InfoAut
Immagine di copertina per il post

Cemil Bayık: Non compiremo azioni militari a meno che lo stato turco non ci attacchi

Il co-presidente del Consiglio esecutivo della KCK, Cemil Bayık, ha dichiarato: “Fermare le azioni militari in Turchia, nelle metropoli e nelle città. Abbiamo deciso di non agire a meno che lo Stato turco non ci attacchi”.

Tradotto da ANF

Il co-presidente del Consiglio esecutivo della KCK Cemil Bayık ha rilasciato un messaggio dopo il terremoto che ha ucciso decine di migliaia di persone e causato un grande disastro umanitario.

Bayık, confermando un cessate il fuoco unilaterale, ha dichiarato: “Chiediamo a tutte le nostre forze che svolgono azioni militari di fermare tutte le azioni in Turchia, nelle metropoli e nelle città. Inoltre, abbiamo deciso di non agire a meno che lo Stato turco non ci attacchi. La nostra decisione sarà valida fino a quando il dolore del nostro popolo non sarà alleviato e le loro ferite saranno guarite”.

Bayık ha sottolineato che la posizione dello Stato turco sarebbe decisiva nell’attuazione di queste decisioni.

Il co-presidente del Consiglio esecutivo della KCK, Cemil Bayık, ha dichiarato: “Alle nostre persone onorevoli. Il terremoto ha causato un grande disastro. Il nostro popolo si trova in condizioni molto difficili nel Bakur Kurdistan, Rojava, Turchia e Siria. In particolare, i popoli soffrono molto di più a causa della politica portata avanti dallo Stato turco invasore e assassino. Il popolo curdo, il popolo turco, il popolo arabo e altri popoli stanno soffrendo molto.

Le esperienze della società ci hanno influenzato molto. Auguro la misericordia di Dio per coloro che hanno perso la vita e una pronta guarigione per i feriti. Ancora una volta, le mie condoglianze alle famiglie di coloro che hanno perso la vita e a tutto il nostro popolo. Sentiamo e viviamo il vostro dolore.

Sfortunatamente, i terremoti accadono ovunque, in tutto il mondo. Ma la cosa importante è che molti paesi stanno prendendo precauzioni antisismiche. Pertanto, subiscono meno danni e perdite. Ma quando guardiamo alla Turchia, tali disastri accadono perché non vengono prese misure.

Tutte le risorse dovrebbero essere utilizzate per salvare le persone

Migliaia di persone sono ancora sotto le macerie. La nostra gente deve essere tirata fuori da sotto le macerie. Perché è inverno, c’è neve, c’è pioggia, il tempo è freddo. Se non vengono salvati dalle macerie il prima possibile, possono morire di freddo. Pertanto, tutti dovrebbero mobilitare tutte le loro risorse. Tutti dovrebbero mobilitarsi per salvare il nostro popolo. Tutti, specialmente le istituzioni democratiche, dovrebbero mobilitarsi.

Il governo AKP-MHP non ha preso alcuna misura

La coalizione AKP-MHP è al potere. L’AKP è al potere da 20 anni, gestendo lo stato. Come è noto, il Kurdistan Bakur e la Turchia sono su una linea di faglia. Pertanto, è un paese a rischio terremoti. Per questo sarebbe stato necessario prendere precauzioni. Ma l’AKP non ha intrapreso alcuna azione. Non serve al pubblico. Come è noto, le tasse sono state riscosse per i terremoti in Turchia per anni. Ma nessuno sa che fine abbiano fatto quelle tasse.

Lo stato turco ha usato tutti i suoi mezzi per massacrare il popolo curdo in Kurdistan, hanno speso milioni di dollari per questo. Hanno sviluppato una guerra speciale, rafforzato i loro alleati, rafforzato i mercenari, sviluppato e rafforzato alcune istituzioni di guerra speciali. Hanno speso tutte le risorse della Turchia per questo. Ecco perché non hanno dato nulla al popolo turco, specialmente al popolo curdo. Durante il loro governo, hanno portato avanti furti, corruzione e saccheggi, e hanno reso i ricchi ancora più ricchi. Hanno reso la gente più povera ogni giorno. Di conseguenza, c’era un enorme divario tra loro e le persone. Sappiamo che molte volte hanno cambiato le leggi per gli appaltatori, per i loro mercenari, hanno approvato leggi. Hanno cambiato le leggi sulle offerte in modo che coloro che erano al loro servizio diventassero ancora più ricchi.

I terremoti si verificano in molte parti del mondo. Ad esempio, ci sono grandi terremoti in Giappone. Vediamo che in questi terremoti, gli edifici non crollano così diffusamente, non si verificano così tante morti. Perché? Poiché lo affrontano seriamente, prendono le loro precauzioni. Pertanto, non c’è molto dolore quando si verifica un terremoto. Se lo Stato turco avesse preso precauzioni come il Giappone, la sofferenza di oggi non sarebbe avvenuta. Migliaia di edifici non sarebbero stati distrutti, città e villaggi non sarebbero crollati. Migliaia di persone non avrebbero perso la vita; Non sarebbero rimasti feriti.

