InfoAut
Immagine di copertina per il post

Perù ribelle: il popolo chiede che se ne vadano tutti

Dopo la destituzione e la carcerazione di Pedro Castillo, il passato 7 dicembre, il Perù è stato coinvolto in un aggravamento della crisi politica quasi permanente in cui da anni ha vissuto e in crescenti proteste cittadine nelle città e nelle regioni, che includono blocchi stradali e occupazioni di aeroporti e università, con una dura repressione che ha fatto almeno otto morti.

di Mariana Álvarez Orellana

Quello di Dina Boluarte, è stato un esordio presidenziale con repressione, morti e il taglio del mandato presidenziale per la pressione popolare, giacché il Perù questo lunedì ha vissuto un’altra giornata di estrema tensione, non ammorbidita neanche dall’annuncio della presidente Dina Boluarte di promuovere l’anticipazione delle elezioni ad aprile 2024.

Nel frattempo, i governi di Argentina, Colombia, Messico e Bolivia hanno fatto un appello a dare in Perù la priorità “alla volontà cittadina” e hanno esortato “coloro che fanno parte delle istituzioni ad astenersi dall’andare contro la volontà popolare espressa con il libero suffragio”.

“Sollecitiamo le autorità a rispettare precisamente i diritti umani del presidente Pedro Castillo e a garantirgli la protezione giudiziaria nei termini consacrati nell’ultimo articolo citato”, hanno aggiunto. Dopo aver fatto gli auguri alla golpista Boluarte, il presidente argentino Alberto Fernández, ha firmato questo comunicato congiunto.

L’ufficio dell’Alto Commissario dell’ONU per i Diritti Umani si è dichiarato “profondamente preoccupato per la possibilità di un aumento della violenza”. In un comunicato emesso a Ginevra, l’ufficio ha dichiarato che “data la quantità di proteste, inclusi scioperi, previste per questa settimana, facciamo appello a tutti coloro che sono coinvolti ad esercitare moderazione”.

Dal momento in cui il deposto presidente ha annunciato la dissoluzione del Congresso unicamerale e che questo, in risposta, lo ha sollevato dall’incarico per insolvenza morale e ha investito come nuova capa dell’Esecutivo la fino allora vicepresidente, Dina Boluarte, sono cresciute le proteste dei simpatizzanti di Castillo e gli scontri tra questi e le forze di polizia.

Finora, l’episodio più grave ha avuto luogo nell’aeroporto di Andahuaylas, dove i manifestanti hanno circondato il terminal, hanno incendiato la sala di transito e hanno impedito l’uscita di mezzo centinaio di lavoratori e di agenti della Polizia. In questa località del sud del paese, i repressori hanno ucciso due giovani che partecipavano alle proteste ed è stata incendiata la sede della polizia. Dirigenti sociali locali si sono dichiarati in insurrezione popolare e hanno annunciato uno sciopero indefinito a partire da oggi.

Nelle proteste confluiscono un esteso sentimento dell’ “andatevene tutti” e la richiesta di un’anticipazione delle elezioni prima del 2024, la rabbia contro un Congresso identificato con la corruzione e con una destra antidemocratica che si è riunita per abbattere Castillo, profonde disuguaglianza e richieste sociali rimandate, e anche un sostegno a Castillo, ora in prigione.

A Lima, la capitale del paese, centinaia di manifestanti hanno circondato il Congresso, al cui interno si è registrata tra i legislatori una rissa con botte, fatto che ha comportato la sospensione della sessione. Le mobilitazioni sono proliferate anche a Cajamarca, Cusco, Arequipa e Puno, e si sono moltiplicati i blocchi stradali in diversi punti della mappa peruviana.

Gli studenti hanno occupato l’università della Cajamarca e hanno cercato di fare lo stesso nei centri di studio di Jaén e Chota. Il denominatore comune delle manifestazioni è la richiesta di realizzare nuove elezioni generali e la dissoluzione del Congresso. È stata chiesta anche la rinuncia della Boluarte e il ritorno di Castillo alla Presidenza. A questa richiesta si sono uniti i governatori provinciali e un’infinità di organizzazioni sociali.

