InfoAut
Immagine di copertina per il post

Povertà, disuguaglianza e indifferenza delle istituzioni sono la causa delle decine di morti nella bufera di neve del fine settimana di Natale a Buffalo

Il numero di morti per la massiccia tempesta che ha colpito Buffalo, New York e la maggior parte del paese continua a crescere mentre continuano gli sforzi di soccorso. A partire da giovedì, i funzionari della contea di Erie hanno riferito di 39 morti confermate, la maggior parte delle quali, 31, all’interno della città di Buffalo.

di Samuel Davidson, tradotto da wsws.org

Quel numero è destinato a salire man mano che le persone controllano familiari e amici e le squadre di emergenza e le truppe della guardia nazionale continuano a seguire le chiamate di emergenza che erano state effettuate. Secondo il Buffalo News, il dirigente della contea di Erie Mark Polocarnz ha riferito giovedì che un certo numero di corpi recuperati attendono ancora l’autopsia per confermare se le morti siano state il risultato del clima, tra cui un bambino di 4 mesi.

C’è un arretrato di oltre 1.100 chiamate di emergenza al 911 e controlli di condizioni di vita che sono rimasti senza risposta durante la tempesta. I social media sono pieni di richieste di assistenza poiché le persone hanno esaurito il cibo e altri beni di prima necessità.

L’energia elettrica è stata ripristinata per la maggior parte, ma molte persone sono rimaste senza energia elettrica per quattro o cinque giorni poiché le temperature sono rimaste sotto lo zero. Le temperature sono scese sotto lo zero Fahrenheit (-17°C all’incirca) venerdì e sono rimaste a una sola cifra durante il fine settimana. La massiccia bufera di neve ha lasciato cadere fino a 52 pollici (1,38 m) di neve sulla zona in tre giorni e ha portato con sé venti di forza da uragano fino a 79 miglia all’ora.

In tutto il paese, altri 25 morti sono attribuiti al fronte gelido e alle tempeste invernali che si estendevano dalle Montagne Rocciose al Maine e fino a sud, fino a parti del Texas, della Louisiana, del Mississippi, dell’Alabama e della Georgia.

Molti di coloro che sono morti sono stati sorpresi fuori nelle loro auto o a piedi quando la bufera di neve ha colpito. Altri sono morti nelle loro case senza riscaldamento durante il fine settimana di Natale quando le temperature sono scese a -2 gradi (-19°C).

Il sindaco di Buffalo Byron Brown ha difeso la sua gestione della tempesta in un’intervista giovedì con il Washington Post. “Questa è stata una tempesta storica. Questo non dovrebbe essere stato una sorpresa. Penso assolutamente che i residenti fossero adeguatamente preparati”.

“Tutto ciò che avrebbe potuto essere fatto nel periodo precedente alla tempesta, e durante la tempesta è stato fatto”, ha detto al giornale.

Joycelyn Benton, un EMT (tecnico per l’emergenza medica) avanzato presso l’American Medical Response of Western New York, che è sotto contratto con Buffalo per fornire servizi di ambulanza, ha detto alla CNN che sentiva che i funzionari avrebbero potuto spegnere gli spazzaneve prima.

Almeno tre persone sono morte per emergenze mediche poiché gli equipaggi dell’EMS non sono stati in grado di raggiungerli.

“Non essere in grado di aiutare le persone è orribile”, ha detto alla CNN. “Sapere che potevamo essere a un isolato di distanza da una chiamata, ma non potevamo raggiungerlo a causa del tempo era difficile.”

Il dirigente della contea di Erie, Mark Poloncarz, non ha emesso un divieto di viaggio fino alle 9:30 del mattino. Venerdì, meno di 30 minuti prima che le condizioni di whiteout rendessero impossibile la guida. Le affermazioni dei funzionari della contea che il divieto non è stato emesso prima in modo che i dipendenti del terzo turno potessero tornare a casa dal lavoro sono smentite dal fatto che i negozi e altri luoghi di lavoro sono stati autorizzati a rimanere aperti venerdì.

