, il che lascia un solo modo per fermare la costruzione: l’azione diretta. Dall’estate, le persone hanno interrotto i lavori bloccando le strade di accesso e i cantieri, bloccando le trivelle e organizzando feste danzanti sulla servitù dell’oleodotto che hanno causato brevi interruzioni dei lavori. La resistenza qui in Appalachia è composta da persone di tutte le età e di ogni provenienza. Da luglio è stato lanciato un appello aperto alla gente per venire nella regione.

Non solo la resistenza all’oleodotto è aumentata, ma anche la repressione da parte dello Stato e delle aziende contro gli oppositori dell’oleodotto e le persone che hanno intrapreso azioni dirette. Lo Stato ha usato reati inventati e minacce di gravi pene detentive per cercare di spaventare le persone e dissuaderle dal combattere l’oleodotto. Le persone sono state arrestate, rilasciate su cauzione e nuovamente arrestate con nuove accuse.

Esiste una serie di azioni legali SLAPP contro i difensori della terra, depositate in West Virginia, Virginia e in una corte federale. La più grande di queste cause SLAPP chiede un risarcimento danni di oltre 4 milioni di dollari, tutto perché la gente si oppone a questo oleodotto e a ciò che rappresenta. Queste cause SLAPP sono state storicamente utilizzate dalle aziende per punire e minacciare le persone che si battono contro questo tipo di progetti. Si tratta di tattiche intimidatorie volte a reprimere il dissenso.

Stiamo organizzando giornate di azione solidale alla fine di gennaio per contrastare questa ondata di repressione. Quando le nostre lotte vengono prese di mira con la repressione e le tattiche intimidatorie, è il momento di aumentare la resistenza, di lottare più duramente, di essere più forti.

IGD: Ci parli del prossimo appello alla solidarietà. Qual è l’obiettivo?

AAP: Appalachians Against Pipelines sta organizzando un’ondata di azioni di solidarietà dal 29 al 31 gennaio. Molte delle aziende, delle banche e degli investitori che stanno dietro all’MVP hanno uffici e sedi in tutto il Paese e non devono affrontare la distruzione quotidiana che stanno causando. L’AAP chiede alle persone di tutto il Paese di portare la lotta contro l’MVP alle porte di tutti coloro che stanno traendo profitto da questo progetto, organizzando azioni nelle proprie comunità.

Ovviamente, la nostra lotta è molto più grande di noi e del solo gasdotto. Le banche che finanziano l’MVP sono le stesse che finanziano l’apartheid sionista genocida. Da ottobre, Israele ha ucciso oltre 20.000 palestinesi, con il pieno sostegno e le forniture del nostro governo e delle nostre banche. Queste sono anche le stesse banche che finanziano Cop City in Georgia. Ci stiamo avvicinando a un anno da quando la polizia ha ucciso Tortuguita ad Atlanta durante l’occupazione della foresta di Weelaunee. Ora le persone rischiano di essere accusate di terrorismo interno e RICO per aver preso posizione contro Cop City. Ovunque ci sia violenza contro le nostre comunità, sia attraverso la distruzione dell’ambiente, sia con la caduta di bombe o la violenza della polizia, ci sono banche e investitori che si assicurano che tutto ciò accada, traendo profitto dalla morte, dal dolore e dalla devastazione.

Blocco delle attrezzature edili nel 2019.

Vogliamo anche che le azioni No MVP in tutto il Paese siano solidali con la lotta No DAPL (NdT movimento che si batte contro la costruzione di un altro oleodotto in Dakota). Le persone stanno attualmente affrontando accuse civili di RICO, mandati di comparizione e un aumento della repressione politica per la loro continua resistenza al DAPL. Nell’invitare ad azioni di solidarietà per combattere l’MVP, speriamo di attirare l’attenzione su queste connessioni critiche e vogliamo che le persone colleghino tutte queste lotte quando pianificano le azioni.

IGD: Ci sono stati molti tentativi da parte delle aziende e dello Stato di attaccare il movimento. Parlate della repressione in corso e delle cause SLAPP. Come hanno affrontato la situazione le persone coinvolte?

APP: In questo momento c’è un’ondata di repressione che prende di mira il movimento di azione diretta contro l’MVP. L’estate scorsa, quando è iniziata la costruzione dell’oleodotto, c’è stata una serie di manifestazioni della comunità che hanno portato all’interruzione dei lavori. Da lì, negli ultimi mesi, la resistenza all’oleodotto è cresciuta, così come la repressione di ritorsione da parte dello Stato e dell’azienda.