L’attenzione è posta nella reazione del Congresso alla proposta di elezioni anticipate, giacché implica per loro di ridurre il proprio mandato a due anni. Per ridurre mandati, come quello presidenziale e legislativo, è necessario farlo in due legislature consecutive, un processo che può durare fino ad un anno, secondo le leggi peruviane. E per convocare elezioni anticipate è necessaria una riforma costituzionale.

Si chiede un’Assemblea Costituente per cambiare la Costituzione ereditata dalla dittatura di Alberto Fujimori. La destra ha bloccato nel Congresso questa possibilità.

In un tentativo di frenare l’ondata di manifestazioni, lunedì il governo della Boluarte ha destituito 26 prefetti regionali del paese, nominati dal governo di Castillo, con l’argomento che “aizzano le proteste”. Ha anche dichiarato uno stato d’emergenza “nelle zone ad alta conflittualità sociale”.

Nel frattempo, attraverso Twitter e dalla sua prigione, Castillo ha denunciato di essere stato “umiliato, isolato, maltrattato e sequestrato”. E ha aggiunto: “Non rinuncerò né abbandonerò le mie alte e sacre funzioni”.

Nonostante i molteplici errori, tra i quali quello di allontanarsi dalle basi sociali che lo hanno portato al governo, si è ostinato a muoversi dalla sinistra al centro e ha anche coinvolto nel suo gabinetto figure della destra per eludere le molestie del Legislativo, fatto che gli è valsa una significativa perdita di sostegno sociale. Ma il deficit di sostengo di Castillo è ampiamente superato da quello del Congresso, che mostra un’impopolarità superiore all’80 per cento, secondo i sondaggi, e non è migliore la situazione di Dina Boluarte.

Senza dubbio, l’unica via d’uscita a questo nuovo giro di vite dell’eterna crisi peruviana è l’appello a nuove elezioni e la convocazione di un congresso costituente che corregga il pessimo disegno istituzionale -eredità di Alberto Fujimori-, sotto il quale negli ultimi sei anni il Perù ha visto sfilare altrettanti presidenti.

“Chiudete il Congresso corrotto e golpista”, “Dina traditrice rinuncia”, “Nuove elezioni”, “Andatevene tutti”, sono le principali richieste che si ascoltano e leggono nelle mobilitazioni che abbracciano buona parte del paese, includendo Lima. “Castillo libertà” è un altro proclama che si ascolta tra i settori dei manifestanti.

Nelle strade e in settori del Congresso vicini a Castillo si chiede l’immediata rinuncia della Boluarte, accusata come “traditrice”. Con la rinuncia della Boluarte si accelerebbero le nuove elezioni, che sarebbero convocate in quattro mesi.

Il problema, con questa alternativa che alcuni propongono, è che fino a quando prenderà possesso il nuovo governo la presidenza del paese sarebbe assunta dal titolare del Congresso, il generale in congedo di estrema destra José Williams, accusato di violazioni dei diritti umani, che avrebbe al suo lato la maggioranza parlamentare, con l’alto rischio che questo significherebbe per la democrazia.

Da parte della destra hanno criminalizzato le proteste, hanno chiesto al governo più repressione, hanno gridato “mano dura” e hanno chiesto che le Forze Armate occupino le strade. Minacciosi, hanno accusato i legislatori di sinistra di essere “terroristi” per aver difesa la protesta e condannato la repressione. Da parte della sinistra hanno denunciato “un uso eccessivo della forza”, hanno chiesto di far cessare la repressione e hanno raccolto le richieste popolari di anticipazione delle elezioni e di un’Assemblea Costituente.

