InfoAut
Immagine di copertina per il post

«Fuoritempo»: l’archivio per Sante Notarnicola sarà presentato il 18 dicembre a Bologna

Fuoritempo è un documentario che, attraverso lo sguardo di una generazione giovanissima, dà parola a Sante e al gruppo di compagne e compagni che hanno deciso di costruire l’«Archivio Sante Notarnicola».

di Alexik, da La Bottega del Barbieri

Una telecamera riprende il gruppo nella stanza che Sante usava abitualmente per le sue letture e che diverrà la sede dell’Archivio. Il gruppo discute, rielaborando sottotraccia il dolore della perdita, sul modo migliore per tenere assieme il lascito di Sante: i suoi libri, i suoi filmati, il suo materiale interessante, e la memoria e le emozioni che vi pulsano dentro, ancora calde e vive.
Quello che ne risulta è la ricostruzione, commossa, di una vita intessuta nelle lotte collettive, nella memoria agita della Resistenza, nell’Internazionalismo e, sempre, nella lotta contro gli istituti repressivi.
Fuoritempo, è dunque il tempo di Sante, dei compagni e delle compagne che lo raccontano e del modo in cui questo tempo cerca la strada per farsi futuro.

“Quando qualcuno muore lascia un calco in chi rimane, come se chi rimane fosse fatto di gesso e non potesse fare altrimenti che mantenere quella forma, in negativo.
Conoscere i cari di Sante Notarnicola è stato un ampliamento di questa tesi: anche gli ideali lasciano un segno profondo. Nell’essere calco, la stanza in cui il gruppo si ritrova è tanto piccola quanto solida.
La spettacolarità di un gesto estremo come la rapina a mano armata si sgretola ricostruendo le condizioni e gli orizzonti di senso che l’hanno determinata.
La violenza del gesto non sparisce, si inscrive piuttosto in una storia di vita.
È una storia che lascia intravedere quello che c’è stato dall’altra parte, al di là di una decisione irreversibile e, come sua conseguenza, oltre le mura di un carcere.
In antitesi rispetto al “cambiare tutto” e a ciò che questo può comunemente significare, le spinte trainanti del film sono la conservazione e la trasmissione. È un film che nasce dalla necessità di radicamento, che solo apparentemente si oppone a quella di viaggiare.
La caratteristica del mito è di essere lontano, nel passato, ma è nel presente che viene vissuto.
Come regista mi sono avventurata in una storia a me vicina e lontana al tempo stesso.
L’essere fuoritempo è la mia condizione di partenza, causa scatenante della mia necessità di tornare sulle cose, anche quelle non vissute. L’essere fuoritempo di Sante è invece l’espressione di un bisogno molto presente, anche nel suo essere ormai archivio”
. (Matilde Ramini)

FUORITEMPO
un archivio per Sante Notarnicola
verrà proiettato a Bologna lunedì 18 dicembre, h. 19.00, al Cinema Europa di via Pietralata 55.

Regia: Matilde Ramini.
Fotografia: Lorenzo Covi.
Montaggio: Alessandra Bassi.
Fonico: Alessandra Bassi, Matilde Ramini.
Durata: 45’. Qui il trailer.
Premio Oxilia 10 al Bellaria Film Festival 2023.

A seguire, dibattito con Matilde Ramini e con Fabio Nardelli, autore del primo documentario su Sante Notarnicola “SANTE” (2000), e presentazione del libro di poesie “CON QUESTA ANIMA INQUIETA”, rieditato per le edizioni Lyriks, con l’editore e curatore Nino Cannatà.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

Sante Notarnicola

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il reale delle/nelle immagini. La magia neoarcaica delle immagini tecniche

Il doppio offerto da queste “nuove immagini” a partire dalla fotografia finisce per dare vita ad atteggiamenti “neoarcaici” – come li definisce Edgar Morin (L’Esprit du temps) –, attivando reazioni irrazionali, primitive, infantili proprie dell’Homo demens che, da sempre, contraddistinguono il rapporto tra l’essere umano e le differenti forme di rappresentazione.

Immagine di copertina per il post
Culture

Approfondimento su Nutrire la rivoluzione

Un’autentica rivoluzione del XXI secolo, che rompa con il capitale e con la società divisa in classi, assumerà anch’essa le fattezze di una rivoluzione agraria, per quanto di segno significativamente diverso.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna 6-7-8 maggio: Sante vive nelle nostre lotte

La necessità di lottare è stata il filo conduttore di tutte le fasi della vita di Sante Notarnicola: come giovane proletario immigrato nella Torino della FIAT, come rapinatore politicizzato, come prigioniero, e come uomo libero tornato al suo villaggio. In carcere, dove ha passato più di 21 anni, Sante è stato protagonista di una stagione […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La verità di Sante Notarnicola

di Paolo Persichetti Quattro anni fa, qualche tempo dopo l’uscita del primo volume sulla storia delle Brigate rosse (Brigate rosse, dalle fabbriche alla campagna di primavera, Deriveapprodi marzo 2017), scritto insieme a Marco Clementi ed Elisa Santalena, ho ricevuto una telefonata di Sante Notarnicola. Nel volume, dove un intero capitolo curato da Elisa si occupava […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

IN RICORDO DI SANTE NOTARNICOLA. BANDITO, RIVOLUZIONARIO E POETA

Lunedì 22 marzo 2021 è morto, a 82 anni, il compagno Sante Notarnicola. Bandito, rivoluzionario, poeta. Sante, nato a Castellaneta, provincia di Taranto, nel 1938, a soli 13 anni emigrò al nord, a Torino. “Venni dal Sud con la valigia di cartone”, scriverà lui stesso. Proletario immigrato dal mezzogiorno, a Torino svolse diversi lavori e […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ciao Sante: “Resta da vedere come sostenere tutto l’azzurro.”

Abbiamo appreso ieri in serata della perdita di Sante Notarnicola, una notizia che ci ha lasciato attoniti nella cruda realtà di chi se ne và in punta di piedi, lasciandoci un vuoto umano, personale e politico che fa tanto rumore. Sante, definito nel corso della sua vita come bandito, rapinatore, ex terrorista, assassino, scrittore, poeta, […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Intervista a Sante Notarnicola sulle polemiche intorno all’Infoaut Fest

Gianguido Passoni ha annunciato invece l’intenzione della giunta comunale di portare la vicenda all’attenzione del Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico. Nella sostanza Passoni, su iniziative del consigliere di Fratelli d’Italia Maurizio Marrone, ha chiesto al Prefetto di intervenire per impedire questo dibattito pubblico. Nello specifico si contesta a Sante Notarnicola la sua appartenenza […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Di cosa ci parla il “caso” Notarnicola

L’Infoaut Fest, che si terrà alla Cavallerizza da venerdì 16 a domenica 18 ottobre, ha calendarizzato in programma (in mezzo ad altri numerosi di battiti in cui si parlerà di migrazioni, Kurdistan, condizioni del lavoro e lotte operaie in Cina) la presentazione di un video, seguito da dibattito con l’intervistato, sui fatti di piazza Statuto […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Notarnicola, la Cavallerizza e le chiacchiere da Palazzo

Capita altresì che quando una città come la nostra viene attraversata da una profonda crisi economica ed una lacerazione del rapporto di fiducia tra popolazione ed istituzioni, si cerchino campagne ad alta visibilità mediatica o provocazioni più o meno articolate a danno di altri soggetti cittadini per far sapere ai più che si è presenti. […]