InfoAut
Immagine di copertina per il post

Genocidio israelo-statunitense a Gaza: riprendono i bombardamenti. 32 palestinesi uccisi

InfoPal. La tregua è durata sette giorni e stamattina, venerdì 1 dicembre, Israele ha ripreso a bombardare la stremata e distrutta Striscia di Gaza, lanciando una serie di attacchi su varie aree, colpendo soprattutto il sud, dove sono stati spinte molte migliaia di persone evacuate dal nord. 32 palestinesi sono stati uccisi.

da InfoPal

L’ufficio stampa governativo (GMO) di Gaza ha dichiarato, venerdì mattina, che “gli aerei dell’occupazione hanno lanciato una serie di attacchi nel sud della Striscia”.

Un bombardamento aereo ha colpito il nord-ovest della Striscia di Gaza, mentre l’artiglieria ha preso di mira varie aree della città di Gaza.

Da parte sua, la radio dell’esercito di occupazione israeliano ha detto: “Gli aerei da guerra stanno bombardando tutte le parti della Striscia di Gaza”.

Fonti locali hanno riferito che diversi morti e feriti sono arrivati ​​all’ospedale Kamal Adwan, l’unico ospedale operativo nel nord della Striscia di Gaza.

Il Ministero della Sanità palestinese a Gaza ha annunciato che il numero dei martiri è salito a trentadue martiri a seguito dei rinnovati massacri dell’occupazione israeliana nella Striscia di Gaza.

In un comunicato stampa, il ministero della Salute ha indicato che il numero delle vittime dei massacri dell’occupazione israeliana è salito a 32, a tre ore dalla fine della tregua, e che decine sono rimasti feriti, la maggior parte dei quali bambini e donne.

Il portavoce del ministero, Ashraf Al-Qudra, ha affermato che la tregua temporanea non ha aiutato il sistema sanitario, sottolineando la necessità di garantire il flusso di forniture mediche e carburante a tutti gli ospedali della Striscia di Gaza.

Da parte sua, il ministero degli Interni di Gaza ha segnalato un aumento del numero dei morti dopo che l’occupazione ha preso di mira la casa della famiglia Qandil nel campo di Maghazi, nel centro della Striscia di Gaza.

Ha confermato che due persone sono state uccise e diversi palestinesi sono rimasti feriti dopo che l’occupazione ha preso di mira un appartamento residenziale nella città di Hamad, a ovest di Khan Yunis, a sud della Striscia di Gaza.

La comunità internazionale è responsabile della continua aggressione contro Gaza, per non aver fatto nulla di concreto per fermare la mano genocida di Israele.

Il GMO ha dichiarato che la comunità internazionale è responsabile della “continuazione della guerra israeliana nella Striscia di Gaza”.

In un comunicato stampa, ha affermato: “L’esercito di occupazione israeliano ha ripreso la sua brutale guerra contro il nostro popolo palestinese nella Striscia di Gaza, continuando a bombardare e a prendere di mira molte case e aree sicure di più di un governatorato nella Striscia.

“La comunità internazionale, guidata dagli Stati Uniti d’America, rappresentata dal presidente americano e dal suo Segretario di Stato, sono responsabile dei crimini dell’occupazione israeliana e della continuazione della brutale aggressione contro i civili, i bambini e le donne nella Gaza Striscia, dopo averle dato il via libera per riprendere la guerra senza alcun riguardo alle leggi di guerra e alle leggi internazionali e umanitarie”.

Ha sottolineato “il diritto del nostro popolo palestinese a difendersi con tutti i mezzi, e il diritto alla libertà e all’indipendenza, a fondare uno Stato palestinese con Gerusalemme come capitale e a rimuovere completamente l’occupazione dalle sue terre in conformità con le norme internazionali e le risoluzioni delle Nazioni Unite”.

Con la mediazione qatariota-egiziano-americana, il 24 novembre era iniziata una tregua umanitaria durata 7 giorni, ma le pressioni omicide interne all’establishment israeliano hanno portato alla ripresa dei bombardamenti.

Dal 7 ottobre, l’esercito di occupazione ha lanciato una guerra devastante contro Gaza, lasciando oltre 15.000 morti palestinesi, tra cui 6.150 bambini e più di 4.000 donne, oltre alla massiccia distruzione di infrastrutture e ad un disastro umanitario senza precedenti, secondo fonti ufficiali e internazionale.

Video

(Fonti: Quds Press, Quds News network, ministero della Salute di Gaza;

credits foto e video: Quds News network, Quds Press, ministero della Salute di Gaza e singoli autori).

Per i precedenti aggiornamenti:

https://www.infopal.it/category/operazione-spade-di-ferro-genocidio-a-gaza/

https://www.infopal.it/category/ciclone-al-aqsa/

https://www.infopal.it/category/video/

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ASSEDIO DI GAZAisraelepalestinatregua

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Verona: cariche al corteo contro la fiera delle armi

Sabato si è tenuta a Verona la “European Outdoor Show. Caccia, tiro sportivo, pesca, nautica, outdoor”, una Fiera internazionale delle armi, all’interno della quale sono presenti stand dei principali marchi al mondo dell’industria bellica e balistica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: aggiornamenti dal Libano

Bombardamenti nel Sud del Libano: un’escalation controllata?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: ”RAI Radio Televisione Israeliana. No alla propaganda sionista”. La polizia carica i manifestanti 

“Rai Radio televisione israeliana. No alla propaganda sionista”. È uno dei tanti striscioni sorretto dai manifestanti, circa un migliaio, davanti alla sede Rai

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“Ad Haiti c’è un caos pianificato, un piano del sistema neocoloniale”

Intervista ad Henry Boisrolín del Comitato Democratico Haitiano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Torino: contestazione alla RAI, cariche sui manifestanti

Hanno fatto molto scalpore in questi giorni le parole pronunciate dall’Amministratore Delegato RAI, Roberto Sergio, in sostegno al governo israeliano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stop al genocidio: cariche sotto la sede della RAI a Napoli

La vostra repressione non ci fermerà: Stop genocidio, 23 febbraio sciopero generale, 24 manifestazione nazionale a Milano!