InfoAut
Immagine di copertina per il post

Gaza, notizie sul cessate il fuoco non confermate

Hamas e la sicurezza israeliana rincorrono in questi minuti la notizia, ammettendo dei progressi fatti ma entrambe negano che l’accordo sia già stato raggiunto.

Questa tregua di 5 ore ha permesso stamane a molti palestinesi di mettersi in coda alle banche e prelevare il denaro necessario per gli acquisti dei prossimi giorni ma, soprattutto, agli abitanti della Striscia di tirare un sospiro di sollievo per qualche ora.

Nella notte almeno 7 palestinesi sono stati uccisi nella Striscia di Gaza, più altri (il cui numero è difficile da stimare poiché le indicazioni sono contradditorie) a Rafah durante dei combattimenti.

Le prime pagine di tutti i giornali mostrano le immagini dei 4 bambini uccisi nella giornata di ieri sulla spiaggia di Gaza e Peres, presidente israeliano uscente, si scusa con i palestinesi per l’errore commesso dai piloti.

Gli attivisti internazionali dell’ISM (International Solidarity Movement) ieri sera, nonostante il preavviso dato dall’IDF di sgomberare l’ospedale di El-Wafa (Gaza) dove ci sono pazienti anziani in condizioni gravi e nonostante le numerose raffiche di missili che hanno colpito alcune parti dell’edificio, hanno deciso di restare insieme al personale medico e ai pazienti, per stimolare nei loro rispettivi governi (USA, Spagna, Svezia, Venezuela, Francia, Regno Unito, Australia e nuova Zelanda) una presa di posizione contro i crimini israeliani.

L’attenzione di tutti è però inevitabilmente spostata al Cairo, dove il leader Dell’Autorità Palestinese Abbas e quello di Hamas Marzouq stanno incontrando Al-Sisi per discutere le condizioni del cessate il fuoco. Quest’oggi Abbas e Marzouq incontreranno anche i rappresentanti della Jihad.

E mentre le fonti palestinesi riportano le cifre spaventose  dall’ inizio di “Operation Protective Edge”, 230 morti e 1690 feriti, la questione siamo ben consapevoli non può essere giocata unicamente al livello dell'”emergenza umanitaria”.

Che nella Striscia ci sia una situazione drammatica è chiaro (scarsità di beni di prima necessità, mancanza di medicinali, ospedali bombardati dcc…), ma affinché il cessate il fuoco non sia una sconfitta per la popolazione palestinese dovrà indubbiamente riuscire ad ottenere dei risultati politici.

Tutte le varie componenti politiche palestinesi sono oggi consapevoli di quanto la recente operazione del governo israeliano sia solo l’ennesima e sanguinosa tappa di un progetto politico più ampio.

In attesa che nelle prossime ore si definisca meglio la situazione sul cessate il fuoco, le questioni che rimangono aperte e in cima alle priorità della popolazione palestinese sono l’occupazione militare dell’esercito sionista, i prigionieri politici detenuti illegalmente in Israele, la chiusura dei valichi e la continua espansione degli insediamenti israeliani.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

cessate il fuocogazahamasisraele

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

Di seguito pubblichiamo alcuni contributi che provengono delle occupazioni studentesche avvenute ieri a Torino e Pisa e aggiornamenti dalle altre università italiane occupate.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Salone del Libro viene bloccato per la sua complicità al sionismo: la vittoria della mobilitazione per la Palestina!

Sabato pomeriggio, con il coordinamento Torino per Gaza ci siamo dati appuntamento a ridosso della metro Lingotto per raggiungere il Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Salone del Libro: come è fatta la vera censura

Riprendiamo il comunicato del Coordinamento cittadino Torino per Gaza su quanto accaduto ieri al Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: provocazione della celere in piazza Scaravilli, ma le tende per Gaza resistono e si moltiplicano

L’”acampada” per la Palestina allestita in Piazza Scaravilli a Bologna, nell’ambito della cosiddetta “intifada degli studenti”, è stata attaccata dalla celere nella serata di venerdì 10 maggio, al termine di un corteo dimostrativo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Amsterdam: rivolta studentesca per la Palestina

Anche nei Paesi Bassi il genocidio commesso dallo Stato israeliano sta infiammando i giovani.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Siamo di fronte al movimento studentesco globale della nostra epoca?

Le mobilitazioni in sostegno alla Palestina che attraversano le università in tutto il globo stanno indicando alcune questioni fondamentali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: attacco di Israele, gli USA mandano un segnale forte.

In questi giorni la notizia dell’attacco a Rafah da parte di Israele nonostante Hamas avesse accettato l’accordo di tregua ha scatenato moltissime reazioni a livello globale..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Fronte Popolare avverte: qualsiasi presenza non palestinese al valico di Rafah è una forza di occupazione e un obiettivo legittimo per la resistenza.

Riproduciamo il comunicato del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina datato 7 maggio 2024 in merito all’attacco di Israele a Rafah.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un giornalista palestinese: i media occidentali “ipocriti e razzisti” consentono i crimini di guerra israeliani a Gaza

I media occidentali hanno perso ogni parvenza di neutralità e sono diventati “parte del problema” quando si tratta dei crimini di guerra in corso di Israele contro i Palestinesi nella Striscia di Gaza, secondo un giornalista palestinese, riferisce l’Agenzia Anadolu.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le mille balle azzurre di Israele

Un thread su Twitter di Muhammad Shehaba, che mette in fila alcune delle clamorose bugie con cui lo stato di Israele ha cercato di nascondere i suoi crimini. Per i link alle fonti cliccate sulle immagini.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.