InfoAut
Immagine di copertina per il post

Dichiarazione del Newroz 2022: ”Ora è il momento del successo”

||||

Un’alleanza di partiti e organizzazioni curde ha presentato le sue richieste di libertà e pace in Kurdistan e la fine delle guerre globali e delle lotte di potere con una Dichiarazione del Newroz ad Amed (Diyarbakir).

Da Rete Kurdistan

La dichiarazione del Newroz è stata letta dalla co-presidente presidente del DBP (Partito delle regioni democratiche) Saliha Aydeniz in curdo e dal presidente del Partito del popolo e delle libertà (PIA) Mehmet Kamaç in turco. La dichiarazione inizia sottolineando che il Newroz è celebrato da molti popoli del Medio Oriente e del Caucaso come l’inizio della primavera e risale alla leggenda di Kawa il fabbro, che sconfisse il tiranno Dehaq. Il fuoco del Newroz simboleggia la vittoria della ribellione contro il crudele despota.

La dichiarazione prosegue: “Celebriamo il Newroz 2022 in un momento in cui fascismo e colonialismo vogliono condannarci all’oscurità. In tutto il mondo, in Medio Oriente e in Kurdistan, il dispotismo e l’oppressione stanno aumentando. Allo stesso tempo stiamo assistendo a un’enorme resistenza contro di essa. Il capitalismo sta cercando la via d’uscita dalla sua profonda crisi e dal caos che ha causato in nuove guerre. Dopo le guerre per procura in Afghanistan, Iraq, Siria e Libia, la lotta per l’egemonia ha assunto una nuova dimensione con la guerra in Ucraina. Guerra significa distruzione. Chiediamo ai popoli di dire no alla guerra e di costruire una barricata di pace contro le politiche di guerra dei loro stati. La soluzione è una rapida fine della guerra e la capacità dell’Ucraina di essere un imparziale ponte di pace tra l’Occidente e la Russia.

Concetto di guerra totalitaria e sogni neo-ottomani

Il governo dell’AKP/MHP si attiene al suo concetto di guerra totalitaria contro il popolo curdo con i suoi sogni neo-ottomani. In Rojava e nel Kurdistan meridionale viene attuata una politica di occupazione e annessione. Davanti agli occhi dell’opinione pubblica mondiale, viene commesso un crimine contro l’umanità con l’uso di armi chimiche. Per distruggere le conquiste del nostro popolo, per le quali si è combattuto con grandi sacrifici, sono in corso continui attacchi aerei contro il Kurdistan, da sud a Shengal, da Maxmur al Rojava. Condanniamo questi attacchi e chiediamo la loro fine.

Divisione nella politica curda

Questi attacchi sono purtroppo rafforzati dalla divisione della politica curda. È la richiesta prioritaria del nostro popolo che i partiti e le forze curde si astengano da atteggiamenti e politiche contrarie agli interessi nazionali. Chiediamo ai partiti e ai movimenti di stabilire l’unità nazionale e di proteggere i nostri risultati di fronte all’aggressione colonialista e sciovinista contro il popolo curdo.

Libertà per Abdullah Öcalan

Nonostante i suoi sforzi per la pace e una soluzione, Abdullah Öcalan è stato detenuto illegalmente nel sistema di isolamento e tortura nella prigione dell’isola di Imrali per 23 anni. Questo è un crimine contro l’umanità. Le carceri sono state trasformate in luoghi della morte dalla politica dell’isolamento, dove tutti gli ostaggi politici e soprattutto i prigionieri malati sono esposti alla morte. I prigionieri politici continuano a essere detenuti arbitrariamente dopo aver scontato la loro pena. L’Istituto di medicina legale produce rapporti illegali e motivati politicamente sull’idoneità alla detenzione di persone gravemente ammalate. Chiediamo al governo di agire affinché Abdullah Öcalan e tutti i prigionieri politici e quelli malati vengano rilasciati immediatamente.

Non rinunceremo alla nostra lingua madre

Con l’usurpazione del regime di fiduciari, viene attuata una politica mirante al genocidio contro la volontà, la lingua, l’identità e la cultura del popolo curdo. Il curdo è una delle lingue antiche del Medio Oriente ed è stato effettivamente bandito per oltre cento anni. L’ultimo anello della catena delle politiche di negazione e proibizione è il governo dell’AKP. La coalizione di governo dell’AKP e dell’MHP sta trasformando sui canali statali la lingua curda in un mezzo di anti-propaganda contro il popolo curdo e la sua rappresentanza politica.

Allo stesso tempo offrire il curdo come corso elettivo viene presentato come una grande bontà. L’istruzione nella lingua madre è una delle richieste più importanti dei curdi ed è una linea rossa indispensabile. Sosteniamo che la lingua curda diventi una lingua di insegnamento dalla scuola primaria all’università. Dichiariamo ancora una volta che continueremo a lottare per questo.

