InfoAut
Immagine di copertina per il post

Paese Mapuche: la Via Istituzionale v/s Resistenza e Controllo Territoriale

Sotto uno stato capitalista e coloniale è impossibile garantire i diritti fondamentali dei popoli originari.

Fra una settimana inizia il processo contro di me. Un processo che è senza ombra di dubbio contro il Coordinamento Arauco Malleco – CAM e la sua proposta politica di liberazione nazionale Mapuche. Un processo che si avvicina e che si erge come una chiara espressione di persecuzione politica del movimento autonomista mapuche, e che avviene nel momento in cui osserviamo una maggiore svolta a destra dell’attuale governo, sotto la pressione dei settori più conservatori dell’ultradestra cilena.

Una realtà che si vede espressa non solo dalla militarizzazione del Wallmapu, ma dalla consegna del litio agli impresari non scrupolosi e fascisti, anche dall’appello al COSENA (Consiglio di Sicurezza Nazionale) e le ultime limitazioni dei diritti “civili e democratici” che permettono di promuovere uno stato poliziesco di carattere repressivo e autoritario al servizio dei potenti di sempre.

Con queste condizioni, tra pochi giorni, il Cile dovrà fare un esame periodico di fronte al Comitato dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. Si tratta del rispetto e dell’implementazione del Patto dei Diritti Civili e Politici da parte dello stato cileno, che li obbliga a deporre riguardo la situazione dei DD.UU. in generale e il conflitto che lo stato mantiene con il popolo Mapuche.

In questo rapporto che presenterà, lo stato cileno dovrà pronunciarsi su altre cose, su quanto accaduto nella regione di Aysén, per noi territorio ancestrale, sull’applicazione della Legge Nº 20.249 o la cosiddetta Legge Lafkenche, una bandiera utilizzata dalla pseudo sinistra o il mal chiamato progressismo.

Si supponeva che con questa legge sarebbero stati creati spazi costieri marini di popoli originari, almeno questo diceva il discorso ufficiale. Ma giovedì 29 febbraio è diventata, una volta di più evidente, l’alleanza tra il governo, i poteri locali e la grande classe imprenditoriale, rifiutando la richiesta delle comunità della zona che da 7 anni stanno chiedendo l’uso della fascia costiera come indica detta legge. Così, diventa anche manifesto il fallimento della via istituzionale, perché non garantirà mai i diritti umani dei popoli originari quando si protesta per richieste ancestrali e culturali.

I fatti e le contraddizioni si riflettono chiaramente su quanto avvenuto con la Legge Lafkenche, lo stesso che è successo prima con la discussione del primo testo costituzionale, dove fu dibattuto il diritto delle comunità a salvaguardare la propria cosmovisione basata sui diritti culturali, politici ed economici delle comunità, una proposta dei costituenti, che è stata anche lei un fiasco.

In definitiva, sotto le attuali istituzione con uno stato capitalista e di natura profondamente coloniale prevarranno sempre le posizioni conservatrici, razziste e gli interessi economici dell’oligarchia, per cui diventa necessario indicare che tutte le misure che promuove lo stato non solo risultano infruttuose ma funzionali al sistema, perpetuando il saccheggio e dando luce verde da parte dei governanti alla devastazione della nostra ñuke Mapu. Situazione che comporta la nullità della garanzia della difesa dei diritti dei Mapuche, il che rende impraticabile uno dei diritti fondamentali di ogni popolo e collettivo umano, che è il diritto all’autodeterminazione, all’esercizio dell’autorità sul territorio, si intenda la sovranità così come la pratica di altri diritti, per esempio, l’applicazione di un tipo di giustizia consuetudinaria basata sulle tradizioni.

Pertanto, con questo cade tutto quanto utilizzato dagli specialisti nel diritto consuetudinario indigeno legati alla pseudo sinistra per proteggere ipoteticamente gli spazi territoriali importanti per le comunità Mapuche. In definitiva, nulla è garantito in modo sicuro dalle istituzioni cilene, e questo è dimostrato osservando come le istituzioni sono compromesse con il sistema capitalista, attraverso un programma di governo neoliberale non saranno mai capaci di tutelare le comunità né le loro tradizioni, ancor meno l’uso di risorse naturali sulla fascia costiera o in qualsiasi altro spazio del territorio contestato.

In fondo e come sempre, tutto si riduce a dichiarazioni vuote e a proposte fallite. Diventando concretamente evidente e, senza ombra di dubbio, che con queste istituzioni e i meccanismi che offre, sul piano sociale, economico o culturale sono un assoluto imbroglio. E dimostra solo che attraverso questa via il popolo Mapuche continuerà a non essere protetto di fronte all’ambizione e agli interessi dei privati che già contano su tutto il sostegno giuridico, politico e istituzionale dello stato, per continuare il saccheggio e la rapina del territorio ancestrale. In definitiva e in questo caso è da comprendere perché il governo del presidente Boric si è schierato con le imprese del salmone e l’industria peschiera.

Un fatto che riafferma ciò che abbiamo sostenuto in modo permanente: esiste una costante discriminazione e un razzismo da parte delle istituzioni che opprimono, ogni volta che la classe politica economica cilena rafforza il potere di dominio sul nostro territorio. E il fatto è che quando il sistema dominante cade in trappola, in un falso tentativo di rendere compatibile il sistema di produzione estrattivista (capitalista coloniale) con il modo di vita dei Mapuche, la sua risposta finale sarà il colpo di timone a favore di una via d’uscita che dia benefici al grande capitale.

È per quanto detto sopra, che dobbiamo riaffermare un volta di più, che come movimento autonomista siamo sulla strada giusta e percorribile per il recupero e la difesa del nostro territorio storico e ancestrale. Che la nostra proposta politica, basata sulla lotta frontale per il territorio e l’autonomia per la causa mapuche, è più che mai vigente. Ed è in questa direzione che facciamo un appello ad estendere le esperienze di controllo territoriale per promuovere l’autonomia di fatto, l’autonomia nei fatti fino a raggiungere un tipo di autonomia rivoluzionaria e così ristabilire il mondo mapuche così come ce lo hanno lasciato i nostri futa keche kuifi. Per la stessa ragione, il fatto è che dobbiamo lottare decisamente per il recupero e la difesa dei territori senza scendere a patti e resistendo al vero nemico, oggi rappresentato dallo Stato capitalista e coloniale.

Per il territorio e l’autonomia, avanziamo nella Liberazione Nazionale Mapuche.

Foto in alto: Sebastián Hacher / Agencia Tierra Viva

3 marzo 2024 

Radio Kurruf

Traduzione a cura di Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

camcilemapuchePOPOLI INDIGENI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: i Me`phaa di Tilapa creano sistema di giustizia a difesa del loro territorio

Il popolo Me`phaa di Tilapa, Guerrero, ha presentato il proprio sistema di giustizia denominato Sicurezza di Protezione Territoriale Indigena (Serti), per “difendere il territorio da una prospettiva indigena, olistica e integrale”, di fronte alle minacce di progetti minerari, saccheggio territoriale e controllo dei gruppi del crimine organizzato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Invasão Zero, paramilitari sotto il progressismo

Il 4 marzo è stato trovato morto con segni di strangolamento il capo indigeno Merong. Partecipò al recupero delle terre Kamaka Mongoió a Brumadinho, nella regione metropolitana di Belo Horizonte, nel Minas Gerais. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.