InfoAut
Immagine di copertina per il post

Perù: si è consumato un colpo di stato reazionario e Castillo ha le sue responsabilità

Traduciamo da Resumen Latinoamericano due interessanti articoli su quanto successo in Perù ieri… Buona lettura!

Questo mercoledì è stata una giornata particolarmente complicata in Perù. In poche ore l’estrema destra ha parzialmente compiuto la sua missione: rovesciare il governo di Pedro Castillo e aprire la strada a un nuovo scenario nella vita nazionale, in cui possa preservare i suoi privilegi e recuperare le sue posizioni di potere, in qualche modo messe in discussione dal regime stabilitosi dal 28 luglio dello scorso anno.

di Gustavo Espinoza Montesinos

Dopo alcune ore di tensione, Dina Boluarte, vicepresidente della Repubblica, si è insediata come Capo dello Stato, e ha lanciato un appello per “l’unità di tutti i peruviani”.

Questo risultato è stato in qualche modo inaspettato. Ed è precipitato perché Castillo stesso ha fatto quello che potrebbe essere chiamato un salto nel vuoto. Senza coordinamento con nessuno, senza cercare il sostegno delle organizzazioni sociali e di massa, senza il sostegno delle Forze Armate o di gruppi politici di posizioni progressiste e avanzate; ha deliberato di istituire un Governo di Emergenza che sciolga le altre Potenze dello Stato.

Ciò ha sorpreso la cittadinanza e il movimento popolare nel suo insieme, ed ha visto la reazione compatta dei settori più reazionari della vita nazionale.

Il Congresso della Repubblica, che doveva discutere oggi della vacanza della Presidenza della Repubblica, per il quale non poteva contare sugli 87 voti richiesti, ha visto facilitato il suo compito. Nel nuovo scenario, 101 membri del Congresso hanno aderito alla proposta di posto vacante, con solo 6 voti contrari e 9 astensioni.

C’era la possibilità che la reazione avrebbe spinto Dina Boluarte a dimettersi dalla sua posizione di vicepresidente, nel qual caso il potere sarebbe passato immediatamente al presidente del Congresso, l’ex generale José Williams Zapata. Questa pressione non c’è stata, e nel pomeriggio c’è stato il giuramento della prima donna che eserciterà la Presidenza della Repubblica.

Dina Boluarte ha formulato un appello all'”unità nazionale”, intesa come somma di tutte le forze politiche che agiscono nello scenario peruviano. Vedremo quale sarà la composizione del suo primo gabinetto ministeriale.

Per ora, l’ultradestra peruviana ha rivendicato la vittoria. È consapevole di essere riuscita a sbarazzarsi di un presidente che detestava e che voleva rovesciare fin dall’inizio della sua amministrazione. Non è riuscita, tuttavia, a imporsi pienamente. Sebbene Dina Boluarte non sia una “militante di sinistra”, non può essere equiparata a Jannine Añez, la boliviana che ha sostituito Evo Morales a La Paz.

Non è prevedibile, tuttavia, che seguirà il corso di Castillo, né che si impegnerà in alcuna battaglia popolare. Cercherà di “rimanere sull’onda” fino al 2026 cercando di non farsi divorare dalla mafia in agguato.

Da questo accumulo di circostanze, si possono dedurre alcune lezioni. Vediamole:

Castillo ha rappresentato un governo popolare, democratico e progressista. Non poteva certo essere considerato di sinistra, rivoluzionario o socialista. Non era essenziale che la sinistra lo sostenesse in termini di adesione personale, ma che lo aiutasse nella sua gestione per la realizzazione del suo Programma di Unità, sottoscritto da tutte le forze del movimento popolare, che gli ha dato la vittoria nel giugno 2021.

Ha guidato un governo debole, precario e in gran parte incoerente. In verità, non è riuscito a governare perché fin dal primo giorno è stato vessato da un’intensa campagna di odio scatenata contro di lui dai nuclei oligarchici tradizionali. Non ha mai avuto la vera collaborazione della sinistra – che ha cercato molto poco – e si è circondato di un gruppo molto discutibile di “consiglieri” che alla fine sono diventati evidenti per la loro inettitudine e corruzione. Con le loro azioni, è stato gravemente compromesso.

Casualmente, Castillo ha reagito tardivamente alla campagna nemica. In tal modo, ha optato per la via del “rapporto diretto” tra sé e le popolazioni dell’interno del paese, ignorando i legami naturali creati dallo stesso movimento popolare. Inoltre, i suoi “collaboratori” agivano al di fuori delle masse perché non provenivano nemmeno dalle viscere del popolo.

