InfoAut
Immagine di copertina per il post

Modena: i lavoratori Italpizza ottengono il reintegro. 9 febbraio corteo cittadino

||||

A due settimane dalla ripresa dello sciopero e dei blocchi davanti a Italpizza, le lotte strappano una nuova, per quanto parziale, vittoria.

L’azienda cede, riammettendo le delegate e i delegati in sciopero con effetto praticamente immediato. Dal prossimo 5 febbraio tutti e tutte torneranno al loro posto, a dimostrazione che ai ricatti e alla repressione è possibile rispondere lottando e vincendo.

La prossima settimana verrà inoltre affrontata la situazione relativa al reintegro dei due delegati sindacali licenziati. Inoltre, si verificherà nella pratica il rispetto degli accordi stipulati, dato che l’azienda non si è certo distinta per la coerenza tra la parola data e gli atti effettuati..

Intanto oggi lo sciopero delle lavoratrici del Si Cobas ottiene la solidarietà anche da pezzi di Fiom e Cgil del territorio modenese e non solo, finora rimasti silenti. Nonostante una prima vittoria la battaglia rimane ancora lunga, necessitando di ulteriori passaggi.

Dal picchetto si rilancia con diversi appuntamenti: dall’iniziativa pubblica di giovedì prossimo ( Italpizza: uno sciopero che vale piu di un decreto ) fino al corteo previsto per il 9 gennaio in cui si scenderà in piazza contro il muro di aziende e istituzioni, la repressione delle lotte sindacali e sociali che attraversano il territorio modenese ed emiliano, ma anche contro la prossima apertura del Centro di Permanenza e Rimpatrio in città.

 

Di seguito il testo di indizione del corteo da parte del SI Cobas:

Da oltre due mesi ormai prosegue la lotta delle lavoratrici e dei lavoratori di Italpizza, una lotta che sta dimostrando come la tenacia e la determinazione operaia possano rompere quei meccanismi di sfruttamento che sono ormai la quotidianità nei nostri territori.

Dall’altra parte della barricata si schiera un’azienda in costante crescita nei profitti, che appalta a cooperative che evadono sistematicamente tasse e contributi, mentre le istituzioni modenesi fanno muro a difesa di quella che chiamano un’eccellenza: un’eccellenza sporca di sfruttamento.

Un muro quello del sistema-modena sul quale sono ormai evidenti le crepe che si allargano nella misura in cui si allargano le mobilitazioni e gli scioperi, accresciuti da dalla solidarietà militante dei lavoratori di tutta la provincia ed oltre, senza farsi spaventare dalla violenza poliziesca o dalle prese di posizione di parte della politica cittadina.

In una delle province con i distretti produttivi più ricchi d’Italia anche le illegalità accertate dalle stesse autorità dello Stato sembrano essere accettabili e tollerate, in nome del profitto, mentre viene visto con pericolo chiunque alzi la testa per i propri diritti.

Ricordiamo come Modena sia teatro della vergognosa montatura giudiziaria contro il nostro coordinatore nazionale, Aldo Milani, il cui processo continua in questi giorni, pur in assenza di alcuna prova a suo carico. Modena è terreno di scontro nazionale per tutto il S.I. Cobas.

Non a caso è stato proprio nella mobilitazione ad Italpizza che è stato applicato per la prima volta in regione il reato di blocco stradale, introdotto dal Decreto Sicurezza di Salvini (che punisce con anni di carcere la pratica del blocco delle merci utilizzata durante gli scioperi). L’arresto e l’incriminazione di due delegati sindacali durante le cariche al picchetto dimostra come questa norma non sia unicamente un decreto contro i migranti, ma piuttosto un ricatto contro tutta la classe operaia.

Ricatto che vuole essere rafforzato anche grazie all’apertura nei prossimi mesi del nuovo Lager (CPR) prorpio nella nostra provincia.Chiamiamo quindi per sabato 9 febbraio 2019, un corteo cittadino per rilanciare le lotte sul territorio, dalla G.M. di Camposanto all’Alcar Uno di Castelnuovo Rangone, dalle ceramiche ai magazzini della logistica. Il S.I. Cobas a Modena è presente e cresce ogni giorno di più.

Invitiamo tutti i collettivi, movimenti, comitati e organizzazioni che quotidianamente si battono per la dignità e la giustizia, per la difesa del territorio, del diritto alla casa, per gli spazi sociali e i diritti dei migranti a unirsi a noi, a stringersi attorno agli operai ed alle operaie in lotta, come fece la città di Modena nel 1950 per gli operai delle Fonderie in sciopero.

Uniti si vince! Alla lotta!

Modena, 1° febbraio 2019

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

ITALPIZZAModena

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Fermiamoli ora: mobilitazione nazionale contro il nuovo disegno di legge sicurezza che criminalizza le lotte sociali

Inasprimento delle pene, da 2 a 7 anni,  per le occupazioni abitative ma anche per chi resiste allo sfratto e chi partecipa ai picchetti; pene draconiane da 7 a 20 anni per detenzione e diffusione di materiale che incita a impedire la realizzazione di opere ritenute strategiche; aumento delle pene per i reati di imbrattamento per colpire le pratiche di soggetti ambientalisti. 

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“Il profilo del non votante è sempre più connotato sul piano sociale” L’analisi dei flussi elettorali con Marco Valbruzzi

“Il profilo del non-votante non è connotato sul piano politico-ideologico, invece è connotato sempre di più sul piano sociale“.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“CASE IN RIVOLTA” – Bollettino delle lotte abitative

Terzo numero del bollettino delle lotte abitative “Case in Rivolta”, che lancia la settimana di mobilitazione collettiva diffusa a livello nazionale durante la settimana del 20 -26 maggio 2024.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Un appello a difesa del Servizio Sanitario Nazionale.

