InfoAut
Immagine di copertina per il post

Francia: uno sguardo indietro a quattro giorni di azione contro il cemento

L’incontro lanciato qualche settimana fa da decine di organizzazioni e lotte locali ha dato vita a una mobilitazione senza precedenti contro Lafarge e l’industria del calcestruzzo, non solo in Francia ma anche in Svizzera e in Belgio. Una sintesi, una panoramica e un video.

da Contre Attaque

Da Tolosa a Bruxelles, da Corseul a Val-de-Reuil, passando per Saint Barthélémy d’Anjou, Sainte-Cécile o Héricourt, in gruppi o in comitive, decine o migliaia di persone sono sbarcate proprio nel mezzo delle centrali, dei siti e delle cave i cui profitti dipendono dal perpetuarsi della devastazione ambientale. Ognuno dei punti della mappa che elenca queste azioni testimonia la creatività e la solidarietà del fronte contro Lafarge e l’artificializzazione del territorio.

A Forez, Strasburgo, Belfort, Le Teil, Parigi e Anjou, folle di persone di tutte le età si sono radunate davanti ai cancelli, bloccandoli con grandi pietre e muri di terra e paglia, o salendo a “spuntare” i silos. A Lione, sono riusciti a mobilitare ancora una volta quasi 2.000 persone, per fare irruzione nel cantiere di un futuro impianto di bitume destinato ai lavori autostradali e disarmarlo prima di annunciare la nascita di un collettivo di agricoltori contro gli impianti di bitume!

A Val-de-Reuil, nel dipartimento dell’Eure, al centro di un’altra battaglia contro il progetto autostradale, 150 picchi pileati e tritoni crestati in tuta da lavoro sono entrati a sorpresa in un impianto di calcestruzzo della Lafarge e lo hanno bloccato in 10 minuti con alcuni getti ben mirati in tubi e condotti e con alcuni schiamazzi d’ufficio prima di un’operazione di dispersione della polizia. I manifestanti si sono rifugiati nella foresta di Bord, mentre la polizia antiterrorismo è stata inviata sul posto in una nuova operazione di demonizzazione degli attivisti ambientalisti e in alcune mendaci manifestazioni del prefetto locale su un immaginario rapimento.

Nel frattempo, decine di persone, indossando maschere di animali, hanno abbattuto la facciata di un sito Lafarge nel centro di Parigi e l’hanno occupata ballando per una festa di compleanno in occasione del primo anniversario dello smantellamento della cementeria di Bouc-Bel-Air, uno dei 50 siti più inquinanti del Paese. A Ginevra, una grande squadra si è recata alla Holcim e ha accecato i camion e gli uffici di rosa, firmando “Bye Bye”.

A Marsiglia, un gruppo organizzato in boe ha persino fatto il bagno nelle cave del sito di Bouc-Bel-Air per celebrare l’anniversario e denunciare il modo in cui il sito monopolizza l’acqua.

Altrove, le lotte locali hanno preso spunto da questa campagna d’azione: a Doulon (Nantes), un’intelaiatura costruita dalla ZAD di Notre-Dame-des-Landes è stata portata dai trattori sui terreni degli orti minacciati di artificializzazione. A Sainte-Cécile, in Borgogna, una marcia funebre è andata a seppellire il progetto di ampliamento di una cava.

Nella regione della Nouvelle-Aquitaine, l’associazione contro l’apertura dei cancelli in Gironda (LA COP 33) ha ridipinto e chiuso gli ingressi di 4 siti di #Lafarge, mentre diverse manifestazioni coordinate hanno espresso un “NO” categorico al progetto di “Linea ad alta velocità” dalle cave e dagli impianti di calcestruzzo che alimenterebbero il più grande cantiere della regione e che attualmente minacciano la magnifica valle del Ciron.

Sempre a Nantes, lunedì mattina, più di 150 persone, tra cui molti agricoltori e 7 dei loro trattori, si sono riunite per bloccare il sito di Lafarge Janvraie organizzando una partita di beach volley. Gli agricoltori locali sono particolarmente in rivolta contro Lafarge-Holcim, poiché l’espansione della cava dell’azienda sta divorando il bocage e i terreni fertili della Loira meridionale. Durante questa azione, il Ministero degli Interni ha voluto marcare l’occasione facendo immobilizzare 3 trattori e arrestando 30 persone. Una festa davanti alla stazione di polizia ha permesso loro di uscire più rapidamente. 7 persone sono ancora in stato di fermo al momento in cui scriviamo.

A volte, come in Bretagna, a Saint-Egrève, a Bouguenais e in Svizzera, gli impianti di betonaggio sono stati visitati di notte, ridipinti e disarmati da ricci con le palle, da elfi eco-terroristi, da una squadra di cheerleader o da una banda di infradito che hanno usato schiuma espandente, piccoli attrezzi o sabbia nelle vasche. Nel comunicato stampa del Corseul (22) si legge: “Noi erisoni ci siamo introdotti nella centrale elettrica e abbiamo rosicchiato alcuni cavi (…). Questo atto è soprattutto un atto di autodifesa contro un nemico comune, Lafarge-Holcim”.

A Overisje, i veicoli sono stati dolosamente fermati aggiungendo liquidi ai loro serbatoi, da belgi che non si sono lasciati ingannare dal messaggio “Costruire il progresso per le persone e per il pianeta” esposto su un cartellone pubblicitario dagli imprenditori del sito locale di Lafarge, nel pieno della campagna di Greenwashing.

