InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il Partito della Sinistra Verde sarà la speranza dei popoli

Affermando che il Partito della Sinistra Verde sarà il rappresentante della speranza del popolo nelle elezioni del 14 maggio, Ahmet Asena, membro del comitato centrale del Partito della Sinistra Verde MYK, ha affermato che il loro unico obiettivo è la Repubblica Democratica.

da Rete Kurdistan

Il Partito democratico dei popoli (HDP) entrerà nelle liste del Partito della Sinistra Verde alle elezioni del 14 maggio a causa del caso di chiusura in corso.

Mentre il 24 marzo l’Alleanza del Lavoro e della Libertà ha presentato il protocollo dell’alleanza elettorale al Consiglio elettorale supremo, i partiti che compongono l’alleanza hanno continuato il loro lavoro elettorale a pieno ritmo.

Abbiamo parlato con Ahmet Asena, un membro del Comitato esecutivo centrale del Partito della sinistra verde (MYK), che parteciperà alle elezioni unitamente all’Alleanza del lavoro e della libertà, delle loro strategie elettorali, dei loro obiettivi e del oro lavoro.

Ricostruire l’organizzazione

Affermando che i popoli della Turchia resistono da molti anni contro i governi dell’AKP e dell’MHP, Asena ha affermato: “Questi gruppi hanno rischiato di essere soppressi con la violenza e l’oppressione. La rabbia e la ribellione emerse dopo i terremoti avvenuti a Maraş il 6 febbraio hanno rivelato le dinamiche sociali. Queste voci e obiezioni, e le prossime elezioni ci hanno aperto uno spazio serio. Queste elezioni hanno creato uno spazio per organizzarsi per costruire la Repubblica democratica nel paese di domani.

L’Alleanza lavoro e libertà che comprende HDP e le sue componenti, dovrebbe essere organizzata per questa costruzione”.

L’obiettivo della Repubblica democratica

Riferendosi all’importanza strategica delle elezioni, Asena ha affermato: “Questo è un processo che non finirà mai solo andando alle urne. I problemi non mancheranno con la caduta di Erdoğan o con 80-100 parlamentari alle elezioni. Questo si pone davanti a noi come un obiettivo strategico molto importante. Quando guardiamo alla strategia elettorale in senso stretto, è molto importante rovesciare l’attuale governo. Per questo, gli elettori devono favorire l’Alleanza del Lavoro e della Libertà che partecipa alle elezioni con il Partito della Sinistra Verde, e dobbiamo fare in modo che la gente si rivolga a questo spazio. C’è bisogno di una Repubblica democratica dove la democrazia rappresentativa è ormai ai suoi limiti e sarà formata dai governi locali e assicurerà la partecipazione della gente. Speriamo che la possibilità di stabilire questa repubblica venga prima di questa società con le elezioni. È dovere irrinunciabile di oggi creare una Repubblica democratica dove i popoli possano esprimersi in un ambiente equo e libero, dove i gruppi religiosi, i lavoratori, le donne e i giovani vi si trovino ugualmente e liberamente».

Le donne e i giovani

Sottolineando che l’HDP parteciperà alle elezioni con il Partito della Sinistra Verde, hanno bisogno di introdurre la Sinistra Verde a tutti i segmenti sociali, in particolare al popolo curdo. Presentare il programma dell’Alleanza della libertà, il manifesto elettorale che verrà preparato e presentato al pubblico, al popolo curdo, e ai circa 7 milioni di elettori che voteranno per la prima volta. Una delle nostre conquiste nel processo elettorale è la loro rivolta. A questo punto c’è bisogno che i giovani rivelino i loro atteggiamenti. La gioventù è sempre la punta di diamante che viene prima delle dinamiche sociali. Crediamo che questo compito sarà adempiuto nelle elezioni. Puntiamo ad acquisire la direzione della lotta delle donne. Se passi sono già stati fatti e le strade gemono con lo slogan ‘jin, jiyan, azadi’, immaginiamo che la base di questa lotta si rivolgerà a noi. Questo è uno dei nostri importanti obiettivi strategici”.

