InfoAut
Immagine di copertina per il post

Kurdistan: preparativi per una nuova invasione?

Cosa vuole il governo fascista di Erdoğan da Baghdad e Hewlêr? Sta preparando piani di occupazione per aree come Gare e chiede sostegno per esse? Sta anche pianificando nuovi attacchi a Maxmur e Shengal? È chiaro che il KDP sta giocando con il fuoco.

Tradotto da ANF

Dopo le elezioni truccate, i cui risultati erano già noti in anticipo, il capo di Stato fascista Tayyip Erdoğan ha dichiarato: “Rafforzeremo la lotta al terrorismo e su questa base daremo più spazio alle attività diplomatiche”. In effetti, ha formato il suo nuovo gabinetto di conseguenza e ha aumentato il terrore fascista in patria e gli attacchi invasivi all’estero. Parallelamente, ha anche accelerato le attività diplomatiche.

Prima si è recato ad Astana e ha cercato di ottenere ciò che poteva. Poi si è recato alla NATO e ha negoziato l’adesione della Svezia alla NATO, approfittando ancora una volta della guerra in Ucraina e parlando addirittura di adesione all’Unione Europea. E ha chiesto sostegno per la guerra genocida che sta conducendo in Kurdistan. In risposta, il Segretario generale della NATO ha rilasciato una dichiarazione che denuncia il PKK e all’interno della NATO è stato istituito il posto di Coordinatore speciale per la lotta al terrorismo. In questo quadro, Erdoğan non ha ancora trovato l’approvazione e il sostegno per un nuovo attacco di invasione contro la Siria nord-orientale, ma ha creato l’ambiente necessario per continui attacchi aerei e di artiglieria. E si è assicurato il sostegno preesistente per l’attacco dell’occupazione alle zone di difesa di Medya (aree di guerriglia nel nord dell’Iraq). Su questa base, ha cercato di intensificare gli attacchi militari con tutti i mezzi e i metodi, compreso l’uso di armi proibite.

Queste sono state le sue azioni essenziali, ma era anche necessario chiedere aiuto agli Stati arabi per alleviare la crisi economica causata dalla guerra e per trovare sostegno finanziario per la stessa. Infatti, ha visitato molti Stati arabi e ha cercato di ottenere denaro commercializzando le risorse turche. Anche se non tutti gli Stati si sono impegnati come sperato, è riuscito ad ottenere un parziale nuovo sostegno dalle potenze a cui aveva venduto il Mar Nero e Istanbul.

Dopo tutto questo, il governo fascista-genocida di Tayyip Erdoğan ha ora preso la diplomazia irachena. Hakan Fidan, ex sottosegretario del MIT, “scatola nera” di Tayyip Erdoğan e nuovo ministro degli Esteri, ha fatto la spola tra Baghdad e Hewlêr [Erbil] per giorni. La stampa diceva che non c’era leader a Baghdad e a Hewlêr che non avesse incontrato. Ha cercato di abbracciare i suoi interlocutori, soprattutto i Barzani, e di fingere di essere sincero. Si dice anche che il leader fascista Tayyip Erdoğan visiterà l’Iraq. Ovviamente le relazioni irachene sono importanti per il governo di Tayyip Erdoğan che, su questa base, vuole realizzare i suoi nuovi piani.

Naturalmente, non possiamo sapere con esattezza cosa sia stato discusso e dibattuto durante gli intensi colloqui turco-iracheni e quali risultati siano stati raggiunti. Secondo i media, sono state discusse diverse questioni commerciali, in particolare l’acqua dei fiumi Eufrate e Tigri e il petrolio e il gas. Si dice anche che la questione della “lotta congiunta contro il PKK” sia stata messa all’ordine del giorno dalla Turchia e trattata intensamente. Si dice che sia stata valutata la situazione nei territori iracheni occupati dalla Turchia. Mentre la stampa non parla molto dei colloqui di Baghdad, dopo i colloqui di Hewlêr entrambe le parti si sono ringraziate a vicenda “per il loro contributo alla lotta congiunta contro il PKK”.

È indubbio che i colloqui turco-iracheni abbiano un’importante dimensione economica e commerciale. Questo può essere espresso anche nel breve e medio termine. Sappiamo tutti che dietro i conflitti e le guerre nella regione c’è la questione di chi sfrutterà le risorse economiche. È risaputo che si tratta principalmente di una lotta per gli interessi economici e lo sfruttamento, e su questa base innumerevoli progetti competono e combattono tra loro.

Sebbene questa sia la questione comune a tutti coloro che si incontrano e fanno politica sul campo, non è la prima priorità dello Stato turco e del governo fascista dell’AKP/MHP. La loro priorità è schiacciare la guerriglia, liquidare il PKK e, su questa base, completare il genocidio dei curdi. In altre parole, il loro programma principale è la guerra genocida contro l’esistenza e la libertà dei curdi. È certo che lo mettono all’ordine del giorno in ogni occasione e cercano di ottenere il sostegno di tutti su questo tema.