Mentre continuiamo a ricevere informazioni su nuovi interventi anti-cemento, possiamo già dire che questa iniziativa coordinata per fermare il cemento è un successo che si ripeterà. Un anno dopo la clamorosa irruzione nella cementeria di Marsiglia e il successivo tentativo di Lafarge e della polizia antiterrorismo di soffocare la vera opposizione al mondo del cemento, la lotta si è chiaramente moltiplicata. Durante queste mobilitazioni, sono stati inviati molti messaggi di sostegno alle persone coinvolte dagli inquirenti.

Di fronte alla galoppante artificializzazione del territorio e all’impatto critico di queste industrie sul cambiamento climatico, l’attacco ai siti di cemento e bitume di questo fine settimana ha assunto l’aria di un salutare evento sportivo. Si parla addirittura di inserirlo nei prossimi Giochi Olimpici.

Non abbiamo sbagliato bersaglio!

Di fronte all’associazione a delinquere che è Lafarge e il governo, fermarli non è terrorismo, ma un atto di resistenza che si sta diffondendo. Come hanno chiesto gli occupanti degli stabilimenti Lafarge nel porto di Gennevilliers nel giugno 2021: “Lafarge e i suoi complici non sentono la rabbia delle generazioni che lasciano senza futuro in un mondo devastato dai loro misfatti. I loro silos e le loro betoniere sono armi che ci uccidono. Non si fermeranno se non li costringiamo a farlo. Quindi continueremo a smantellare noi stessi questa infrastruttura di disastri. Chiediamo a tutti coloro che difendono la terra di occupare, bloccare e disarmare il cemento”.

Per seguire tutte le azioni in immagini e video, è stato trasmesso un live stream su vari media e le azioni sono state trasmesse sui social network di una vasta gamma di organizzazioni e gruppi, tra cui Attac, XR, Soulèvements de la Terre, Solidaires e Youth For Climate, oltre che da vari media indipendenti. Tutti i rapporti dettagliati sono disponibili, sito per sito, sul sito https://journeescontrelebeton.noblogs.org.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

CEMENTIFICAZIONECRISI CLIMATICAdevastazione ambientaleFrancia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Congo: la maledizione del cobalto

Quando Roger Milolo ha lasciato la sua città natale al confine tra la Repubblica Democratica del Congo (RDC) e lo Zambia per lavorare come operatore in una miniera di cobalto, sperava che la sua sarebbe stata una storia “dagli stracci alla ricchezza”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Gavio e ndrangheta. Le mani dei boss del cemento su TAV ed autostrada

Facciamo il punto su quanto emerso finora dall’indagine Echidna che ha scoperchiato il vaso di pandora dei rapporti tra politica, criminalità organizzata e imprenditori in Piemonte nel segno del cemento.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

I giorni delle canaglie

Questi primi di aprile sono giorni in cui si torna a parlare delle collusioni fra personaggi legati alla malavita, politici locali e imprese che gestiscono gli appalti per lavori direttamente o indirettamente legati alle grandi opere in Piemonte: sono i giorni delle canaglie.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: un “mondo a parte” che non si lascerà mettere tanto facilmente da parte

Breve reportage sulla grande assemblea che si è tenuta l’altro ieri al parco Don Bosco: centinaia le persone accorse dopo il rilascio senza misure cautelari del diciannovenne arrestato la notte prima.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: sostegno alle 17 persone arrestate dalla polizia antiterrorismo in seguito alla campagna di azione nazionale contro il mondo del cemento

Lunedì 8 aprile, 17 persone sono state arrestate in Normandia e nell’Ile de France in un’operazione condotta dalla Sottodirezione antiterrorismo. Alcuni di loro sono stati portati nella sede di Levallois-Perret e potrebbero rimanerci per 96 ore.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

PFAS: tre domande per capire ogni cosa sugli inquinanti eterni

I PFAS sono oggetto di una proposta di legge ambientale esaminata il 4 aprile. Questi inquinanti eterni, onnipresenti nei nostri prodotti di consumo, sono tossici per l’uomo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

TAV = Mafia. Nuove prove del coinvolgimento della ‘ndrangheta nel TAV Torino – Lione.

Negli scorsi mesi è venuta fuori, come succede ciclicamente, una polemica bipartisan sulla scritta che svetta sul Musiné all’ingresso della valle che recita TAV = Mafia. Oggi veniamo a conoscenza attraverso una notizia apparsa sul tg regionale che esistono nuove prove del coinvolgimento delle ‘ndrangheta nelle opere propedeutiche al TAV Torino – Lione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: giovane aggredito e picchiato dai Carabinieri al Parco Don Bosco.

Nella “democratica Bologna” tre volanti dei carabinieri aggrediscono e picchiano un giovane all’interno del parco Don Bosco.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Ponte: partono gli espropri.

In questi giorni sui giornali locali e nazionali sono state pubblicate le liste delle procedure per l’esproprio delle aree interessate alle opere anticipate per la realizzazione del ponte sullo Stretto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Un anno dopo Sainte-Soline: solidarietà, rabbia e gioia per le strade di Nantes

Un anno fa, decine di migliaia di noi hanno marciato in mezzo ai campi delle Deux-Sèvres contro i megabacini, e siamo rimasti intrappolati dalla repressione militare, intrappolati sotto il rombo delle granate sparate a migliaia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione per il clima e a sostegno della Palestina.

Da Nord a Sud Italia questa mattina lo sciopero climatico lanciato da Fridays For Future ha riempito le piazze di giovani e giovanissimi che hanno ribadito le connessioni stringenti tra la devastazione dei territori e le guerre, rappresentando un forte grido in sostegno alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il socialismo climatico e il collasso del clima

Da un po’ di tempo i media riportano notizie allarmanti sulla possibile interruzione della circolazione meridionale atlantica (AMOC), un vasto sistema di correnti oceaniche, componente chiave della regolazione del clima globale di cui fa parte la Corrente del Golfo.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.