InfoAut
Immagine di copertina per il post

Mondiale, Olimpiadi, Tour de France… L’overdose delle competizioni climaticide

Sci nel deserto, stadi monouso… La Coppa del Mondo in Qatar non è l’unico grande evento sportivo a distruggere l’ambiente. Si preparano nuove bombe climatiche. [1/2]

Abbiamo tradotto di seguito la prima di due parti di un reportage del sito francese Reporterre sulla connessione tra grandi eventi sportivi e devastazione ambientale e climatica. L’articolo è di Alexandre-Reza Kokabi, immagine di copertina: © Juan Mendez / Reporterre. Buona lettura!

In un mondo stravolto dai cambiamenti climatici, è ancora consigliabile organizzare grandi competizioni sportive? Con l’inizio dei Mondiali di calcio in Qatar, Reporterre ha indagato.

I Mondiali di calcio in Qatar, che si svolgeranno dal 20 novembre al 18 dicembre, mettono in luce gli eccessi ecologici dello sport business e dei suoi grandi eventi: le competizioni continentali e internazionali. “Questi eventi riuniscono centinaia di migliaia di persone da tutto il mondo che, per qualche settimana, viaggiano e consumano, a volte in siti appena costruiti”, osserva la geopolitologa Carole Gomez, specialista delle conseguenze dello sport sulle relazioni internazionali.

Sulla loro scia, le emissioni di gas serra stanno esplodendo, soprattutto a causa dei viaggi aerei [1]. La Fédération Internationale de Football Association (Fifa) stima che la Coppa del Mondo in Qatar produrrà 3,6 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, pari alle emissioni di Islanda e Montenegro per un anno. Le precedenti edizioni in Russia, Brasile e Sudafrica erano già state disastrose, con emissioni superiori a 2 milioni di tonnellate di CO2 equivalente. [2]

Queste cifre, sottostimate [3] e difficili da cogliere, rappresentano un contributo concreto e palpabile al cambiamento climatico.

Alle Olimpiadi di Pechino: piste coperte di neve artificiale in una zona industriale desolata. Il sito è stato costruito sopra un’ex acciaieria. Koki Kataoka / Lo Yomiuri Shimbun / AFP

E distruzione diretta. Le infrastrutture (impianti sportivi, alberghi, autostrade, aeroporti, ecc.) vengono costruite a spese delle aree naturali. Per le Olimpiadi invernali in Russia – tenutesi nel 2014 in un resort – la società statale Olympstroy ha costruito un’autostrada attraverso le foreste del Caucaso, alcune delle quali sono classificate come patrimonio mondiale dell’Unesco. In Corea del Sud, quattro anni dopo, la foresta del Monte Gariwang, composta da alberi millenari e considerata sacra, è stata distrutta per costruire piste da sci. Una volta che gli atleti sono tornati a casa, la provincia di Gangwon non sapeva cosa fare con le strutture.

Un vento di protesta

Così come sono organizzate, “queste competizioni sono uno spreco di denaro in un mondo sull’orlo del collasso, dove la temperatura media in Francia potrebbe essere più alta di 3,8°C rispetto all’inizio del XX secolo”, afferma Jérôme Santolini, uno dei coordinatori del collettivo Scientists in Rebellion, composto da scienziati di tutte le discipline che si stanno mobilitando contro l’inazione climatica. Siamo in una zona di totale incertezza, se non fosse che l’entità della catastrofe dipenderà dalle nostre scelte di oggi. Le competizioni sportive non possono essere escluse dall’equazione.

Concentrando le assurdità ecologiche, la Coppa del Mondo in Qatar può provocare un grande risveglio? “Stiamo vivendo un momento importante”, afferma l’economista sportivo Christophe Lepetit. Soffia un vento di protesta, al grido di “mai più”. Le condanne, anche da parte dei calciatori, si moltiplicano. I cittadini si impegnano a boicottare le partite per privare la Fifa del suo principale introito: i diritti televisivi. Stanno organizzando eventi alternativi per tutta la durata della Coppa del Mondo.

