InfoAut
Immagine di copertina per il post

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

Le immagini di un giovane che spara incessantemente hanno fatto il giro di Internet nell’ultima settimana. Nonostante i molteplici proiettili che gli trafiggono il corpo, il giovane persiste, anche quando non riesce più a stare in piedi. Dopo aver esaurito le munizioni, si fruga in tasca per trovarne altre mentre una raffica di proiettili lo colpisce.

da Palestina Rossa

I commentatori hanno descritto queste immagini come un’epica scena di battaglia di un film d’azione, ma queste immagini non sono finzione. Mostrano la sfida di Udai Tamimi contro le forze di sicurezza israeliane all’ingresso dell’insediamento illegale di Ma’ale Adumim lo scorso 19 ottobre.

Il 22enne del campo profughi di Shuafat, Udai, ha iniziato il suo viaggio del martirio il 7 ottobre, quando ha sparato e ucciso un soldato israeliano a un posto di blocco che portava a Shuafat. I luoghi che ha preso di mira non sono casuali; questi siti rappresentano l’oppressione dei palestinesi in corso e il colonialismo israeliano in aree di importanza strategica per lo stato sionista.

Il checkpoint è stato eretto durante la seconda Intifada. Nel 2009, Israele ha annunciato la trasformazione del presunto muro temporaneo in un “passaggio internazionale”, separando di fatto le aree che ricadono sotto la giurisdizione di Gerusalemme e quelle che ricadono sotto la Cisgiordania, facendo prigionieri i residenti.

Il campo è di importanza strategica poiché collega i villaggi palestinesi al nord e all’est della città di Gerusalemme. In quanto tale, l’annessione delle terre del campo non solo frammenterebbe le restanti comunità palestinesi a Gerusalemme, ma collegherebbe anche una catena di insediamenti illegali israeliani (tra cui Ma’ale Adumim) che circondano la città.

A gennaio Israele ha dichiarato l’annessione di 500 dunam di terra dal villaggio di Issawiya, dal campo di Shuafat e dalla città di Anata, con l’obiettivo di unire gli insediamenti israeliani, prova che la soluzione dei due stati è un mito.
 

Il campo profughi come luogo di resistenza

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Il campo profughi nella storia popolare è più di un semplice luogo di oppressione. Il campo di Shuafat, come tanti altri, è sinonimo di determinazione.

Storicamente, la rivoluzione anticoloniale palestinese è stata plasmata e ha messo radici nei campi profughi della Giordania e del Libano. Con l’ascesa della resistenza armata palestinese nel secolo scorso, la figura e la rappresentazione del rifugiato sono cambiate da persona impoverita all’eroico guerriero che Udai simboleggia per i palestinesi di oggi.

Con l’assedio del campo da parte di Israele, le immagini di ragazzini che si radono la testa in segno di solidarietà per aiutarlo a sfuggire alla cattura hanno invaso i social media. I ricordi della rivoluzione contadina del 1936 sono vivi e vegeti qui, quando i palestinesi urbani indossavano le kefiah solitamente indossate dai rivoluzionari per dissuadere i militari britannici dal catturare i loro obiettivi.

Secondo gli analisti militari israeliani, la seconda operazione Udai dimostra un massiccio fallimento dell’apparato di sicurezza israeliano. Queste forme di sostegno della comunità alla resistenza sono ciò che i palestinesi chiamano Al Hadena Al Sha’bya – la culla popolare.

Il 12 ottobre, cinque giorni dopo il primo attacco di Udai e l’assedio del campo da parte di Israele, il nuovo gruppo di resistenza palestinese con sede a Nablus, Areen Al-Usud (la fossa dei leoni), ha indetto il suo primo sciopero generale in tutta Gerusalemme e la Cisgiordania in solidarietà con Udai e il campo di Shuafat.
 

Areen Al-Usud

Come il campo profughi di Shuafat, la città di Nablus è sotto assedio militare dall’11 ottobre, a seguito di un’operazione della Fossa dei Leoni che ha provocato la morte di un soldato israeliano vicino al villaggio di Sebastian. Ad oggi, il gruppo è stato responsabile di oltre 35 operazioni.

L’ispirazione per la Fossa dei Leoni è venuta dagli scontri avvenuti nel campo profughi di Jenin negli ultimi sei mesi. In questo senso, la formazione della Fossa dei Leoni fa parte di un fenomeno che ha scosso la Cisgiordania settentrionale, insieme alla formazione delle Brigate Jenin e delle Brigate Nablus.

