InfoAut
Immagine di copertina per il post

Gravissimo episodio fascista all’Aeronautico di Bergamo

||||

Bergamo – Nei giorni scorsi è stato diffuso in rete dal sito di Wired un video che sta facendo molto discutere a livello nazionale. Nelle immagini si vede infatti il cortile interno dell’istituto Aeronautico navale Antonio Locatelli di Bergamo in cui sono radunati studenti e studentesse in occasione del compleanno del preside dell’istituto, Di Giminiani. Quando il preside si presenta all’ingresso della scuola, un nutrito numero di studenti lo acclama con saluti romani e cori “duce, duce”. Invece che zittire i cori o indignarsi, Di Giminiani risponde con grandi sorrisi e con un saluto che da molti è stato interpretato come un saluto fascista. Dopo che il video è diventato virale, il preside si è subito giustificato dicendo di non aver fatto alcun saluto romano, e l’avvocato D’Andrea si è spinto ancora più in là, dichiarando che i cori inneggianti al duce intendevano ricordare l’etimologia del termine dux e quindi condottiero degli alunni. Una strategia difensiva che rasenta il ridicolo, di fronte alle immagini del video.

Non è la prima volta che la scuola e il suo preside finiscono agli onori delle cronache: nel 2016 Di Giminiani si rese responsabile di punizioni umilianti nei confronti di alcuni alunni – arrivando a versare della coca cola in testa a un ragazzo o costringendone un altro a girare per la scuola con indosso un cartello umiliante – per cui ha patteggiato 4 mesi con pena sospesa per reato di abuso dei mezzi di correzione. Insomma, il clima cameratesco, machista e militare lo si respira già a pieni polmoni.

Per ultimo questo grave episodio, avvenuto settimana scorsa, che dimostra ancora una volta come purtroppo il fascismo in questo paese sia troppo spesso tollerato e sdoganato. Dalle organizzazioni neofasciste che non vengono sciolte a membri di organizzazioni di estrema destra che militano nei grandi partiti come Lega e Fratelli d’Italia, fino ad arrivare a una cultura politica reazionaria che ha portato al fallimento dell’approvazione del ddl Zan, una cultura che troppo spesso è trasversale in tutti i partiti, un fascismo che si può percepire anche nelle numerose ordinanze anti – accattonaggio in nome del decoro, o nelle politiche sulle migrazioni targate Pd. La cosa ancora più inquietante è vedere come degli studenti, ragazzi e ragazze giovanissimi/e, si rendano responsabili con tanta leggerezza di episodi di apologia di fascismo, ciò può forse far percepire come le ideologie fasciste e autoritarie possano raggiungere ogni ambito e ogni contesto della società in cui viviamo.

Nei giorni scorsi il comitato cittadino Bergamo Antifascista ha posto alcuni striscioni fuori dall’ Aeronautico e organizzato un presidio lunedì scorso, e si preannunciano altre iniziative nei prossimi giorni, per ribadire ancora una volta – ma sembra non essere mai sufficiente – che Bergamo, i suoi studenti e i suoi abitanti devono essere antifascisti, senza se e senza ma.

Da Bg Report

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Antifascismo & Nuove Destredi redazioneTag correlati:

antifascismobergamo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Non è più tempo degli appelli, bisogna liberare Ilaria subito

Legata ai polsi e ai piedi, una cintura stretta in vita, un guinzaglio di catena, Ilaria Salis è comparsa davanti al tribunale di Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis: la prima udienza si chiude con un rinvio al 24 maggio. “Non e’ piu’ tempo degli appelli, bisogna portarla via subito”

Si è aperto a Budapest lunedì 29 gennaio il processo a Ilaria Salis, l’insegnante antifascista di Monza detenuta da un anno in Ungheria per gli scontri con un gruppo di neonazisti.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Germania, centinaia di migliaia di persone in piazza contro AFD

Tra sabato e domenica in diverse città della Germania si sono riunite centinaia di migliaia di persone per manifestare contro il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AFD).

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“In cella con il guinzaglio”. Lettera di Ilaria Salis dal carcere di Budapest

Dal carcere di Budapest, dove soggiorna ormai da undici mesi, Ilaria Salis è tornata a scrivere ai suoi avvocati.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Milano: sabato 13 gennaio corteo nazionale antifascista. Concentramento alle 15.00 in Piazza Durante

Oltre al sempre più evidente inasprimento di politiche securitarie, misure di segregazione ed esclusione, meccanismi di controllo della popolazione, che negli ultimi decenni stanno caratterizzando la gestione del territorio definito Europa, assistiamo contestualmente al rafforzamento di posizioni di estrema destra.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Addio Lucio, se ne è andato il partigiano Gastone Cottino

E’ morto ieri mattina a novantotto anni Gastone Cottino: partigiano, comunista sempre al fianco delle lotte sociali.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per capire l’ascesa dell’estrema destra bisogna partire dai media

Processi di normalizzazione e sdoganamento nei media della politica di estrema destra dipendono dai media mainstream, più che dall’estrema destra stessa

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Torino: assemblea antifascista in università.

Oggi pomeriggio alle 18.30 si terrà un’assemblea antifascista nella main hall del campus universitario Luigi Einaudi a seguito degli avvenimenti di ieri. Di seguito il comunicato del Collettivo Universitario Autonomo

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Antifascismo: domiciliari per Gabriele, compagno milanese che rischia l’estradizione in Ungheria

Su Gabriele pende un MAE (mandato d’arresto europeo) da parte dell’Ungheria nell’ambito dell’inchiesta magiara riguardante le azioni di antifascismo militante di febbraio 2023 a Budapest contro la cosiddetta “Giornata dell’onore”, il raduno dei neonazisti di mezza Europa, soprattutto orientale.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Scontri in centro a Madrid, l’ennesima manifestazione di una destra ipocrita e disperata

“Chi può fare qualcosa, la faccia” diceva qualche giorno fa José María Aznar, ex premier e leader spirituale del Partito popolare (Pp). Il messaggio è stato rilanciato da altri rappresentanti politici e mediatici della destra ed estrema destra spagnola —se nel paese iberico è ancora possibile fare questa distinzione— e ha spronato centinaia di persone […]

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Bergamo: come è morto in carcere Oumar Dia? Mercoledì 1 novembre camminata di protesta a Milano

Cosa è successo a Oumar Dia, 21enne morto nel carcere milanese di San Vittore?

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Parigi: weekend internazionale antifascista in memoria di Clement Meric

Sono passati dieci anni dall’omicidio di Clément Méric, assassinato il 5 giugno del 2013 dai fascisti nel centro di Parigi come militante antifa. Per ricordare quell’evento, sulla falsa riga delle quattro giornate per Dax, dal 1 al 6 giugno si svolgerà una settimana antifascista con un fine settimana internazionalista particolarmente ricco di proposte organizzato dall’Action […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Torino: fascisti davanti al liceo Einstein

I fascisti che si erano radunati davanti al liceo torinese sono stati allontanati dagli studenti. La polizia è intervenuta sul posto e sono stati identificati i presenti.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

BASTA ARMI! Primo maggio 2023

Torino : Assemblea cittadina verso il primo maggio 2023

“BASTA ARMI! FERMIAMO LA GUERRA IN UCRAINA. Contro carovita e devastazione ambientale.”