Almeno 50 difensori della terra stanno affrontando cause SLAPP da parte della compagnia in diverse giurisdizioni statali e federali. La più grande di queste cause chiede agli oppositori dell’oleodotto un risarcimento di oltre 4 milioni di dollari. MVP (in realtà Equitrans Midstream) sta facendo causa a chiunque si metta in gioco per fermare questo progetto, nonché a chi offre sostegno al movimento. SLAPP è l’acronimo di Strategic Lawsuit Against Public Participation (cause strategiche contro la partecipazione pubblica) e non sono una novità. Anche gli presidianti dello Yellowfinch treesits (un blocco sul tracciato dell’oleodotto durato ben 932 giorni) hanno dovuto affrontare cause SLAPP, usate per cercare di spaventare le persone dal difendere alcuni degli ultimi alberi rimasti sul tracciato dell’oleodotto. Sono state usate per prendere di mira gli attivisti per la difesa del territorio e i protettori dell’acqua, gli organizzatori sindacali, le persone che combattono i progetti di disboscamento… davvero chiunque si opponga all’avidità, alla distruzione e all’oppressione delle aziende.

“La resistenza all’oleodotto è cresciuta negli ultimi mesi, così come la repressione di ritorsione che è stata lanciata contro la gente sia dallo Stato che dalla corporazione”.

Non solo le persone hanno dovuto affrontare controversie civili, ma abbiamo anche visto pubblici ministeri e giudici che hanno inventato reati, negato la cauzione, fissato cauzioni ridicolmente alte, riarrestato le persone alle loro date di udienza per nuove accuse e richiesto gravi pene detentive per accuse minori. Recentemente qualcuno è stato condannato a 3 mesi di carcere per accuse minori nella contea di Montgomery, VA. Nel frattempo, nella contea di Giles, VA, le persone stanno affrontando accuse di rapimento e furto per un blocco durante un’azione di massa in ottobre. È importante notare che questo livello di ritorsioni e ripercussioni si è inasprito rispetto a quello che questa campagna ha visto storicamente per le persone che hanno agito per fermare la costruzione nel corso degli anni.

Un’azione di massa blocca la costruzione dell’oleodotto all’inizio del 2024.

Gran parte di questa repressione viene combattuta in tribunale dagli avvocati (se potete, fate una donazione all’Appalachian Legal Defense Fund: https://bit.ly/APPLegalDefense). Ma molto del modo in cui la gente sta affrontando questa ondata di repressione è coprendosi le spalle a vicenda dentro e fuori il sistema giudiziario. E parte di questo appello ad azioni di solidarietà è mostrare come il movimento più ampio ci sostenga. Una parte importante di questo è riconoscere che quando i nostri movimenti vengono attaccati, non è il momento di tirarsi indietro, ma invece di lottare più duramente, essere più forti e fare di più. In questo momento la situazione è difficile. Per questo chiediamo alla gente di unirsi a questa lotta organizzando le proprie azioni di sostegno.

IGD: Come si è sostenuta la campagna dopo tutto questo tempo e anche dopo aver affrontato tanta resistenza da parte dello Stato?

APP: La campagna di azione diretta è in corso dal 2018 e la più ampia lotta contro l’MVP va avanti da molto più tempo, da quando questo oleodotto è stato proposto per la prima volta. Questo movimento è sempre stato un mix di persone che hanno vissuto in questa regione per tutta la vita, così come di persone provenienti da tutto il Paese che sono venute in solidarietà per agire contro l’MVP. Ciò significa che c’è sempre stata una nuova energia e una continua costruzione di comunità nella lotta. La resistenza all’azione diretta si fonda sui legami locali con le persone che sono direttamente colpite dall’oleodotto, oltre che sulla storia radicale di questa regione. L’Appalachia è sempre stata un luogo di resistenza – resistenza alla colonizzazione, all’estrazione, alla distruzione, e così via. E questo movimento si rifà proprio alla storia del movimento contro la rimozione delle cime di montagna nei bacini carboniferi. Quando il movimento si basa su una lunga serie di lotte in una regione, diventa più forte e dura più a lungo.

“Questa lotta non riguarda solo il gasdotto. Non si tratta solo di quanti alberi verranno tagliati, di quanti corsi d’acqua verranno avvelenati o di quanti metri cubi di gas verranno trasportati. È una lotta contro ciò che il gasdotto rappresenta e per un mondo migliore. E molte cose, come i giudici e le cause legali, impallidiscono di fronte a questo”.