Castillo senza tutele

Nel frattempo, il Congresso ha revocato le tutele a Castillo in un’agitata sessione di varie ore, che è cominciata domenica pomeriggio ed è terminata all’alba di lunedì, nella quale c’è stato uno scambio di insulti e anche botte. Questa decisione, approvata con 67 voti a favore e 45 contro, toglie a Castillo la tutela di un un giudizio preventivo di garanzia, con cui il Congresso sgombra il cammino affinché Castillo, detenuto da mercoledì, continui a stare in prigione e sia processato per ribellione e cospirazione.

Castillo si trova in prigione con un ordine di detenzione preventiva che scade questo mercoledì, per questo l’irritazione della maggioranza parlamentare di destra di togliergli le tutele con rapidità e così rendere possibile che gli sia aperto un processo penale e sia ordinata la sua detenzione preventiva mentre è processato.

Legislatori castillisti e di altri gruppi di sinistra hanno denunciato che la decisione di togliere la tutela a Castillo è stata presa violando la Costituzione e il regolamento del Congresso, saltando procedure e tempi, violando il dovuto processo e il diritto di difesa dell’ex mandatario.

*Mariana Álvarez Orellana. Antropologa, docente e ricercatrice peruviana, analista associata al Centro Latinoamericano de Análisis Estratégico (CLAE, www.estrategia.la)

14/12/2022

Rebelión / CLAE

Traduzione di Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

Pedro Castilloperùque se vayan todos

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Gli Aymara mettono in guardia su una guerra civile se il governo inviasse altri militari nel Puno

Hanno avvertito che non lasceranno che i militari prendano il controllo dei loro paesi e hanno affermato che l’unica via d’uscita in questo caso sarebbe una “guerra civile”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: La giornata di proteste a Lima è stata segnata da una violenta repressione poliziesca

Assommano a 54 gli assassinati durante la repressione, ieri altri due. Decine di migliaia di persone sono giunte questo giovedì nella capitale del Perù e hanno realizzato “l’occupazione di Lima”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Migliaia di abitanti si dirigono in carovana a Lima per chiedere la rinuncia della Boluarte

La Marcia dei Quattro Suyios fa riferimento a quella che ebbe luogo nell’anno 2000, quando migliaia di persone protestarono a Lima contro la fraudolenta rielezione di Alberto Fujimori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Per Lucha Indígena “Lo stato è il problema”

“La mobilitazione sociale in Perù è contro il potere economico che ha occupato lo stato. Per questo chiediamo la chiusura del congresso e l’inizio di un Governo Provvisorio delle organizzazioni popolari oggi in lotta di resistenza contro il neofascismo”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Perù in piazza dopo la destituzione di Pedro Castillo: dall’autogolpe del presidente al suo arresto, esplode la crisi di poteri

Negli ultimi dieci giorni di mobilitazioni in Perù, continua a crescere il numero dei morti a causa della repressione delle forze di polizia e militari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: colpo di stato fallito e trionfo dell’ultradestra

Giunse alla Casa di Pizarro portato da una potente mobilitazione andina. Gli esclusi del Perù credettero di vedere nel maestro rurale e dirigente sindacale, che fu protagonista di un lungo e di successo sciopero nel 2017, uno dei loro. Per il suo modo di parlare, per il suo sombrero e i suoi modi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: si è consumato un colpo di stato reazionario e Castillo ha le sue responsabilità

Questo mercoledì è stata una giornata particolarmente complicata in Perù. In poche ore l’estrema destra ha parzialmente compiuto la sua missione: rovesciare il governo di Pedro Castillo e aprire la strada a un nuovo scenario nella vita nazionale, in cui possa preservare i suoi privilegi e recuperare le sue posizioni di potere, in qualche modo messe in discussione dal regime stabilitosi dal 28 luglio dello scorso anno.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Napoli – Verso la fine di questo mondo, que se vayan todos!

Il 30 novembre, nell’aula Matteo Ripa dell’Università Orientale di Napoli si è costituito il primo vero partecipato spazio di discussione cittadina sulle mobilitazioni di questo autunno. Punto di partenza della discussione tra studenti e precari è stato quell’essere tanto choosy quanto incazzati che ci ha portati in piazza, nelle scorse settimane, in tutta Italia e […]