InfoAut
Immagine di copertina per il post

Fronte Popolare: la guerra di sterminio contro il nostro popolo continua con la piena collaborazione dell’America, dell’Occidente e dei regimi arabi ufficiali reazionari

Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP) ha affermato che il criminale e malevolo nemico sionista sta intensificando i suoi massacri e la sua guerra di sterminio contro il nostro popolo palestinese in piena collaborazione con gli Stati Uniti d’America, l’Occidente e il regime arabo reazionario ufficiale, prendendo di mira la presenza palestinese, liquidando la causa palestinese e approvando il progetto di sfollamento.

Il Fronte ha dichiarato: “E’ diventato chiaro che l’intensificazione del codardo nemico sionista della sua aggressione contro il nostro popolo e la sua commissione nelle ultime ore di decine di massacri a Gaza e in Cisgiordania, l’ultimo dei quali è stato l’aumento di un gran numero di martiri in una serie di grandi massacri che hanno preso di mira le scuole che includono gli sfollati nell’area di Tel al-Zaatar nel nord della Striscia di Gaza e la scuola Falah a Gaza City, e i bombardamenti indiscriminati di artiglieria sul quartiere di Sabra, prendendo di mira appartamenti a Khan Yunis, lanciando centinaia di raid lungo le aree della Striscia e la loro concentrazione nel nord di Gaza, e prendendo di mira un edificio in un campo La lastra e l’ascesa dei martiri, e il continuo prendere di mira gli ospedali e la richiesta di evacuare il complesso di Shifa indicano tutti un piano che cerca di spingere il nostro popolo e la sua resistenza alla resa, di attuare piani per svuotare il nostro popolo dalla sua terra e costringerlo a sfollare, e di imporre una nuova realtà che apra la strada all’attuazione della visione dell’occupazione nella risoluzione del conflitto e nella liquidazione della questione, in una chiara partnership americana e occidentale in questo crimine in corso, e alla luce della coerenza di alcuni regimi reazionari arabi ufficiali.

Il Fronte ha spiegato che ciò che sta accadendo sul terreno è una guerra di sterminio completa e sistematica che prende di mira il popolo palestinese, la sua esistenza e la sua terra, che l’amministrazione statunitense e l’Occidente hanno cercato di commercializzare come una guerra contro il cosiddetto “terrorismo” per legittimare questi crimini e giustificare questi orribili massacri commessi contro il nostro popolo.

Il Fronte ha denunciato le posizioni lassiste dei regimi arabi ufficiali reazionari, che hanno impedito l’adozione di decisioni responsabili e serie per fermare questi massacri e la repressione delle masse arabe che sono scese in piazza per respingere l’aggressione.

Il Fronte ha affermato la caduta del sistema occidentale e delle istituzioni della comunità internazionale e i loro valori zoppicanti che a parole sostengono i valori della libertà e dei diritti umani, che hanno chiaramente eluso le loro responsabilità per fermare la macchina sionista di uccidere e distruggere dal commettere massacri contro il popolo palestinese, e ha persino identificato e partecipato all’occupazione nei suoi piani e obiettivi malvagi, chiedendosi: “Come farà questo sistema occidentale a giustificare il suo silenzio e la sua inazione di fronte alle gravi e senza precedenti violazioni di questa entità sionista, che hanno superato ogni immaginazione, e come tacere sugli incendi, i bombardamenti e gli assalti agli ospedali e chiedere la loro evacuazione dal paese. Il personale medico e i pazienti, come sta accadendo ora nel complesso di Shifa, è un vero e proprio crimine di guerra sionista e una macchia su questo sistema occidentale”.

Il Fronte ha invitato il mondo libero a continuare a esercitare pressioni attraverso manifestazioni ed eventi di massa in vari campi e di fronte alle ambasciate e alle istituzioni internazionali sioniste, americane e occidentali al fine di fermare l’aggressione e rompere l’assedio, e a fare pressione per il perseguimento dei leader dell’occupazione e del criminale presidente degli Stati Uniti Joe Biden come criminali di guerra e l’applicazione dell’articolo VII dello Statuto di Roma delle Corti Penali Internazionali per condannare il genocidio compiuto dai leader dell’occupazione contro il popolo palestinese in diretta collaborazione tra Stati Uniti e Occidente.

Il Fronte ha concluso la sua dichiarazione sottolineando che il nostro popolo palestinese uscirà più forte da questa battaglia nonostante i massacri, gli sfollamenti, le uccisioni e la fame, e la battaglia continuerà ad affrontare il nemico e a combattere una lunga battaglia di logoramento con lui, e questo nemico criminale e dietro di lui l’Occidente non sarà in grado di raggiungere nessuno dei suoi obiettivi, e il nostro popolo abbandonerà qualsiasi progetto o idea illusoria dopo la fine della guerra a Gaza, e tratterà qualsiasi forza internazionale, occidentale o araba estranea alla Striscia di Gaza come forza occupante.
 
Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina
Dipartimento centrale dei media 18-11-2023

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ASSEDIO DI GAZAfplpisraelepalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ostaggi della vendetta israeliana nella Striscia di Gaza: le testimonianze di 100 detenuti palestinesi rilasciati rivelano Crimini di Tortura e Trattamento Disumano

In un rapporto di oltre 50 pagine intitolato: “Ostaggi Della Vendetta Israeliana Nella Striscia Di Gaza”, l’Osservatorio Euro-Mediterraneo mette in luce la pratica diffusa di arresti collettivi e individuali arbitrari da parte delle forze israeliane contro i civili nella Striscia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..