Ad essere onesti, gran parte del motivo per cui questa lotta continua è semplicemente perché, dopo tutti questi anni, la costruzione dell’oleodotto continua ad essere attiva. La data originariamente proposta per la fine dell’MVP era il 2018. Le tattiche di azione diretta hanno effettivamente giocato un ruolo enorme nel ritardo complessivo. Siamo qui per fermare l’oleodotto e vogliamo farlo al meglio in ogni momento. Quando si vede quello che le compagnie stanno facendo alle montagne intorno a noi, è difficile smettere di lottare, anche con l’aumento della repressione statale. Questa lotta non riguarda solo l’oleodotto. Non si tratta solo di quanti alberi taglieranno, di quanti corsi d’acqua avveleneranno o di quanti metri cubi di gas trasporteranno. È una lotta contro ciò che il gasdotto rappresenta e per un mondo migliore. E molte cose, come i giudici e le cause legali, impallidiscono di fronte a questo.

Un presidio su un albero blocca il percorso di costruzione del gasdotto nel 2018.

Questo movimento si dedica anche a sostenere le persone che entrano in azione e rischiano la propria sicurezza e libertà nella lotta contro l’oleodotto. L’attenzione a costruire relazioni e ad assicurarsi che le persone abbiano le informazioni e il supporto legale di cui hanno bisogno crea davvero fiducia. Siamo una comunità che si sostiene sempre in modo concreto, sia sugli alberi che nei tribunali. Molte persone tornano più volte a partecipare a questa lotta, e in gran parte perché sanno che c’è il sostegno della comunità dietro questa battaglia.

IGD: Dove si può andare per saperne di più sulla settimana d’azione?

APP: Le persone possono consultare Appalachians Against Pipelines su Facebook, Instagram e Twitter. Molte informazioni sull’appello alle azioni di solidarietà si trovano lì, così come molti aggiornamenti su ciò che sta accadendo.

Le persone possono anche consultare il nostro sito web di solidarietà che contiene molte informazioni sugli obiettivi secondari e terziari nella lotta contro l’MVP. È possibile consultare le mappe, trovare gli obiettivi per Stato e, in generale, saperne di più sul chi, cosa e dove delle compagnie e delle banche che stanno dietro all’oleodotto. Questo è: https://bit.ly/NOMVPTARGETS

Inoltre, sul nostro sito web dedicato alla solidarietà potete trovare risorse per condividere l’appello all’azione (https://www.aapsolidarity.org/plan-solidarity-actions) e il kit di strumenti per l’azione se state organizzando un’azione di solidarietà e volete sapere come collegarvi alle giornate d’azione (https://www.aapsolidarity.org/sm-toolkit).

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

AppalachiaecocidioESTRATTIVISMOgrandi opere inutilioleodottostati uniti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il ciclo breve dei Csoa, tra spontaneità e organizzazione

Quello di Giovanni Iozzoli, militante e fondatore di Officina 99, uno dei più importanti centri sociali degli anni Novanta, è uno sguardo di parte ma laico.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Le “collaborazioni” delle Università: ma la scienza è neutrale?

Se la scienza possa o non possa essere neutrale rispetto al suo utilizzo per finalità diverse è un tema che merita qualche riflessione non troppo superficiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Lavender”: la macchina dell’Intelligenza Artificiale di Israele che dirige i bombardamenti a Gaza

L’esercito israeliano ha contrassegnato decine di migliaia di gazawi come sospetti per l’assassinio, utilizzando un sistema di puntamento AI con scarsa supervisione umana e una politica permissiva per i danni collaterali, rivelano +972 e Local Call.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fino a 25 anni di carcere a chi manifesta per “impedire di realizzare un’opera pubblica”

Con un emendamento presentato al ddl sicurezza dal deputato Igor Iezzi, attualmente in discussione in commissione Affari Costituzionali, la Lega propone l’inserimento di una nuova aggravante dei reati contro la pubblica incolumità che sembra ritagliata sulla variegata rete di attivisti che da anni protestano contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le proteste dei campus per Gaza dimostrano che quando i vertici universitari falliscono, sono gli studenti a guidare

Che gli studenti costruiscano mille accampamenti. Che occupino gli edifici di ogni amministrazione universitaria che si è dimostrata incapace di promuovere un luogo di libera indagine e apprendimento.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La lotta per fermare il genocidio nelle università statunitensi: un reportage dall’Università del Texas

Abbiamo tradotto questo interessante reportage apparso su CrimethInc sulle proteste che stanno coinvolgendo i campus degli Stati Uniti contro la complicità del governo USA nel genocidio del popolo palestinese.