E’ uscito un appello firmato a nome di quattordici personalità nell’ambito della sanità e della scienza per tutelare il servizio sanitario nazionale, qui è possibile leggerne il contenuto.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi al Quarticciolo. In borgata nessuna persona resta sola.

Ieri mattina 3 famiglie della borgata sono state sgomberate da ATER e dalla Prefettura di Roma. Una ragazza incinta, una donna sola con due figli, persone in attesa di una casa popolare da decenni. Persone che abitano in quelle case dal 2002. Persone che pagano la colpa di non potersi permettere una casa. Non veniteci […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il Fentanyl e la dolorosa condizione umana

Il dilagante consumo di fentanyl negli Stati Uniti rappresenta certamente «un dramma americano», come si legge negli ultimi due anni sui quotidiani

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quando tagliava l’erba risparmiava i fiori. Le parole della madre di Stefano

Sono rimasta molto colpita dall’enorme affetto che in questi giorni tutti mi hanno dimostrato e voglio ringrazio tutti. Il legame con Stefano era totale, in simbiosi, a lui avevo trasmesso tutto, purtroppo anche le mie allergie, i problemi di tiroide.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Stefanino Milanesi, una vita per la lotta

Uno dei più noti compagni e protagonisti delle lotte comprese tra gli anni Settanta e quelle odierne del popolo NoTav se n’è andato, improvvisamente.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ciao Ste, che la terra ti sia lieve

Se ne è andato Stefano, compagno, No Tav. Come redazione di InfoAut ci uniamo al ricordo del movimento No Tav ed esprimiamo tutta la nostra vicinanza ed affetto ad Ermelinda, ai compagni ed alle compagne che hanno condiviso le piazze, le strade ed i sentieri di montagna con Stefano.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Solidarietà a Giovanni Iozzoli

Il giorno 7 maggio 2024 il Tribunale di Modena ha condannato Giovanni Iozzoli, scrittore, delegato sindacale e redattore di “Carmilla online”, al pagamento di circa 20.000 euro (tra risarcimento e spese legali) a favore dell’azienda Italpizza, colosso dell’export agroalimentare emiliano.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Modena: il carabiniere violento già indagato per la morte di Taissir Sakka

Uno dei due carabinieri ripresi nel violento arresto ai danni di Idrissa Diallo il 13 marzo a Largo Garibaldi a Modena è già indagato per la morte di Taissir Sakka avvenuta il 19 ottobre 2023 sempre a Modena

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’anomalia giudiziaria modenese

Alla luce delle centinaia di imputazioni che nel giro di pochi anni hanno coinvolto militanti, lavoratori e lavoratrici nel modenese, pubblichiamo la segnalazione ricevuta di una iniziativa pubblica che si terrà sabato 25 novembre a Modena per richiamare l’attenzione sul livello repressivo a cui si è giunti in città.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Strage nel carcere Modena: chiesta archiviazione per 120 agenti della polizia penitenziaria

La procura di Modena ha chiesto l’archiviazione per i 120 agenti della polizia penitenziaria che sono accusati di reato di tortura e lesioni personali aggravate in concorso in relazione al fatti avvenuti l’8 marzo del 2020.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Le pesantissime condizioni di lavoro nell’industria delle carni a Modena

C’è un conflitto tra fornitori di manodopera che pagano i lavoratori a ore – come da contratti stipulati – e l’azienda con la quale i fornitori hanno accordi di produzione legati alla quantità di carne lavorata, di conseguenza l’aumento dell’intensità di lavorazione è giustificato per il raggiungimento di quel tot di produzione necessario a pagare i dipendenti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Sorvegliare e punire, anche a sprezzo del ridicolo. Succede a Modena

Perché la digos spia due pensionati modenesi? La denuncia del Comitato Verità e Giustizia per i Morti di Sant’Anna

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Liberə Tuttə – Corteo anticarcerario a Modena 12/03

Domenica 12 Marzo – ore 14.00 | Piazzale Primo Maggio – MODENA

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Modena: sciopero provinciale Si Cobas per il maxi-processo Italpizza. In 66 alla sbarra

Il sindacato di base Si Cobas ha promosso per la giornata di ieri, lunedì 20 febbraio, a Modena, uno sciopero provinciale in occasione di una nuova udienza del maxi-processo Italpizza, che vede alla sbarra decine di operai, sindacalisti e solidali: 66 imputati per gli scioperi, vittoriosi, del 2018 e 2019 che costrinsero l’azienda a rinunciare […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

INCREDIBILE DECISIONE DEL TRIBUNALE DI MODENA: Italpizza è equiparata allo Stato, e il sindacato dovrebbe risarcirla come tale

Riprendiamo dalla pagina facebook del Si Cobas di Modena la notizia sull’assurda decisione del Tribunale, l’ennesimo precedente che si inserisce nella strategia di normalizzazione del dissenso sociale che sta diventando sempre più articolata a livello nazionale. Oggi, lunedì 3 ottobre 2022, nel corso dell’udienza preliminare per il maxi-processo Italpizza, il Tribunale di Modena ha preso […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

MODENA: REPRESSIONE CONTRO I SI.COBAS, DAI MAXIPROCESSI ALLE RITORSIONI DELLA QUESTURA CONTRO CHI LOTTA

A Modena prosegue la repressione contro lavoratori e lavoratrici attivi nel sindacato di base e conflittuale Si.Cobas. Nella giornata di questo 6 dicembre 2021 si è tenuta la seconda udienza del maciprocesso  che vede imputati 86 lavoratori iscritti al Si Cobas per aver preso parte agli scioperi davanti ai cancelli della Alcar Uno, grande azienda […]