Ecco perché non poteva rendersi conto della situazione reale, né percepire il suo isolamento politico. Pensava che affidandosi a persone che potevano “spaventare” i suoi nemici, avrebbe potuto neutralizzarli, e ciò non è accaduto.

In questo modo è stato confermato che non è possibile condurre un processo di cambiamento senza forgiare l’unità del movimento popolare, senza organizzare le masse o politicizzarle. Nessuno dei due, voltando le spalle alle loro lotte.

Il futuro del paese è a rischio. All’interno ci saranno senza dubbio mobilitazioni a sostegno del presidente deposto. La paura di loro è stata ciò che ha indotto la reazione a non assumere direttamente il potere, ma ad accettare Dina Boluarte come “mediatrice”, ma non ha un Partito, né una forza organizzata a sostenerla. È prevedibile che registrerà maggiori difficoltà anche di Castillo nella prospettiva.

Dalla nuova amministrazione, è prevedibile che si registreranno cambiamenti negativi. I media ̧ che hanno chiesto a gran voce di essere sull’orlo della bancarotta non ricevendo sussidi dallo Stato, otterranno succosi risarcimenti. E questo accadrà anche con gli imprenditori, ma entrambi non cambieranno il loro atteggiamento. Continueranno nella loro lotta contro il popolo, in modo che siano previste maggiori difficoltà nella prospettiva.

Anche in termini di politica estera, questo si farà sentire. Un “raffreddamento” dei legami con alcuni paesi fratelli è prevedibile, in particolare Messico, Venezuela, Nicaragua o anche Cuba; Perché l’estrema destra continuerà la sua campagna contro di loro.

In altre parole, la battaglia dei peruviani sarà più dura e più difficile, ma dovrà essere affrontata.

Pedro Castillo, cronaca di una caduta annunciata

Molestato da una destra che ha sempre cercato di cacciarlo e indebolito dalle carenze del suo governo, il presidente ha annunciato una decisione incostituzionale, che ha accelerato la sua partenza.

Di Carlos Noriega

Il presidente Pedro Castillo ha preso a calci la scacchiera della democrazia, ma la scommessa è fallita ed è stato licenziato e imprigionato. Lo ha fatto quando è stato molestato da una destra che ha cercato di rimuoverlo e indebolito dalle carenze del suo governo e dalle accuse di corruzione contro di lui. È stato sostituito dalla vicepresidente Dina Boluarte, che diventa la prima donna ad assumere la presidenza nella storia del paese. Boluarte ha chiesto una tregua e ha annunciato un governo di unità nazionale con la partecipazione di “tutte le forze politiche”. Pochi minuti prima del suo giuramento, il Congresso aveva licenziato Castillo con 101 voti a favore, solo 6 contrari e 10 astensioni, per aver tentato la chiusura incostituzionale del Congresso, che è stata descritta come un tentativo di colpo di stato. Mentre Boluarte prestava giuramento al Congresso come presidente, Castillo è stato detenuto in una stazione di polizia. Ci sono state manifestazioni, non molto partecipate, pro e contro Castillo. Ci sono stati scontri tra i due gruppi. I manifestanti hanno chiesto al Congresso e al neo presidente giurato di andarsene e di indire elezioni generali anticipate.

La crisi terminale per il governo Castillo è scoppiata dopo che in un messaggio a sorpresa al paese dato in televisione a mezzogiorno di mercoledì, il presidente ha annunciato la chiusura incostituzionale del CongressoLo ha fatto tre ore prima dell’inizio della sessione parlamentare in cui doveva essere discussa e votata una mozione per licenziarlo per “incapacità morale permanente” per le accuse di corruzione su cui sono in corso delle indagini. Con lo scioglimento del Congresso, Castillo ha anche annunciato l’inizio di un “governo di emergenza eccezionale”, ha dichiarato in “riorganizzazione” il ramo giudiziario e l’ufficio del procuratore generale che stanno indagando su di lui e ha annunciato la convocazione di un’Assemblea costituente entro nove mesi. Ha detto che fino a quando l’Assemblea Costituente non sarà insediata governerà per decreto legge. In quello che sarebbe stato il suo ultimo messaggio da presidente, ha decretato un coprifuoco a partire da questo mercoledì dalle dieci di sera, che non è stato applicato perché il presidente è caduto ben prima di quell’ora e il presidente Boluarte lo ha lasciato senza effetto.

