InfoAut
Immagine di copertina per il post

La crisi alimentare non è iniziata con la guerra in Ucraina

||||

Abbiamo tradotto questo interessante articolo tratto da In These Times che punta lo sguardo sulle cause strutturali della crisi alimentare e dell’aumento dei prezzi, di cui la guerra in Ucraina è una causa concorrente, ma non la principale. Il tema riguarda da vicino anche il comparto agricolo italiano, funestato sempre di più da alluvioni, incendi, siccità, peste suina ed aumento dei costi di bollette e fattori di produzione a fronte di un guadagno all’ingrosso molto spesso sempre più limitato. Nel breve questi fenomeni porteranno ad un’ulteriore concentrazione nelle mani dell’agroindustria, spogliando territori e possibilità di sussistenza, devastando la natura e producendo ulteriore scarsità sul lungo tempo paradossalmente. E’ necessario ragionare su questi temi e organizzarsi tanto più in tempi di guerra, alcuni fenomeni come le proteste dei pastori sardi di alcuni anni fa ci indicano che ci sono delle possibilità da esplorare. Buona lettura!

Anche se i fallimenti dell’agricoltura industriale diventano evidenti, l’agrobusiness statunitense mira a imporre il suo modello al resto del mondo.

di Jim Goodman

 

Anche prima della guerra in Ucraina, gli agricoltori di tutti gli Stati Uniti si stavano preparando a prezzi più alti su sementi, fertilizzanti e prodotti chimici per le colture. Per tutto l’inverno, i principali media agricoli hanno avvertito gli agricoltori di prenotare le forniture in anticipo poiché i prezzi sarebbero stati alti e le forniture sarebbero state scarse.

La guerra ha solo aumentato la preoccupazione tra gli agricoltori e i fornitori di input. Come le compagnie petrolifere che hanno citato le sanzioni sul petrolio russo per giustificare forti aumenti dei prezzi (anche se il petrolio russo continua a fluire quasi senza interruzioni), l’agrobusiness aziendale ha usato la guerra come giustificazione per aumentare ulteriormente i prezzi di fertilizzanti, semi e prodotti chimici, portando il Segretario all’Agricoltura Tom Vilsack a chiedere al Dipartimento di Giustizia di indagare se “ogni centesimo di questi aumenti” è giustificato. Nel frattempo, i media agricoli offrono suggerimenti su come gli agricoltori, nonostante i prezzi relativamente più alti dei raccolti, potrebbero affrontare l’aumento dei costi di input: usa meno, tira fuori le tue vecchie attrezzature per la lavorazione del terreno o, il cielo non voglia, considera di estrarre manualmente le erbacce come facevano gli agricoltori (ovviamente, anni fa, gli agricoltori non gestivano migliaia di acri).

Questo sistema funziona abbastanza bene per le multinazionali che rastrellano profitti. Per gli agricoltori stessi, non così tanto.

Gli agricoltori ucraini, nel frattempo, continuano a piantare, ma hanno spostato la loro produzione per nutrire gli ucraini localmente. Ma che siano in Ucraina o catturati in una delle tante altre guerre che imperversano in tutto il mondo, gli agricoltori non possono coltivare se sono sotto tiro, quindi i funzionari dell’agricoltura ucraina si aspettano che molti meno ettari vengano piantati nel 2022 rispetto agli anni passati. Aggiungete a ciò i blocchi russi dei terminali del Mar Nero che legano le esportazioni ucraine di cereali e fertilizzanti, le gravi siccità e inondazioni che colpiscono gli agricoltori di tutto il mondo e gli effetti collaterali delle interruzioni della catena di approvvigionamento pandemica, e potete iniziare a capire cosa ha in serbo il prossimo anno: i prezzi alimentari continueranno a salire mentre il sistema agricolo globale consolidato si scontra con problemi che non può affrontare. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha paragonato l’attuale crisi a “una spada di Damocle” che incombe sull’economia globale, “specialmente nei paesi in via di sviluppo”.

Tuttavia, i problemi con questo sistema non sono iniziati con la guerra in Ucraina o con Covid-19. Mentre questo sistema funziona abbastanza bene per le multinazionali che rastrellano profitti vendendo gli input agli agricoltori e acquistando, trasformando e distribuendo le colture e il bestiame, per gli agricoltori stessi, non così tanto. Sono costretti a comprare a prezzo al dettaglio e vendere a prezzo all’ingrosso, il tutto mentre competono l’uno contro l’altro in un mercato truccato. Qui negli Stati Uniti, agli agricoltori viene detto che possono e devono nutrire il mondo coltivando più mais, più soia e più bestiame in isolamento, anche se questo non è ciò che il mondo vuole o può permettersi di mangiare.