E cosa vuole il governo di Tayyip Erdoğan in questo contesto? Secondo alcune dichiarazioni, sta cercando di annettere le aree che ha occupato a Xakurke, Avaşîn, Zap, Metîna e Heftanîn, cioè di metterle sotto la sua sovranità permanente, e di ottenere maggiore sostegno negli attacchi contro i guerriglieri del PKK. Tuttavia, non sembra logico che al momento la questione dell’annessione sia in cima all’agenda. Dopo tutto, questo problema è stato risolto con l’accordo su una “zona cuscinetto” tra Turchia e Iraq nel 1985. Inoltre, l’operazione Hammer Force del 1991 e l’attacco congiunto dell’ottobre 1992 hanno dimostrato che anche il governo di Hewlêr accettava questa soluzione. I governi di Baghdad e Hewlêr non hanno resistito agli attacchi di occupazione del fascismo dell’AKP/MHP dal 26 agosto 2016 e non sono quindi in grado di opporsi all’annessione.

Ciò che rimane in questo caso sono gli attacchi di sterminio e liquidazione contro l’esistenza e la libertà dei curdi sotto il nome di lotta al PKK. A questo proposito, lo spazio aereo iracheno è già aperto allo Stato turco dal 1991. Non c’è alcun problema. Inoltre, lo Stato turco riceve il supporto di intelligence desiderato sia dall’Iraq che dal governo del Kurdistan meridionale. Non c’è alcun problema serio a questo proposito. Cioè, non è quello che il governo di Tayyip Erdoğan vuole dai governi di Baghdad e Hewlêr, non c’è bisogno di negoziati così intensi. Dietro questi nuovi sforzi devono esserci altre richieste.

Quindi, cosa vuole il governo fascista-genocida di Erdoğan da Baghdad e Hewlêr? Sta preparando nuovi piani di occupazione per aree come Metîna Summit e Gare e chiede di sostenerli? Sta anche pianificando nuovi attacchi a Maxmur e Shengal? A quanto pare, non sembra politicamente possibile effettuare un attacco a Shengal che vada oltre quello attuale. L’attacco a Maxmur, invece, è stato portato avanti da tempo ed è stato completato. Ciò che rimane, quindi, è un attacco a nuove regioni all’interno delle zone di difesa di Medya. A questo proposito, spicca la regione di Gare e si ritiene che il governo fascista dell’AKP/MHP stia cercando di preparare un attacco di invasione a Gare.

Indubbiamente, non può effettuare da sola un attacco militare nell’area in questione. A questo proposito, è necessario il consenso e il sostegno dei governi statunitense e iracheno. Soprattutto, il KDP deve partecipare alla guerra. Anche se lo Stato turco conquista Gare, non può tenerla per il momento, ma deve lasciarla al KDP. Va notato che un eventuale attacco a Gare è possibile solo se il KDP entra in guerra e alla fine assume la guida di Gare. È ovvio che questo significherebbe una guerra aperta tra il KDP e il PKK senza alcuna discussione. La situazione è quindi grave e il governo di Tayyip Erdoğan sta giocando un gioco pericoloso. Sta cercando di coinvolgere direttamente il KDP nella guerra contro il PKK. Le dichiarazioni rilasciate dopo i colloqui di Hewlêr dimostrano che anche il KDP sostiene questo piano.

È chiaro che il KDP sta giocando con il fuoco e vuole portare all’estremo la linea collaborazionista e traditrice che segue da anni. Pertanto, il popolo e le forze politiche del Kurdistan e dell’Iraq devono essere attenti. Non devono permettere questo atteggiamento. Anche i popoli, le donne e i giovani, nonché le forze democratiche e socialiste della Turchia, che sono davvero per la fratellanza turco-curda, devono opporsi a questo attacco del fascista Tayyip Erdoğan e del governo dell’Alleanza Popolare che mira all’occupazione e al genocidio. Perché condurre una guerra di sterminio contro i curdi in un momento in cui si avvicina l’anniversario della battaglia di Malazgirt, vinta in gran parte con il sostegno dei curdi, danneggia la società turca tanto quanto i curdi. Pertanto, è necessario sviluppare e vincere la lotta per la libertà e la democrazia insieme contro il terrore fascista e gli attacchi genocidi dell’AKP/MHP.

Fonte: Yeni Özgür Politika

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

erdoganinvasionekurdistanKURDISTAN IRAQpkkturchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tribunale della libertà conferma gli arresti per Anan, Alì e Mansour

L’Italia conferma la propria collaborazione con il progetto israeliano di repressione della resistenza palestinese. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: filmato di 70 minuti sull’operazione di guerriglia rivoluzionaria a Zap

Il 12 gennaio Gerîla TV ha diffuso un filmato di 70 minuti dell’operazione di guerriglia rivoluzionaria nella regione di Zap, nel Kurdistan meridionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kalkan: la lotta del popolo palestinese per la libertà e la democrazia è sacra

Il membro del Consiglio esecutivo del PKK Durkan Kalkan ha parlato del nuovo contesto geopolitico, analizzando il ruolo della Cina e l’attuale guerra israeliana alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: l’ipocrisia di Erdogan e il ruolo di Ankara in Medio Oriente. Intervista a Murat Cinar

“La Turchia risulterà l’unico membro della famiglia Nato ad avere un dialogo con Hamas?”