La strategia del Qatar è minata

Questo disconoscimento “mina la strategia del Qatar di estendere la propria influenza regionale e internazionale sfruttando la popolarità di un grande evento sportivo”, afferma la geopolitologa Carole Gomez. “Il Paese ha sottovalutato l’entità del fronte che si sarebbe sollevato, soprattutto per la crescente sensibilità delle popolazioni nei confronti dei disastri ambientali e dei diritti umani. Questo minaccia lo svolgimento di questi concorsi?” Si può immaginare che se la loro reputazione viene macchiata, nessun Paese vorrà ospitare questi eventi. Un fenomeno di rifiuto che stiamo già vedendo per le città che ospitano i Giochi Olimpici, le cui candidature stanno diventando sempre più rare”, continua.

L’Arabia Saudita si è aggiudicata i Giochi Asiatici Invernali del 2029

I decisori – gli organismi internazionali, come il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e la Fifa – continuano come se nulla fosse. La Coppa del Mondo non è ancora iniziata, ma già si lanciano le bombe del domani. La Coppa del Mondo 2022 in Qatar è l’albero che nasconde una foresta di tagli immondi. La prossima edizione sarà disputata nel 2026 da 48 squadre, anziché 32, con partite suddivise tra Canada, Stati Uniti e Messico. “La Fifa ha imposto un tale gigantismo che i singoli Paesi non vogliono più farsi carico dell’organizzazione di una Coppa del Mondo”, osserva l’economista sportivo Pierre Rondeau. Secondo il quotidiano britannico The Times, dopo il duo Spagna-Portogallo e il quartetto Uruguay-Argentina-Paraguay-Cile, l’Arabia Saudita, l’Egitto e la Grecia si preparano a presentare una candidatura congiunta per l’organizzazione dei Mondiali del 2030.

Come se la coppa non fosse già abbastanza, il Qatar ospiterà la Coppa d’Asia di calcio nel 2023. Questa volta sarà nel giugno-luglio 2023, quando il mercurio raggiungerà i 50°C e l’aria condizionata funzionerà a pieno regime. E nonostante le immagini delle sedi delle Olimpiadi di Pechino – piste coperte di neve artificiale in una desolata area industriale – l’Arabia Saudita si è aggiudicata i Giochi Asiatici Invernali del 2029, che ospiterà a Neom, una megalopoli futuristica in costruzione nel mezzo del deserto. Gli sviluppatori affermano che le temperature scenderanno “sotto gli 0°C in inverno”, ma hanno taciuto sulla scarsità di precipitazioni – e quindi di neve – nell’area desertica. La città comprenderà piste da sci aperte tutto l’anno, un lago artificiale d’acqua dolce, chalet, palazzi e hotel di lusso.

La Francia è al di sopra della mischia? Non proprio, nonostante la comunicazione sempre più verde. La Coppa del Mondo di Rugby del 2023, che ospiterà, è una vetrina per la compagnia aerea Emirates, o per TotalÉnergies, uno dei maggiori emettitori di CO₂ al mondo. La corsa ciclistica del Tour de France è sempre preceduta dalla “carovana” degli sponsor – circa 160 veicoli -, che lanciano una valanga di leccornie lungo le strade della Francia [4], e seguita da una moltitudine di auto (staff, medici, organizzatori, media, funzionari…). Come ha dimostrato una recente inchiesta di Reporterre, le regate veliche come la Route du Rhum sono responsabili della morte di decine di cetacei, tranciati dalle pinne di navi sempre più veloci.

Le Olimpiadi di Parigi hanno portato a un’accelerazione dei progetti di distruzione, sfratto e speculazione.

