InfoAut
Immagine di copertina per il post

Prevedere la Cina? 

Riprendiamo da New Left Review questo breve testo di Nathan Sperber sulla narrazione che in Occidente si sta facendo della “crisi” economica cinese. 

Discussioni di carattere macro-economico su cosa sia o quando ci si trovi in una situazione di crisi economica non sono solitamente il centro delle nostre attenzioni. 

Tuttavia, riteniamo che il nostro compito controinformativo odierno debba necessariamente confrontarsi con la narrazione drogata che si fa della Cina e dei fatti legati ad essa. 

Infatti, nonostante il modo di governo e produzione adottato dalla Repubblica Popolare sia quanto più di distante dalla nostra idea di società, è sempre più necessario dotarsi degli strumenti analitici per comprendere quanto avviene a quelle latitudini, emancipandoci dalla propaganda della stampa nostrana (solitamente traduzioni da testate anglofone) che in questo clima sempre più guerrafondaio tenta di acuire il solco tra il “noi” e il “loro” (su questo tema complesso quanto delicato rimandiamo a questo contributo di Sinosfere).

Buona lettura. 

L’economista premio Nobel Paul Krugman non usa mezzi termini:

i segnali sono ormai inequivocabili: La Cina è in grossi guai. Non si tratta di una piccola battuta d’arresto, ma di qualcosa di più fondamentale. L’intero modo di fare affari del Paese, il sistema economico che ha guidato tre decenni di incredibile crescita, ha raggiunto i suoi limiti. Si potrebbe dire che il modello cinese sta per colpire la sua Grande Muraglia, e l’unica domanda che ci si pone è quanto grave sarà il crollo.

Era l’estate del 2013. In quell’anno il PIL cinese è cresciuto del 7,8%. Nel decennio successivo, l’economia cinese è cresciuta del 70% in termini reali, rispetto al 21% degli Stati Uniti. In questo secolo la Cina non ha sperimentato nessuna recessione ossia, due trimestri consecutivi di crescita negativa – e tanto meno un “crollo”. Eppure, ogni pochi anni, i media finanziari anglofoni e la loro scia di investitori, analisti e think-tanker sono presi dalla convinzione che l’economia cinese stia per crollare.

La convinzione è emersa all’inizio degli anni 2000, quando si pensava che gli investimenti in eccesso stessero “surriscaldando” l’economia; alla fine degli anni 2000, quando le esportazioni si sono contratte sulla scia della crisi finanziaria globale; e a metà degli anni 2010, quando si temeva che l’accumulo di debiti delle amministrazioni locali, il sistema bancario ombra non regolamentato e i deflussi di capitale minacciassero l’intero edificio economico della Cina. 

Oggi le previsioni funeste sono di nuovo in vigore, questa volta a causa dei dati di crescita del secondo trimestre del 2023, che non sono stati soddisfacenti. Le esportazioni sono diminuite rispetto alle vette raggiunte durante la pandemia, mentre la spesa dei consumatori si è ammorbidita. Le crisi aziendali nel settore immobiliare e l’elevato tasso di disoccupazione giovanile sembrano aggravare le difficoltà della Cina. In questo contesto, i commentatori occidentali dubitano della capacità della RPC di continuare a crescere come in passato, o si preoccupano in termini più grandiosi del futuro economico del Paese (“whither China?”, si chiede Adam Tooze per bocca di Yang Xiguang). Adam Posen, presidente del Peterson Institute di Washington, ha diagnosticato un caso di “long Covid economico”. Cattivi presagi sulle prospettive economiche della Cina sono tornati a farsi sentire.

L’esistenza di debolezze strutturali nell’economia cinese non è in discussione. Dopo due ondate di riforme istituzionali radicali, rispettivamente negli anni ’80 e ’90, il panorama economico cinese si è stabilizzato in un modello duraturo di alti risparmi e bassi consumi. Con la spesa delle famiglie contenuta, la crescita del PIL, rallentata nell’ultimo decennio, è stata sostenuta dall’aumento degli investimenti, a loro volta sostenuti dal crescente indebitamento delle imprese.

Tuttavia, nonostante questo rallentamento, l’attuale ondata di allarmi della stampa economica in lingua inglese, per metà angoscia degli investitori e per metà Schadenfreude[1] filo-occidentale, non è un riflesso accurato dell’andamento dell’economia cinese. Questa procede a rilento, ma è ancora in espansione, con 3 punti di PIL aggiunti nei primi sei mesi del 2023. 

