InfoAut
Immagine di copertina per il post

Perù: Per Lucha Indígena “Lo stato è il problema”

Condividiamo l’ultima edizione di dicembre della rivista mensile virtuale “Lucha Indígena” diretta dallo storico dirigente Hugo Blanco Galdós.

“La mobilitazione sociale in Perù è contro il potere economico che ha occupato lo stato. Per questo chiediamo la chiusura del congresso e l’inizio di un Governo Provvisorio delle organizzazioni popolari oggi in lotta di resistenza contro il neofascismo”.

Così indica l’editoriale della rivista mensile “Lucha Indígena” apparso pochi giorni fa e che prende posizione di fronte alla crisi scatenata in Perù.

“L’attuale costituzione non ci garantisce il rispetto di nessun diritto fondamentale, il codice civile non concede la titolarità sui nostri territori e il codice penale ci condanna, sempre solo il popolo, mai i potenti”.

“Di fronte a qualsiasi conflitto i popoli indigeni ricorrono alla Convenzione 169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro. La legge nazionale non ci protegge, lo stato è un problema in più, in realtà, è il problema” prosegue l’editoriale.

“Indigeno significa quello che è di qui, quello che ha la sua origine qui, in questo luogo. Allora essere indigeno ha a che vedere soprattutto con un impegno con lo spazio e la convivenza condivisa. Si è indigeno nella misura in cui partecipiamo alla realtà materiale e sociale in cui abitiamo”.

“In questo senso Lucha Indígena fa appello a partecipare territorialmente, ad organizzarsi con coloro che condividono l’acqua, il cibo, l’aria, la convivenza. Non importa se questo territorio è un quartiere, una comunità, una valle, una fabbrica”.

“Non cerchiamo il successivo capo, il successivo rimpiazzo. Che questa degna rabbia che cresce e occupa le strade, ci muova a stabilire assemblee permanenti in ogni territorio, dove discutere una soluzione che ci coinvolga e ci appartenga, dove non regni il lamento e la petizione ma l’esaltazione della nostra forza, la certezza che sia possibile governarci da noi stessi, decidere delle nostre vite. Lì stanno i nostri bambini e bambine, ai quali appartiene la terra e a loro consegneremo, sì o sì, il mondo che possiamo costruire oggi. Editoriale di Lucha Indígena.

La rivista mensile virtuale “Lucha Indígena” è diretta dallo storico dirigente delle lotte contadine in Perù Hugo Blanco Galdós.

La pubblicazione concede una speciale importanza alla crisi politica in Perù, senza trascurare il trattamento di altri temi di interesse internazionale.

“Lucha Indígena” è pubblicata e progettata da Carlos Bernales (Cabe). Si può accedere o scaricare la pubblicazione (in spagnolo) attraverso i seguenti link:

https://issuu.com/cabevi/docs/lucha_indigena_dic_2022a1

https://bit.ly/3Gf75rX (scaricare in formato PDF)

Di seguito condividiamo l’editoriale dell’ultima edizione:

Editoriale

Con spari alla testa, più di 20 morti! L’ultimo governo nazionale di questo sistema comprovatamente crudele e ladrone, vuole silenziare le diverse azioni di protesta che sono cominciate il 7 dicembre.

A centinaia stanno detenendo, colpendo e criminalizzando con denunce que durano anni. Hanno attaccato centri di riunione e case di famiglia; hanno rovesciato pentole comuni e infiltrato poliziotti per creare caos e giustificare gli assassinii. Tutte strategie istituzionalizzate dalla dittatura Fujimontesinista e che oggi nel paese continuano ad essere al servizio del potere economico.

Il fatto è che sulla grande diversità di azioni autoconvocate in ogni paese o città c’è una unità molto chiara: la mobilitazione sociale in Perù è contro il potere economico che ha occupato lo stato. Per questo chiediamo la chiusura del congresso e l’inizio di un Governo provvisorio delle organizzazioni popolari oggi in lotta di resistenza contro il neofascismo, un governo che in Perù inizi un cambiamento profondo e reale.

