InfoAut
Immagine di copertina per il post

Lost in Translation: i processi contro il soccorso in mare ed il loro uso politico

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo secondo articolo sulla vicenda processuale dell’equipaggio della nave Iuventa.

Il 2 agosto 2017 avviene il sequestro della nave SAR Iuventa segnando l’inizio della guerra tra governo italiano e ONG impegnate in missioni di soccorso nel Mediterraneo Centrale. Dal 2 agosto 2017 ad oggi circa 9000 persone hanno perso la vita cercando di raggiungere le coste italiane, confermando il Mediterraneo come la frontiera più mortale del mondo. Cambiano i governi, i colori dei governanti, ma il paradigma per affrontare il fenomeno migratorio in Europa rimane sempre lo stesso: repressione, criminalizzazione e morte.

Dopo anni di indagini lo scorso 21 maggio è iniziata la prima udienza preliminare del più grande processo di sempre contro la solidarietà in mare. Tra gli imputati 21 soccorritori di tre diverse ONG: Save the Children, Medici senza Frontiere e quattro membri dell’equipaggio della Iuventa. In assenza di prove concrete, e mettendo alla sbarra soccorritori che di male hanno fatto solamente di salvare naufraghi dalla morte certa in mare, pare chiaro a tutti che il disegno repressivo rimane quello di trovare una scusa per sequestrare le navi di soccorso, intimorire gli equipaggi con accuse pesantissime, rallentare in ogni modo la fase processuale per prolungare un eventuale rientro delle imbarcazioni in zona SAR.

Foto di Janna Heiß

Dopo lo scorso 21 maggio, si sono continuati a verificare vari errori procedurali che hanno portato a ripetuti rinvii delle udienze preliminari nonché dell’interrogatorio volontario di uno degli imputati data la mancanza di un interprete adeguato e di una traduzione in lingua madre di circa il 97% degli atti dell’accusa, una cosa assurda per un caso in cui gli imputati rischiano fino a 20 anni di carcere. La mancanza di interpreti e traduttori nelle aule di giustizia è una violazione strutturale che si verifica nella maggioranza dei processi che vedono coinvolte persone di lingua straniera, che molto spesso non hanno a disposizione le risorse dei membri dell’equipaggio della Iuventa e vivono situazioni di marginalità e ostracismo sociale. A questo proposito due settimane fa è stata lanciata da Iuventa-crew la campagna europea #NoTranslationNoJustice, per denunciare quello che è un grave problema strutturale nei paesi dell’UE.  

Dopo 5 anni di indagini e una situazione che in prospettiva lascia ben poco a sperare rispetto alla durata della fase processuale, Dariush Beigui, ex capitano di iuventa, ha deciso di rilasciare una dichiarazione volontaria per accelerare i tempi della giustizia, su cui ha commentato: “Stiamo correndo il rischio di un interrogatorio volontario che potrebbe essere usato contro di noi per poter finalmente andare avanti nel caso. Riteniamo che il soccorso in mare e la fuga non siano reati e pertanto non abbiamo nulla da nascondere”. Lo scorso 29 ottobre però all’interrogatorio di quello che ricordiamo essere il più grande processo contro le ONG impegnate in missioni SAR, la questura di Trapani non ha saputo fornire di meglio che una guida turistica come interprete, in una situazione che rasenta l’assurdo dove le stesse forze dell’ordine hanno dovuto interrompere l’interrogatorio per impossibilità a continuare.

Foto di Federico Sutera

In un secondo tentativo, oggi (ieri ndr), due settimane dopo, Dariush Beigui si è recato di nuovo da Amburgo a Trapani per svolgere l’interrogatorio. Questa volta come interprete è stato fornito un ex poliziotto in pensione, di nuovo palesemente incompetente nel ruolo di traduttore. Dariush ha rilasciato la seguente dichiarazione al riguardo: “È ridicolo! La stessa procura che si è coordinata con successo con cinque diverse agenzie di polizia, comprese le unità antimafia e i servizi di intelligence, per fermare una nave di soccorso che sarebbe necessario impiegare nel soccorso, ha ripetutamente fallito nel garantire il diritto fondamentale a un processo equo. Mi sembra che non vogliano nemmeno sapere cosa ho da dire. La procura è interessata a chiarire i fatti?”

Se in Italia gli interpreti e i traduttori impegnati nei procedimenti penali guadagnano solo il 10% rispetto alla media europea, non c’è da stupirsi della grande carenza di queste figure professionali. L’Italia, insieme a Bulgaria e Romania, ha il budget più basso d’Europa per i servizi linguistici giudiziari. La stessa direttiva europea non specifica a sufficienza i suoi requisiti, dando consapevolmente agli Stati la possibilità di non agire nell’interesse degli indagati e imputati e di un processo equo.

A questo proposito Nicola Canestrini, il legale di iuventa crew ha dichiarato: “L’assistenza linguistica deve essere tale da consentire all’imputato di essere a conoscenza delle accuse contro di lui e di difendersi, in particolare permettendogli di presentare la sua versione dei fatti in tribunale: questo diritto fondamentale, garantito dal 1950 dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, è stato ripetutamente negato dall’accusa.”

Continua Kathrin Schmidt “Abbiamo il privilegio di condividere le lingue con gli avvocati. Ma è molto importante sottolineare che ci sono migliaia di persone accusate di reati simili. Le persone in fuga sono criminalizzate in Italia, Grecia e Malta. Quando vengono arrestati e detenuti, spesso non hanno un interprete, una difesa e i mezzi per contattare le loro famiglie.”

