InfoAut
Immagine di copertina per il post

Non chiamatelo maltempo

Nelle ultime settimane l’Alta Valle di Susa è stata scenario di diversi eventi di dissesto idrogeologico causati dalle abbondanti piogge che in breve tempo sono cadute su terreni secchi e aridi provocando esondazioni e grosse frane.

da notav.info

La prima a Bardonecchia, dove il fiume principale è esondato travolgendo con fango e detriti la parte bassa del paese.

La seconda, pochi giorni fa, ha interdetto l’ingresso della Valle Argentera in seguito al rigonfiamento del torrente Ripa, bloccando un centinaio di persone che sono poi state portate a Valle con l’elisoccorso.

Nella giornata di ieri, invece, le forti piogge hanno generato una frana di grandi dimensioni nel territorio della Maurienne, all’altezza del Comune di Freney, nella Savoia francese. Un primo blocco di pietre è scivolato dal dirupo e finendo sulla strada provinciale. Successivamente, c’è stato il secondo evento di maggior impatto, con il crollo di quasi 700 metri cubi di materiale roccioso dalla montagna, che si è riversato sull’A43 fortunatamente senza il coinvolgimento di persone.

Le forti precipitazioni hanno però imperversato anche in altre regioni come Liguria, Trentino Alto Adige e Veneto e in molte città italiane è stata diramata l’allerta meteo senza per fortuna provocare grossi danni.

A Genova, in un’ora sono caduti 80 millimetri di acqua arrivando a fermare la circolazione della metropolitana e allagando la stazione di Genova Principe mentre diversi fulmini hanno disconnesso gli impianti ferroviari a Novi Ligure. Allagata anche Rapallo dove, in un ora, si sono accumulati oltre 65 millimetri di pioggia mista a grandine. I frequenti blackout elettrici hanno mandato in tilt l’impianto di collettamento delle acque bianche, che avrebbe dovuto evitare gli allagamenti.

Diversi eventi sono accaduti anche in Trentino dove le forti precipitazioni hanno provocato un grosso smottamento in val Genova. L’origine a circa 2mila metri d’altezza, forse a causa dello scioglimento del ghiacciaio. Una frana, invece, ha interdetto la viabilità sulla strada provinciale tra Verona e Trento.

Forti temporali anche in Veneto, a Venezia è prevista pioggia per oltre 100 centimetri, che farà andare sott’acqua Piazza San Marco.

Leggendo le testate nazionali queste drammatiche notizie sono da imputarsi ad un’ondata di “maltempo” come se il sole fosse buono e le piogge cattive. Come se i fenomeni climatici fossero nemici colpevoli di voler distruggere territori e danneggiare le persone.

Sorge spontanea la domanda, a chi fa comodo questo genere di narrazione?

Forse ad una classe politica che da anni continua a rincorrere le emergenze senza mai davvero fermarsi ed entrare nel merito delle questioni?

Forse ad una giunta regionale, quella piemontese, che nel 2023 bandisce 5milioni di euro per i lavori di dissesto in ambito montano, collinare e lungo le sponde dei fiumi per “promuovere l’adattamento ai cambiamenti climatici.”

PROMUOVERE L’ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI, avete letto bene.

Se 5milioni di euro per la messa in sicurezza dei territori su tutta la regione Piemonte, possono sembrare un buon investimento, ci teniamo a precisare che solo per la galleria di servizio della Torino-Lione a Chiomonte, ne spenderemmo 40milioni.

Questi fenomeni vengono sempre descritti come improvvisi e imprevedibili da non permettere la pianificazione di investimenti a lungo termine con budget appropriati, motivo per cui vengono poi stanziati fondi emergenziali con tanto di “stato di allerta” proclamato nelle regioni colpite, ci ricordiamo bene dell’Emilia Romagna e della Lombardia solo per fare due esempi recenti.

Alla classe dirigente basterebbe guardare alcuni report degli Istituti Italiani che di questo si occupano:

Secondo il Rapporto sul Dissesto idrogeologico del 2018”, redatto dall’Istituto Superiore per la Protezione Ambientale (Ispra): In ben nove regioni, il rischio idrogeologico è presente nel 100% dei comuni. Sono Valle D’Aosta, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Molise, Basilicata e Calabria.

Mentre Abruzzo, Lazio, Piemonte, Campania, Sicilia e Provincia di Trento hanno percentuali di comuni a rischio tra il 90% e il 100%.

I dati del Rapporto dicono che delle oltre 900mila frane censite nelle banche dati degli Stati europei, quasi due terzi sono italiane. 620.808 episodi che hanno coinvolto il 7,9% del territorio della Penisola.