In Perù, lo stato peruviano non esiste per l’ambulante perseguitato nel viale, né per il pescatore artigianale che non può pescare, né per il maestro obbligato ad insegnare un curriculum alienato e fuori contesto. Lo stato peruviano è un prosciugatore per il commerciante. Per una bambina incinta, per una donna picchiata è sempre un incubo crudele.

All’operaio, al professionista il governo come datore di lavoro non garantisce nulla, piuttosto lo sfrutta e lo sottomette affinché sia sovra sfruttato dalle compagnie capitaliste. A meno che, chiaramente, dopo molte umiliazioni sia posto di ruolo, stia zitto e obbedisca. Lo stato dei capitalisti, ne ha allevati migliaia nell’inefficienza grazie al nepotismo, sport nazionale. Con la stessa parola d’ordine di “stipendio sicuro”, da parte della polizia, l’istituzione creata per sottomettere il popolo, lo umilia fino a renderlo obbediente e se resiste, agli uomini in uniforme armati, addestrati ad assassinare, si ordina di dissanguarlo.

Il Perù non esiste nemmeno per l’allevatore che lamenta in aymara la morte delle sue pecore in ogni periodo di gelate, né per il contadino che supplica in quechua sostegno insieme per la piantagione di granturco, per il campo di patate rinsecchito.

Per i kukama nel Cuninico, per gli achuar e i wampis, per la gente nell’Espinar o nella valle di Tambo, lo stato peruviano è un truffatore con valigetta che quando si arrabbia tira fuori la pistola per uccidere. L’impresa petrolifera, del legname, la mineraria sono il mafioso con gli occhiali che non si sporca le mani poiché ogni governo si insedia per compiere il proprio ruolo di Sciacallo.

Ricordiamo che questi assassinii a sangue freddo, gli stati d’emergenza, la perdita di diritti, gli infiltrati, le perquisizioni avvengono da decenni senza pause nei territori occupati dalle imprese minerarie, petrolifere, agroindustriali, del legname, ecc.

Ma gli avvenimenti stanno svegliando il popolo. C’è un “finalmente, cazzo”, pieno di speranza che deve stare coprendo l’aria tra le montagne e le giungle e riempiendo i polmoni di coloro che lottano per vincere. Per trovare giustizia bisogna ricorrere alle corti internazionali, per difendere il bosco bisogna andare dagli organismi internazionali, per trattare con l’impresa bisogna parlare con la sede in Europa o in Canada, per operarsi bisogna aspettare l’ONG di medici stranieri, per educarsi nella diversità bisogna aspettare il progetto da fuori. L’attuale costituzione non ci garantisce il rispetto di nessun diritto fondamentale, il codice civile non concede la titolarità sui nostri territori e il codice penale ci condanna, sempre solo il popolo, mai i potenti.

Di fronte a qualsiasi conflitto i popoli indigeni ricorrono alla Convenzione 169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro. La legge nazionale non ci protegge, lo stato è un problema in più, in realtà, è il problema.

Ora che è stata gettata al suolo la speranza che ci ha portato questo “governo del popolo” -un’altra volta, amica, renditi conto- che procuratori, congressisti e grande stampa, non c’è dubbio, sono dei mercenari e sicari al servizio del potere economico. Ci tocca domandarci dove devono portarci le manifestazioni, dove la rabbia che non si sopporta più. Dove il dolore per i morti.

Abbiamo un esempio: il Cile. L’indignazione accumulata in decenni si è trasformata in una protesta di più di 3 mesi che è finita con un’assemblea costituente e una costituzione appena progressista, ma sempre più piena delle stesse cose, specialmente contro i Mapuche, che alla fine è stata rifiutata nelle urne. I media e il potere economico si sono dati da fare per dimostrare l’influenza della stampa e delle reti sociali. Hanno spaventato la gente, hanno tirato fuori il suo lato più conservatore e ha vinto il no. Bisognerebbe aggiungere, che il governo del popolo in Cile non ha mai smesso di inviare militari nei territori indigeni, sono continuati gli arresti e i massacri.