Il recente intensificarsi della repressione da parte dell’Italia nei confronti delle ONG che mostrano solidarietà verso le persone in movimento, fa parte di una lunga e ingloriosa storia di criminalizzazione nei Paesi dell’UE.  Sebbene le indagini contro le organizzazioni civili di soccorso siano sempre oggetto di grande attenzione da parte dei media, nessuno dei procedimenti si è finora concluso con una condanna.

“Qual è il valore dei blocchi, dei sequestri e delle incriminazioni? Sembra risiedere più nello sfruttamento politico delle falsità e della creazione di un clima d’odio che nella ricerca della giustizia. Prendere di mira le ONG serve a giustificare le vergognose decisioni politiche di oggi e a scatenare nuovamente un attacco che criminalizza le persone in movimento e quelle in solidarietà con loro.” dice invece Sascha Girke, ex capo missione di Iuventa.

Dopo che l’equipaggio della Iuventa aveva denunciato queste circostanze inaccettabili, anche gli osservatori internazionali del processo ed EULITA, l’Associazione europea degli interpreti e traduttori legali, avevano condiviso questa valutazione. Nonostante tali critiche, anche il tentativo di oggi è fallito. Anche in questo caso non è stata fornita un’interpretazione adeguata. Sia in mare che nelle aule di tribunale, l’Italia non è in grado di garantire i diritti fondamentali dell’uomo.

Iuventa Crew

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

Iuventamigrantisoccorso in maretrapanitribunale

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Rompere i confini. Lo sbarco dei migranti nel porto di Catania

“Lo Stato sta impedendo lo sbarco dei passeggeri di una nave Ong, bisogna andare a portare solidarietà”. È questo il messaggio arrivato la sera di sabato 5 novembre sul telefono di molti e molte di noi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Cronaca dal porto di Catania: sabato prevista grande mobilitazione

In questi giorni al Porto di Catania sta andando in onda una nuova puntata della guerra alle Ong che prestano soccorso e assistenza nel Mar Mediterraneo alle imbarcazioni di profughi provenienti da Libia e Tunisia.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bogotà: scoppia la protesta dopo l’ennesimo abuso sessuale contro una giovane

Giovedì scorso ha avuto luogo a Bogotà una manifestazione femminista dopo l’ennesimo abuso sessuale nei confronti di una ragazza minorenne alla stazione degli autobus della compagnia Transmilenio.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non una di Meno: verso il 26 novembre a Roma

In un quadro di crescente incredulità rispetto alle prime mosse del governo entrante, il week end appena trascorso a Reggio Emilia rappresenta uno spazio di confronto e di possibilità di lotta transfemminista in vista della grande manifestazione nazionale del 26 novembre a Roma.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Nel silenzio è stato rinnovato il Memorandum della vergogna con la Libia

L’Italia condanna i migranti con il silenzio. Quando celebreremo il Giorno della Memoria ricordiamo anche gli accordi con la Libia sui lager per profughi e migranti, voluti dai governi di centro sinistra e rinnovati oggi dal governo di destra.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Convergenze e Intersezionalità: verso il 26 Novembre!

Ad unire i tre tavoli tematici – violenze e autodeterminazione, guerra ed ecologie politiche – vi è stato il filo rosso delle convergenze e dell’intersezionalità. L’esigenza del movimento transfemminista risulta quella di ribadire la capacità trasformativa e la trasversalità che tale ottica ha sulle istanze del nostro tempo, mostrando il nesso tra lotta al capitalismo e lotta al patriarcato, superando l’idea che la lotta di classe sia slegata da quella femminista e tranfemminista.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Violenza in residenza Edisu a Torino.

Sulla violenza subita dalla studentessa all’interno della residenza Edisu a Torino vi sono già molti articoli e dichiarazioni da parte di politici, istituzioni e sciacalli di ogni tipo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non si processa la solidarietà: sulla vicenda dell’equipaggio della Iuventa

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa traduzione di un articolo che parla della vicenda dell’equipaggio della Iuventa. Nel marzo 2021, quattro membri dell’equipaggio della nave di soccorso civile Iuventa,dopo un’indagine durata cinque anni, sono stati accusati di “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato in Italia”.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Tra Atene e Torino, violenza di genere come pratica di disciplinamento e repressione

Emerge come l’oppressione della polizia è tutt’uno con quella patriarcale. La violenza sessuale diventa così a carattere sistematico, una metodologia che permette al potere di consolidarsi, reprimere e diffondere i propri valori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tunisia: proseguono le proteste contro le politiche del presidente e per avere verità per i morti di Zarzis

Nel mirino in particolare l’accordo con l’Fmi, che prevede fondi per tagliare il debito statale a fronte degli ennesimi sacrifici per le classi più popolari.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sentenza shock terremoto de L’Aquila: la colpa è dei morti

Il tribunale civile taglia i risarcimenti per 29 vittime del terremoto: «Dormivano, incauti»

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Le gang dei “minori stranieri”: teppisti o nuovo soggetto operaio?

“La violenza è intesa così come la mediazione principale. L’uomo colonizzato si libera nella e per la violenza”. (F. Fanon, I dannati della terra) Di Emilio Quadrelli da Carmilla La “grana” era nell’aria da tempo, che la “questione dei minori stranieri non accompagnati” dovesse prima o poi esplodere era solo questione di giorni. Di ciò […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

A Gradisca si muore: sappiamo chi è Stato.

Due giorni fa, il 31 agosto 2022, un ventottenne pakistano del quale non sappiamo il nome si è ammazzato nel Cpr di Gradisca d’Isonzo. Era entrato un’ora prima.  Si è ammazzato in camera; l’hanno trovato i suoi compagni di reclusione. Voci da dietro al muro Da dietro le mura del CPR ci gridano che il […]