I lavoratori che erano andati al lavoro erano intrappolati al loro posto di lavoro o sono rimasti intrappolati mentre tentavano di tornare a casa. I lavoratori e gli acquirenti nei negozi Walmart e in altri negozi sono rimasti intrappolati. Molti sono stati costretti a trascorrere diverse notti all’interno.

I residenti devono ora affrontare la possibilità di inondazioni, dato che le temperature stanno salendo fino a 50 gradi e si prevede che sabato pioverà. Anche in questo caso, i funzionari governativi sono indifferenti e Poloncarz ha dichiarato che i problemi saranno “minimi”.

Il sindaco Brown, il governatore di New York Kathy Hochul e il presidente Joseph Biden, tutti democratici, hanno promesso che le loro preghiere vadano alle famiglie di coloro che sono morti. I media si riferiscono doverosamente a questa come alla “tempesta del secolo”, come se fosse stato impossibile prevedere o prepararsi.

In realtà, la risposta alla tempesta è un altro esempio di omicidio sociale sotto il capitalismo. Quasi tutti coloro che sono morti e le decine di migliaia senza energia elettrica erano la classe operaia e i poveri. Quando si potrà fare un resoconto completo di coloro che sono morti, si mostrerà senza dubbio che la maggior parte erano quelli che non vanno al lavoro da casa, non sono in grado di permettersi di prendere un giorno libero o tra i senzatetto che non sono stati in grado di trovare un riparo.

Poloncarz non ha emesso il divieto di viaggio fino a quando la tempesta non era già iniziata. Alle aziende non è stato ordinato di chiudere venerdì e mandare i loro dipendenti a casa prima che arrivasse la tempesta.

Non c’è ancora una spiegazione del perché lo sgombero della neve non è stato avviato prima. Buffalo ha solo 24 camionisti nella sua divisione Lavori pubblici responsabili della pulizia delle strade, e il sindaco Brown non ha detto quando hanno iniziato a lavorare. È molto probabile che non volendo pagare gli straordinari, la città abbia semplicemente fatto affidamento sul fatto che fosse un fine settimana di vacanza e sperasse che il tempo si riscaldasse prima e la neve si sciogliesse.

La CNN ha riferito che Brown non ha partecipato alle chiamate quotidiane con i leader della contea e di altre aree per coordinare la risposta alla bufera di neve. Nel frattempo, i funzionari statali che sapevano che la tempesta sarebbe arrivata per cinque giorni non hanno fornito risorse aggiuntive fino a lunedì e martedì.

Il patrimonio abitativo di Buffalo è molto vecchio e spesso manca delle finestre e dell’isolamento necessari per proteggersi dalle temperature di congelamento.

Ogni notte, da 2.500 a 4.000 persone sono senzatetto, in tutto 7.500 persone sono senzatetto durante tutto l’anno. La città non gestisce un solo rifugio per senzatetto. Quelli che vengono aperti sono gestiti da varie organizzazioni religiose e caritatevoli e non hanno abbastanza spazio per ospitare la popolazione senzatetto.

Domenica, solo un centro di riscaldamento era aperto 24 ore su 24 e altri 2 erano aperti 12 ore. Con le strade impraticabili e una bufera di neve, era impossibile per chi ne aveva bisogno raggiungerle.

Inoltre, l’amministrazione Biden e i democratici al Congresso hanno aumentato la popolazione senzatetto revocando la moratoria sugli sfratti che era stata messa in atto all’inizio della pandemia di COVID-19.

La povertà a Buffalo e in tutta la regione dello stato, tra cui Rochester, Syracuse e Utica, è tra le peggiori del paese.

Nel 2021, nelle quattro città dello stato settentrionale, quasi una persona su tre viveva al di sotto della soglia di povertà ufficiale orrendamente bassa di soli $ 21.960 per una famiglia di tre persone. Il reddito familiare medio è di circa $ 40.000 all’anno, poco più della metà della media dello stato di New York di $ 75.000.