Indigeno significa quello che è di qui, quello che ha la sua origine qui, in questo luogo. Allora essere indigeno ha a che vedere soprattutto con un impegno con lo spazio e la convivenza condivisa. Si è indigeno nella misura in cui partecipiamo alla realtà materiale e sociale in cui abitiamo.

In questo senso Lucha Indígena fa appello a partecipare territorialmente, ad organizzarsi con coloro che condividono l’acqua, il cibo, l’aria, la convivenza. Non importa se questo territorio è un quartiere, una comunità, una valle, una fabbrica.

Non cerchiamo il successivo capo, il successivo rimpiazzo. Che questa degna rabbia che cresce e occupa le strade, ci muova a stabilire assemblee permanenti in ogni territorio, dove discutere una soluzione che ci coinvolga e ci appartenga, dove non regni il lamento e la petizione ma l’esaltazione della nostra forza, la certezza che sia possibile governarci da noi stessi, decidere delle nostre vite. Lì stanno i nostri bambini e bambine, ai quali appartiene la terra e a loro consegneremo, sì o sì, il mondo che possiamo costruire oggi

Governo Provvisorio Popolare! Autonomia Territoriale! Il tempo ci appartiene.

Fonte dell’immagine: Lucha Indígena.

23 dicembre 2022

Servindi

da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

Lucha indigenaPedro Castilloperùstato

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Gli Aymara mettono in guardia su una guerra civile se il governo inviasse altri militari nel Puno

Hanno avvertito che non lasceranno che i militari prendano il controllo dei loro paesi e hanno affermato che l’unica via d’uscita in questo caso sarebbe una “guerra civile”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: La giornata di proteste a Lima è stata segnata da una violenta repressione poliziesca

Assommano a 54 gli assassinati durante la repressione, ieri altri due. Decine di migliaia di persone sono giunte questo giovedì nella capitale del Perù e hanno realizzato “l’occupazione di Lima”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Migliaia di abitanti si dirigono in carovana a Lima per chiedere la rinuncia della Boluarte

La Marcia dei Quattro Suyios fa riferimento a quella che ebbe luogo nell’anno 2000, quando migliaia di persone protestarono a Lima contro la fraudolenta rielezione di Alberto Fujimori.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Matteo Messina Denaro o dei tempi andati

L’epilogo della trentennale latitanza di Matteo Messina Denaro svolge molte funzioni all’interno dell’epica contemporanea ed è a suo modo un altro dei segnali della ristrutturazione dei rapporti politici e sociali nel nostro paese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Perù in piazza dopo la destituzione di Pedro Castillo: dall’autogolpe del presidente al suo arresto, esplode la crisi di poteri

Negli ultimi dieci giorni di mobilitazioni in Perù, continua a crescere il numero dei morti a causa della repressione delle forze di polizia e militari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù ribelle: il popolo chiede che se ne vadano tutti

Dopo la destituzione e la carcerazione di Pedro Castillo, il passato 7 dicembre, il Perù è stato coinvolto in un aggravamento della crisi politica quasi permanente in cui da anni ha vissuto e in crescenti proteste cittadine nelle città e nelle regioni, che includono blocchi stradali e occupazioni di aeroporti e università, con una dura repressione che ha fatto almeno otto morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: colpo di stato fallito e trionfo dell’ultradestra

Giunse alla Casa di Pizarro portato da una potente mobilitazione andina. Gli esclusi del Perù credettero di vedere nel maestro rurale e dirigente sindacale, che fu protagonista di un lungo e di successo sciopero nel 2017, uno dei loro. Per il suo modo di parlare, per il suo sombrero e i suoi modi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: si è consumato un colpo di stato reazionario e Castillo ha le sue responsabilità

Questo mercoledì è stata una giornata particolarmente complicata in Perù. In poche ore l’estrema destra ha parzialmente compiuto la sua missione: rovesciare il governo di Pedro Castillo e aprire la strada a un nuovo scenario nella vita nazionale, in cui possa preservare i suoi privilegi e recuperare le sue posizioni di potere, in qualche modo messe in discussione dal regime stabilitosi dal 28 luglio dello scorso anno.