I ricercatori di Ispra sottolineano come, tra i fattori più importanti per l’innesco dei fenomeni franosi, oltre le precipitazioni brevi e intense, quelle persistenti e i terremoti, siano stati, negli ultimi decenni, i fattori antropici, in particolare tagli stradali, scavi, l’eccessiva costruzione di edifici, spesso sorti abusivamente e il prosciugamento delle falde acquifere sotterranee.

Tanto per fare degli esempi, nel 2013, a causa del prosciugamento delle falde acquifere e dell’instabilità del terreno conseguenti ai lavori del tunnel della ferrovia per l’alta velocità Firenze-Bologna (Tav), le pareti della scuola media Ottone Rosai di Firenze si erano pericolosamente crepate ma la struttura non ha ceduto. Su questa linea ora si indaga non solo per il prosciugamento dei corsi d’acqua, sorgenti e acquedotti ma anche per frode e corruzione. Per la Corte dei conti i lavori hanno causato un danno erariale di 13,5 milioni di euro. Lo stesso dissesto idrogeologico rischia di ripetersi anche in Val di Susa a causa dei lavori legati alla ferrovia Torino-Lione.

Le conseguenze sono prevedibili osservando i precedenti lavori in valle, come il raddoppio della ferrovia Torino-Modane che ha provocato la scomparsa di 24 sorgenti, le gallerie dell’autostrada tra Exilles e la val Cenischia hanno fatto sparire altre 16 sorgenti, i lavori della centrale elettrica di Pont Ventoux un’altra decina. Sono tutti lavori in galleria che hanno bucato lo stesso massiccio in cui si sta scavando il tunnel della Torino-Lione. A segnalarlo è Massimo Zucchetti, professore del Politecnico di Torino che da anni si occupa dell’impatto dell’alta velocità in valle.

La perdita di pressione causata dagli scavi delle gallerie porta ad altrettante cospicue perdite d’acqua e gli stessi proponenti dell’opera hanno stimato che solo le due gallerie della tratta internazionale (il tunnel di base e il tunnel di Bussoleno) drenerebbero le falde per un totale compreso tra i 60 e i 125 milioni di metri cubi di acqua l’anno, comparabile alla fornitura necessaria a una città di circa un milione di abitanti, come Torino.

L’analisi è fornita dall’International consulting group, organo incaricato dalla direzione generale Trasporti ed Energia della Commissione europea che ha indicato come il drenaggio delle acque sotterranee sia “tutt’altro che trascurabile”.

Continuano a chiamarlo maltempo ma la verità è che i soldi pubblici vengono buttati in enormi voragini, sotto le nostre montagne, nei mari o nelle lagune, nelle grandi opere inutili che devastano il territorio esistente in favore di benefici futuri che, come il MOSE a Venezia, non fanno altro che fare più danni.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

alluvioneCEMENTIFICAZIONECRISI CLIMATICAFRANEgrandi opere inutilinotav

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: sabato 15 giugno manifestazione popolare contro Grandi Opere Inutili e mafie

Che le grandi opere siano terreno fertile per le mafie non è una sorpresa. L’enorme scritta che ormai da 15 anni compare sul fianco del Musinè “TAV= MAFIA”, ne è una testimonianza concreta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Manifestazione di 2.000 persone contro il magazzino Greendock, tentativo di blocco della logistica e arresti.

Sabato, più di 2.000 persone hanno manifestato da Gennevilliers a L’Île-Saint-Denis per mostrare la loro opposizione a un gigantesco magazzino sulle rive della Senna e all’espansione senza fine dei magazzini logistici

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bill Gates, il miliardario che sta industrializzando l’agricoltura mondiale

Utilizzando milioni di dollari, la Fondazione Bill & Melinda Gates sta aggirando e plasmando le politiche agricole internazionali. I grandi vincitori di questo gioco antidemocratico sono le aziende agro-industriali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte: avvio dei cantieri rinviato. Ora chiudere la Stretto di Messina S.p.a.

Il comunicato di Antudo a seguito della notizia del rinvio dei cantieri per il ponte sullo Stretto..

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’Ungheria è vicina

Mentre la polizia manganella studenti e ambientalisti e trattiene in questura dimostranti e giornalisti durante le manifestazioni, la maggioranza prepara una nuova stretta repressiva prevedendo il carcere fino a 25 anni per il reato di resistenza in manifestazioni contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fino a 25 anni di carcere a chi manifesta per “impedire di realizzare un’opera pubblica”

Con un emendamento presentato al ddl sicurezza dal deputato Igor Iezzi, attualmente in discussione in commissione Affari Costituzionali, la Lega propone l’inserimento di una nuova aggravante dei reati contro la pubblica incolumità che sembra ritagliata sulla variegata rete di attivisti che da anni protestano contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.