Libertà e democratizzazione

La politica di guerra speciale del governo dell’AKP/MHP e la guerra totale contro le conquiste del popolo curdo in patria e all’estero hanno portato a una grave crisi economica e a una polarizzazione politica della società.Tutte le risorse del Paese sono mobilitate per questa guerra. Un pesante fardello grava sulle persone, sulle donne e sui lavoratori. La società è condannata alla fame. Per coprire la propria bancarotta e la sconfitta, e per mantenersi al potere, il governo ha organizzato processi farsa per chiudere HDP e bloccare in generale la politica curda organizzata. Come sempre il risultato dipenderà dalla resistenza. Il popolo curdo e i suoi amici stanno resistendo senza sosta e facendo fallire gli attacchi. Allo stesso tempo questi attacchi ci ricordano la nostra stessa responsabilità. Vediamo la via d’uscita nello sviluppo e nel consolidamento dei nostri passi verso l’unità democratica in Kurdistan.Con questo passo, ci assumiamo la lotta di liberazione nazionale in Kurdistan. Siamo convinti di contribuire anche alla democratizzazione della Turchia.

Il popolo curdo è vicino alla vittoria

In questo momento storicamente significativo, celebriamo il Newroz 2022 con lo slogan ” Adesso è il momento del successo”. Il Newroz è il giorno dell’inizio della primavera, delle nuove speranze e aspirazioni e delle grandi conquiste.Il popolo curdo si sta ricreando per il Newroz e si sta concentrando sulla vittoria. Sono più vicini al successo che mai.Celebreremo il Newroz di quest’anno come un festival di libertà e vittoria. Invitiamo tutta la nostra gente a riunirsi attorno al fuoco del Newroz, per amplificare il nostro entusiasmo, la nostra rabbia e la nostra rivolta, per gridare forte la nostra richiesta di libertà e per celebrare ovunque il Newroz. Per rafforzare l’atmosfera di resistenza femminile al Newroz, creata l’8 marzo con spirito di libertà e culminata nella vittoria, invitiamo tutti a riversarsi nelle piazze e celebrare il Newroz con grande entusiasmo. Newroz piroz be!”

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

kurdistannewroz

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kalkan: la lotta del popolo palestinese per la libertà e la democrazia è sacra

Il membro del Consiglio esecutivo del PKK Durkan Kalkan ha parlato del nuovo contesto geopolitico, analizzando il ruolo della Cina e l’attuale guerra israeliana alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kalkan: Difendiamo la giusta causa del popolo palestinese fino alla fine

Duran Kalkan, membro del Consiglio esecutivo della KCK, ha parlato della guerra in corso contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Turchia liberi immediatamente le/i cinque torinesi arrestati ieri a Sanliurfa

Riceviamo e pubblichiamo… Manifestazione “Defend Kurdistan” a Torino domenica 15/10 ore 16.30, piazza Castello In questo momento cinque giovani di Torino si sono svegliate/i nelle mani dello Stato fascista turco.Sono trattenute/i da ieri insieme ad altre 10 internazionaliste e a 15 esponenti della giovanile del Partito della Sinistra Verde. L’opposizione democratica in Turchia e in […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mehmet Dizin è stato preso in custodia per l’estradizione in Italia

Con accuse inventate dalle autorità turche, Mehmet Dizin, che vive in Germania dal 1980, è stato arrestato mentre si trovava in vacanza in Italia ed è ora in attesa di estradizione in Turchia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: si intensificano su tutti i fronti gli attacchi degli stati-nazione contro la rivoluzione confederale

Sebbene il movimento rivoluzionario per la libertà attivo in Kurdistan sia costantemente sotto la minaccia non soltanto della Turchia, ma di tutti gli stati-nazione capitalisti dell’area, i movimenti di truppe che negli ultimi giorni si stanno verificando su tutti i lati di questo accerchiamento, uniti all’intensificarsi, di settimana in settimana, degli attacchi, su più fronti, fanno temere un’ulteriore escalation e devono essere seguiti con attenzione per diversi motivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La popolazione di Rojhilat è in sciopero generale per l’anniversario dell’omicidio di Jina Mahsa Amini

La popolazione di Rojhilat partecipa allo sciopero generale nel primo anniversario dell’uccisione di Jina Mahsa Amini sotto la custodia della cosiddetta polizia morale di Teheran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rapporto sui diritti umani: Le denunce di tortura in Turchia sono aumentate del 22%, la maggioranza proviene dalle regioni curde

La Fondazione turca per i diritti umani (TİHV) ha rivelato un aumento del 22% delle denunce legate a tortura e maltrattamenti nel corso del 2022. Si sospetta che una maggioranza significativa delle denunce provenga da minacce e percosse motivate politicamente, con il 68,8% delle richieste provenienti da regoni a maggioranza curda.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: preparativi per una nuova invasione?

Cosa vuole il governo fascista di Erdoğan da Baghdad e Hewlêr? Sta preparando piani di occupazione per aree come Gare e chiede sostegno per esse? Sta anche pianificando nuovi attacchi a Maxmur e Shengal? È chiaro che il KDP sta giocando con il fuoco.