Quindi, questa narrazione rappresenta piuttosto l’espressione di un’impasse intellettuale e del contesto difettoso in cui la conoscenza dell’economia cinese viene prodotta e fatta circolare nella sfera pubblica occidentale.

La cosa essenziale da tenere a mente riguardo alla copertura occidentale dell’economia cinese è che la maggior parte di essa risponde alle esigenze della “comunità degli investitori”. Per ogni intervento di un accademico di chiara fama come Ho-fung Hung, ci sono decine di briefing specialistici, rapporti, articoli di cronaca e post sui social media il cui pubblico di riferimento è costituito da individui e aziende con vari gradi di esposizione al mercato cinese, oltre che, sempre più spesso, dalle istituzioni di politica estera e di sicurezza degli Stati occidentali. La maggior parte delle analisi sulla Cina cerca di essere direttamente utile e persino “perseguibile”. Il flusso di interventi orientati al profitto e alla politica, rivolti a una piccola parte della popolazione, modella la “conversazione” sull’economia cinese più di ogni altra cosa.

Ciò comporta altre due caratteristiche. In primo luogo, le preoccupazioni più importanti dei commentatori occidentali riflettono la distribuzione distorta del capitale di proprietà straniera all’interno dell’economia cinese. L’economia cinese è altamente globalizzata in termini di commercio di beni, ma non in termini di finanza: I controlli sui capitali di Pechino isolano in larga misura il settore finanziario nazionale dai mercati finanziari globali. Il capitale finanziario estero ha solo pochi punti di accesso ai mercati cinesi, il che significa che l’esposizione internazionale è disomogenea. 

Le società con sede in Cina con investitori stranieri, debito offshore o quotazioni sui mercati azionari al di fuori della Cina continentale (cioè, libere dai controlli sui capitali cinesi) generano attenzione proprio in proporzione ai loro legami con l’estero. Così, negli ultimi due anni, innumerevoli articoli sono stati dedicati alla saga del default del gigante immobiliare Evergrande, un’azienda quotata a Hong Kong che ha fatto affidamento su un debito denominato in dollari. Giornalisti e commentatori potrebbero prepararsi a riservare lo stesso trattamento di grande visibilità a Country Garden, un’altra impresa immobiliare in difficoltà, quotata a Hong Kong e con un debito offshore. Per contro, l’abbonato al Wall Street Journal o al New York Times sarà perdonato se non ricorderà l’ultima volta che ha letto un articolo su State Grid (il più grande fornitore di energia elettrica del mondo) o su China State Construction Engineering (la più grande impresa di costruzioni del mondo) – due società meno dipendenti dalla finanza globale e per le quali è improbabile che gli investitori internazionali perdano il sonno.

La seconda caratteristica riguarda l’affidamento del settore finanziario all’arte della narrazione politico-economica per vendere opzioni di investimento. I clienti che hanno denaro da investire vogliono più delle proiezioni di un analista sul probabile tasso di rendimento di un determinato prodotto d’investimento; vogliono sapere come quel prodotto si inserisce nel “quadro generale”, in una storia generale di opportunità, innovazione o transizione in una parte del mercato, in contrasto con la vulnerabilità, il declino o la chiusura altrove. 

Le discussioni sull’economia cinese sono regolarmente inficiate da archi narrativi di questa varietà commerciabile, siano essi “rialzisti” o “ribassisti”. Tra questi, ad esempio, possiamo annoverare la teoria che Xi Jinping avrebbe inaugurato una terza ondata di riforme istituzionali – la “Riforma 3.0 al Comitato Centrale” – al terzo plenum del Comitato Centrale nel novembre 2013 (non è successo nulla del genere);  oppure i timori di un “atterraggio duro”, se non di un “momento Lehman”, durante la volatilità finanziaria della Cina nel 2015 e 2016 (la crescita del PIL è rimasta vicina al 7%); o anche la convinzione dell’inevitabilità di un “ribilanciamento” della Cina dagli investimenti ai consumi nel corso degli anni 2010 (la quota degli investimenti sul PIL è rimasta sopra il 40% dal 2003). 

Queste narrazioni, che sembrano create in risposta alle esigenze di narrazione degli investitori e degli intermediari finanziari occidentali, diventano calamite per il dibattito pubblico. La storia del “riequilibrio”, ad esempio, è servita come un irresistibile incentivo a investire nei settori dell’economia cinese rivolti ai consumatori, fino a quando non ha perso gradualmente credibilità. 