Castillo era notoriamente nervoso mentre leggeva il breve messaggio in cui annunciava il suo colpo di stato sventato. Ha parlato per poco più di cinque minuti. Le carte che aveva agitato con il tremito delle mani. Nell’annunciare la chiusura del Congresso, ha ricordato i ripetuti tentativi della maggioranza parlamentare di destra di licenziarlo e ha assicurato che è accusato di crimini senza prove. Ha accusato l’opposizione di destra di cercare di stabilire una “dittatura parlamentare”.

Quando Castillo ha dato il suo messaggio, c’era una grande incertezza sul fatto che l’opposizione avrebbe ottenuto gli 87 voti, due terzi del Congresso, necessari per rimuoverlo lo stesso giorno per “incapacità morale”. All’epoca, un ex funzionario del suo governo stava testimoniando davanti alla Commissione parlamentare di supervisione che aveva ricevuto pagamenti di tangenti e aveva dato parte di quel denaro a Castillo. Come altre accuse contro l’allora presidente, è la testimonianza di un imputato per corruzione che è in prigione e che con quella testimonianza cerca benefici giudiziari, come ottenere la sua libertà. Apparentemente, i calcoli di Castillo lo hanno portato a supporre che dopo quella testimonianza la destra che voleva rimuoverlo avrebbe raggiunto i voti per farlo, e ha deciso di lanciarsi per chiudere il Congresso. Tuttavia, le stime circolate all’epoca su come si sarebbe svolta la votazione non erano chiare su quale potesse essere il risultato. All’epoca nulla era certo. La sera prima, in un altro messaggio al paese, Castillo aveva assicurato che rispettava la democrazia e che sarebbe andato in Parlamento per affrontare il processo di impeachment contro di lui.

La decisione di Castillo è andata molto male. Il suo è stato un suicidio politico televisivo. Il “governo di emergenza eccezionale” non durò a lungo. Tre ore dopo quel tentativo di chiudere incostituzionalmente il Congresso – il presidente può chiudere il Congresso ma solo se il Congresso prima nega due voti di fiducia all’esecutivo, cosa che non era avvenuta – Castillo è stato licenziato e imprigionato. Mentre il Congresso stava mettendo ai voti il suo impeachment e il risultato era palese, Castillo ha lasciato il Palazzo del Governo. Circolavano voci che stava andando all’ambasciata messicana per chiedere asilo, ma è stato arrestato e portato in una stazione di polizia. La sua sconfitta è consumata. È in attesa di un procedimento penale per aver tentato di compiere un colpo di Stato, un crimine che comporta una pena compresa tra 10 e 20 anni. Il governo messicano gli ha offerto asilo.

Solitario final

È inspiegabile come Castillo si sia affrettato ad annunciare la chiusura del Congresso senza avere il supporto per sostenere una tale decisione. È stato lasciato solo subito dopo aver fatto questo annuncio. I suoi ministri hanno iniziato a dimettersi uno dopo l’altro denunciando il loro rifiuto di quello che hanno descritto come un colpo di Stato. Non sono stati consultati prima che Castillo decidesse di chiudere il Congresso. Tutte le istituzioni hanno respinto il tentativo di colpo di Stato lanciato dall’esecutivo. Per poco più di un’ora c’è stata incertezza sulla posizione che avrebbero assunto i militari, se avrebbero appoggiato Castillo nella chiusura del Congresso o si sarebbero opposti a una misura incostituzionale. L’incertezza è stata dissipata quando i militari hanno annunciato che non avrebbero obbedito alla decisione di Castillo di chiudere il Congresso. La sconfitta del presidente in carica si è consumata.

