InfoAut
Immagine di copertina per il post

Zınar Bozkurt minacciato di espulsione inizia lo sciopero della fame in Svezia

||||

Zınar Bozkurt (26), un rifugiato curdo minacciato di espulsione, ha iniziato uno sciopero della fame dopo che le autorità svedesi hanno deciso che non ha bisogno di protezione e che deve essere rimpatriato in Turchia. Zınar Bozkurt, un curdo che vive in Svezia da otto anni, in attesa dell’espulsione in Turchia dopo essere stato arrestato dai servizi di sicurezza svedesi, ha iniziato uno sciopero della fame, lo ha riferito Sverigesradio.

Da Rete Kurdistan

Zınar Bozkurt stava lavorando con il Partito democratico dei popoli (HDP) mentre viveva ancora in Turchia. Durante quel periodo, alcuni dei suoi amici di partito furono imprigionati. Lui stesso è emigrato in Svezia dove ha presentato domanda di asilo nel 2016, ha ricevuto permesso di soggiorno e di lavoro e si è stabilito lì, per vivere e lavorare da otto anni.

Il 19 agosto, il rifugiato curdo è stato arrestato dal Servizio di sicurezza svedese (SÄPO) perché le autorità avevano deciso che non aveva bisogno di protezione. Il giovane ha iniziato uno sciopero della fame, chiedendo di poter rimanere in Svezia.

Alcune agenzie di stampa hanno riferito che questo sviluppo è una risposta al processo che la Svezia ha dovuto affrontare nella sua domanda di adesione alla NATO. Tuttavia, Sverigesradio ha riferito che tali detenzioni erano iniziate prima del processo di adesione della Svezia alla NATO, citando l’avvocato Miran Kakaee.

Sverigesradio ha anche riferito che SÄPO ha contattato e parlato con molti curdi in Svezia, per valutare se rappresentino o meno un pericolo per la sicurezza svedese. Anche i fascicoli di Bozkurt presso il Dipartimento dell’immigrazione contengono una tale valutazione, affermando che Bozkurt è un pericolo per la sicurezza della Svezia. Nella decisione di rigetto della sua domanda di asilo, l’Ufficio per l’immigrazione ha affermato che non aveva bisogno di protezione e che il suo permesso di soggiorno in Svezia doveva essere annullato.

Beşir Kavak di Sverigesradio ha affermato che Bozkurt ha iniziato il suo sciopero della fame dopo che queste decisioni sono state prese e che da allora ha assunto solo acqua con zucchero.

In risposta allo sciopero della fame, gli attivisti che ritengono che Bozkurt sia stato sottoposto a tortura hanno protestato contro la sua detenzione e hanno chiesto alle autorità di rilasciarlo.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva inizialmente minacciato di porre il veto all’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO, ma in seguito ha ritirato il veto, in cambio dell’inasprimento della legislazione antiterrorismo e dell’estradizione dei rifugiati politici da parte dei due paesi nordici.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

erdogannatoRIFUGIATI CURDIsveziaturchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Autonomie nel Wall Mapu: territori in resistenza

Un mare di pini verdi tappezza la vasta superficie ondulata, dalle profonde valli fino alle altissime cime. Quando la distanza si tramuta in vicinanza, quando ci addentriamo nelle eterogenee piantagioni, il silenzio e la monotonia trasformano quel mare in un deserto disabitato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Turchia finanzia la produzione di elicotteri-droni con know-how italiano

Il regime turco di Recep Tayyp Erdogan finanzierà la produzione di droni-elicotteri e droni-kamikaze per il mercato nazionale e l’esportazione, decisione che non potrà non essere accolta con favore anche in Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Congresso nazionale del Kurdistan: la Turchia colpevole di crimini di guerra

Riprendiamo la dichiarazione del KCK (Congresso Nazionale del Kurdistan) che invita alla mobilitazione contro i crimini di guerra dello stato turco.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

NOMUOS: resoconto dalla tre giorni di lotta

Dal 5 al 7 agosto si è tenuto il campeggio di lotta NO MUOS al presidio di Niscemi, alle porte della base militare statunitense. Da tutta la Sicilia e dal resto dell’Italia, si è partecipato per condividere esperienze e riflessioni rispetto alle lotte portate avanti nei propri territori contro i piani di devastazione e di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un appello dal Rojava sotto attacco

Riprendiamo di seguito l’appello di due compagn* attualmente presenti in Siria del Nord-Est sulla ripresa dell’offensiva turca nei confronti della Rivoluzione Confederale.   VIDEOAPPELLO DALLA SIRIA DEL NORD-EST PER I DIECI ANNI DELLA RIVOLUZIONE DEL ROJAVA E CONTRO LA GUERRA DELLA TURCHIA Ciao a tutte, tuttx, tutti. Attualmente mi trovo nel territorio dell’Amministrazione democratica della […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Per la libertà di Sibel Balac e Ģökhan Yildrim

Riprendiamo e rilanciamo l’appello del “Coordinamento per la Libertà degli Attivisti Turchi”, in solidarietà con i prigionieri nelle carceri di Erdogan in sciopero della fame da dicembre 2021. Dopo il sit-in tenutosi a Martano (Lecce) mercoledì 29 giugno scorso, e in previsione della SERATA SOLIDALE programmata per giovedì 7 luglio a LECCE, presso Tagghiate Urban […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

MADRID: NELLE STRADE MOBILITAZIONI CONTRO IL VERTICE NATO. NEI PALAZZI ATTESO L’INCONTRO TRA TURCHIA, SVEZIA E FINLANDIA

A Madrid inizia domani (martedì 28 giugno) il vertice Nato. Le manifestazioni nella capitale iberica sono già iniziate. Ieri migliaia di persone hanno marciato per chiedere lo scioglimento dell’Alleanza atlantica e la pace in Ucraina. Movimenti sociali, gruppi anticapitalisti, organizzazioni femministe ed ecologiste come Extinction Rebellion e i Fridays for Future hanno manifestato insieme scortati […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Commissionati dalla Turchia elicotteri alla Leonardo: serviranno ad addestrarsi per annientare i curdi

I piloti turchi si addestreranno alle prossime guerre in Kurdistan con gli elicotteri “leggeri” di AgustaWestland, società controllata dall’holding Leonardo SpA. Secondo quanto rivelato da Defencenews, il ministero della difesa della Turchia ha scelto gli elicotteri AW119T (versione ammodernata degli AW119M prodotti dal maggior gruppo del comparto militare-industriale italiano) per l’addestramento del personale in forza […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le manovre di Erdogan per ritagliarsi un ruolo di rilievo internazionale

Contestualmente alla guerra in corso in Ucraina, la Turchia di Erdogan lavora per ritagliarsi un ruolo da protagonista della diplomazia. Manovre di soft power volte al ripulire l’immagine e, nel frattempo, ricattare quei paesi accusati di essere “culla” del PKK, colpevoli di dare rifugio a persone curde costrette a scappare. Delle manovre di Erdogan, della […]