InfoAut
Immagine di copertina per il post

Giorgio e la sorveglianza speciale

Il 28 febbraio 2023 la Procura di Torino ha chiesto la sorveglianza speciale e l’obbligo di dimora nel luogo di residenza per quattro anni per Giorgio Rossetto, disposto a fine giugno 2023. La tesi dei pubblici ministeri è che Giorgio sia il leader di Askatasuna e che diriga le manifestazioni di piazza a Torino e in Valle di Susa.

A seguito di questa istanza, il Tribunale di Torino ha disposto per Giorgio, per un totale di tre anni, il divieto di lasciare il comune di residenza (Bussoleno), l’obbligo di chiedere l’autorizzazione al giudice per muoversi, il divieto di frequentare dalle 18 alle 21 pubblici esercizi e locali di intrattenimento, il divieto di partecipare a pubbliche riunioni e l’annullamento dei documenti di identità sostituiti da un libretto rosso da esibire ad ogni eventuale controllo.

È possibile comunque richiedere al tribunale dei permessi straordinari per effettuare degli spostamenti o partecipare a delle attività ma, nonostante numerosi tentativi (25 per l’esattezza), Giorgio ha ricevuto ben 24 rigetti alle numerose istanze presentate, tra le quali il diniego di partecipazione a due  funerali.

Qui di seguito, l’elenco delle richieste di partecipazione ai vari eventi e relativi dinieghi:

  • 5 luglio 2023, ”Giornata culturale contro la guerra”, organizzata dall’ANPI presso il Circolo Bocciofila Colombè di Chianocco;
  • 9 luglio 2023, richiesta di partecipazione alla ricorrenza “Balmafol 2023”, organizzata dall’ANPI a Chianocco;
  • 16 luglio 2023, festa del Piemonte al Colle dell’Assietta (Meana di Susa);
  • 23 luglio 2023, sagra “Vivere la Montagna tra passato, presente e futuro” a Villar Focchiardo;
  • 27 agosto 2023, richiesta di partecipazione alla “Passeggiata della Memoria” a Condove, in occasione della commemorazione dell’eccidio di Vaccarezza;
  • 23 settembre 2023, richiesta di recarsi al funerale del professor Gianni Vattimo a Torino;
  • 23 settembre 2023, visita forte d’Exilles;
  • 30 settembre 2023, servizio in qualità di volontario alla “Sagra d’le cise” per la Pro Loco di San Didero;
  • 21 ottobre 2023, raduno alpini Aosta;
  • 15 novembre 2023, richiesta di partecipazione, dalle 17 alle 19, presso la sede del sindacato Cobas di Torino, al percorso di analisi e intervento relativo ai processi di precarizzazione del lavoro, progetto di cui Giorgio, membro del sindacato stesso, è coordinatore;
  • 27 novembre 2023, partecipazione al consiglio comunale di Bussoleno; 
  • 8 dicembre 2023, richiesta di partecipazione all’80° anniversario del Giuramento dei Partigiani alla Garda di San Giorio, in qualità di “porta bandiera”, così come nominato dalla Presidente dell’ANPI di Foresto-Bussoleno-Chianocco;
  • 9 dicembre 2023, dalle 16.00 alle 18.30, assemblea cittadina con il collettivo di fabbrica dell’ex GKN, a Torino;
  • 15 dicembre 2023, assemblea pubblica “Ma quale merito?”, dalle 17 alle 19 al Campus Einaudi di Torino;
  • 30 dicembre 2023, commemorazione ANPI dell’80° anniversario del ”Sabotaggio del Ponte dell’Arnodera” a Gravere;
  • 23 gennaio 2024, conferenza stampa presso la sede del sindacato Cobas di Torino
  • 30 gennaio 2024, richiesta di partecipare alla cerimonia di commiato dell’avv. Bruno Segre presso il Tempio della Cremazione del Cimitero Monumentale di Torino;
  • 18 marzo 2024, richiesta di svolgere attività di “food delivery” per conto dell’osteria-pizzeria La Credenza di Bussoleno;
  • 29 marzo 2024, richiesta di partecipazione in qualità di relatore dalle ore 12.00 alle ore 20.00 al seminario “Lavoro e industria bellica” presso la sede del sindacato Cobas di Torino;
  • 5 aprile 2024, richiesta di partecipazione, dalle ore 20.00 alle ore 23.00 presso il Centro Polivalente di San Giorio di Susa, alla serata di presentazione del libro “Cé per il Che – Viaggio di Cesare Favro sulle orme di Che Guevara;
  • 24 aprile 2024, richiesta di partecipazione alla fiaccolata di Valle da Villar Dora ad Almese in occasione del 79° anniversario della Liberazione, in qualità di “porta bandiera”, così come nominato dalla Presidente dell’ANPI di Foresto-Bussoleno-Chianocco;
  • 1 maggio 2024, richiesta di partecipazione, in qualità di rappresentante dell’esecutivo provinciale di Torino della Confederazione Cobas, alla manifestazione del Primo Maggio a Torino;
  • Agosto e novembre 2023 rigetto visita familiare a Taggia (IM).

Il 24 aprile scorso Giorgio, pur avendo ricevuto il parere contrario da parte del giudice, ha deciso di violare la sorveglianza speciale per poter partecipare, in qualità di porta bandiera, nominato dalla Presidente dell’ANPI di Foresto-Bussoleno-Chianocco, alla fiaccolata di Valle da Villar Dora ad Almese in occasione del 79° anniversario della Liberazione.

Qui di seguito le tessere ANPI:

Giorgio ha nuovamente violato la sorveglianza speciale il 1° maggio 2024 partecipando, in qualità di rappresentante dell’esecutivo provinciale di Torino della Confederazione Cobas, alla manifestazione del Primo Maggio a Torino. Il rigetto a tale richiesta gli è stato notificato alle ore 15.17 del 1° maggio, a manifestazione conclusa.

Qui di seguito le tessere COBAS:

Conferimento incarico di coordinatore del progetto di “Analisi e Intervento sui processi di precarizzazione del lavoro”:

Rigetto a partecipare al corteo di Torino, notificato alle ore 15.17 del 1° maggio, a manifestazione conclusa:

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

A cosa servono le scorte? Un caso esemplare a Torino

Come sempre all’avanguardia, a Torino si è sperimentata negli anni un’ulteriore funzione importante della scorta, quella di volano per il sovradimensionamento, sul piano dell’ordine pubblico, dei fenomeni legati alla conflittualità sociale.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorgio sorvegliato speciale in Val Susa, un aggiornamento sulla vicenda ai microfoni di Radio NoTav.

Sorvegliato speciale da luglio scorso Giorgio Rossetto, storico militante di area autonoma e compagno del movimento no tav, vedrà la fine di questo duro provvedimento allo scadere dei tre anni della misura.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Salvare il Meisino è compito cittadino!

Secondo quanto apprendiamo da giornali e delibere comunali l’avvio dei lavori per cementificare e cancellare l’oasi di biodiversità rappresentata dal parco del Meisino a Torino è imminente.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Salone del Libro viene bloccato per la sua complicità al sionismo: la vittoria della mobilitazione per la Palestina!

Sabato pomeriggio, con il coordinamento Torino per Gaza ci siamo dati appuntamento a ridosso della metro Lingotto per raggiungere il Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Salone del Libro: come è fatta la vera censura

Riprendiamo il comunicato del Coordinamento cittadino Torino per Gaza su quanto accaduto ieri al Salone del Libro.