InfoAut
Immagine di copertina per il post

Perù: colpo di stato fallito e trionfo dell’ultradestra

Il breve governo di Pedro Castillo, un anno e quattro mesi, è terminato così male come la sua stessa e insensata gestione. Giunse alla Casa di Pizarro portato da una potente mobilitazione andina. Gli esclusi del Perù credettero di vedere nel maestro rurale e dirigente sindacale, che fu protagonista di un lungo e di successo sciopero nel 2017, uno dei loro. Per il suo modo di parlare, per il suo sombrero e i suoi modi.

di Raùl Zibechi

Ma soprattutto per la sua promessa di uscire dal modello neoliberale e di convocare un’Assemblea Costituente che avrebbe redatto una nuova Carta per sostituire quella ereditata dalla dittatura di Fujimori. Anche se iniziò il suo governo in alleanza con partiti di sinistra, giacché la sua forza elettorale (Perú Libre, definito come marxista-leninista) era in franca minoranza parlamentare, subito scoppiarono conflitti interni che portarono alla rottura.

Dopo ha fatto cambiamenti inesplicabili, nominando ministri corrotti e picchiatori, vari di loro processati per corruzione. Ha fatto patti oscuri, ha fatto marcia indietro in varie occasioni dopo aver preso decisioni apparentemente irrevocabili, al punto che in poco più di un anno di governo ha effettuato numerosi cambi ministeriali, nominando più di 80 ministri. Il suo governo è andato alla deriva, ha dilapidato il sostegno politico con cui era giunto al governo e, per la sua incompetenza, ha chiuso il Congresso ed è finito prigioniero nello stesso carcere dove alloggia Fujimori.

Il suo stile di governo ha dato spago all’ultradestra che in quattro occasioni ha cercato di abbatterlo nel Congresso, spazio che controlla dalle elezioni del 2021. Il parlamento presieduto dall’ex generale Williams Zapata, accusato di violazione dei diritti umani, conta secondo i sondaggi appena sull’8% di approvazione popolare.

L’ultradestra, che nelle urne si era schierata con Keiko Fujimori, ha ottenuto quello che si proponeva, ed è la grande vincitrice per lo meno a breve termine. Non ha mai accettato la presidenza di Castillo, si ostinava ad abbatterlo e probabilmente ci sarebbe riuscita nella votazione che si sarebbe effettuata lo stesso 7 dicembre per destituirlo per “permanente incapacità morale”, un figura eterea che si presta quasi a qualsiasi interpretazione.

Una cosa certa, è che il “suicidio politico” di Castillo, come lo valuta Rocío Silva Santisteban, difensora dei diritti umani ed ex congressista per il Fronte Amplio, è anche il peggiore corollario della sua erratica gestione. Riflette, in ogni caso, le enormi difficoltà che presenta la governabilità in un paese che sembra andare alla deriva.

In effetti, la successione di governi interrotti e di presidenti processati per corruzione rivela l’incapacità delle élite di governare il paese, dramma a cui si è aggiunto allegramente Castillo.

È certo, come riconosce la centrale sindacale CGTP in un comunicato del 7 dicembre, che “la costante instabilità politica, sociale ed economica in Perù ha radici nella illegittima Costituzione del 1993”. Ma la redazione di una nuova Costituzione non può risolvere questi problemi perché, come lo finisce di mostrare il Cile, prima dovrebbero essere sconfitte le forze neoliberali incrostate in tutte le istituzioni che dominano l’economia.

Il cammino dei popoli non sembra stare nelle screditate istituzioni statali, dato che Castillo è il sesto presidente processato per corruzione dal 2001. In questi giorni le ronde contadine e diverse organizzazioni popolari hanno cominciato mobilitazioni contro il Congresso e la nuova presidente, ma soprattutto contro il potere statale stravinto dall’ultradestra fujimorista.

Nell’Amazzonia peruviana, i popoli wampis e awajún hanno creato rispettivi Governi Territoriali Autonomi come modo di difendersi dall’estrattivismo e dalle mafie para-statali. Il primo data dal 2015, quando le 65 comunità del popolo wampis si riunirono in un’assemblea generale per auto-riconoscersi come governo. Il secondo nacque nel 2021, quando rappresentanti di 70 mila awajún proclamarono il loro proprio governo.

Questo altro cammino, quello delle autonomie di fatto, è in piena espansione perché è sempre più chiaro che incrostarsi nello stato non è quello che permette di sviluppare cambiamenti, ma la decisione dei popoli di prendere il destino nelle proprie mani.

8 dicembre 2022

Desinformémonos

da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

golpePedro Castilloperù

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Combattenti stranieri per Israele: mercenari o guardiani “dell’unica democrazia” del Medio Oriente?

