InfoAut
Immagine di copertina per il post

Germania: manifestazioni ecologiste contro Tesla.

Un blocco anticapitalista, berretti blu per riconoscersi, una rapida avanzata per rompere le linee di polizia: questo è ciò che è avvenuto venerdì 10 maggio in Germania, intorno a una gigantesca fabbrica Tesla vicino a Berlino.

Più di mille manifestanti ambientalisti hanno poi nuovamente manifestato sabato 11 maggio contro i piani di Tesla di espandere la sua fabbrica di auto elettriche, che dal 2022, secondo i dati della polizia, si trova a Grünheide, a circa trenta chilometri a sud-est di Berlino.

Accompagnati da un folto contingente di polizia, i manifestanti – 2.000, secondo gli organizzatori – hanno esposto striscioni con varie scritte, come “Per una vita migliore oltre il capitalismo”, con il disegno di un’auto Tesla in fiamme, o “Grünheide dice no grazie Tesla”.

I manifestanti, che provengono da una rete di associazioni per la tutela dell’ambiente tra cui Extinction Rebellion, NABU e Robin Hood, hanno iniziato un lungo fine settimana di azione mercoledì, allestendo un accampamento non lontano dalla fabbrica.

(Aggiornamento da LeMonde)

Articolo tradotto da ContreAttaque

La manifestazione indetta da “Disrupt Tesla” ha riunito centinaia di manifestanti che hanno cercato di prendere d’assalto la “gigafactory” di Elon Musk. Si tratta dell’unica fabbrica del genere in Europa, che produce decine di migliaia di veicoli elettrici all’anno e si estende per oltre 300 ettari.

Secondo la polizia tedesca, i dimostranti hanno danneggiato i veicoli Tesla in un sito di stoccaggio vicino alla fabbrica utilizzando vernice e dispositivi pirotecnici.

La fabbrica, inaugurata nel 2022, aveva suscitato l’ostilità dei gruppi ambientalisti e dei residenti locali già prima della sua apertura. Tesla prevede ora di espandere il sito per raddoppiare la capacità produttiva, passando da 250.000 auto elettriche all’anno a un obiettivo di 500.000. In una votazione consultiva svoltasi a febbraio, gli abitanti della zona hanno votato in modo schiacciante contro l’espansione. Gli ambientalisti stanno ora occupando i boschi minacciati dal progetto di espansione dell’impianto.

Ogni auto Tesla costa più di 40.000 euro, sono mostri d’acciaio riservati ai ricchi, ricchi di tecnologia di sorveglianza, che riprendono l’ambiente circostante in tempo reale, e molto costosi in termini di metalli rari. L’ultimo “monster truck”, un’orrenda invenzione prodotta dall’azienda, è un vero e proprio carro armato dalle forme geometriche, che misura quasi 6 metri e pesa oltre 4 tonnellate. Richiede una licenza per i mezzi pesanti ed è un pericolo per i passanti e i ciclisti. Gigantismo, lusso, tecnologia inutile: i veicoli Tesla, simboli del capitalismo contemporaneo, sono stati più volte presi di mira durante le mobilitazioni sociali in Francia.

In vista dell’azione del 10 maggio, mercoledì è stato allestito un accampamento vicino alla fabbrica. Elon Musk si è lamentato su Twitter: “Perché la polizia lascia che i manifestanti di sinistra la facciano franca così facilmente?”. Come tutti gli ultraliberali, questo miliardario vuole distruggere lo Stato sociale, ma implora l’aiuto dello Stato repressivo per garantire i suoi interessi.

Il 5 marzo, un incendio su un traliccio elettrico vicino alla fabbrica ha interrotto la fornitura di energia elettrica e bloccato la produzione per diversi giorni. Il “Vulkan Gruppe”, un misterioso gruppo dietro il blackout, ha affermato che Tesla “mangia terra, risorse, persone e lavoro” e ha accusato la fabbrica di “inquinare le falde acquifere e di consumare enormi quantità di scarsa acqua potabile per i suoi prodotti”. Il Vulkan Gruppe aveva già rivendicato la responsabilità di un attacco incendiario a un sito Tesla nel 2021.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

ECOLOGIAgermaniamovimento ecologistateslatransizione ecologia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bill Gates, il miliardario che sta industrializzando l’agricoltura mondiale

Utilizzando milioni di dollari, la Fondazione Bill & Melinda Gates sta aggirando e plasmando le politiche agricole internazionali. I grandi vincitori di questo gioco antidemocratico sono le aziende agro-industriali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte: avvio dei cantieri rinviato. Ora chiudere la Stretto di Messina S.p.a.

Il comunicato di Antudo a seguito della notizia del rinvio dei cantieri per il ponte sullo Stretto..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Vicenza: il Tav vuole travolgere il bosco Lanerossi, rischia anche il CS Bocciodromo

A Vicenza il progetto del Treno Alta Velocità, all’interno del tracciato Brescia-Padova, oltre che ad impattare fortemente sulla città e sulla salute della cittadinanza, rischia di distruggere 11 mila metri quadrati di bosco

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia Romagna: a un anno esatto dalla prima devastante alluvione, qual è la situazione dei territori colpiti?

Furono giorni drammatici, convulsi, in cui non mancò tuttavia uno slancio solidale esteso e diffuso, con ben pochi precedenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sulmona: attivisti No Snam invadono il cantiere della centrale

“Abbiamo compiuto una azione di obbedienza civile  per denunciare le illegalità in atto. Chi di dovere agisca”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il circo del G7: Extinction Rebellion occupa la tettoia della RAI.

Torino: Due attiviste di Extinction Rebellion hanno occupato la tettoia della RAI, mentre altre sette vestite da clown sono comparse in triciclo davanti all’ingresso. “G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.“G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La variante del marmo: così la Regione Toscana vuole rimettere mano al Piano cave

La Giunta Giani ha avviato l’iter per modificare la normativa sulle attività estrattive e aumentare del 5% la capacità autorizzata fino al 2038.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

La truffa del G7: i ministri dei Paesi più industrializzati e inquinanti al mondo annunciano false promesse per fronteggiare la questione climatica.

Riflessioni e valutazioni conclusive di una settimana di mobilitazione, scritte a più mani tra chi ha partecipato al percorso di costruzione della contestazione.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Prati urbani e difesa del suolo: i casi di Settimo Torinese e Borgata Parella.

Due prati, due storie. In parte queste storie si specchiano, in parte divergono.

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Obbligati a produrre rifiuti e a devastare i nostri territori: il caso di Valledora.

Oggi il sistema ci impone non solo di essere consumatori di prodotti, ma anche produttori di rifiuti: senza tregua e senza alcuna possibilità di sottrarci a questo ruolo quotidiano obbligato, per quanto frugali cerchiamo di essere.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Verso il G7 Ambiente e Energia a Torino: assemblea informativa sul mercato energetico.

Da prima dello scoppio della guerra in Ucraina siamo sottoposti a un continuo rincaro sui prezzi dell’energia, in particolare sul gas.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Dal modello del supermercato al modello della biblioteca pubblica: la necessità di nuove utopie.

La transizione ecologica che viene proposta dall’alto è iniqua. Anche perché è iniqua – l’ecologia, per definizione, non lo è – non è una vera transizione ecologica.