Inizialmente, il loro obiettivo era affrontare i soldati e proteggere la città durante i raid militari e l’assalto a Nablus da parte dei coloni israeliani. Più recentemente, tuttavia, il gruppo è passato all’offensiva, sfruttando l’elemento sorpresa e dichiarando la sua intenzione di attaccare l’occupazione piuttosto che limitarsi a difendere i palestinesi contro di essa. Hanno ripetutamente sottolineato che la resistenza armata radicata ad Al Hadena al Sha’bya è la via della liberazione.
 

Al Hadena al Sha’bya – la culla popolare

Il principio della culla popolare ha una lunga storia all’interno della resistenza palestinese e viene reinventato oggi nel contesto dei social media e della Fossa dei Leoni. La culla popolare denota uno stato di coesione tra la resistenza e le masse, portando la resistenza a diventare uno stato generale dell’essere.

NABLUS, WEST BANK, PALESTINE – 2022/10/25: Gunmen participate in the funeral of five Palestinians who were shot dead by the Israeli army in an Israeli night raid, in the occupied West Bank city of Nablus. Palestinian health officials say five Palestinians were killed and 20 were wounded. Israel has accused the group (Lions’ Den) of having killed a soldier and attempting several attacks. (Photo by Nasser Ishtayeh/SOPA Images/LightRocket via Getty Images)

Esistono diverse forme di questo supporto, comprese quelle materiali, morali, finanziarie e sociali. Ciò può includere, ad esempio, dissuadere il nemico, ospitare fuggiaschi, avvertire la resistenza di un possibile pericolo, produrre letteratura e media a sostegno della resistenza e molto altro.

Ciò che questi gruppi hanno capito, come ha più volte sottolineato la Fossa dei Leoni, è che la resistenza non può aver luogo senza la culla popolare. Il gruppo non solo tiene le persone informate sulle sue attività, operazioni e intenzioni, ma comunica anche con il pubblico in merito al supporto sul campo per le sue operazioni.

Questi includono richieste di sciopero generale, blocchi stradali per distrarre l’esercito e fermare i raid e richieste alle persone di spegnere le telecamere a circuito chiuso per garantire la sicurezza degli attivisti.

I palestinesi sono più volte scesi in piazza a sostegno del gruppo, con canti ascoltati da Haifa a Gaza. Sui social media, i sostenitori condividono canzoni, video e si impegnano a sostenere il gruppo. La logica della culla popolare richiede un senso di sincronia tra i due, per cui le masse possono iniziare ad anticipare ciò di cui la resistenza ha bisogno in situazioni urgenti.

Niente lo dimostra meglio dell’invasione di Nablus da parte di un’unità armata israeliana nelle prime ore del 25 ottobre. Nonostante i pesanti scontri con le munizioni, centinaia di giovani sono scesi in piazza a sostegno della Fossa dei Leoni. In questo senso, la culla popolare include persone disposte a sostenere i costi della resistenza.
 

I giovani palestinesi sono i nuovi leader della resistenza

Sebbene diverse brigate abbiano operato durante la Seconda Intifada, ciò che distingue questo fenomeno è che la Fossa dei Leoni rappresenta un gruppo di giovani che si sono riuniti per difendere il proprio popolo. Come Udai, il gruppo appena formato rappresenta una nuova generazione di giovani palestinesi stufi del colonialismo e dei suoi collaboratori palestinesi. È un gruppo non gerarchico e apartitico.

L’emergere di questi gruppi non solo dimostra insoddisfazione nei confronti dell’Autorità Palestinese e dei leader dei vari partiti politici, ma anche di un movimento volto a far rivivere il sentimento di unità palestinese e lo stato di resistenza sperimentato durante gli eventi del maggio 2021.

Con la crescente pressione da parte di Israele l’Autorità palestinese ha cercato di negoziare con i membri del gruppo offrendo di acquistare le loro armi e offrendo loro posti di lavoro nelle forze di sicurezza.

Dall’emergere del gruppo l’esercito israeliano ha effettuato operazioni militari limitate evitando una completa invasione di Nablus. Ufficialmente Israele ha ucciso cinque membri del gruppo. Effettuando omicidi attraverso il dispiegamento delle sue forze speciali, Israele ha rivelato un fallimento della sicurezza nel perseguire e indebolire il fenomeno crescente dei nuovi combattenti della resistenza nella Cisgiordania occupata. Tuttavia, un’invasione completa porterebbe più ribellione nelle strade e aumenterebbe la popolarità e la fiducia della resistenza.