I Giochi Olimpici, che si terranno a Parigi l’anno successivo, vengono presentati come “il primo grande evento sportivo con un contributo positivo al clima”: “Il Comitato organizzatore si è impegnato a dimezzare le emissioni legate all’organizzazione dei Giochi estivi e a compensare un numero di emissioni di CO2 ancora maggiore di quelle che emetteremo”, spiega a Reporterre Georgina Grenon, direttore dell’eccellenza ambientale di Parigi 2024. “Che le Olimpiadi del 2024 stiano andando meglio di altre, perché no… Ma resta il fatto che gli spazi naturali vengono sacrificati per organizzarle e che l’ecologia starebbe meglio se non avessero luogo”, lamenta Yun, attivista del collettivo Saccage 2024, per il quale i Giochi Olimpici sono “un acceleratore-catalizzatore” della Grande Parigi.

Nel novembre 2020, 30 collettivi e 150 persone hanno organizzato un Toxic Tour per denunciare l'”eredità locale avvelenata” che le Olimpiadi del 2024 lasceranno. Alexandre-Reza Kokabi/Reporterre

I 13,4 milioni di spettatori attesi per tutta la durata della competizione arriveranno principalmente in aereo. In Seine-Saint-Denis e Val-d’Oise, i collettivi denunciano un’accelerazione dei progetti di distruzione, inquinamento, sfratto e speculazione. Una parte degli appezzamenti di Aubervilliers è stata rasa al suolo per costruire una piscina di allenamento e un solarium. A Taverny, la costruzione di una piscina olimpionica ha distrutto 30.000 m2 di spazio verde. La Corte d’appello amministrativa di Parigi ha respinto gli oppositori, senza appello, perché il progetto era protetto dalla “legge d’eccezione per i Giochi Olimpici”, che mira ad accelerare le procedure. A Élancourt, gli alberi vengono abbattuti per realizzare una pista per mountain bike. I lavoratori senza documenti vengono sfruttati nei cantieri.

“La trappola di considerare la Coppa del Mondo in Qatar come un grande repulsore è quella di relativizzare il potere dannoso delle competizioni successive”, continua Yun. Ad ogni nuovo riconoscimento, ci diciamo che sarà l’ultimo. Ma fino a quando? Se affrontiamo seriamente l’emergenza climatica, dobbiamo rivedere il nostro intero modello. Compensazione del carbonio, decrescita, scomparsa… Nella seconda parte di questa indagine, Reporterre esplora diverse soluzioni per riportare la Coppa alla ragione.


[1] Secondo il Dipartimento sudafricano per l’ambiente, il 65% delle emissioni della Coppa del Mondo in Sudafrica è stato legato ai viaggi internazionali e il 17% agli spostamenti tra le nove città che hanno ospitato le partite.

[2] I Mondiali di calcio del 2018 in Russia hanno emesso 2,167 milioni di tonnellate di anidride carbonica. I Mondiali di calcio del 2014 in Brasile hanno emesso quasi 2,7 milioni di tonnellate e quelli del 2010 in Sudafrica 2,753 milioni di tonnellate.

[3] Per il Qatar, in realtà, sarebbero il doppio. Per quanto riguarda la Russia, sebbene siano stati costruiti nove stadi, la loro costruzione non è stata inclusa nell’impronta di carbonio della competizione.

[4] Ogni anno, 18 milioni di oggetti vengono distribuiti, regalati e gettati via.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

CRISI CLIMATICAdevastazionemondiale in qatarmondialiolimpiadisport

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia Romagna: a un anno esatto dalla prima devastante alluvione, qual è la situazione dei territori colpiti?

Furono giorni drammatici, convulsi, in cui non mancò tuttavia uno slancio solidale esteso e diffuso, con ben pochi precedenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sulmona: attivisti No Snam invadono il cantiere della centrale

“Abbiamo compiuto una azione di obbedienza civile  per denunciare le illegalità in atto. Chi di dovere agisca”.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”