Dopo la caduta di Castillo, Dina Boluarte ha assunto la presidenza. Lo ha fatto davanti al Congresso. “Come tutti sappiamo, c’è stato un tentativo di colpo di Stato”, Boluarte ha iniziato il suo primo messaggio da presidente subito dopo aver prestato giuramento. In precedenza aveva preso le distanze dal tentativo di Castillo di chiudere il Parlamento in un messaggio su Twitter. Boluarte si è congratulata con il fatto che “tutte le istituzioni” hanno respinto la decisione di Castillo. “Assumo la posizione di presidente costituzionale essendo consapevole dell’enorme responsabilità che ricade su di me. La mia prima invocazione è di convocare la più ampia unità di tutti i peruviani. Sta a noi parlare, dialogare, concordare, qualcosa di tanto semplice quanto impraticabile negli ultimi mesi. Chiedo un ampio processo di dialogo tra tutte le forze politiche rappresentate o meno al Congresso”, ha detto Boluarte in quel primo messaggio da presidente. “Chiedo una tregua politica per installare un governo di unità nazionale”, ha chiesto senza sosta ai legislatori che hanno molestato il governo Castillo. “Chiedo”, ha aggiunto, “una scadenza, un tempo prezioso, per salvare il nostro paese dalla corruzione e dal malgoverno”. Resta da vedere se la destra che dal Congresso ha scommesso sulla destabilizzazione e sul colpo di stato contro Castillo è disposta a dargli quella tregua.

Il nuovo presidente ha annunciato “un gabinetto di tutti i sangue in cui sono rappresentate tutte le forze democratiche”. Boluarte, 60 anni, era poco conosciuta nell’ambiente politico fino a quando non è diventata vicepresidente mano nella mano con Castillo. È stata membro di Free Peru (PL), il partito che ha portato Castillo al governo, ma pochi mesi fa è stata espulsa. Assume la presidenza senza avere un partito che la sostenga, senza un suo banco, confrontandosi con PL che era il suo partito e con una destra parlamentare che si è già dimostrata disposta a tutto pur di difendere i suoi interessi subalterni. È complicato.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

golpePedro Castilloperù

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Golpe istituzionale, sostegno francese, rivolta: cosa sta succedendo in Senegal?

Da molti mesi il Senegal è in preda a una grave crisi politica e sociale, culminata negli ultimi giorni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Senegal: rinviate le elezioni presidenziali. Le opposizioni chiamano alla piazza: “E’ un auto-golpe”

Africa. Tensione altissima in Senegal, dove il parlamento di Dakar ha rinviato le elezioni presidenziali, previste per il 25 febbraio, al prossimo 15 dicembre.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Narrazioni di guerra, necessità di mobilitazione.

Verso il 21 ottobre, data scelta come prima tappa di un processo che vede impegnate molte realtà nazionali, è importante dare spazio a differenti aspetti che riguardano ciò che viene definita “escalation bellica”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger: perché il tentato colpo di stato preoccupa l’Occidente

Alcuni militari della guardia presidenziale avrebbero infatti circondato il palazzo dell’attuale presidente Bazoum, bloccandone gli accessi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Lo strano “golpe” di Prigozhin. Arriva a 200km da Mosca e torna indietro

Un “golpe” piuttosto strano che lascia molte domande aperte.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Gli Aymara mettono in guardia su una guerra civile se il governo inviasse altri militari nel Puno

Hanno avvertito che non lasceranno che i militari prendano il controllo dei loro paesi e hanno affermato che l’unica via d’uscita in questo caso sarebbe una “guerra civile”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: La giornata di proteste a Lima è stata segnata da una violenta repressione poliziesca

Assommano a 54 gli assassinati durante la repressione, ieri altri due. Decine di migliaia di persone sono giunte questo giovedì nella capitale del Perù e hanno realizzato “l’occupazione di Lima”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I militari guardiani dell’estrattivismo in America Latina

Stanno uscendo nuovi dati che confermano il ruolo delle forze armate nell’assalto di domenica 8 gennaio al parlamento, al palazzo del governo e alla Suprema Corte di Giustizia a Brasilia. Non ci si sbilancia con il sospetto che gli assaltatori (terroristi secondo media e autorità) contarono sulla simpatia o un puntuale appoggio dei militari, ma loro sono stati gli organizzatori dell’evento.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Migliaia di abitanti si dirigono in carovana a Lima per chiedere la rinuncia della Boluarte

La Marcia dei Quattro Suyios fa riferimento a quella che ebbe luogo nell’anno 2000, quando migliaia di persone protestarono a Lima contro la fraudolenta rielezione di Alberto Fujimori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: tentato golpe bolsonarista, attaccati la sede del palazzo del Governo, del Congresso e della Corte Suprema

Questa domenica i simpatizzanti dell’ex presidente Jair Bolsonaro che non accettano il risultato elettorale hanno occupato con la forza tre edifici pubblici, cioè il Palazzo di Planalto, il Congresso Nazionale e la sede del Supremo Tribunale Federale, rompendo il blocco realizzato nella Spianata dei Ministeri a Brasília dalla Polizia Militare e dalla Forza di Sicurezza.