Mentre le discussioni sulla potenziale strategia di Israele continuano, i membri del gruppo sono sempre consapevoli della possibilità di essere uccisi prima di qualsiasi cambiamento in questo status quo, come lo era Udai. Per questo ripongono la loro fiducia nella culla popolare per continuare a produrre rivoluzionari che lotteranno per la liberazione della terra e del loro popolo.

Ciò che è chiaro dagli eventi recenti è che la nuova generazione di palestinesi crede veramente nel sacrificio e riconosce che solo una lotta attiva contro il colonizzatore potrà essere la chiave per qualsiasi progresso verso i loro obiettivi. Hanno capito che solo la crescita della resistenza porterà alla liberazione.

Abu-Jildeh

Fonte: The New Arab
 

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

colonialismoFossa dei leonipalestinaPalestina rossa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

In Grecia il più grande sciopero generale dal 2012 contro l’aumento dei prezzi

Ieri è andato in scena in Grecia uno sciopero generale di ventiquattro ore contro carovita ed inflazione. Decine di migliaia di manifestanti ad Atene e Salonicco, trasporti bloccati e scontri nei pressi del Parlamento.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Cinema Palestinese: dal servire la rivoluzione all’espressione creativa

I critici concordano sul fatto che il cinema è rimasto quasi sconosciuto in Palestina prima della Nakba nel 1948.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele: Netanyahu torna al potere con l’ultradestra

Dopo lo spoglio del 85 % dei seggi (ore 12 del 2 novembre) il blocco dei partiti che sostengono Benyamin Netanyahu si avvia a conquistare 67 seggi sui 120 della Knesset, quindi la maggioranza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Inviato ONU: la situazione della sicurezza in Cisgiordania è in una spirale di deterioramento

L’inviato delle Nazioni Unite per la pace in Medio Oriente, Tor Wencesland, ha informato venerdì il Consiglio di sicurezza dell’ONU sulla situazione nei Territori palestinesi occupati. Ha affermato che la situazione in Palestina è “molto deteriorata” e che “la situazione della sicurezza nella Cisgiordania occupata è bloccata in un ciclo di continuo deterioramento”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Violenti scontri notturni a Gerusalemme

Violenti scontri sono scoppiati durante la notte e all’alba di sabato nella Gerusalemme occupata, a seguito dell’invasione della polizia israeliana in diverse località.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Le gang dei “minori stranieri”: teppisti o nuovo soggetto operaio?

“La violenza è intesa così come la mediazione principale. L’uomo colonizzato si libera nella e per la violenza”. (F. Fanon, I dannati della terra) Di Emilio Quadrelli da Carmilla La “grana” era nell’aria da tempo, che la “questione dei minori stranieri non accompagnati” dovesse prima o poi esplodere era solo questione di giorni. Di ciò […]

Immagine di copertina per il post
Culture

ORA BASTA! 2022 a Pisa in ricordo di Sciàscià

Segnaliamo l’evento che si svolgerà a Pisa, presso lo Spazio Antagonista Newroz, il 23 e 24 settembre. Il ricavato andrà a sostenere i comitati per la salute in Palestina.  Dopo due anni di stop, dovuti alla pandemia, ritorna la due giorni di iniziative in ricordo di Andrea Magagnini, Sciascià, nostro compagno e amico, scomparso nell’estate […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

PALESTINA: PESTATO E ARRESTATO HAFEZ HURAINI, STORICO ESPONENTE DEI COMITATI DI RESISTENZA POPOLARE A MASAFER YATTA

In Palestina monta la protesta, arrivata anche a livello internazionale, per il brutale intervento dell’esercito israeliano nella zona di Masafer Yatta, 19 storici villaggi palestinesi a sud di Hebron. I villaggi palestinesi a ridosso del Negev sono sotto minaccia di sgombero da mesi: diversi di loro sono già stati rasi al suolo per fare spazio […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’abuso dei poteri delle leggi “antiterrorismo” soffoca la libertà della società civile in Medio Oriente.

L’uso improprio della retorica e delle autorità antiterrorismo stanno incoraggiando gli Stati autoritari, contribuendo a un regresso democratico e diminuendo la nostra sicurezza collettiva.    In tutto il mondo, assistiamo a una pratica costante di abuso del linguaggio e delle leggi antiterrorismo per prendere di mira, mettere a tacere e danneggiare la società civile e […]