In questo modo si sono fatti soldi e se ne sono persi, e in questo senso la storia è stata in parte un successo per l’industria, anche se non rifletteva bene i fatti economici.

Il fatto che gran parte del discorso sull’economia cinese prenda forma in risposta agli interessi degli investitori può anche spiegare la sua suscettibilità alle inversioni di tendenza a breve termine. 

Di norma, l’andamento dei mercati finanziari è più volatile di quello dell’economia reale e, nel caso della Cina, è soprattutto il primo – al quale gli investitori esteri sono maggiormente esposti, anche se in modo non uniforme – a guidare le percezioni del secondo. 

Da qui i bruschi cambiamenti di umore da rialzista a ribassista e viceversa, da un ciclo finanziario all’altro. In parte fluttuando con i capricci del sentimento di mercato, i commenti anglofoni mancano anche di criteri coerenti e credibili con cui valutare la performance economica della Cina. Quanta crescita è sufficiente? Che tipo di espansione economica sarebbe necessaria perché la Cina non sia in “crisi”? Nel 2009, quando il governo cinese stava scatenando una spettacolare ondata di prestiti bancari per stimolare l’attività all’indomani della crisi finanziaria globale, era opinione diffusa che una crescita dell’economia dell’8% fosse necessaria per evitare la disoccupazione di massa e l’instabilità sociale.

Oggi nessuno in Occidente si sognerebbe di dire che la Cina dovrebbe puntare a crescere dell’8% all’anno. E la crescita del PIL è di per sé una misura adeguata della forza economica? L’importanza che le autorità cinesi attribuiscono alla performance del PIL è diminuita. L’obiettivo ufficiale per il 2023 è approssimativo – “circa il 5%” – e offre un certo margine di manovra, mentre il Quattordicesimo Piano Quinquennale (2021-2025) rinuncia del tutto a un obiettivo generale per il PIL.

Oltre a standard proteiformi per la valutazione della performance, c’è anche una certa confusione su come interpretare i principali sviluppi dell’economia cinese, soprattutto in relazione alle intenzioni dei politici. Le traversie del settore immobiliare ne sono un esempio. Il crollo al rallentatore dell’Evergrande, eccessivamente indebitata, è stato ripetutamente dipinto dai media occidentali come una calamità in attesa dell’intera economia cinese, in un’ennesima iterazione del tropo del “momento Lehman”. In questo modo non si tiene conto del fatto che il governo cinese ha deliberatamente impedito agli sviluppatori immobiliari altamente indebitati, tra cui Evergrande, di accedere al credito agevolato nell’estate del 2020 – una misura da allora denominata “politica delle tre linee rosse”. Naturalmente, nessun default e ristrutturazione aziendale su larga scala sarebbe di per sé auspicabile. Tuttavia, sembra che fallimenti come quello di Evergrande siano stati trattati dalle autorità cinesi come il prezzo per disciplinare il settore immobiliare nel suo complesso e ridurne il peso nell’economia in generale. Sebbene la flessione del settore immobiliare, con un forte calo degli investimenti nel 2022, abbia pesato negativamente sulla crescita complessiva della Cina, ciò sembra essere la conseguenza di un tentativo concertato di “correggere” il settore, la cui quota di contrazione della produzione economica totale, anche a costo della crescita del PIL, potrebbe essere descritta come uno sviluppo positivo.

Un punto di partenza per un approccio più equilibrato all’economia cinese consiste nel collocare il momento attuale in una prospettiva di più lungo periodo. L’economia cinese è stata completamente trasformata negli anni Ottanta e Novanta. Grazie alle ondate di riforme che hanno caratterizzato quei decenni, la produzione agricola è passata dalla collettività alla famiglia; le industrie statali sono state convertite in imprese a scopo di lucro; l’allocazione di beni, servizi e lavoro è stata completamente commercializzata; è nato, si è espanso rapidamente e si è consolidato un potente settore privato. 

Da quando quest’epoca di intensa ristrutturazione istituzionale si è conclusa nei primi anni 2000, il PIL cinese è più che quadruplicato in termini reali, ma la struttura economica fondamentale del Paese è rimasta stabile, sia in termini di equilibrio tra imprese statali e capitale privato, sia in termini di prevalenza degli investimenti sui consumi. In questo contesto, i casi di cambiamento significativo – l’aggiornamento tecnologico, l’espansione dei mercati dei capitali – sono stati lenti. 