Israele sta usando i combattenti stranieri nella sua Guerra Genocida contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’INTIFADA NON SI FERMA NEANCHE IN ESTATE

Assemblea nazionale al Festival Alta Felicità venerdì 26/07/2024 ore 18.00 dell’Intifada Studentesca

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La partenza dei coloni israeliani è aumentata del 150% dal 7 ottobre

I media israeliani evidenziano un notevole aumento di coloni israeliani che lasciano la Palestina occupata, con preoccupazioni per la sicurezza e l’incolumità che guidano questa “migrazione inversa”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mesopotamia: cos’è Hezbollah? Intervista a Fabio Merone

Grazie al contributo di Fabio Merone, ricercatore che si occupa di islam politico e, in generale, di politica nel mondo arabo, in questa puntata andiamo scopriamo il movimento sciita libanese Hezbollah (“Il partito di Dio”).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Regno Unito. L’analisi del voto e gli scenari di scontro possibile

Abbiamo chiesto a George, del collettivo politico e d’inchiesta militante Notes From Below, una panoramica sui risultati delle elezioni in UK e sulle conseguenze politiche per l’area britannica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Italia: l’aeronautica militare e la marina nell’Indo-Pacifico. Continua l’investimento nell’ambito bellico

L’Aeronautica Militare va nell’Indo-Pacifico con un consistente numero di aeromobili e personale per partecipare all’esercitazione Pitch Black 2024 in Australia, alla Rising Sun 24 in Giappone, nonché per addestrarsi insieme alla Marina Militare in mare aperto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tempo delle elezioni e tempo della rivolta.

Alla luce di alcuni momenti di mobilitazione degli ultimi giorni a cui abbiamo avuto occasione di partecipare, raccogliendo testimonianze e punti di vista, proviamo a tratteggiare qualche considerazione sull’attuale situazione in Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le “Dita” di Netanyahu a Gaza ricordano i passati fallimenti israeliani

Ciò che Netanyahu sta cercando di attuare a Gaza è una copia scadente delle strategie precedenti utilizzate da altri leader israeliani

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: il sessennio “si chiude con repressione, sangue e sequestro dei popoli da parte dello stato”

“Il sessennio di Andrés Manuel López Obrador si chiude con repressione, sangue e sequestro da parte dello stato dei popoli che difendono il proprio territorio ed esercitano i propri diritti all’autodeterminazione, alla protesta, alla libertà d’espressione e ad un ambiente sano”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kenya: le proteste della generazione Z contro il presidente Ruto si allargano alle classi popolari

Nuove manifestazioni ieri in Kenya, organizzate dalle associazioni per i diritti civili e dai giovani della Generazione Z. Lo slogan delle piazze è: “Ruto se ne deve andare”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Golpe istituzionale, sostegno francese, rivolta: cosa sta succedendo in Senegal?

Da molti mesi il Senegal è in preda a una grave crisi politica e sociale, culminata negli ultimi giorni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Senegal: rinviate le elezioni presidenziali. Le opposizioni chiamano alla piazza: “E’ un auto-golpe”

Africa. Tensione altissima in Senegal, dove il parlamento di Dakar ha rinviato le elezioni presidenziali, previste per il 25 febbraio, al prossimo 15 dicembre.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Narrazioni di guerra, necessità di mobilitazione.

Verso il 21 ottobre, data scelta come prima tappa di un processo che vede impegnate molte realtà nazionali, è importante dare spazio a differenti aspetti che riguardano ciò che viene definita “escalation bellica”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger: perché il tentato colpo di stato preoccupa l’Occidente

Alcuni militari della guardia presidenziale avrebbero infatti circondato il palazzo dell’attuale presidente Bazoum, bloccandone gli accessi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Lo strano “golpe” di Prigozhin. Arriva a 200km da Mosca e torna indietro

Un “golpe” piuttosto strano che lascia molte domande aperte.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Gli Aymara mettono in guardia su una guerra civile se il governo inviasse altri militari nel Puno

Hanno avvertito che non lasceranno che i militari prendano il controllo dei loro paesi e hanno affermato che l’unica via d’uscita in questo caso sarebbe una “guerra civile”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: La giornata di proteste a Lima è stata segnata da una violenta repressione poliziesca

Assommano a 54 gli assassinati durante la repressione, ieri altri due. Decine di migliaia di persone sono giunte questo giovedì nella capitale del Perù e hanno realizzato “l’occupazione di Lima”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I militari guardiani dell’estrattivismo in America Latina

Stanno uscendo nuovi dati che confermano il ruolo delle forze armate nell’assalto di domenica 8 gennaio al parlamento, al palazzo del governo e alla Suprema Corte di Giustizia a Brasilia. Non ci si sbilancia con il sospetto che gli assaltatori (terroristi secondo media e autorità) contarono sulla simpatia o un puntuale appoggio dei militari, ma loro sono stati gli organizzatori dell’evento.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Migliaia di abitanti si dirigono in carovana a Lima per chiedere la rinuncia della Boluarte

La Marcia dei Quattro Suyios fa riferimento a quella che ebbe luogo nell’anno 2000, quando migliaia di persone protestarono a Lima contro la fraudolenta rielezione di Alberto Fujimori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: tentato golpe bolsonarista, attaccati la sede del palazzo del Governo, del Congresso e della Corte Suprema

Questa domenica i simpatizzanti dell’ex presidente Jair Bolsonaro che non accettano il risultato elettorale hanno occupato con la forza tre edifici pubblici, cioè il Palazzo di Planalto, il Congresso Nazionale e la sede del Supremo Tribunale Federale, rompendo il blocco realizzato nella Spianata dei Ministeri a Brasília dalla Polizia Militare e dalla Forza di Sicurezza.