InfoAut
Immagine di copertina per il post

Respinto un altro sfratto a Pisa, generalizzare la resistenza!

L’ultimo picchetto di fronte all’appartamento della famiglia sotto sfratto in via Taddei, una coppia di lavoratori colpiti dalla crisi e dalla precarietà, fino ad essere costretti alla morosità incolpevole, nel quartiere Cisanello a Pisa si era dovuto radunare meno di una settimana fa. Quel giorno un ufficiale giudiziario totalmente prono all’arroganza dei padroni di casa (proprietari di altri tre appartamenti nello stesso complesso di case) aveva convocato fabbro e forza pubblica, nonostante fosse ancora al secondo accesso e la situazione prevedesse quindi ancora il tentativo di mediazione sociale; soltanto la presenza della rete di solidarietà lo aveva costretto al rinvio (di soli sei giorni!).

Per questo oggi fin dalle prime ore del mattino in via Taddei hanno cominciato a radunarsi solidali, precedendo di poco l’arrivo delle forze dell’ordine, in numero maggiore dell’ultima volta. Dalle sette del mattino fino a mezzogiorno, per oltre cinque ore, decine di persone, in numero sempre crescente, hanno presidiato l’appartamento della famiglia, decisa più che mai a non uscire di casa se non di fronte ad una proposta dignitosa. Anche i servizi sociali, incalzati dalla mobilitazione di ieri di fronte alla Società della Salute e dalla determinazione del picchetto anti-sfratto, si sono trovati costretti a raggiungere via Taddei ed intavolare una trattativa che escludesse l’eventualità di una breve albergazione nel solito ostello fuori provincia, proposta immediatamente rifiutata dalla famiglia.

Alla fine è stato ottenuto un rinvio di oltre un mese, durante il quale i servizi sociali si sono impegnati ad adoperarsi per una soluzione dignitosa; se ciò non dovesse avvenire, la famiglia ha ribadito la decisione di non uscire di casa.

 

La giornata di oggi ci mostra come sia possibile sottrarre alla rendita privata il controllo totale delle nostre vite e dei nostri bisogni; di fronte all’arroganza dei proprietari e degli ufficiali giudiziari, all’esposizione muscolare della polizia e all’inettitudine degli assistenti sociali, la solidarietà e la partecipazione attiva possono rompere il meccanismo della paura e della rassegnazione, portando anche a parziali vittorie. Mentre istituzioni e servizi sociali si spendono nel promuovere fantomatici tavoli sull’emergenza abitativa, dove i sindacati inquilini coinvolti non hanno il benché minimo rapporto di forza e non riescono ad ottenere niente, solo la mobilitazione reale mostra la capacità di imporre la questione del diritto alla casa non come una retorica da sbandierare, ma come una necessità da praticare.

E’ necessario ora provare a generalizzare momenti di questo tipo, uscendo dalle singole situazioni e tramutandole in vertenza sociale contro l’emergenza abitativa. La mobilitazione nazionale del 19 ottobre sarà sicuramente un passaggio di lotta importante in questo processo ricompositivo, dove iniziare davvero a tentare di praticare una sollevazione generale da riproporre poi in ogni territorio in lotta.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

picchettoservizi socialisfratti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, ci pare”

Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, se vi pare”

“Apriamo spazi al quartiere per i bisogni collettivi!” così 27 anni fa scrivevamo su uno striscione il giorno in cui in tante e tanti occupavamo il Centro Sociale Askatasuna.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Proteste degli agricoltori e nuova PAC: dalla Sicilia alla Germania.

In questi giorni le forti proteste degli agricoltori, rappresentate da lunghissime file di trattori che bloccano le principali arterie stradali, sono salite agli onori della cronaca. Dalla Germania si sono estese in Francia e anche in Italia, in particolare al Sud, nelle isole, e in territori di provincia come alcuni casi meno significativi al centro-nord della penisola italiana.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: eseguito sfratto a sorpresa in tempi record!

da Prendocasa Torino Questa mattina, mentre con Mimmo e la sua famiglia resistevamo allo sfratto, ottenendo un rinvio al 7 marzo, l’ufficiale giudiziario si è presentato con la celere a casa di Mohamed e della sua famiglia in via Monginevro 68. Mohamed era sotto sfratto dopo essere stato truffato dalla sua proprietaria di casa che, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La questione abitativa nella città di Torino

Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La casa è un bisogno. Basta guerre, lusso e capitalismo

Sull’onda della mobilitazione nazionale dell’ottobre scorso i movimenti di lotta per il diritto all’abitare tornano in piazza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il secondo numero di “Case in Rivolta”

La protesta degli studenti davanti alle facoltà universitarie di tutta Italia ha contribuito a rendere evidente una volta di più quello che i collettivi di lotta per la casa stanno denunciando da decenni: la mano libera del mercato sulla questione abitativa non solo non riesce a contenere un’emergenza che ormai è diventata strutturale ma aggrava di giorno in giorno la situazione.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Mondo Convenienza: cinque camionette della polizia per sgomberare il presidio a Settimo Torinese. 25 lavoratori a Campi Bisenzio licenziati a mezzo stampa

Cinque camionette di polizia questa mattina sono intervenute a Settimo Torinese per sgomberare il presidio dei lavoratori di Mondo Convenienza. “Lo sciopero non è un problema di ordine pubblico ma un diritto dei lavoratoti, i lavoratori in sciopero non sono criminali ma esercitano la libertà sindacale.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Mondo Convenienza: si allarga il fronte della mobilitazione. Assemblea sindacale a Torino, volantinaggi a Pisa e Lissone. A Campi Bisenzio 38° giorno di presidio

Ieri mattina, giovedi 6 luglio, i lavoratori di Settimo Torinese di Mondo Convenienza con il SI Cobas Torino si sono trovati davanti ai cancelli per un’assemblea sindacale. Si tratta della prima assemblea sindacale in assoluto nel mobilificio che conta 400 dipendenti. “La determinazione operaia ha superato le provocazioni di capi e crumiri, usciti per intimidire […]

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Bologna: aggredito picchetto di lavoratori davanti ai cancelli di Mondo Convenienza

Ieri mattina, davanti ai magazzini di Mondo Convenienza di Bologna, il picchetto di lavoratori del Si Cobas è stato aggredito a più riprese da una decina di preposti e caporali della società RL2, venuti anche da altre città.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Campi Bisenzio: sgombero violento dei lavoratori Mondo Covenienza in picchetto

Dal 30 maggio è in corso lo sciopero dei facchini e autisti in appalto Mondo Convenienza di Campi Bisenzio.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Brutale sgombero del picchetto dei lavoratori in sciopero alla Coop di Pieve Emanuele. Quattro feriti

Le prime notizie ci raccontano di almeno 4 feriti tra i lavoratori e l’intervento di ambulanze davanti al magazzino.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Meloni presidente degli sfratti

Si tratta di una vera e propria dichiarazione di guerra a chi vive in condizioni di povertà, rischia di finire senza casa, è costretto a vivere al freddo o riesce a stento a procurarsi da mangiare con i pochi contributi che ci sono.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: sgombero case Atc di Via Sospello.

Questa settimana il Comune di Torino ha messo in campo ciò che da tempo agitava in maniera propagandistica, ossia procedere con gli sgomberi delle case popolari occupate.