Appello agli elettori

Asena ha avvertito gli elettori che voteranno alle elezioni: “Dopo la modifica dell’attuale legge sulle alleanze, vorrei qui sottolineare un punto critico. L’Alleanza del Lavoro e della Libertà purtroppo non partecipa alle elezioni come lista unica, parteciperà alle elezioni con 2 o 3 loghi di partito. Ora secondo l’attuale sistema elettorale, quando un’alleanza supera la soglia, tutti i partiti all’interno di quell’alleanza superano la soglia; tuttavia vengono calcolati uno ad uno quando vengono definiti i deputati. In altre parole, la sinistra verde viene calcolata separatamente, il TİP viene calcolato separatamente, CHP, AKP, MHP, le candidature dei candidati in quelle alleanze vengono calcolate separatamente. Pertanto vogliamo che coloro che voteranno per la Sinistra Verde diano alla Sinistra Verde, che apparirà sotto il logo dell’Alleanza del Lavoro e della Libertà sulla carta elettorale, di non andare in parlamento senza ottenere i parlamentari che possiamo avere. Se riusciremo a raggiungere questo obiettivo, emergeremo con un gruppo forte”.Aggiungendo che i lavori per le elezioni sono iniziati in tutte le regioni, Asena ha affermato che questi lavori si intensificheranno in futuro.

Offerta di soluzioni

Affermando che aspirano a risolvere i problemi del Paese con il Partito della Sinistra Verde, Asena ha dichiarato: “Pubblicheremo il manifesto elettorale. Ci sono proposte molto complete nella nostra dichiarazione.

Quando guardiamo in generale, abbiamo promesse verso una società in cui esistono uguaglianza, libertà e democrazia per tutti i popoli, dove i giovani possono esistere liberamente e dove hanno il diritto di parlare. A questo proposito, abbiamo preparato un programma per una repubblica democratica in Turchia che rispetti i diritti della natura, fermi la distruzione ecologica.

La convenzione è una delle rivendicazioni, abbiamo una serie di suggerimenti per soluzioni agli antichi problemi di queste terre, come l’ampliamento dei diritti sindacali, lo sviluppo professionale dei giovani lavoratori senza tagli del salario, il riconoscimento dei diritti del popolo curdo , ponendo fine ai regimi fiduciari e ponendo fine all’isolamento di Imrali.

La speranza dei popoli è la sinistra verde

Esprimendo che la speranza della gente in queste elezioni sarà il Partito della Sinistra Verde, Asena ha detto: “L’espressione di quella speranza sarà la Sinistra Verde in queste elezioni. Quando guardiamo alle persone che hanno lottato nella nostra storia, diamo un’occhiata alla tradizione diP, vediamo di che partito si tratta. La Sinistra Verde è la rappresentante della speranza anche in queste elezioni”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

HDPkurdistanturchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La guerra su Gaza ha privato 800 mila studenti del “diritto all’istruzione”, afferma l’Ufficio dei media di Gaza

Gaza. Almeno 800 mila studenti sono stati privati dell’istruzione a causa del protrarsi dell’offensiva israeliana contro la Striscia di Gaza, durata mesi, ha dichiarato sabato l’Ufficio dei media di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Senza acqua né cibo e in “condizioni inumane”, così sono stati i giorni in prigione per aver marciato contro la Legge Basi

Sofía Ottogalli si sente una perseguitata politica. Lei, insieme ad altre 32 persone, è stata detenuta la settimana scorsa mentre protestava al Congresso contro la Legge Basi che è promossa dal Governo di Javier Milei.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kalkan: la lotta del popolo palestinese per la libertà e la democrazia è sacra

Il membro del Consiglio esecutivo del PKK Durkan Kalkan ha parlato del nuovo contesto geopolitico, analizzando il ruolo della Cina e l’attuale guerra israeliana alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: l’ipocrisia di Erdogan e il ruolo di Ankara in Medio Oriente. Intervista a Murat Cinar

“La Turchia risulterà l’unico membro della famiglia Nato ad avere un dialogo con Hamas?”