InfoAut
Immagine di copertina per il post

Messico: Nel Puebla gli ejidatarios protestano per il furto dell’acqua contro l’impresa canadese Driscoll’s

||||

Città del Messico / Contadini ed ejidatarios del Puebla hanno protestato nei terreni seminati a fragole, mirtilli e lamponi dell’impresa canadese Driscoll’s, insediata nella comunità di San Andrés Payuca, Puebla, per denunciare il saccheggio e il sovrasfruttamento dell’acqua nell’irrigazione delle coltivazioni, nell’ambito del settimo giorno della “Carovana per l’acqua e per la vita: Popoli uniti contro il saccheggio capitalista”.

Durante la protesta, gli ejidatarios hanno accusato la Driscoll’s, che è giunta nella comunità cinque anni fa, di essere responsabile della siccità nella regione per l’uso di cannoni antigrandine e il sovrasfruttamento dei pozzi d’acqua, e rendono responsabile la Commissione Nazionale dell’Acqua (Conagua) perché dà le concessioni alle transnazionali.

Hanno spiegato che le terre che l’impresa canadese semina sono affittate dai latifondisti e dalla classe politica. Gli impresari, hanno dichiarato i popoli della Carovana, “hanno cominciato seminando 500 ettari con tutto e i pozzi di irrigazione, che i proprietari terrieri gli fanno pagare. Tengono nascoste le concessioni e i pozzi. Abbiamo indagato alla Conagua e il massimo che abbiamo scoperto sono state tre o quattro concessioni con 500 mila metri cubi d’acqua all’anno”.

WhatsApp Image 2022 03 29 at 09.48.23 640x296 1

Nella protesta, gli ejidatarios hanno affermato che la Conca d’acque Libere-Orientale, che abbraccia 33 municipi di Puebla, Tlaxcala e Veracruz, non solo è saccheggiata dalla canadese Driscoll’s, ma anche dalla Granjas Carroll e dal birrificio Heineken.

“I proprietari terrieri hanno irrigazione sufficiente per le loro coltivazioni di ortaggi, mentre ai contadini e agli ejidatarios la Conagua gli nega l’acqua”, hanno dichiarato nei terreni da semina dell’impresa canadese, dove si sono lamentati anche perché non c’è più acqua per i loro appezzamenti.

Hanno spiegato che la Conca d’acque Libere-Orientale è l’unica conca del Puebla che ha ancora acqua, per cui i governi federale e statale l’hanno presa di mira come riserva per rifornire in caso di scarsità e siccità che si stanno avvicinando alla città di Puebla e a Città del Messico.

Gli ejidatarios hanno detto che “in questa regione hanno voluto portarsi via l’acqua per Città del Messico e per la città di Puebla con un Piano Moctezuma, ma noi popoli ci opponiamo e non li lasciamo fare. Ora chiediamo che l’acqua del sottosuolo sia per i contadini, che ci diano le concessioni per l’irrigazione per i nostri appezzamenti ejidali”.

WhatsApp Image 2022 03 29 at 09.48.16 640x410

La Carovana ha anche chiesto un nuova Legge delle Acque Nazionali e la cancellazione di tutte le concessioni d’acqua che dagli anni 70 hanno permesso alle imprese transnazionali di saccheggiare ai popoli il liquido vitale.

“Non è siccità, è saccheggio”, hanno concluso i popoli della regione nella protesta a San Andrés Payuca.

29 marzo 2022

Desinformémonos

Da Comitato Carlos Fonseca

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

acquaAGROINDUSTRIAmessico

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tribunale della libertà conferma gli arresti per Anan, Alì e Mansour

L’Italia conferma la propria collaborazione con il progetto israeliano di repressione della resistenza palestinese. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

2.9 Radura || Le catene agricole. Agroindustria e lavoro in Piemonte

In questa nuova puntata di Radura torniamo a parlare di agricoltura. Lo facciamo a partire da un approfondimento delle catene del valore in un territorio specifico che è quello del Piemonte.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lacrimogeni e cannoni ad acqua: la rabbia degli agricoltori si riversa sulle strade di Bruxelles

A Bruxelles, un migliaio di trattori ha bloccato il quartiere europeo a margine di una riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE-27. Gli agricoltori hanno difeso un reddito equo, la fine del libero scambio e, in alcuni casi, le norme ambientali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Terra Trema: appunti sulle mobilitazioni di questi giorni degli agricoltori

Le mobilitazioni di questi giorni degli agricoltori, che stiamo seguendo e attraversando, ci danno la possibilità di ribadire alcune questioni.