I tassi di povertà infantile sono ancora più alti, tra il 45 e il 50% di tutti i bambini sotto i 17 anni che crescono in famiglie che vivono in povertà.

Ancora una volta, l’amministrazione Biden e i democratici al Congresso hanno peggiorato questo problema quando hanno eliminato il credito d’imposta esteso per i figli nel 2020 sostenendo che non era più necessario perché la pandemia era finita.

Le morti e le catastrofi create dalla tempesta invernale non sono semplicemente un evento naturale. La disuguaglianza sociale e l’incapacità del sistema di affrontare anche i bisogni più elementari della vita moderna è un risultato diretto del sistema capitalista.

Miliardi vengono spesi per guerre senza fine, sostenendo il sistema bancario e i mercati azionari per i ricchi, ma i bisogni fondamentali della classe operaia, dei poveri e degli anziani rimangono senza risposta. Solo quando la classe operaia prende il controllo della produzione e la società è gestita democraticamente per i bisogni di tutti e non per i profitti di pochi, i grandi problemi sociali possono essere affrontati.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

BuffaloCRISI CLIMATICATRANSIZIONE ECOLOGICAUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Landgrabbing: parte la mobilitazione dal basso contro il megaprogetto eolico di Sorgenia a Pitigliano

Contro la speculazione spacciata per transizione ecologica, cresce la mobilitazione dal basso nel territorio in Maremma e  Tuscia contro l’espansione incontrollata di megaimpianti di energia eolica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Cortina: primi larici abbattuti per fare spazio alla pista da bob

Mercoledì, a Cortina, è iniziato l’abbattimento dei larici per lasciare spazio alla nuova pista da bob per le olimpiadi Milano Cortina 2026.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il boomerang della transizione energetica mette l’Europa in panne

Una politica climatica temeraria, incurante delle contraddizioni reali derivanti dai cambiamenti occorsi sulla scena mondiale, ha finito per scontentare sia la classe imprenditoriale che i ceti sociali più esposti alle conseguenze della transizione energetica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raúl Zibechi: sempre più vicini al collasso

La notizia del drastico calo del traffico nel Canale di Panama e in quello di Suez, provocati rispettivamente dal cambiamento climatico e dalla guerra, non è sotto i riflettori mediatici.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messina: l’inganno del ponte

Mark Twain ha detto un giorno che «è molto più facile ingannare la gente, che convincerla che è stata ingannata».

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Nebbia e inquinamento in Pianura Padana. Incidenti a catena sull’A1, polveri sottili costantemente sopra i limiti

La stessa pianura padana che in queste settimane si trova in cima alle classifiche mondiali per inquinamento da polveri sottili: il mese scorso la qualità dell’aria ha superato la soglia critica delle concentrazioni di PM10

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7? Gsim! La Puglia dei movimenti per la giustizia climatica inizia a prepararsi al G7

A giugno si terrà in Italia il G7, l’incontro periodico di Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti a cui solitamente si aggiunge anche l’Unione europea.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Amore tossico” azioni di Extinction Rebellion alla cassa depositi e prestiti e alla Regione Lombardia.

Extinction Rebellion occupa l’ingresso di Cassa Depositi e Prestiti a Torino e del palazzo della Regione Lombardia a Milano. Nel giorno di S. Valentino viene denunciata l’ipocrisia del Governo e delle Regioni su crisi climatica e distruzione degli ecosistemi, “un amore dichiarato ma mai veramente vissuto”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

A fianco dei trattori in lotta – no alla transizione per pochi dell’UE!

Il paradigma di sviluppo dell’industria agroalimentare delineato nella Pac 2023-27 (Politica Agricola Comune) rispecchia il più ampio progetto del Green Deal, ovvero un insieme di strategie volte a raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Agricoltori calabresi in rivolta, un’analisi

Ancora sulle proteste degli agricoltori, pubblichiamo questa interessante analisi sulle mobilitazioni in Calabria apparse originariamente su Addùnati il 24 gennaio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.