La Turchia investe nella guerra

L’AKP-MHP ha raccolto molti soldi durante il suo governo. In particolare, raccolgono denaro per il terremoto ogni anno, ma vediamo che quei soldi non ci sono. A quanto pare hanno speso tutto per la guerra. Hanno speso miliardi di dollari per la guerra. Se avessero speso quei soldi per la gente, se li avessero spesi per le misure antisismiche, se li avessero spesi per la salute e l’istruzione della gente, queste sofferenze non sarebbero accadute oggi. Tutto il popolo turco vivrebbe nella prosperità. Se alcuni sono diventati molto ricchi oggi e la gente è diventata ancora più povera, questo è il risultato della politica dell’AKP-MHP contro il popolo curdo. Perché vogliono massacrare il popolo curdo, per questo investono tutte le risorse della Turchia nella guerra.

L’AKP-MHP gestisce la Turchia come un’azienda e tratta le persone come un capo crudele. Non si riferiscono mai ad alcun bisogno delle persone come base per agire, non agiscono mai con un tale scopo. Pertanto, il nostro popolo, il popolo turco, il popolo arabo, tutti i popoli che vivono in Turchia dovrebbero ritenerli responsabili di questo. Entrambi dovrebbero chiedere conto e aumentare la loro cooperazione reciproca.

L’AKP-MHP ha dichiarato lo stato di emergenza. Il motivo per cui hanno dichiarato lo stato di emergenza è stato quello di coprire il terremoto. Il governo vuole sopprimere il dolore e le grida della gente in modo che questi dolori e urla non raggiungano nessuno. Ha anche mobilitato la stampa in modo che nessuno sentisse cosa stava succedendo. Stanno sviluppando la propaganda per ingannare i popoli e il mondo. Nascondono molte cose. Fanno sembrare che stiano aiutando le persone ovunque, ma queste sono bugie. I media indipendenti hanno smascherato tutte le loro bugie. Vogliono impedire gli aiuti inviati dalle persone nelle zone sismiche, vogliono impedire la cooperazione tra i popoli. Per mantenere il loro potere, vogliono mettere al loro servizio gli aiuti inviati dai popoli e dal mondo. Pertanto, il popolo curdo e i popoli della Turchia dovrebbero continuare a cooperare in ogni modo. Non dovrebbero lasciare che il governo si intrometta.

A causa di questo disastro e sofferenza vissuta dal nostro popolo, noi, l’esecutivo del movimento, volevamo valutare il processo e gli ultimi sviluppi e ottenere alcuni risultati su questa base. Perché rispettiamo i popoli e la vita umana. Ecco perché non vogliamo infliggere dolore su dolore. Abbiamo valutato la situazione umanamente, coscienziosamente e moralmente. Chiediamo a tutte le nostre forze impegnate in azioni militari di fermare le azioni militari in Turchia, nelle metropoli e nelle città. Ancora una volta, abbiamo deciso di non agire a meno che lo stato turco non venga contro di noi e ci attacchi. La nostra decisione sarà valida fino a quando il dolore del nostro popolo non sarà alleviato e le loro ferite saranno guarite. Naturalmente, anche l’atteggiamento dello Stato turco sarà decisivo nella nostra decisione”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

cessate il fuocoerdogankurdistanterremototurchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gaza: Israele bombarda i campi profughi a Rafah. Strage di civili almeno 45 le vittime.

Almeno 45 morti e 250 feriti: questo il bilancio parziale dell’ultima strage compiuta dall’esercito israeliano a Rafah, nella Striscia di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Student* pront* al dialogo: ma il rettore dov’è?

Siamo al sedicesimo giorno di occupazione e blocco nella sede Unito di Palazzo Nuovo, collocandoci attivamente all’interno del movimento internazionale di Intifada Studentesca che, ormai da mesi, si sta mobilitando per il boicottaggio accademico..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La preghiera del venerdì a Palazzo Nuovo : un bel bagno di realtà.

Cosa ci insegna la Palestina. Questo è stato il contenuto politico del discorso di Brahim Baya a Palazzo Nuovo occupato all’interno del momento di preghiera di venerdì scorso tenutosi in Università.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rivolte in Nuova Caledonia tra neocolonialismo e laboratorio repressivo.

Dallo scorso 13 maggio in Nuova Caledonia (Il piccolo arcipelago si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, a 1.300 chilometri dalle coste dell’Australia), è scoppiata una violenta rivolta dei nativi Kanak, da sempre sostenitori dell’indipendenza dell’arcipelago.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ostaggi della vendetta israeliana nella Striscia di Gaza: le testimonianze di 100 detenuti palestinesi rilasciati rivelano Crimini di Tortura e Trattamento Disumano

In un rapporto di oltre 50 pagine intitolato: “Ostaggi Della Vendetta Israeliana Nella Striscia Di Gaza”, l’Osservatorio Euro-Mediterraneo mette in luce la pratica diffusa di arresti collettivi e individuali arbitrari da parte delle forze israeliane contro i civili nella Striscia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla mobilitazione in sostegno alla popolazione di Gaza ed alla resistenza palestinese

Ci appelliamo a tutt3 coloro che vogliono sostenere la resistenza del popolo palestinese per difendere una prospettiva universale di autodeterminazione, uguaglianza, equità e diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: filmato di 70 minuti sull’operazione di guerriglia rivoluzionaria a Zap

Il 12 gennaio Gerîla TV ha diffuso un filmato di 70 minuti dell’operazione di guerriglia rivoluzionaria nella regione di Zap, nel Kurdistan meridionale.