InfoAut
Immagine di copertina per il post

Mehmet Dizin è stato preso in custodia per l’estradizione in Italia

Con accuse inventate dalle autorità turche, Mehmet Dizin, che vive in Germania dal 1980, è stato arrestato mentre si trovava in vacanza in Italia ed è ora in attesa di estradizione in Turchia.

da ANF

Lo Stato turco utilizza l’Interpol come mezzo per espandere la propria repressione a livello globale e per intimidire e perseguitare persone impopolari. Lo dimostra anche l’attuale caso di Mehmet Dizin, che vive e lavora in Germania dal 1980. Durante la sua vacanza in Italia, è stato arrestato a causa di una richiesta di estradizione dalla Turchia e attualmente si trova agli arresti domiciliari dopo 40 giorni di detenzione. Sebbene il politico del distretto Karakoçan di Elazığ non sia più entrato in Turchia dal 1980, lo Stato turco giustifica la richiesta di estradizione sostenendo che abbia partecipato a “bombardamenti di basi militari” e “rapimenti” a Dersim tra il 1988 e il 2019.

In un primo procedimento giudiziario, dopo 40 giorni di detenzione, è stato ordinato il suo rilascio. Tuttavia, poco dopo, è stato informato via e-mail che sarebbe dovuto comparire nuovamente in tribunale per prendere una nuova decisione sulla richiesta di estradizione della Turchia. Allo stesso tempo, sono stati disposti gli arresti domiciliari. Il processo dovrebbe svolgersi nei prossimi 30-40 giorni.

Apolide dal 1985

Le accuse dello Stato turco sono completamente inventate. Già nel 1985 il passaporto turco di Dizin è stato confiscato dal consolato a causa delle indagini a suo carico e pochi mesi dopo è stato ufficialmente espatriato insieme ad altre 124 persone. Le autorità tedesche gli hanno quindi rilasciato un passaporto per apolidi. Tra il 1981 e il 1993 ha lavorato per un’azienda. Durante questo periodo, Dizin si è recato più volte al consolato turco per sbrigare questioni ufficiali per i figli e la moglie. Anche alla morte della moglie, nel 2012, ha usufruito dei servizi del consolato senza alcun problema.

Nel maggio 2017, Dizin si è recato nuovamente al consolato turco per registrare il suo nuovo matrimonio. Gli è stato consigliato di richiedere una carta d’identità turca. Nel giro di un mese ha ricevuto una carta d’identità turca, anche se era già diventato cittadino tedesco.

Prima detenzione in Danimarca

Il 6 dicembre 2018, Dizin è stato fermato durante un controllo d’identità mentre guidava un camion verso la Danimarca come parte del suo lavoro, ed è stato successivamente rilasciato. Durante il processo, ha appreso che l’Interpol lo stava cercando a causa di un’operazione a Dersim nel 1988. All’epoca, Dizin lavorava in una fabbrica.

La Turchia costruisce nuove accuse

Nell’estate del 2023, Dizin si reca in vacanza in Italia con la moglie. Nel cuore della notte, il loro alloggio è stato preso d’assalto dalla polizia e Dizin è stato preso in custodia. Ora è accusato dalla Turchia di essere coinvolto in attentati e rapimenti tra il 1998 e il 2019.

Dizin ha spiegato che non si trovava in Turchia al momento degli incidenti e che dopo il suo rilascio da parte della Danimarca, la Turchia ha affrontato l’Interpol con una nuova accusa: “Il 5 aprile 2019, è stato improvvisamente affermato che avevo rapito persone, piazzato bombe e compiuto attacchi con la dinamite a Dersim”. Quando lo Stato turco non è riuscito a ottenere un risultato alla lettera che aveva inviato alla Danimarca attraverso l’Interpol, si è ovviamente rivolto all’Interpol con questa nuova accusa. È così che l’ho scoperto”.

“Queste pratiche scandalose devono cessare per tutti i Curdi”

Dizin ha riferito che, dopo 40 giorni di detenzione, gli era stato comunicato che il processo sarebbe stato riaperto e che sarebbe stato agli arresti domiciliari. Ha dichiarato: “Non so come andranno le cose. La mia speranza è che queste ingiuste e vili menzogne e queste procedure scandalose finiscano non solo per me ma per tutti i curdi”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

estradizioneinterpolkurdistanMehmet Dizinturchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Non è più tempo degli appelli, bisogna liberare Ilaria subito

Legata ai polsi e ai piedi, una cintura stretta in vita, un guinzaglio di catena, Ilaria Salis è comparsa davanti al tribunale di Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis: la prima udienza si chiude con un rinvio al 24 maggio. “Non e’ piu’ tempo degli appelli, bisogna portarla via subito”

Si è aperto a Budapest lunedì 29 gennaio il processo a Ilaria Salis, l’insegnante antifascista di Monza detenuta da un anno in Ungheria per gli scontri con un gruppo di neonazisti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“In cella con il guinzaglio”. Lettera di Ilaria Salis dal carcere di Budapest

Dal carcere di Budapest, dove soggiorna ormai da undici mesi, Ilaria Salis è tornata a scrivere ai suoi avvocati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Milano: sabato 13 gennaio corteo nazionale antifascista. Concentramento alle 15.00 in Piazza Durante

Oltre al sempre più evidente inasprimento di politiche securitarie, misure di segregazione ed esclusione, meccanismi di controllo della popolazione, che negli ultimi decenni stanno caratterizzando la gestione del territorio definito Europa, assistiamo contestualmente al rafforzamento di posizioni di estrema destra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Antifascismo: domiciliari per Gabriele, compagno milanese che rischia l’estradizione in Ungheria

Su Gabriele pende un MAE (mandato d’arresto europeo) da parte dell’Ungheria nell’ambito dell’inchiesta magiara riguardante le azioni di antifascismo militante di febbraio 2023 a Budapest contro la cosiddetta “Giornata dell’onore”, il raduno dei neonazisti di mezza Europa, soprattutto orientale.