E questo sistema non danneggia solo gli agricoltori. Poiché l’agricoltura industriale richiede attrezzature sempre più grandi e costose e fattorie più grandi, ha contribuito allo spopolamento dell’America rurale e alla distruzione delle comunità rurali e dei sistemi alimentari locali. Provoca anche una litania di danni ambientali, dalla distruzione di ecosistemi fragili che vengono arati e messi in produzione all’emergere di “super erbacce” resistenti agli erbicidi all’uso sfrenato dell’acqua e all’inquinamento alle devastazioni del cambiamento climatico, che è guidato in gran parte dal sistema alimentare stesso.

 

Tuttavia, ignorando i suoi evidenti fallimenti, i sostenitori di questo sistema alimentare industriale lo pubblicizzano come l’unica via da seguire – non solo per gli Stati Uniti ma per il mondo. Nel sud del mondo la situazione è sempre più terribile e più ingiusta. Gli agricoltori sono spinti dai governi, dalla Banca Mondiale e da filantropi come Bill Gates a seguire il modello industriale degli Stati Uniti, per non parlare dei suoi fallimenti, non importa il suo costo.

Prendiamo, ad esempio, l’Alleanza per una rivoluzione verde in Africa (AGRA), un’iniziativa lanciata nel 2006 che mirava a raddoppiare i raccolti agricoli, dimezzare la fame e aumentare il reddito degli agricoltori in 13 paesi africani attraverso l’implementazione di tecnologie industriali come sementi commerciali, fertilizzanti sintetici e pesticidi. Nonostante un miliardo di dollari di sostegno, la maggior parte dei quali donati dalla Bill & Melinda Gates Foundation, AGRA si è rivelata un fallimento. Uno studio del 2020 ha rilevato che i raccolti di base non sono aumentati, mentre il numero di persone che soffrono la fame è aumentato del 30%. L’Africa non ha un migliore accesso al cibo, gli agricoltori sono più poveri e vengono cacciati dalle loro terre, vittime della tecnologia, dei costi dei fattori di produzione che non possono permettersi e dell’accaparramento delle terre da parte di governi e società straniere. Forse se i paesi africani non fossero alla mercé delle istituzioni di credito internazionali e dei loro agricoltori vittime del cambiamento climatico e dell’agrocolonialismo, potrebbero nutrirsi?

La follia, dicono, è fare la stessa cosa più e più volte e aspettarsi risultati diversi. Abbiamo un sistema alimentare industriale ad alta tecnologia che è in crisi e ha, più e più volte, mostrato i suoi difetti – eppure continuiamo a negare. Peggio ancora, cerchiamo di spingere gli stessi sistemi fallimentari in Africa e nei paesi del Sud del mondo, ignorando il fatto che sforzi come AGRA hanno fallito e rifiutando di sostenere soluzioni agroecologiche che funzioneranno.

La crisi dovrebbe guidare gli sforzi per il cambiamento. Perché insistiamo su più o meno lo stesso modello?

Foto: Un soldato ucraino osserva un trattore arare un campo a marzo vicino a Kiev, in Ucraina. A causa della guerra, i funzionari dell’agricoltura ucraina si aspettano che quest’anno vengano piantati molti meno ettari di colture. SHUTTERSTOCK

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

AGROINDUSTRIAcontadiniCRISI ALIMENTAREguerra

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raúl Zibechi: sempre più vicini al collasso

La notizia del drastico calo del traffico nel Canale di Panama e in quello di Suez, provocati rispettivamente dal cambiamento climatico e dalla guerra, non è sotto i riflettori mediatici.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Terra Trema: appunti sulle mobilitazioni di questi giorni degli agricoltori

Le mobilitazioni di questi giorni degli agricoltori, che stiamo seguendo e attraversando, ci danno la possibilità di ribadire alcune questioni.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La lezione della rivolta dei trattori: l’ecologia sarà contadina e popolare o non sarà

Mentre i blocchi continuano un po’ ovunque, presentiamo alcune posizioni circa la presente situazione espresse dal punto di vista dei Soulèvements de la terre.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il campo (agricolo) di battaglia

Tutto quello che vorreste sapere sulla cosiddetta «rivolta dei trattori» e che non avete osato chiedere. (Spoiler: la posta in palio è il concetto di «sovranità alimentare»)

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.