Il declino della crescita del PIL è di per sé una questione di lungo periodo, e gli elementi essenziali dell’attuale configurazione sono destinati a durare per qualche tempo. L’economia cinese non è né una “bomba a orologeria”, come ha azzardato Joe Biden il mese scorso, né – espressione abusata – “a un bivio”. Nei prossimi anni, i falchi anti-cinesi dell’Occidente potrebbero continuare a trasformarsi in colombe “pro-cinesi” e viceversa, mentre l’economia cinese andrà avanti con indifferenza.


[1] Termine sofisticato per indicare il godere di disgrazie altrui. 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

cinainformazionepropaganda

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Per una lettura condivisa sul tema pensionistico

All’innalzamento dell’età pensionabile va aggiunto poi un ulteriore problema: mentre gli  importi pensionistici vengono progressivamente abbassati la convenienza  del pensionamento anticipato diminuisce.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Agricoltori calabresi in rivolta, un’analisi

Ancora sulle proteste degli agricoltori, pubblichiamo questa interessante analisi sulle mobilitazioni in Calabria apparse originariamente su Addùnati il 24 gennaio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

C’era una volta… oppure c’è ancora Marx?

Non resta dunque, a chi scrive, che lasciare ai lettori il piacere di scoprire, ancora una volta insieme a Marx, una possibile alternativa all’attuale modo di produzione e ai suoi flagelli ambientali, sociali, economici, militari, razziali e di genere.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La lezione della rivolta dei trattori: l’ecologia sarà contadina e popolare o non sarà

Mentre i blocchi continuano un po’ ovunque, presentiamo alcune posizioni circa la presente situazione espresse dal punto di vista dei Soulèvements de la terre.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il campo (agricolo) di battaglia

Tutto quello che vorreste sapere sulla cosiddetta «rivolta dei trattori» e che non avete osato chiedere. (Spoiler: la posta in palio è il concetto di «sovranità alimentare»)

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lenin Reloaded

Cento anni dalla sua scomparsa. E la figura di Lenin continua a sfuggire a qualsiasi incasellamento, seguita a creare disturbo e inquietudine.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La convergenza impossibile. Pandemia, classe operaia e movimenti ecologisti

A questa tavola sta per verificarsi, per causa mia, un’accesa discussione.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’attualità della rivoluzione. Il Lenin del giovane Lukács

A cent’anni dalla morte del grande rivoluzionario, un estratto di un testo inedito di Mario Tronti sul Lenin del giovane Lukács. Il saggio completo farà parte di «Che fare con Lenin? Appunti sull’attualità della rivoluzione»

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Levante: la puntata di novembre 2023. Focus sulle relazioni sino-americane

Prendendo spunto dall’incontro di San Francisco tra il presidente Usa, Joe Biden, e l’omologo della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping, abbiamo approfondito il tema delle relazioni sinoamericane nel corso degli ultimi anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kalkan: la lotta del popolo palestinese per la libertà e la democrazia è sacra

Il membro del Consiglio esecutivo del PKK Durkan Kalkan ha parlato del nuovo contesto geopolitico, analizzando il ruolo della Cina e l’attuale guerra israeliana alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Levante: la puntata di ottobre 2023. Il decennale della “Via della seta” e la postura cinese in Medio Oriente

La Cina è economicamente il secondo partner di Israele (dopo gli Usa), mentre dal punto di vista diplomatico la Repubblica Popolare, fin dai tempi di Mao, ha un atteggiamento di vicinanza alle istanze del popolo di Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I mille volti della guerra

A Torino giornata universitaria contro la guerra verso la mobilitazione nazionale e generale Fermare l’escalation del 21 ottobre prossimo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Levante: qual e’ lo stato di salute dell’economia cinese?

Il punto sullo stato di salute dell’economia della Cina dopo l’estate e sulle traiettorie, interne ed esterne, verso la fine del 2023 e il 2024.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il problema non è che la fine è vicina, ma che la stiamo già vivendo

Il 24 giugno 2023, il governo giapponese e la Tokyo Electric Power Company (TEPCO) hanno deciso di scaricare in mare oltre 1,3 milioni di tonnellate di liquami generati dall’incidente nucleare di Fukushima, causato dal Grande Terremoto del Giappone Orientale, e di riavviare la produzione di energia nucleare.